ForumSalute

BENESSERE DELLA VISTA: LA FOTOFOBIA

BENESSERE DELLA VISTA: LA FOTOFOBIA

21-08-2017 - scritto da Paola P.

La fotofobia può essere un sintomo del tutto benigno, legato a caratteri e situazioni particolari, o il segno di disturbi oculari, anche gravi, che possono compromettere la vista.

Fai una visita oculistica se la fotofobia è accompagnata da altri sintomi.

BENESSERE DELLA VISTA: LA FOTOFOBIA

Viene definita fotofobia l’insofferenza alla luce, sia solare che artificiale. Sperimentare questa sensazione di sensibilità eccessiva alla luce è normale, ad esempio dopo che siamo stati per lungo tempo al buio, perché l’occhio deve riabituarsi alla luce. La fotofobia può essere indotta da sostanze, come accade durante le visite oculistiche quando viene somministrata l’atropina, una sostanza che inibisce la contrazione della pupilla in presenza di luce per permettere all’oculista di osservare la salute dell’occhio. Quando, però, all’improvviso non tolleriamo più nessun tipo di luce, nemmeno quella debole di candele e lampadine, tanto da dover “strizzare” gli occhi per l’impossibilità di tenerli aperti, siamo in presenza di un sintomo di sofferenza da non sottovalutare.

I FATTORI CHE PREDISPONGONO ALLA FOTOFOBIA

  • Avere gli occhi chiari. Sono per natura più delicati e sensibili alla luce di quelli scuri
  • Essere albini. Gli occhi delle persone affette da albinismo sono prive di melatonina, la sostanza pigmentata che colora la pelle e l’iride degli occhi, per tale ragione sono incredibilmente vulnerabili e intolleranti ai raggi ultravioletti del sole
  • Fare uso di lenti a contatto. Chi porta abitualmente le lenti a contatto soffre più di frequente della sindrome dell’occhio secco. Un occhio poco lubrificato è più sensibile anche alla luce e questa è una delle ragioni per cui soffre più facilmente anche di fotofobia. Inoltre, lenti inadatte o mal conservate contribuiscono ad irritare l’occhio e a provocare altre reazioni avverse oltre alla fotofobia, come la sensazione di avere un corpo estraneo
  • Fare lavori che stancano gli occhi o passare ore davanti al monitor di un computer
  • Assumere farmaci. Non c’è solo l’atropina a provocare la fotofobia, ma esistono altri colliri oftalmici a base di scopolamina, chinino e alcuni antibiotici tra cui le tetracicline che possono indurre la midriasi, ovvero la dilazione della pupilla che rende insopportabile la luce forte
  • Assumere droghe, come ad esempio anfetamine o cocaina
  • Aver subito traumi oculari, basta anche un graffio, o essere stati esposti a sostanze irritanti

Per capire se la fotofobia sia sintomo di un disturbo oculare vero e proprio, bisogna verificare la presenza contemporanea di altri sintomi, tra cui:

  • Arrossamento dell’occhio
  • Offuscamento della vista
  • Lacrimazione abbondante
  • Dolore o bruciore all’occhio
  • Prurito e tumefazione della palpebra

PERCHÉ LA FOTOFOBIA NON È DA SOTTOVALUTARE

La presenza di sintomi così diversi può avvertirci che il nostro occhio, o entrambi, hanno qualche problema ed è meglio fare una visita oculistica: potremmo aver contratto una brutta infezione all’occhio come una cheratite, un’ulcera corneale, una congiuntivite virale, batterica o allergica, una irite o uveite, o potrebbero esserci dei problemi alla palpebra come l’orzaiolo o il calazio. Altre malattie oculari che hanno tra i sintomi anche la fotofobia sono il glaucoma, la neurite ottica e la cataratta. Attenzione massima se l’avversione alla luce si accompagna a lampi luminosi improvvisi e alla visione di corpuscoli scuri che disturbano la vista, o addirittura se avvertiamo un’ombra che offusca le immagini. Se ciò dovesse verificarsi non c’è tempo da perdere, ci si deve recare subito al pronto soccorso o almeno dall’oculista, perché potrebbe trattarsi di un distacco della retina.

Ma la fotofobia non è solo un sintono che deriva principalmente da un disturbo oculare. La fotofobia, infatti, è un sintomo comune e secondario di altre patologie, una tra tutte l’emicrania, o di infezioni virali come l’influenza o la mononucleosi.  Anche alcune malattie neurologiche si annunciano con disturbi agli occhi e fotofobia, come la meningite, l’encefalite e i tumori al cervello. Siete già in allarme? Non è il caso, infatti la sola presenza di fotofobia non può essere il segno di una malattia grave. A volte basta anche una carenza nutrizionale, soprattutto di vitamina B12 o di magnesio, per creare disturbi di varia natura tra cui la fotofobia.

COME SI CURA LA FOTOFOBIA?

Facile: difendendo gli occhi dalla fonte luminosa, spegnendo le luci e chiudendo imposte o tapparelle se siamo all’interno o indossando occhiali scuri ben schermati se siamo all’esterno. Contro la fotofobia sono particolarmente efficaci le lenti polarizzate che proteggono dalle luci riflesse o gli occhiali fotocromatici che si scuriscono quando aumenta l’intensità luminosa. Detto questo, è chiaro che la fotofobia, essendo solo un sintomo, si risolve nel momento in cui risolviamo la causa che lo produce. Per questo è necessario rivolgersi al medico e valutare il problema caso per caso.

L’eccessiva esposizione ai raggi ultravioletti del sole, in assenza di adeguata protezione, è dannosa per gli occhi quanto lo è per la pelle. I raggi ultravioletti, infatti, sono uno dei fattori responsabili della produzione di radicali liberi, molecole nocive per la salute degli occhi e dell’organismo in generale che accelerano il normale processo di invecchiamento delle cellule e aumentano il rischio di patologie oculari come cataratta, glaucoma e degenerazione maculare legata all’età. Difenditi subito con occhiali protettivi e scopri con Occhioallostress cosa puoi fare ancora per proteggere il benessere dei tuoi occhi!

 

Leggi anche:




A cura di Paola P.
ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+



Articoli che potrebbero interessarti

VISTA E SPORT: TUTTI I BENEFICI SENZA CORRERE RISCHI

VISTA E SPORT: TUTTI I BENEFICI SENZA CORRERE RISCHI

Sono tanti i dubbi che assalgono uno sportivo appassionato nel momento in cui scopre di avere qualche difetto visivo da correggere con l’uso di lenti. Durante l’età della crescita, poi, quando in genere si comincia a...

07/09/2017 - scritto da Paola P.

COM’È VEDERE IL MONDO CON GLI OCCHI DI UN BAMBINO?

COM’È VEDERE IL MONDO CON GLI OCCHI DI UN BAMBINO?

Il bambino inizia a usare gli occhi come “finestre” verso il mondo esterno, quel posto nuovo e straordinario tutto da scoprire, solo dopo la nascita. Ma prima che ciò accada, non cresce del tutto al buio. Durante la sua...

07/09/2017 - scritto da Paola P.

MINERALI E BENESSERE DELLA VISTA

MINERALI E BENESSERE DELLA VISTA

LO ZINCO RIPARA LE CELLULE Lo zinco è il minerale più diffuso nel corpo umano dopo il ferro e si trova in ogni cellula dell’organismo dove svolge diverse funzioni: è indispensabile per la sintesi di molti...

07/09/2017 - scritto da Paola P.

Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Credits

CHIUDI
POTREBBERO INTERESSARTI
CISTITE: LE REGOLE PER UN SESSO SICURO

Bruciore intimo, irritazione e stimolo frequente a fare pipì possono mettere in pericolo l'intimità e la sessualità di coppia. Ritrova il piacere e la passione... così!
Ecco i rimedi.
VUOI DIMAGRIRE? ECCO IL SEGRETO

A tavola è difficile resistere alle tentazioni. Scegliendo i cibi giusti, però, perdere peso è più facile. Ecco gli alimenti meno ricchi di calorie ma che ti fanno un gran bene!
Scopri il menu.

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X