ForumSalute

Cistite e Omeopatia

Cistite e Omeopatia

30-06-2010 - scritto da mariapiera74

Come può l'omeopatia essere d'aiuto nella cura della cistite?

I consigli omeopatici da seguire. Il fai da te in omeopatia è assolutamente da evitare. Per qualsiasi problema è bene rivolgersi sempre al proprio omeopata di fiducia.

A cura della dott.ssa Mariapiera Miele
Medico Chirurgo
Omeopata
Iscritta al Registro Nazionale Medici Omeopati
Socio Ordinario FIAMO

Omeopatia Miele - Napoli, Roma, Benevento, Bambini, Sterilità, Vaccinazione, Allergia, Ansia, Omeopata
info@omeopatiamiele.it

La dott.ssa Mariapiera Miele riceve nelle città di Napoli, Roma, Viareggio e Benevento

CHE COS'E' LA CISTITE

La CISTITE è un'infezione acuta o cronica della vescica. I microrganismi, nella maggior parte dei casi arrivano in vescica per via ascendente, provenendo dall'uretra o dai genitali esterni. Più raramente l'infezione può provenire dal rene o insorgere per diffusione dagli organi vicini (appendice, colon, ecc.). La cisitte è più frequente nel sesso femminile per la maggior brevità dell'iuretra e la frequenza di infezioni vulvovaginali. La vescica ha una notevole resistenza alle infezioni, quindi molto spesso la cistite si manifesta per la presenzza di condizioni predisponenti, quali ristagno di urina nella vescica, corpi estranei (calcoli), diverticoli, diabete. La cistite acuta si manifesta con disturbi quali eccessiva frequenza dello stimolo ad urinare, dolore alla parte bassa del ventre, bruciore e/o tensione vescicale, febbre e malessere generale. Nelle urine può essere presente pus (piuria), e in alcuni casi sangue. La cistite cronica, invece, è molto spesso l'esito di una forma acuta trascurata o non curata adeguatamente. La vescica, nelle forme croniche, può essere ulcerata o indurita e inestensibile, oppure possono formarsi delle escrescenze al suo interno (cistite granulosa, polipoide, follicolare, cistica).

CISTITE E OMEOPATIA

La medicina omeopatica è una scienza rivolta a curare l'uomo e non la malattia. Quindi, anche nel caso della cisite come di qualsiasi altra patologia, il paziente parlerà con l'omeopata di tutti quei sintomi che per la medicina tradizionale hanno il nome di cistite, per la medicina omeopatica hanno invece il nome di un rimedio omeopatico. Cosa vuol dire? Significa che il paziente discuterà con il proprio medico omeopata di tutti i disturbi a carico dell'apparato urinario (se è questo il motivo della visita), modalizzando, cioè cercando di spiegare in quali circostanze questi sintomi migliorano o peggiorano. Potrà dire ad esempio che il bruciore si manifesta solo durante la minzione, che si associano fitte pungenti in uretra e che deve aspettare molto prima di riuscire ad emettere anche poche gocce di urina. L'omeopata studierà questi sintomi, continuerà la visita parlando anche di eventuali altri disturbi che affligono il paziente, analizzerà il quadro mentale di quella persona, ed alla fine prescriverà un rimedio adatto solo ed esclusivamente a quel paziente. Sarà un rimedio che coprirà i sintomi della cistite e tutte le altre caratteristiche fisiche e mentali di quel soggetto.

PRINCIPALI RIMEDI OMEOPATICI UTILIZZATI IN CASO DI CISTITE ACUTA

CANTHARIS: dolori tagienti e brucianti nella vescica prima, durante e dopo la minzione, con stimolo ad urinare frequente e urgente, anche ogni 5 minuti, ed emisione di poche gocce di urina, talvolta miste a sangue. Sensazione di non riuscire a svuotare completamente la vescica.. I sintomi migliorano con il caldo, di notte e di mattina. I sontomi peggiorano con il movimento, con il caffè o l'acqua fredda e di pomeriggio.

NUX VOMICA: dolore bruciante prima di urinare, con emissione di piccole quantità di urina, nonostante gli stimoli frequenti. Il paziente avverte una sensazione di freddo e si associa una grande irritabilità e un desiderio di tranquillità e solitudine. I sintomi migliorano con il caldo, dormendo, lavandosi, di sera e con una pressione sulla vescica. I sintomi peggiorano con il clima freddo e ventoso, con il rumore, mangiando cibi speziati.

STAPHYSAGRIA: costante dolore bruciante nell'uretra che migliora solo urinando. Sensazione di una goccia di urina che cola costantemente dall'uretra. Spesso l'infiammazione insorge dopo interventi chirurgici, traumi (compreso il rapporto sessuale) o un parto difficoltoso. Possono associarsi sensazioni mentali quali collera e risentimento. I sintomi migliorano con il caldo e con una notte di riposo. I sintomi peggiorano con una pressione sulla vescica e con una assunzione insufficiente di liquidi.


Questi sono solo alcuni dei rimedi utili in caso di sintomatologia riconducibile a cistite. Il fai da te in omeopatia è assolutamente da evitare. Per qualsiasi problema è bene rivolgersi sempre al proprio omeopata di fiducia.

Profilo del medico - mariapiera74

Nome:
MARIAPIERA MIELE
Comune:
Napoli
Telefono:
3318002774
Professione:
Medico specialista attività privata
Occupazione:
Medico Omeopata
Specializzazione:
Medicina alternativa
Contatti/Profili social:
sito web


Articoli che potrebbero interessarti

Tumore del collo dell’utero

Tumore del collo dell’utero

In Italia, nel corso della vita, 1 donna su 170 contrarrà un carcinoma della cervice uterina (o collo dell’utero) e nel 2015 sono stimati circa 2100 nuovi casi. Cifre che collocano questa neoplasia al 5° posto per...

24/03/2016 - scritto da Francesca Morelli

Tendinite da mouse: una patologia moderna?

Tendinite da mouse: una patologia moderna?

Ormai la chiamano tutti “tendinite da mouse”, perché è una dolorosa infiammazione che va  a colpire la mano che in genere usiamo per scrivere sul pc o sui vari tablet e smartphone. Iper connessi e iper...

17/03/2016 - scritto da Paola P.

Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Credits

CHIUDI
POTREBBERO INTERESSARTI
Rinite Allergica e non allergica

La primavera è alle porte e i soggetti allergici sono già in allerta: a breve le giornate di sole porteranno con sé i primi pollini, e con loro i fastidiosi sintomi della rinite. Scopri di più
Gambe e lavoro sedentario?

Tutto il giorno immobili, le gambe diventano due macigni, ma cambiare lavoro non è la soluzione! Migliorare la circolazione si può, anche se si fa un lavoro sedentario.Scopri come

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X