ForumSalute

Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Psichiatria e dipendenze > sono un'alcolista

   
 
Filtra posts Strumenti Discussione Cerca in questa Discussione
  #109 (permalink)  
Vecchio 06-11-2008, 12:04 PM
pokemon
Guest
 
 
Messaggi: n/a
Predefinito Riferimento: sono un'alcolista

Non sono arrivata a nessun traguardo, non c'è traguardo da raggiungere, è un percorso che durerà tutta la vita, è una crescita continua, una sfida con me stessa.

mi piace questa definizione di obiettivo.

Ha un'orizzonte aperto e luminoso...una evoluzione continua...una scoperta dell'infinito...

Rispondi Con Citazione
Ti può interessare anche...
Pancia gonfia e meteorismo addio! Bastano 90 giorni

Hai la pancia sempre gonfia e dolente, dopo i pasti e per tutto il giorno? Se il gonfiore e il meteorismo ti stanno condizionando la vita, è ora di reagire.

Il programma Ciao Pancia Gonfia può aiutarti a liberarti del problema dell'aria nella pancia insegnandoti a rivedere la tua alimentazione e il tuo stile di vita, insieme all'utilizzo di soluzioni naturali efficaci come Endofit Gas Control.

Acquista Endofit Gas Control in farmacia, accedi GRATUITAMENTE al programma grazie al codice indicato nella confezione, segui il tuo percorso di apprendimento personalizzato e verifica i miglioramenti del tuo livello di benessere.

Approfitta subito di questa opportunità!


  #110 (permalink)  
Vecchio 06-11-2008, 12:04 PM
pokemon
Guest
 
 
Messaggi: n/a
Predefinito Riferimento: sono un'alcolista

Non sono arrivata a nessun traguardo, non c'è traguardo da raggiungere, è un percorso che durerà tutta la vita, è una crescita continua, una sfida con me stessa.

mi piace questa definizione di obiettivo.

Ha un'orizzonte aperto e luminoso...una evoluzione continua...una scoperta dell'infinito...

Rispondi Con Citazione
  #111 (permalink)  
Vecchio 27-12-2008, 22:00 PM
L'avatar di gianfranca
 
Località: Lombardia
gianfranca
 
Nel forum da: May 2008
Messaggi: 27
Predefinito Riferimento: sono un'alcolista

ciao cara larila' sono mesi che non scrivo e non entro nel forum, anche la mia vita è cambiata ...in alcune cose per fortuna in altre purtroppo.Io e il mio compagno ci siamo lasciati, senza parole e senza nemmeno sapere il perchè, forse le cose si trascinavano da troppo tempo e quest'ultima volta non sono proprio riuscita a perdonare il suo atto. Ancora adesso a distanza di qualche mese a volte mi trovo a pensare a come saremmo potuti stare bene adesso che non beveva più e invece dopo anni di fatiche e sopportazioni sono qui sola con il mio bambino a chiedermi il perchè di questa cosa. So che nessuno dei due tornerebbe indietro, un po per orgoglio un po per insoddisfazione come so, che per tutta la vita lui sarà il padre di mio figlio e in qualche modo continuerò a volergli del bene.
Sono contenta perchè leggendo il tuo post ho percepito che adesso stai veramente bene, che hai trovato la forza dell'amore e ora riesci ad andare avanti dando agli altri l'amore che ti era stato anticipato.....è bello finalmente leggere di qualcuno che sta bene e va avanti migliorando ogni giorno. Ti faccio i miei complimenti ed anche se in ritardo gli auguri di buone feste. Spero di leggerti presto un abbraccio forte forte e....continua così che va bene

Rispondi Con Citazione
  #112 (permalink)  
Vecchio 27-12-2008, 22:00 PM
L'avatar di gianfranca
 
Località: Lombardia
gianfranca
 
Nel forum da: May 2008
Messaggi: 27
Predefinito Riferimento: sono un'alcolista

ciao cara larila' sono mesi che non scrivo e non entro nel forum, anche la mia vita è cambiata ...in alcune cose per fortuna in altre purtroppo.Io e il mio compagno ci siamo lasciati, senza parole e senza nemmeno sapere il perchè, forse le cose si trascinavano da troppo tempo e quest'ultima volta non sono proprio riuscita a perdonare il suo atto. Ancora adesso a distanza di qualche mese a volte mi trovo a pensare a come saremmo potuti stare bene adesso che non beveva più e invece dopo anni di fatiche e sopportazioni sono qui sola con il mio bambino a chiedermi il perchè di questa cosa. So che nessuno dei due tornerebbe indietro, un po per orgoglio un po per insoddisfazione come so, che per tutta la vita lui sarà il padre di mio figlio e in qualche modo continuerò a volergli del bene.
Sono contenta perchè leggendo il tuo post ho percepito che adesso stai veramente bene, che hai trovato la forza dell'amore e ora riesci ad andare avanti dando agli altri l'amore che ti era stato anticipato.....è bello finalmente leggere di qualcuno che sta bene e va avanti migliorando ogni giorno. Ti faccio i miei complimenti ed anche se in ritardo gli auguri di buone feste. Spero di leggerti presto un abbraccio forte forte e....continua così che va bene

Rispondi Con Citazione
  #113 (permalink)  
Vecchio 27-12-2008, 22:04 PM
L'avatar di gianfranca
 
Località: Lombardia
gianfranca
 
Nel forum da: May 2008
Messaggi: 27
Predefinito Riferimento: sono un'alcolista

ah dimenticavo di darti notizie!!!!dopo l'intervento sono gia arrivata a perdere 32 kg, sono abbastanza soddisfatta, vorrei perderne ancora una decina di kg e poi sarò a posto......almeno questa cosa va bene un bacio ciaoooooo

Rispondi Con Citazione
  #114 (permalink)  
Vecchio 27-12-2008, 22:04 PM
L'avatar di gianfranca
 
Località: Lombardia
gianfranca
 
Nel forum da: May 2008
Messaggi: 27
Predefinito Riferimento: sono un'alcolista

ah dimenticavo di darti notizie!!!!dopo l'intervento sono gia arrivata a perdere 32 kg, sono abbastanza soddisfatta, vorrei perderne ancora una decina di kg e poi sarò a posto......almeno questa cosa va bene un bacio ciaoooooo

Rispondi Con Citazione
  #115 (permalink)  
Vecchio 07-01-2009, 12:12 PM
L'avatar di larilà
ForumSalute - Senior
 
Località: Emilia Romagna
larilà
 
Nel forum da: Apr 2006
Messaggi: 223
Predefinito Riferimento: sono un'alcolista

Ciao Gianfranca, è un piacere ritrovarti! Leggo solo ora perchè per mancanza di tempo non entro spesso nel Forum. Mi dispiace che con il tuo compagno sia finita, ma ti sento abbastanza serena. Quello che hai fatto per te stessa è sicuramente importante, il tuo benessere viene prima di ogni cosa, le cose negative si affrontano meglio se psicologicamente stiamo bene, se ci vogliamo bene. Non sempre quando si toglie l'alcool le famiglie si rimettono in sesto, a volte succede proprio il contrario. Senza alcool si ragiona finalmente sobri e lucidi, si può ritrovare il piacere dello stare in famiglia, come al contrario si può decidere di cambiare vita. Se non altro tuo figlio avrà un padre che può finalmente essere presente, anche se non sempre fisicamente, e non solo l'ombra di un padre. I figli di solito sono quelli che soffrono di più per l'alcolismo dei genitori, quindi se il tuo ex compagno ha smesso di bere devi essere contenta per tuo figlio.
Tutto il resto si risolve. Continuo a ricordarti che esistono i gruppi dei familiari, l'alcolismo ha lasciato tracce anche in te e potresti trovare molto aiuto per affrontare ogni momento della vita, anche se non hai più un alcolista in casa.
Io sto bene, continuo il mio percorso, non penso più all'alcool, ma sto sempre molto in guardia. Quando le cose vanno bene e mi crogiolo sugli allori devo stare molto più attenta, se non altro per le "ricadute emotive", cioè il pericolo di ricadere in vecchi meccanismi mentali causati dal mio carattere. Quando sto male invece devo ricordarmi che è dalla sofferenza che si cresce, e evitare di compiangermi o autocommiserarmi, giustificarmi, ecc. La mia è una malattia dell'anima, del carattere, ora che ne ho piena consapevolezza cerco di stare lontana da tutte quelle cose negative (rabbia, rancori, insofferenza, aspettative, intolleranza...) che possono solo danneggiarmi.
Mi sembra di aver fatto un po' di confusione....
Comunque.... ti auguro un buon anno, sereno e in salute, con tuo figlio. Ma noi di A.A. di solito non guardiamo troppo avanti, quindi buone prossime 24 ore! (...e poi altre 24, ecc.)
Solo per oggi, voglio essere felice.
Un abbraccio

Rispondi Con Citazione
  #116 (permalink)  
Vecchio 07-01-2009, 12:12 PM
L'avatar di larilà
ForumSalute - Senior
 
Località: Emilia Romagna
larilà
 
Nel forum da: Apr 2006
Messaggi: 223
Predefinito Riferimento: sono un'alcolista

Ciao Gianfranca, è un piacere ritrovarti! Leggo solo ora perchè per mancanza di tempo non entro spesso nel Forum. Mi dispiace che con il tuo compagno sia finita, ma ti sento abbastanza serena. Quello che hai fatto per te stessa è sicuramente importante, il tuo benessere viene prima di ogni cosa, le cose negative si affrontano meglio se psicologicamente stiamo bene, se ci vogliamo bene. Non sempre quando si toglie l'alcool le famiglie si rimettono in sesto, a volte succede proprio il contrario. Senza alcool si ragiona finalmente sobri e lucidi, si può ritrovare il piacere dello stare in famiglia, come al contrario si può decidere di cambiare vita. Se non altro tuo figlio avrà un padre che può finalmente essere presente, anche se non sempre fisicamente, e non solo l'ombra di un padre. I figli di solito sono quelli che soffrono di più per l'alcolismo dei genitori, quindi se il tuo ex compagno ha smesso di bere devi essere contenta per tuo figlio.
Tutto il resto si risolve. Continuo a ricordarti che esistono i gruppi dei familiari, l'alcolismo ha lasciato tracce anche in te e potresti trovare molto aiuto per affrontare ogni momento della vita, anche se non hai più un alcolista in casa.
Io sto bene, continuo il mio percorso, non penso più all'alcool, ma sto sempre molto in guardia. Quando le cose vanno bene e mi crogiolo sugli allori devo stare molto più attenta, se non altro per le "ricadute emotive", cioè il pericolo di ricadere in vecchi meccanismi mentali causati dal mio carattere. Quando sto male invece devo ricordarmi che è dalla sofferenza che si cresce, e evitare di compiangermi o autocommiserarmi, giustificarmi, ecc. La mia è una malattia dell'anima, del carattere, ora che ne ho piena consapevolezza cerco di stare lontana da tutte quelle cose negative (rabbia, rancori, insofferenza, aspettative, intolleranza...) che possono solo danneggiarmi.
Mi sembra di aver fatto un po' di confusione....
Comunque.... ti auguro un buon anno, sereno e in salute, con tuo figlio. Ma noi di A.A. di solito non guardiamo troppo avanti, quindi buone prossime 24 ore! (...e poi altre 24, ecc.)
Solo per oggi, voglio essere felice.
Un abbraccio

Rispondi Con Citazione
  #117 (permalink)  
Vecchio 07-01-2009, 15:37 PM
L'avatar di Centaurus
Moderatore
Ciò che il bruco chiama "fine del mondo", per il
resto del mondo è una bellissima farfalla. - L. Tze
 
Località: Lombardia
Centaurus
 
Nel forum da: Oct 2008
Messaggi: 16.902
Predefinito Riferimento: sono un'alcolista

Ciao larilà,
solo oggi ho letto il tuo post. Ho letto tutto quello che è stato scritto.
Non posso che farti i miei più sinceri complimenti per il tuo cammino di rinascita.
Sono dell'opinione che ognuno di noi può sbagliare e cadere.
La differenza tra un vincente e uno sconfitto dalla vita sta tutta nel saper sollevare la testa e dire basta, e te lo hai fatto.
Ai miei occhi sei una donna coraggiosa, una vincente.
Grazie per la tua coraggiosa, toccante testimonianza.

Sei come una bella fenice...sei rinata dalle tue ceneri.

La vita può essere un tormento, nel mio piccolo ne so qualcosa anch'io, ma ti auguro di proseguire il tuo cammino circondata dall'amore, dalla comprensione, dalla solidarietà che solo una persona che trova (o è degnamente aiutata a ritrovare) la forza di rinascere merita.

BUONE PROSSIME 24 ORE! PER SEMPRE.

Rispondi Con Citazione
  #118 (permalink)  
Vecchio 07-01-2009, 15:37 PM
L'avatar di Centaurus
Moderatore
Ciò che il bruco chiama "fine del mondo", per il
resto del mondo è una bellissima farfalla. - L. Tze
 
Località: Lombardia
Centaurus
 
Nel forum da: Oct 2008
Messaggi: 16.902
Predefinito Riferimento: sono un'alcolista

Ciao larilà,
solo oggi ho letto il tuo post. Ho letto tutto quello che è stato scritto.
Non posso che farti i miei più sinceri complimenti per il tuo cammino di rinascita.
Sono dell'opinione che ognuno di noi può sbagliare e cadere.
La differenza tra un vincente e uno sconfitto dalla vita sta tutta nel saper sollevare la testa e dire basta, e te lo hai fatto.
Ai miei occhi sei una donna coraggiosa, una vincente.
Grazie per la tua coraggiosa, toccante testimonianza.

Sei come una bella fenice...sei rinata dalle tue ceneri.

La vita può essere un tormento, nel mio piccolo ne so qualcosa anch'io, ma ti auguro di proseguire il tuo cammino circondata dall'amore, dalla comprensione, dalla solidarietà che solo una persona che trova (o è degnamente aiutata a ritrovare) la forza di rinascere merita.

BUONE PROSSIME 24 ORE! PER SEMPRE.

Rispondi Con Citazione
  #119 (permalink)  
Vecchio 01-05-2016, 16:59 PM
L'avatar di Giòggiò
 
Giòggiò
 
Nel forum da: May 2016
Messaggi: 4
Predefinito Riferimento: sono un'alcolista

Salve a tutti,

premetto che non ho letto tutte e dieci le pagine di interventi ma lo farò un po' alla volta.

Ho avuto una relazione in due tempi con una persona che ha lasciato in me grandi segni, in due tempi perché ci eravamo conosciuti dopo un colpo di fulmine due anni fa e poi, a storia finita, ci siamo rincontrati la scorsa estate.

La prima volta fini per sua decisione proprio perché io le stavo col fiato sul collo dopo aver capito che ogni volta che si usciva si finiva col bere e quanto bere...

Ci siamo rincontrati dopo un anno, durante l'estate, entrambi impegnati dal lavoro (viviamo in un posto che vive di economia stagionale) ma entrambi con la voglia di rivivere la storia in un modo diverso; all'inizio tutto bene salvo le normali querelle del durante/dopo sbronza, si finiva il lavoro, ci si vedeva, un paio di bicchieri (spesso più che giusto un paio), altre volte si andava al mare, a cena ma sempre e comunque si finiva col bicchiere in mano.

Estate finita, si comincia a fare programmi per il futuro e si affronta il problema "alcol", la risposta fu che voleva affrontarlo (un classico che poi dopo ho capito far parte della malattia insieme a tante altre false promesse e bugie) ma dopo aver risolto altri problemi che, guarda caso, aumentavano ogni qualvolta se ne risolvesse uno, morale della favola e' che l'andazzo e' rimasto lo stesso, ad ogni occasione in cui si usciva di casa si finiva sempre con più bicchieri alle spalle (io non sono mai andato oltre un paio e, comunque, ne faccio tranquillamente a meno) e coi soliti (miei) malumori del giorno dopo, malumori legati al fatto che la sera prima si fosse andati oltre, che non ci si ricordasse (non io) niente delle ultime ore di baldoria, malumori legati al fatto che in pratica mi ritrovavo solo a fronte di un post-sbronza che richiedeva ad alta voce rimanere a letto/in casa.

Devo ammettere che più volte ha tentato di limitarsi ma questo e' scaturito in collera ed isteria e, dopo l'ennesimo litigio in cui sono stato bersaglio della collera, ho deciso, con gran dolore, di chiudere.

A cosa finita sono continuati messaggi minatori, minacce, messaggi volti a sminuirmi etc etc non solo questo ma sono ritornate, non da me, le compagnie che invece non solo approvano ma condividono lo stesso uso che si fa del bicchiere e, guarda caso, a neanche ventiquattr'ore di distanza.

A questo punto ho cominciato ad informarmi, chiamo un gentile Signore della AA della città a noi più vicina il quale, memore di una telefonata di mesi prima, mi dice appunto ricordare e subito sottolinea che il cattivo fossi io, che io fossi la causa di tutti i mali etc etc a questo punto gli chiesi se ci fossimo mai sentiti prima e lui mi rispose semplicemente che questa e' la prassi, che il "malato" fa di chi gli sta vicino il bersaglio di tutte le frustrazioni, paure, insicurezze etc etc di cui e' vittima e che tende a colpevolizzarlo e, devo dire, il quadro ascoltato era meglio dell'originale, in pratica dipingeva la situazione in cui mi ero trovato senza neanche sbagliare una virgola.

Decisi di approfondire ulteriormente e contattai l'associazione dei familiari dei malati, ho trovato una disponibilità che mai mi sarei aspettato, persone che hanno perso tanti dei loro preziosi minuti al telefono con me per aiutarmi a capire che tutto rientrava nei canoni della malattia e che io non ero responsabile di un bel niente ma ancora una volta mi si consiglio' di andare ad una riunione.

Da dove vivo, per recarmi ad una riunione, e' quasi un viaggio e col lavoro per il mezzo non e' facile ma non ho lasciato cadere la cosa, appena ho potuto sono andato, ho assistito ad una riunione con tre familiari di malati, uno aveva entrambi i genitori vittime della malattia, un'altra persona il padre ed un'altra il marito, mi ha sconvolto il figlio dei genitori malati, un ragazzo forse intorno ai venti, non riusciva a tenere un attimo fermi i piedi che battevano continuamente sul pavimento, mi ha fatto un gran male ma poi ascoltando le loro storie ho cominciato a capire.

Una volta successiva sono tornato, dopo lavoro, per una riunione ma la persona incaricata mi chiama per chiedermi, vista la sua invalidità, se volessi recarmi a casa sua, la cosa incredibile e' l'accoglienza e poi il sentirsi a proprio agio, una persona che ha avuto a che fare con la malattia per trent'anni prima col marito ed ora con un figlio, una persona adorabile che mi ha dato ulteriore fiducia ed informazioni, fiducia che ormai avevo perso ed informazioni che dall'altro lato mi instillano un po' di quella fiducia che era andata via giu per lo scarico.

Ho capito che ho fatto bene a chiudere la relazione, ho capito che saro' io dover recuperare la lucidità e farne una ragione, ho capito che mi sono trovato nel ruolo che mi competeva ad essere bersaglio di ira, menzogne, malesseri e quant'altro, sia il Signore al telefono la prima volta che la Signora dell'ultima mi hanno detto le stesse parole, il malato sfoga, purtroppo, su chi sa di poter contare, cio' che non sapevo allora, quando ero il target, e' come affrontare la situazione ma, peggio ancora, non sapevo che cio' io pensare essere un vizio in realtà essere una vera e propria malattia, ho fatto l'esatto contrario di cio' che andrebbe fatto, mostravo il mio disappunto ad ogni bicchiere, ogni giorno dopo l'uscita serale, ho puntualizzato come non fosse mai successo (in entrambe le volte che siamo stati insieme) che si fosse usciti senza finire a guardarci attraverso qualche liquido colorato, ho più volte demonizzato la sostanza e chi più ne ha più ne metta. Ora sto imparando a capire come si affronta, ho capito che devo prima rimettermi io in forze e poi, se la sorte lo vorrà, potrò essere d'aiuto ma, sopra tutto, ho capito che il chiudere la relazione e' il passo iniziale per sperare che la persona malata, prima o poi, capisca e si decida ad affrontare il problema, devo trovare il momento giusto per poter far capire al malato che io ci sono ma prima di cio' devo capire ed imparare come affrontare la malattia e devo recuperare la serenità necessaria affinché possa tendere la mano.

La persona che mi ha aperto le proprie porte di casa (e sottolineo che lo ha fatto ascoltandomi solo al telefono un paio di volte e quindi assumendosi, da persona anziana e sola, il rischio di ritrovarsi un potenziale pericolo in casa) mi ha aperto anche gli occhi ed il cuore, le ho raccontato come miei amici e conoscenti, di estrazione sociale, istruzione, educazione etc ai completi antipodi, siano arrivati a toccare il fondo per poi risalire coscienti di essere persone malate e mi ha fatto capire che, purtroppo, bisogna augurarsi che il malato raggiunga il fondo quanto prima possibile affinché sia possibile sperarne il recupero, ecco, questo mi fa male, sperare il male di una persona affinché possa uscire dall'inferno che sta vivendo, si, inferno, ci sono stato anche io, nei momenti di lucida debolezza o meglio, momenti di lucida forza, mi si e' confidato delle fobie, insicurezze, vuoti che hanno portato forse nella direzione sbagliata.

Ho bisogno che chi mi legge mi dia la forza di credere che ce se ne può uscire, la speranza che una persona tanto speciale quanto quella che ho perso possa un giorno capire che e' ammalata e che voglia riconquistare la gioia di vivere senza vedere il mondo distorto attraverso del vetro pieno di liquido e che dovesse mai cio' avvenire ci sono tante mani pronte a tirarla su.

Grazie a tutti per la pazienza e grazie al forum che ha ospitato questo mio sfogo


G

Rispondi Con Citazione
  #120 (permalink)  
Vecchio 01-05-2016, 18:44 PM
L'avatar di Giòggiò
 
Giòggiò
 
Nel forum da: May 2016
Messaggi: 4
Predefinito sono un'alcolista

Citazione:
Originariamente Inviato da larilà Visualizza Messaggio
Ciao a tutti! Sono passati 2 mesi dall'ultima volta che ho scritto qui, ho riletto quanto avevo scritto e mi è venuto l'impulso di scrivere ancora. In questi 2 mesi sono successe tante cose, difficile e lungo raccontarle tutte, ma la cosa importante è che mi sono resa conto di avere una nuova consapevolezza... E' come se improvvisamente cominciassi a vedere chi realmente sono. L'alcolista in genere ha delle maschere, una per ogni situazione. Quando ho iniziato il programma in A.A. mi sono resa conto e l'ho ammesso per la prima volta, di essere sempre stata diversa a seconda delle situazioni. Dominatrice con chi consideravo inferiore a me, succube di chi mi teneva testa o mi metteva soggezione, puntavo il dito verso gli altri per non vedere i miei difetti, ecc. Non so se ho mai avuto un rapporto equilibrato con gli altri.... Ultimamente mi dicevo: "OK, devo finalmente essere ME STESSA, ma... CHI SONO IO? COME SONO?" Ho tolto l'alcool, cosa c'è sotto? Avrei voluto cambiare subito, avrei voluto subito delle risposte.
Adesso è arrivata la consapevolezza, comincio a vederci chiaro, comincio a conoscermi. Dire che è fantastico è poco!
In casa sono serena, con i miei figli sono equilibrata, cerco il dialogo senza imporre le mie idee, dico quello che penso senza dare consigli o giudizi... Tutto come mi insegna il programma, e incredibilmente, finalmente, senza sforzo! Vado verso mio marito senza avere aspettative, non importa se è introverso, se una volta credevo che il mio vuoto venisse da lui, dalla sua incapacità di fare coccole o di aprirsi al dialogo... Adesso i miei vuoti li sto riempiendo NON con quello che ricevo, ma con quello che DO! Una volta non avrei mai pensato possibile tutto questo, ma una volta ero egocentrica ed egoista.
Non sono arrivata a nessun traguardo, non c'è traguardo da raggiungere, è un percorso che durerà tutta la vita, è una crescita continua, una sfida con me stessa.
Non so se riesco a trasmettere quello che provo in questo momento... E' la prova che il programma funziona, cavoli se funziona! Basta crederci, e metterci un po' di buona volontà.
20 anni di alcolismo attivo, e guardatemi ora... stento a crederlo, ma l'Amore ha sostituito l'alcool...

Beh, vista l'eta' di questo thread non so se alcuno dei partecipanti leggera' ma comincio col quotare Larila' che sembra incarnare la persona che mi ha portato da AA, poi da Al-Anon e poi qui e il percorso sicuramente non si esaurisce ne' qui ne' altrove.

Larila' mi da fiducia e speranza, la speranza che persone speciali, perché tutti lo siamo (e sottolineo il siamo piuttosto che un sono) , possano un giorno trovare la luce e potersi spogliare delle varie armature e maschere che hanno dovuto usare per porgersi al mondo, nessuno ne e' immune, lungi da me l'esserlo, ho la fortuna di non aver bisogno di sostanze che creano dipendenza per poter affrontare i miei demoni ma non mi sento di giudicare, anzi, se sono qui e se ho cominciato a muovere i primi passi nell'ambiente di questa dipendenza/malattia e' proprio perché credo che solo le testimonianze di chi e' riuscito possono instillare quel barlume di luce che per noi (dico noi proprio perché anche coloro che circondano il malato ne soffrono e anche se il problema potrebbe non essere più mio sarebbe egoista scrollarselo di dosso come fosse un guaio scampato, cosa che alcune persone mi hanno detto a proposito della mia fallita relazione),
grazie per queste testimonianze e grazie per la fiducia che pian piano mi sta tornando nel leggere tutto il thread.


G

Rispondi Con Citazione
Rispondi  

Strumenti Discussione Cerca in questa Discussione
Cerca in questa Discussione:

Ricerca Avanzata

Regole di Scrittura
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi inviare risposte
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Trackbacks are Disattivato
Pingbacks are Disattivato
Refbacks are Disattivato



Adesso sono le 05:04 AM.



Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Credits


Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2016, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2
CHIUDI
POTREBBERO INTERESSARTI
In vacanza senza allergie

Soffri di allergie a pollini, acari, muffe, oppure al nichel o ad alcuni alimenti e vuoi evitare che la tua vacanza si trasformi in un incubo? Prepara una valigia a prova di rinite...
I consigli dell'allergologo
Quando le gambe hanno sete

Soprattutto in estate, mantenere le gambe ben idratate è fondamentale per la loro salute: l'inaridimento è uno dei primi sintomi dell'insufficienza venosa e del ristagno del sangue.
Largo ad acqua e vitamine

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X