ForumSalute - Forum
  #1 (permalink)  
Vecchio 07-01-2011, 20:23 PM
L'avatar di anny84
 
anny84
 
Nel forum da: Jan 2011
Messaggi: 7

CHI RIESCE A CAPIRCI QUALCOSA?????


Salve a tutti mi chiamo Annalisa e se ho deciso di iscrivermi a questo forum è perchè avrei bisogno di qualche parere in merito al mio problema, visto che già dopo due consulti sono "più confusa che persuasa". Di certo non è da molto che tribolo, però non vorrei arrivare a far passare tanto tempo e tanti pareri medici esperti contrastanti, e magari qualcuno sa indirizzarmi per esperienza diretta o per sentito dire da amici o conoscenti.
Ad ogni modo vengo subito al punto: quasi 7 mesi fa, ormai, ho subito un intervento al piede sx a causa di un incidente e questo è il referto:
DIAGNOSI: frattura cuboide tarsale e lussazione astragalo-scafoidea
TRATTAMENTO PRATICATO IN OSPEDALE: riduzione e stabilizzazione in urgenza con fili di k. stecca gessata
PERIODO CON GESSO DA 27 GIUGNO FINO A 5 AGOSTO CON STECCA GESSATA, E DAL 5 AGOSTO FINO AL 2 SETTEMBRE CON GAMBALETTO DA CARICO.
Ho seguito la terapia prescritta in ospedale e prima di parlare nuovamente col chirurgo che mi ha operata ho fatto una radiografia con il seguente referto:
OSTEOPOROSI ED ARTROSI. ESITI DI FRATTURA DELLO SCAFOIDE E PROBABILMENTE DEL CUBOIDE CHE APPAIONO LIEVEMENTE DEFORMATI, MA CONSOLIDATI IN DISCRETA POSIZIONE.
A questo punto ho deciso di rivolgermi prima ad un altro specialista al Rizzoli di Bologna per poi fare la visita di controllo (che non ho potuto e che avrei dovuto fare 3 settimane dopo la rimozione del gesso, così come prescritto) col chirurgo che mi ha operata.
Lo specialista del Rizzoli mi ha spiegato che per questo tipo di problema al 90% dovrei operarmi nuovamente per eliminare l'artrosi che impedisce al mio piede di compiere la rotazione giusta (come fa un piede sano), che mi impedisce di camminare (visto che zoppico più o meno lievemente in base al dolore) e mi impedisce di avere la piena funzionalità del piede (come dovrebbe essere). L'intervento che ho subito è perfettamente riuscito da come si vede dalle radiografie della cartella clinica, la colpa di questo mio problema è solo da imputare (a detta dello stesso specialista) alla sfortuna del mio decorso post-operatorio (per intenderci l'errata calcificazione). Così prima di scrivere la diagnosi completa mi ha detto che per avere maggiore certezza avrei dovuto fare la risonanza magnetica, che senza perdere tempo ho fatto appena ho potuto.
Riporto qui di seguito l'esito:
MINIMA QUANTITA' DI LIQUIDO ARTICOLARE. PRESENTE INTENSO EDEMA SPONGIOSO MIDOLLARE CHE INTERESSA IL COLLO E LA TESTA ASTRAGALICI E LA TOTALITA' DELLO SCAFOIDE TARSALE CHE PRESENTA MODERATA DEFORMAZIONE DEI PROFILI.
MINIMO EDEMA SPONGIOSO AL PROFILO DORSALE DEL PRIMO OSSO CUNEIFORME CON EDEMA DELLE PARTI MOLLI DEL DORSO DEL PIEDE IN CORRISPONDENZA.
PICCOLA AREA DI EDEMA SPONGIOSO MIDOLLARE ALLA PORZIONE ANTERIORE DEL CUBOIDE E IN CORRISPONDENZA DEL SUBSTENTACULUM TALI.
NEI LIMITI DI NORMA I LEGAMENTI E I TENDINI DELLA CAVIGLIA.
REGOLARE LA FASCIA PLANTARE.
A questo punto potendo fare la visita col chirurgo che mi ha in cura ho presentato tutti gli esami fatti, ma di questi ha dato un'occhiata alla radiografia (guardando solo perchè attenzionata la risonanza, ma senza soffermarsi troppo sopra) imputando la causa della mia non completa guarigione all'osteoporosi, per la quale la soluzione potrebbe essere, oltre ad una dieta equilibrata, un mese intensivo di magnetoterapia fatta a casa per almeno 7-8 ore al giorno e poi dopo un mese ritornare per il controllo. Non ha assolutamente ventilato la possibilità di un nuovo intervento.
A parte non capire perchè nella medicina debbano esserci diverse "scuole di pensiero", qualcuno sa un pò tradurre quello che la risonanza magnetica dice e e se ci sono delle soluzioni, quali??
Ringrazio infinitamente per l'attenzione e spero di poter avere qualche riposta.
Rispondi Con Citazione
Ti può interessare anche...

  #2 (permalink)  
Vecchio 08-01-2011, 06:53 AM
L'avatar di b12
b12 b12 è offline
Chirurgo Ortopedico
 
Località: Roma
b12
 
Nel forum da: Dec 2008
Messaggi: 778
Predefinito Riferimento: CHI RIESCE A CAPIRCI QUALCOSA?????

Il risultato dell'esame rx e rmn risulta abbastanza confortante. Con tutti i limiti di una valutazione clinica virtuale in rete ritengo, in base alla mia esperienza, che si tratti di una sindrome algo-distrofica del piede caratterizzata tra l'altro da un'importante quadro di osteoporosi. E' necessario, presumo, un accurato trattamento ribilitativo per recuperare l'osteoporosi creatasi anche per la lunga soppressione del carico diretto. Non mi sembra, da quello che leggo, che ci siano motivi validi per un nuovo intervento chirurgico.
__________________
Dr. Giorgio Poladas
Rispondi Con Citazione
  #3 (permalink)  
Vecchio 08-01-2011, 12:09 PM
L'avatar di anny84
 
anny84
 
Nel forum da: Jan 2011
Messaggi: 7
Predefinito Riferimento: CHI RIESCE A CAPIRCI QUALCOSA?????

Nel ringraziarLa infinitamente per la risposta vorrei quindi sapere, se fosse possibile, se secondo il Suo parere la prescrizione del chirurgo che mi ha in cura è corretta e che quindi solo con questa possono esserci buone probabilità di guarigione. Premesso che so che il mio piede non sarà più lo stesso, potrò comunque tornare a camminare e correre come prima dell'incidente?
La ringrazio sempre per la disponibilità!
Rispondi Con Citazione
  #4 (permalink)  
Vecchio 08-01-2011, 13:50 PM
L'avatar di b12
b12 b12 è offline
Chirurgo Ortopedico
 
Località: Roma
b12
 
Nel forum da: Dec 2008
Messaggi: 778
Predefinito Riferimento: CHI RIESCE A CAPIRCI QUALCOSA?????

Con tutti i limiti che ho espresso precedentemente, ritengo che il trattamento proposto dal collega che ha eseguito l'intervento sia corretto. Cio' non toglie che in futuro potrebbe realizzarsi un'artrosi dell'articolazione astragalo-scafoidea, destino frequente nei traumi importanti del piede. Ma questo problema in genere si puo' realizzare a distanza dall'evento traumatico, ma se la riabilitazione viene eseguita in modo corretto ci possono essere buone speranze di guarigione.
__________________
Dr. Giorgio Poladas
Rispondi Con Citazione
  #5 (permalink)  
Vecchio 08-01-2011, 15:04 PM
L'avatar di anny84
 
anny84
 
Nel forum da: Jan 2011
Messaggi: 7
Predefinito Riferimento: CHI RIESCE A CAPIRCI QUALCOSA?????

Grazie sempre per il tempo che dedica alla risposta ai miei post, però a quanto risulta dalla radiografia, confermato pure dall'ortopedico del Rizzoli, l'artrosi c'è, e secondo questo specialista il problema è proprio dovuto a questo problema, senza mettere in conto l'osteoporosi. Secondo lui l'intervento si riterrebbe quasi sicuramente necessario per togliere l'artrosi con un intervento che se non erro è definito di ARTRODESI, allo scopo di togliere il dolore che ho (secondo lui è quella la causa scatenante), non allucinante, ma fastidioso perchè oltre un certo limite il piede è bloccato e non si muove (anche se a detta di diversi fisiatri e il chirurgo che mi ha operata, la mobilità del mio piede c'è tutta, ma io da sola non riesco a muoverlo), in modo da tornare a camminare normalmente. Insomma limerebbero le ossa dell'articolazione per creare nuovamente lo spazio originario tra loro. Io purtroppo non posso che affidarmi a voi medici, nella speranza di riavere il mio piede, non pretendo ormai meglio di prima, quasi come nuovo senza portarmi conseguenza spiacevoli in futuro. Temo inoltre che questi problemi col passare del tempo se non presi da subito possano portare ad una cronicizzazione.
Grazie ancora per l'attenzione
Cordialissimi saluti
Rispondi Con Citazione
Rispondi

Strumenti Discussione Cerca in questa Discussione
Cerca in questa Discussione:

Ricerca Avanzata

Regole di Scrittura
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi inviare risposte
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Trackbacks are Disattivato
Pingbacks are Disattivato
Refbacks are Disattivato



Adesso sono le 13:43 PM.


UPVALUE SRL - MILANO
Forum di discussione su argomenti di Salute, Medicina e Benessere

Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2014, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2