ForumSalute - Forum
  #1 (permalink)  
Vecchio 18-12-2008, 14:43 PM
L'avatar di valgo
Forum Salute - Junior
 
Località: Puglia
valgo
 
Nel forum da: Aug 2007
Messaggi: 39

polipo misto iperplastico-adenomatoso


Egregio professore
In data 11/04/06 feci una colonscopia ed in tale occasione mi fu evidenziato a circa 65 cm dalla linea pettinea una piccola lesione del tipo “flat adenoma”, per cui mi prelevarono dei campioni per l’esame istologico ed il risultato fu il seguente:”frammenti di polipo misto iperplastico-adenomatoso con displasia lieve”, mentre l’altro esame su frammenti presi nella zona del cieco fu “frammenti di mucosa colica sede di flogosi cronica aspecifica.Il medico mi disse che per la zona del cieco si trattava di una semplice infiammazione, ma dovevo rifare la colonscopia verso la fine dll’anno per la parte del discendente.
Il 19/12/2006 rifeci la colonscopia ed il medico procedette ad ampio campionamento bioptico, suggerendomi una mucosectomia in elezione date le caratteristiche della lesione piatta; il risultato dell’esame istologico fu: “frammenti di polipo misto iperplastico con displasia lieve” – idem come il precedente.
Il 13/02/07, in day hospital feci l’esame sino alla valvola ileocecale – dolico sigma – senza apprezzamenti di lesioni nei tratti visualizzabili, tranne alla solita zona a circa 65 cm. Dalla linea pettinea sulla quale fu fatta prima un’infiltrazione sottomucosa con s.fisiologica per una maggiore estrinsecazione, che apparve tuttavia parziale per verosimile adesione di parte della lesione al piano sottomucoso e poi si è proceduto alla resezione con ansa diatermica. Residuarono ancora alcune gemme tessutali per evitare la perforazione, il cui trattamento si differì ad un successivo controllo. Il materiale recuperato fu inviato per l’esame istologico ed il risultato fu:” adenoma tubulare con displasia di grado lieve (diametro 0,3 cm.); il margine di resezione non è valutabile per la presenza di artefatti di elettrocoagulazione”:
Al controllo successivo fatto in data 03/05/07 la diagnosi fu:”non apprezzabili recidive in corrispondenza dell’area sottoposta a resezione con iniezione sottomucosa.
IL 13/09/07 ho fatto la colonscopia di controllo e la diagnosi fu:” esplorazione condotta fino al cieco, il profilo del viscere è regolare e la mucosa presenta i caratteri della normalità, il rivestimento mucoso al livello della precedente mucosectomia è integro ed il pit pattern mucoso sembra assolutamente regolare; esiti di mucosectomia con regolare profilo di cicatrizzazione (non tessuto adenomatoso residuo) controllo endoscopico tra un anno.
Il 30/09/08 ho rifatto la colonscopia fino al cieco e sempre al livello di 60 cm.dalla linea pettinea ,dove avevo fatto la mucosectomia , è stato repertata un’area cicatriziale sormontata da un piccolo residuo di circa 5-6 mm di tessuto adenomatoso sessile suscettibile di mucosectomia endoscopica da programmare in day hospital; non altre alterazioni mucose o del profilo parietale nel restante tratto esplorato; piccola recidiva di polipo sessile su area cicatriziale da pregressa mucosectomia.
IL 15/10/2008 il medico dopo aver fatto l’infiltrazione con adrenalina ha rilevato il mancato sollevamento della lesione piatta, indice presumibile o di infiltrazione o di fibrosi da pregressa mucosectomia, per cui ha soprasseduto alla mucosectomia facendo soltanto le biopsie alla luce delle quali si sarebbe presa in considerazione un intervento chirurgico di minima.
Alla luce dei risultati istologici:”frammenti di mucosa colica sedi di polipo iperplastico”, il gastroenterologo dott. Perri della Casa Sollievo della sofferenza di san Giovanni Rotondo (FG) ha sconsigliato l’intervento chirurgico in quanto sarebbe stato troppo eccessivo alla luce del risultati, ma ha ritenuto opportuno un’attesa vigile ripetendo l’esame a distanza di 6 mesi.
Inoltre il chirurgo dott. Tricarico primario di chirurgia degli ospedali riuniti di Foggia mi ha riferito che in caso di intervento occorre togliere sia il sigma che il discendente, mentre fino ad oggi i gastroenterologi dott. Marchegiani dell’ospedale di san Severo (FG) ed il dott. Perri di San Giovanni Rotondo mi hanno sempre parlato di intervenire chirurgicamente su una piccola parte dove ha sede il polipo adenomatoso e non su un’estensione così ampia.
Desidero avere un vostro parere in merito ed inoltre desidero sapere come mai i primi esami istologici fino alla mucosectomia del 13/02/07 parlavano di polipo misto iperplastico-adenomatoso con displasia lieve mentre l’ultimo esame parla soltanto di frammenti di polipo iperplastico? Forse che lo strato superiore del polipo piatto rimosso con la prima mucosectomia era adenomatoso, mentre la parte sottostante, che forse allora non si era riusciti a rimuovere era iperplastica?
O per caso il tessuto rilevato recentemente e quindi solo iperplastico è un tessuto che sovrasta la recidiva precedente e quindi i pezzi presi con la biopsia sono solo di quest’ultima e non della recidiva che potrebbe essere infiltrata e quindi ancora adenomatosa con displasia lieve?
Il prof. Testoni di Milano, al quale ho inviato lo stesso quesito mi ha perfino detto che è normale che il polipo sessile ricresciuto sulla cicatrice della precedente mucosectomia non si sollevi e che in questo caso è sempre sconsigliabile l’intervento chirurgico e che addirittura vi è la possibilità di effettuare una totale bruciatura della parte interessata con il laser, sempre endoscopicamente e senza rischi di perforazione.
Sono rimasto inibito a tale soluzione sia perché sarebbe la soluzione ottimale del mio problema ed anche perché fino ad oggi nessuno me ne ha parlato.
Grazie anticipatamente del tempo che spero mi dedicherete.
Di Fazio Claudio
Viale Aldo Moro, 155 – Torremaggiore (FG)
Tel.: 0882383487 – cel.3389607590
e-mail: fracci@tele2.it
Rispondi Con Citazione
Ti può interessare anche...

  #2 (permalink)  
Vecchio 19-12-2008, 19:52 PM
L'avatar di dottdoriano
Chirurgo Coloproctologo
Pelviperineologo
 
Località: Campania: Napoli ,Pozzuoli(NA)
dottdoriano
 
Nel forum da: Oct 2006
Messaggi: 1.781
Predefinito Riferimento: polipo misto iperplastico-adenomatoso

Gentile Valgo
Concordo con un trattamento endoscopico delle neoformazioni benigne di cui lei è affetto. Ritengo ingiustificati interventi di chirurgia resettiva, anche di minima, per tali lesioni benigne. L'ansa diatermica che viene di solito utilizzata per asporatere il polipo, allo stesso modo del laser, può essere utilizzata a piatto per "bruciare" la neoformazione.
Rispondi Con Citazione
  #3 (permalink)  
Vecchio 20-12-2008, 16:32 PM
L'avatar di valgo
Forum Salute - Junior
 
Località: Puglia
valgo
 
Nel forum da: Aug 2007
Messaggi: 39
Predefinito Riferimento: polipo misto iperplastico-adenomatoso

Ma con tale tipo di bruciatura non si corre il rischio di bruciare soltanto la parte recidiva lasciando che l'originario polipo piatto adenomatoso con displasia lieve (probabilmente non asportato totalmente nella mucosectomia del 13/02/07 con residue cellule) si infiltri, ricrescendo, nella parte sottomucosa (per intenderci verso l'esterno del colon e degenerando in peggio?
Non ritiene opportuno, da come qualcuno mi ha suggerito, di ripetere a breve una colonscopia di controllo con apparecchio ad alta definizione?
Grazie
Rispondi Con Citazione
Rispondi

Strumenti Discussione Cerca in questa Discussione
Cerca in questa Discussione:

Ricerca Avanzata

Regole di Scrittura
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi inviare risposte
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Trackbacks are Disattivato
Pingbacks are Disattivato
Refbacks are Disattivato



Adesso sono le 14:30 PM.


UPVALUE SRL - MILANO
Forum di discussione su argomenti di Salute, Medicina e Benessere

Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2014, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2