ForumSalute - Forum
  #1 (permalink)  
Vecchio 25-10-2013, 14:44 PM
L'avatar di 324841
 
324841
 
Nel forum da: Oct 2013
Messaggi: 7

intervento chirurgico al colon


Salve, di seguito trascrivo il referto di colonscopia virtuale su paziente ultracinquantenne dializzato:

Colon avente lunghezza complessiva di 160cm, nei limiti, e decorso regolare. A 30cm dalmargine anale interno si realizza stenosi marcata estesa per 4-5 cm con riduzione del lume viscerale a non più di 4mm, L0ispessimento parietale è perlopiù eccentrico, si sviluppa su un terreno diverticolare e presenta le caratteristiche di una stenosi infiammatoria (pseudotumore).
Esternamente ad essa, nel connettivo - adiposo periviscerale, si riscontra piccola formazione di 2,5 cm contenente due bollicine gassose e alcune calcificazioni puntiformi: a questo livello il grasso risulta un poco addensato. Tale rilievo si configura quindi come una complicanza flogistica peridiverticolare, probabilmente ascessuale e con attività infiammatoria non del tutto spenta.
Nel tratto patologico comunque l'intero sigma intermedio mostra pareti un poco ispessite (3 - 4 mm),
A valle, il sigma distale e l'ampolla rettale non presentano lesioni organiche vegetanti.
A monte, il sigma prossimale, il colon discendente, il trasverso e l'ascendente hanno pareti normodistensibili, con haustratura conservata: non lesioni polopoidi sessili o peduncolate.
Cieco in fossa iliaca dx, a pareti lisce. Valvola ileo - ciecale di aspetto labiale, regolare.
Appendice cecale di circa 6 cm, a decorso posteriore e senza anomali ispessimenti di parete.
Non versamento intraperitoneale.
Reperti extracolici: diffuse cisti renali bilaterali, di cui una emorragica al terzo renale medio sin (3,5cm); non calcoli-pielici calcifici.
Conclusioni: patologia stenosante ad origine infiammatoria del sigma che necessità di urgente valutazione chirurgica.

Il medico della dialisi visto il referto dice che quasi sicuramente sarà da operare.

Le mie domande sono:
- L'intervento è pericoloso dato che si tratta di un paziente dializzato?
- si può escludere che si tratti di un tumore maligno oppure se il rischio esiste quante probabilità ci sono?

Grazie
Rispondi Con Citazione
Ti può interessare anche...

  #2 (permalink)  
Vecchio 25-10-2013, 16:24 PM
L'avatar di dottdoriano
Chirurgo Coloproctologo
Pelviperineologo
 
Località: Campania: Napoli ,Pozzuoli(NA)
dottdoriano
 
Nel forum da: Oct 2006
Messaggi: 1.803
Predefinito Riferimento: intervento chirurgico al colon

Citazione:
Originariamente Inviato da 324841 Visualizza Messaggio
Salve, di seguito trascrivo il referto di colonscopia virtuale su paziente ultracinquantenne dializzato:

Colon avente lunghezza complessiva di 160cm, nei limiti, e decorso regolare. A 30cm dalmargine anale interno si realizza stenosi marcata estesa per 4-5 cm con riduzione del lume viscerale a non più di 4mm, L0ispessimento parietale è perlopiù eccentrico, si sviluppa su un terreno diverticolare e presenta le caratteristiche di una stenosi infiammatoria (pseudotumore).
Esternamente ad essa, nel connettivo - adiposo periviscerale, si riscontra piccola formazione di 2,5 cm contenente due bollicine gassose e alcune calcificazioni puntiformi: a questo livello il grasso risulta un poco addensato. Tale rilievo si configura quindi come una complicanza flogistica peridiverticolare, probabilmente ascessuale e con attività infiammatoria non del tutto spenta.
Nel tratto patologico comunque l'intero sigma intermedio mostra pareti un poco ispessite (3 - 4 mm),
A valle, il sigma distale e l'ampolla rettale non presentano lesioni organiche vegetanti.
A monte, il sigma prossimale, il colon discendente, il trasverso e l'ascendente hanno pareti normodistensibili, con haustratura conservata: non lesioni polopoidi sessili o peduncolate.
Cieco in fossa iliaca dx, a pareti lisce. Valvola ileo - ciecale di aspetto labiale, regolare.
Appendice cecale di circa 6 cm, a decorso posteriore e senza anomali ispessimenti di parete.
Non versamento intraperitoneale.
Reperti extracolici: diffuse cisti renali bilaterali, di cui una emorragica al terzo renale medio sin (3,5cm); non calcoli-pielici calcifici.
Conclusioni: patologia stenosante ad origine infiammatoria del sigma che necessità di urgente valutazione chirurgica.

Il medico della dialisi visto il referto dice che quasi sicuramente sarà da operare.

Le mie domande sono:
- L'intervento è pericoloso dato che si tratta di un paziente dializzato?
- si può escludere che si tratti di un tumore maligno oppure se il rischio esiste quante probabilità ci sono?

Grazie
Certo, i rischi operatorii e post operatorii sono maggiori in un paziente con insufficienza renale cronica rispetto ad un paziente in condizioni di salute normali. Un consulto con i nefrologi e con gli anestesisti servirà a quantizzare questi rischi.
Anche se la descrizione conclude, confortandoci, che si tratta di stenosi infiammatoria e che le probabilità che si tratti di un tumore sono bassissime, solo con una visione diretta (sigmoidoscopia)ed eventuali prelievi bioptici è possibile escludere la presenza di aree di malignità.
__________________
Dott. Giuseppe D'Oriano. Telf.3356604112-3475469106. E-mail doriano1955@libero.it
Docente Scuola Speciale ACOI di Coloproctologia. Chirurgo Coloproctologo A.S.L.NA1 PO. S.M.d.P.Incurabili.Napoli
Rispondi Con Citazione
  #3 (permalink)  
Vecchio 31-10-2013, 15:40 PM
L'avatar di 324841
 
324841
 
Nel forum da: Oct 2013
Messaggi: 7
Predefinito intervento chirurgico al colon

Salve, oggi sono arrivato i risultati della biopsia eseguita durante la colonscopia. Ecco il referto:

Dati clinici e quesiti diagnostici:
IRC in lista trapianto. Eseguita in altra sede colonscopia con asportazione di micropolipo sessile. Sospetta MICI. Alla colonscopia sinistra focale iperemia, nel sigma prossimale angolazione rigida, non transitabile.

Campione inviato come:
Sigma prossimale- sigma ditale-retto

Diagnosi:
Mucosa colica con modificazione da prolasso mucoso

Esame macroscopico:
Pervengono su cartqa millimetrata 6 frustoli di mucosa. (campionato da TSLB ND)

Esame miscroscopico:
Il campione in esame risulta costituito da multipli frammenti di mucosa colica, correttamente orientati, che mostrano elementi ghiandolari architetturalmente nella norma e solo nelle biopsie del sigma-retto con lieve dilatazione, ma con corredo di Goblet cells sostanzialmente conservato. Nella lamina propria blando infiltrato infiammatorio sparso non aggressivo sulle strutture ghiandolari, con riscontro nelle biopsie del retto di istiociti schiumosi espressione di prolasso mucoso. Non plasmocitosi basale. Negatica la ricerca per CMV.

Commento:
Il quadro morfologico sovradescritto non permette di confermare la precedente diagnosi di colite ulcerosa; è possible che, al di là dei fenomeni di prolasso mucoso segnalati, la terapia abbia determinato ritorno alla normalità della mucosa; in ogni caso appare opportuna una revisione dei preparati su cui è stata posta la prima diagnosi.



Il paziente è ora in attesa di essere chiamato per la preparazione pre operatoria.

Con questi dati è possibile dire se la probailità di malignità è alta oppure bassa?
Inoltre volevo sapere se le stenosi intestinali nella maggior parte dei casi risultano essere maligne oppure no.

Grazie
Rispondi Con Citazione
  #4 (permalink)  
Vecchio 31-10-2013, 17:59 PM
L'avatar di dottdoriano
Chirurgo Coloproctologo
Pelviperineologo
 
Località: Campania: Napoli ,Pozzuoli(NA)
dottdoriano
 
Nel forum da: Oct 2006
Messaggi: 1.803
Predefinito Riferimento: intervento chirurgico al colon

Con questi ultimi datinon è possibile fare previsioni.
La sola cosa che posso dirle a distanza e che si evince dalla sigmoidoscopia è la presenza di una stenosi. La zona bioptizzata non è quella della stenosi e l'esame istologico conferma in quella zona, a valle della stenosi invalicabile, la mucosa è normale.
Le stenosi non sempre sono di origine neoplastica.
Volendo esprimere un parere, sulle possibilità che tale stenosi sia di origine infiammatoria, dobbiamo rifarci al precedente esame colonscopico virtuale dove descrive tale stenosi come infiammatoria.
Date la ridotte dimensioni del lume, in ogni caso, è necessario intervenire.
__________________
Dott. Giuseppe D'Oriano. Telf.3356604112-3475469106. E-mail doriano1955@libero.it
Docente Scuola Speciale ACOI di Coloproctologia. Chirurgo Coloproctologo A.S.L.NA1 PO. S.M.d.P.Incurabili.Napoli
Rispondi Con Citazione
Rispondi

Strumenti Discussione Cerca in questa Discussione
Cerca in questa Discussione:

Ricerca Avanzata

Regole di Scrittura
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi inviare risposte
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Trackbacks are Disattivato
Pingbacks are Disattivato
Refbacks are Disattivato



Adesso sono le 04:47 AM.


UPVALUE SRL - MILANO
Forum di discussione su argomenti di Salute, Medicina e Benessere

Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2014, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2