ForumSalute - Forum
  #1 (permalink)  
Vecchio 15-10-2009, 18:29 PM
L'avatar di actarus112
Forum Salute - Junior
 
actarus112
 
Nel forum da: Oct 2009
Messaggi: 32

Ablazione si o no?


Salve a tutti.
E' un po' di tempo che navigo in questo forum ma solo oggi mi sono iscritto.
Ho notato che molti si sono ablati ma ho anche costatato che dopo l'operazione si hanno dei problemi di "battiti" non troppo regolari.
Vorrei sapere da coloro che si sono fatti l'ablazione se alla fine di tutto ne è valsa la pena oppure no?

Grazie di "cuore" a tutti.

Aiutiamoci ad aiutarci.

actarus112
Rispondi Con Citazione
Ti può interessare anche...

  #2 (permalink)  
Vecchio 15-10-2009, 19:53 PM
L'avatar di Apollonia
Moderatrice Cuore in Salute
"Siamo tutti guerrieri nella battaglia della vita, ma
alcuni conducono ed altri seguono." Gibran
 
Località: campania
Apollonia
 
Nel forum da: Sep 2009
Messaggi: 21.872
Predefinito Riferimento: Ablazione si o no?

Ciao Actarus,
ho fatto l'ablazione al San Raffaele e non sono pentita.
Ma tu perchè vuoi fare l'ablazione se non hai prima una diagnosi esatta?
Innanzitutto hai fatto un Holter cardiaco?
Facci sapere!
Rispondi Con Citazione
  #3 (permalink)  
Vecchio 16-10-2009, 09:09 AM
L'avatar di actarus112
Forum Salute - Junior
 
actarus112
 
Nel forum da: Oct 2009
Messaggi: 32
Predefinito Riferimento: Ablazione si o no?

Ciao apollonia,
In realtà io non ho grossi problemi (faccio gare in mountain bike e bici da corsa), ma solo qualche tachicardia sporadica che si accentua con il cambio di stagione invernale e "credo" con l'aumentare di stress (almeno così mi sembra).
Ho fatto tutti gli esami possibili (cardio, ecocardio, holter, test da sforzo, tiroide, elettroliti del sangue....tutto ok) rimangono le tachicardie.
Tra i vari cardiologi, l'ultimo mi ha anche ipotizzato la teoria dell'ablazione.
Ma io non ho grandi disturbi da dover fare l'ablazione e così sono rimasto perplesso e mi sono detto di sentire qualcuno sul forum per avere esperienze dirette (che almeno sono vere).
Tutto qui.

Grazie di "cuore".

ciao actarus112


Citazione:
Originariamente Inviato da Apollonia Visualizza Messaggio
Ciao Actarus,
ho fatto l'ablazione al San Raffaele e non sono pentita.
Ma tu perchè vuoi fare l'ablazione se non hai prima una diagnosi esatta?
Innanzitutto hai fatto un Holter cardiaco?
Facci sapere!
Rispondi Con Citazione
  #4 (permalink)  
Vecchio 03-11-2009, 21:20 PM
L'avatar di axel-turner
Junior Member
 
axel-turner
 
Nel forum da: Nov 2009
Messaggi: 27
Predefinito Riferimento: Ablazione si o no?

Citazione:
Originariamente Inviato da actarus112 Visualizza Messaggio
Ciao apollonia,
In realtà io non ho grossi problemi (faccio gare in mountain bike e bici da corsa), ma solo qualche tachicardia sporadica che si accentua con il cambio di stagione invernale e "credo" con l'aumentare di stress (almeno così mi sembra).
Ho fatto tutti gli esami possibili (cardio, ecocardio, holter, test da sforzo, tiroide, elettroliti del sangue....tutto ok) rimangono le tachicardie.
Tra i vari cardiologi, l'ultimo mi ha anche ipotizzato la teoria dell'ablazione.
Ma io non ho grandi disturbi da dover fare l'ablazione e così sono rimasto perplesso e mi sono detto di sentire qualcuno sul forum per avere esperienze dirette (che almeno sono vere).
Tutto qui.

Grazie di "cuore".

ciao actarus112
ciao actarus
come hai deciso poi?
io sono andato al pronto soccorso per tachicardia e dopo gli accertamenti volevano farmi l'ablazione subito. ero molto spaventato e avevo detto di si, ho paura di morire a ogni attacco e sono un po' stanco.
mio fratello però si è messo a cercare in internet e mi ha detto che è un intervento pericoloso, doloroso, e stai per molte ore sotto le radiazioni e allora mi sono ritirato, però ho ancora paura della tachicardia che mi prende all'improvviso. io la farei l'ablazione ma se mi ritrovo con danni al cuore allora mi tengo la tachicardia. tu poi hai fatto l'ablazione? ti è andata bene?

Ultima modifica di axel-turner; 03-11-2009 alle 21:23 PM
Rispondi Con Citazione
  #5 (permalink)  
Vecchio 04-11-2009, 18:52 PM
L'avatar di drhouse
Forum Salute - Expert
 
Località: Toscana
drhouse
 
Nel forum da: Feb 2007
Messaggi: 2.178
Predefinito Riferimento: Ablazione si o no?

Il medico solitamente propone ed il paziente dispone.
Voglio dire che è giusto chiedere informazioni ad altre persone che hanno eseguito l'intervento di ablazione ma,ogni caso è a se,il medico ha solamente ipotizzato un'ablazione non è detto che si debba eseguire. Ovviamente svolgendo indagini con esami strumentali,i medici diranno la sua e tu ovviamente deciderai se farla oppure no,ma sempre sotto consiglio di un medico. Questo è solo il mio modesto pensiero,ma capisco bene la paura o il timore di svolgere un determinato intervento anche se piccolo.
Saluti.
__________________
Dr.House
Medical Division.
Rispondi Con Citazione
  #6 (permalink)  
Vecchio 04-11-2009, 20:04 PM
L'avatar di axel-turner
Junior Member
 
axel-turner
 
Nel forum da: Nov 2009
Messaggi: 27
Predefinito Riferimento: Ablazione si o no?

moderatore, non hai capito!
mio fratello mi ha portato via perchè ha scoperto con internet che l'ablazione è molto pericolosa e che non si fa a una persona che va al pronto soccorso, così, come se fosse una carie ai denti.
io ero talmente spaventato che se non era per mio fratello avrei firmato anche cambiali in bianco che chiunque con un camice bianco mi avesse proposto.
a me non hanno detto niente riguardo i rischi, e ci ho creduto solo perchè mio fratello mi ha portato le stampe da internet dove si spiega cosa è l'ablazione e ho letto racconti di dolori e danni
Rispondi Con Citazione
  #7 (permalink)  
Vecchio 04-11-2009, 23:33 PM
L'avatar di Centaurus
Moderatore
Ciò che il bruco chiama "fine del mondo", per il
resto del mondo è una bellissima farfalla. - L. Tze
 
Località: Lombardia
Centaurus
 
Nel forum da: Oct 2008
Messaggi: 15.772
Predefinito Riferimento: Ablazione si o no?

Citazione:
Originariamente Inviato da axel-turner Visualizza Messaggio
moderatore, non hai capito!
mio fratello mi ha portato via perchè ha scoperto con internet che l'ablazione è molto pericolosa e che non si fa a una persona che va al pronto soccorso, così, come se fosse una carie ai denti.
io ero talmente spaventato che se non era per mio fratello avrei firmato anche cambiali in bianco che chiunque con un camice bianco mi avesse proposto.
a me non hanno detto niente riguardo i rischi, e ci ho creduto solo perchè mio fratello mi ha portato le stampe da internet dove si spiega cosa è l'ablazione e ho letto racconti di dolori e danni
Secondo me quel medico voleva trattenerti per farti ulteriori esami anche perchè nessun cardiologo partirebbe subito dicendoti "ti faccio l'ablazione" senza avere prima in mano una tua storia clinica attestante una patologia non curabile o contenibile farmacologicamente.
Mi sembrerebbe un comportamento da irresponsabile e incompetente ablarti così, di punto in bianco.

Tutte le operazioni hanno un margine di pericolosità o di eventuali danni post operatori. Per questo prima di qualsiasi intervento invasivo al paziente viene fatto firmare un consenso informato e deve anche essere premura dello stesso paziente chiedere tutte le informazioni possibili e immaginabili al dottore che propone un certo tipo di trattamento invasivo.
Io, tutte le volte che faccio un test da sforzo, un elettrofisiologico o la sostituzione del cardioverter devo firmare un consenso informato.

L'ablazione, come tutte le operazioni invasive, ha un margine di pericolosità e di rischio e questo margine è molto soggettivo.
Se praticata in centri idonei e da medici competenti i rischi sono contenuti e in ogni caso se sono medici competenti devono essere in grado di fronteggiare ogni eventualità.

L'eventuale dolore che si potrebbe provare diventa del tutto secondario se l'aspettativa di qualità di vita potrebbe migliorare, e te lo dice una che ne ha passate davvero tante.

In bocca al lupo.
__________________
Nessuno è nato sotto una cattiva stella; ci sono semmai uomini che guardano male il cielo.(Dalai Lama)
È necessario cercare il giusto equilibrio tra il rispetto della propria identità e il riconoscimento di quella altrui.
Leggete e rispettate sempre il Regolamento generale del forum e quello delle varie sezioni.
Rispondi Con Citazione
  #8 (permalink)  
Vecchio 05-11-2009, 14:33 PM
L'avatar di drhouse
Forum Salute - Expert
 
Località: Toscana
drhouse
 
Nel forum da: Feb 2007
Messaggi: 2.178
Predefinito Riferimento: Ablazione si o no?

Scusa Axel...ma io rispondevo a Actarus.
Scusate è colpa mia ho dimenticato di precisare a chi mi rivolgevo.
__________________
Dr.House
Medical Division.
Rispondi Con Citazione
  #9 (permalink)  
Vecchio 05-11-2009, 23:44 PM
L'avatar di axel-turner
Junior Member
 
axel-turner
 
Nel forum da: Nov 2009
Messaggi: 27
Predefinito Riferimento: Ablazione si o no?

Citazione:
Originariamente Inviato da drhouse Visualizza Messaggio
Scusa Axel...ma io rispondevo a Actarus.
Scusate è colpa mia ho dimenticato di precisare a chi mi rivolgevo.
moderatore! ma a te ti pagano apposta per scrivere cose inutili? o è un tuo passatempo nei momenti di noia?
Rispondi Con Citazione
  #10 (permalink)  
Vecchio 05-11-2009, 23:58 PM
L'avatar di axel-turner
Junior Member
 
axel-turner
 
Nel forum da: Nov 2009
Messaggi: 27
Predefinito Riferimento: Ablazione si o no?

Citazione:
Originariamente Inviato da centauro75 Visualizza Messaggio
Secondo me quel medico voleva trattenerti per farti ulteriori esami anche perchè nessun cardiologo partirebbe subito dicendoti "ti faccio l'ablazione" senza avere prima in mano una tua storia clinica attestante una patologia non curabile o contenibile farmacologicamente.
Mi sembrerebbe un comportamento da irresponsabile e incompetente ablarti così, di punto in bianco.
ma gli accertamenti sono stati fatti! ma a me non hanno detto niente sui rischi dell'operazione di ablazione, tutto rose e fiori!! non ho mai preso un farmaco per il cuore e mi vengono a vendere l'intervento risolutivo. poi arriva mio fratello con le pagine stampate da internet, e mi dice che tanto risolutivo non è e grazie a Dio mi porta via. rischi di morte, rischi di fare danni al cuore e mettere un peace-maker per levarmi la tachicardia??? poi leggo che molti ablati hanno qualche disturbo cardiaco dopo l'intervento, strano

mi dici che l'intervento lo deve fare persone competenti?? e come li riconosco i dottori competenti? se gli permettono di sfrugugliare le vene della gente saranno tutti esperti e competenti, spero, ma leggo gente che racconta dolori e interventi lunghi molte ore

il foglietto che ti fanno firmare serve solo per parare il loro c... perchè a me a voce non hanno spiegato un bel niente dei rischi e dal terrore che avevo firmavo anche venti cambiali
Rispondi Con Citazione
  #11 (permalink)  
Vecchio 06-11-2009, 09:15 AM
L'avatar di Centaurus
Moderatore
Ciò che il bruco chiama "fine del mondo", per il
resto del mondo è una bellissima farfalla. - L. Tze
 
Località: Lombardia
Centaurus
 
Nel forum da: Oct 2008
Messaggi: 15.772
Predefinito Riferimento: Ablazione si o no?

Citazione:
Originariamente Inviato da axel-turner Visualizza Messaggio
ma gli accertamenti sono stati fatti! ma a me non hanno detto niente sui rischi dell'operazione di ablazione, tutto rose e fiori!! non ho mai preso un farmaco per il cuore e mi vengono a vendere l'intervento risolutivo. poi arriva mio fratello con le pagine stampate da internet, e mi dice che tanto risolutivo non è e grazie a Dio mi porta via. rischi di morte, rischi di fare danni al cuore e mettere un peace-maker per levarmi la tachicardia??? poi leggo che molti ablati hanno qualche disturbo cardiaco dopo l'intervento, strano
Ascolta, non sono un medico, quindi l'unica persona che davvero può aiutarti a comprendere e capire è un medico, magari proprio quello che ti propose l'intervento.
Di sicuro nessun medico propone un intervento solo perchè non ha di meglio da fare nella vita. Le persone che arrivano a fare l'ablazione sono persone con seri problemi di tachicardie che non sono riusciti a contenere il disturbo con l'ausilio farmacologico. E qui ti sto parlando da persona che lo ha provato sulla propria pelle.
Nessun intervento al mondo è certo senza rischio alcuno e a volte non è neppure risolutivo.
Questo non vuol dire rassegnarsi e accondiscendere a tutte le decisioni prese da un medico. Tu hai un potere decisionale ultimo e questo potere decisionale lo hai fatto valere rifiutando l'operazione.
Guarda che io ho un defibrillatore, non solo un peace maker e ti assicuro che anche se ho sofferto e anche se la mia vita miracolosamente non è tornata come prima, almeno sono viva e vivo normalmente e quando mi sottoposi all'intervento fui io a chiedere tutte le info possibili e loro a renderesi disponibili. Il dolore dell'operazione passa in secondo piano quando in gioco c'è da scegliere tra vivere decentemente sopportando pochi momenti di dolore e paura o non vivere affatto perchè rischio di morire.

Citazione:
mi dici che l'intervento lo deve fare persone competenti?? e come li riconosco i dottori competenti? se gli permettono di sfrugugliare le vene della gente saranno tutti esperti e competenti, spero, ma leggo gente che racconta dolori e interventi lunghi molte ore

il foglietto che ti fanno firmare serve solo per parare il loro c... perchè a me a voce non hanno spiegato un bel niente dei rischi e dal terrore che avevo firmavo anche venti cambiali
Nessuno ha la sfera magica per riconoscere un medico buono da uno cattivo. Non è che i medici cattivi vadano in giro con un campanello appeso al collo come gli appestati. Purtroppo ci si deve fidare.

Se te firmi cambiali in bianco perchè sei terrorizzato non puoi accusare nessuno tranne te stesso.
Sei te che devi chiedere. Purtroppo non tutti i medici trattano i pazienti da persone e li vedono solo come numeri, ma sei te che devi e puoi ricordarglielo facendo domande e informandoti.

Comprendo la tua paura e il tuo risentimento verso questi medici che te dici non ti hanno messo in condizioni di capire, però cerca di non fare allarmismo additando l'ablazione come una sorta sperimentazione alla quale medici incoscienti cercano di spingere le persone.

Io sono stata operata al Monzino di Milano. Questo è un centro fantastico e super accreditato. Lo stesso posso affermare del Maugeri e San Matteo di Pavia.
__________________
Nessuno è nato sotto una cattiva stella; ci sono semmai uomini che guardano male il cielo.(Dalai Lama)
È necessario cercare il giusto equilibrio tra il rispetto della propria identità e il riconoscimento di quella altrui.
Leggete e rispettate sempre il Regolamento generale del forum e quello delle varie sezioni.
Rispondi Con Citazione
  #12 (permalink)  
Vecchio 06-11-2009, 14:01 PM
L'avatar di giulia123
Junior Member
 
giulia123
 
Nel forum da: Sep 2008
Messaggi: 21
Predefinito Riferimento: Ablazione si o no?

poichè vedo che questo thread parla specificatamente di ablazione, riporto qua due miei post sperando, se non di ricevere risposta, almeno che siano utili a chi li leggerà anche in futuro per decidere.

Citazione:
Originariamente Inviato da giulia123 Visualizza Messaggio
Salve a tutti,
sono stata sottoposta ad ablazione per TPSV che si ripeteva sempre più frequentemente da anni.
Durante l’ultima crisi sono stata ricoverata, mi è stato proposto il giorno successivo di ricorrere all’ablazione ed ho accettato.
Durante l’intervento, come riportato dal referto, si è verificata “emergenza di due battiti non retrocondotti pur dopo l’immediata interruzione dell’erogazione” e “si osserva in seguito l’emergenza di ritmo sinusale con bigeminismo atriale sinistro in cui i batti extrasistolici, pur non precoci, vengono bloccati”.
Dopo tre giorni sono stata sottoposta ad holter che ha rilevato 14 battiti mancanti.
Da quello che ho capito, si tratta di una “complicanza”, e che praticamente sono andati a “toccare” una zona che non andava toccata.
Ora a volte avverto una sensazione di mancamento lieve, mi è stato detto che questi battiti mancanti possono essere asintomatici od essere avvertiti.
Ho eseguito un test da sforzo prima di essere dimessa, che non sono riuscita a completare per “esaurimento muscolare”, ma che cmq non ha rilevato alcuna anomalia.
Poiché mi è stato detto che questo tipo di “complicanza”, se non rientra, può richiedere la necessità di impiantare un peace-maker, ovviamente sono molto allarmata e vorrei sapere se a qualcuno di voi, dopo l’ablazione, sono state rilevate anomalie dall’holter simili alle mie (battiti mancanti).
Aggiungo che in tutti gli holter fatti precedentemente all’ablazione è sempre risultato tutto perfettamente normale. Dovrò rifare un holter di controllo tra un mese e mezzo, per vedere come si sviluppa la situazione.


Io questa ablazione non la rifarei. Sono molto preoccupata perchè sull'holter la definizione esatta è "Battiti atrio ventricolari di II grado tipo Mobitz 2 - BAV 2 2:1" e basta andare a cercare in internet cosa sono questi battiti mancanti, per capire perchè il cardiologo mi ha detto in reparto che c'è il rischio di dover applicare un peace-maker per questa "complicanza". Io sono entrata in ospedale dal pronto soccorso, ho spiegato la mia storia di tachicardie frequenti e in aumento, il giorno dopo mi hanno proposto questo intervento. Ho parlato unicamente con il medico che faceva il giro la mattina per le visite, non ho parlato prima dell'intervento con alcuno degli operatori che mi dovevano fare l'intervento, non mi è stato spiegato assolutamente alcun rischio collegato all'intervento, mi è stato detto che potevo scegliere tra un intervento che poteva essere risolutivo o prendere farmaci a vita.
Io non ho insistito per approfondire e avere risposte perchè ero "fuori" del tutto, spaventata, preoccupata che queste crisi potessero diventare pericolose, perchè durante la crisi per cui sono stata ricoverata ho avuto un accenno di svenimento - cioè ho visto buio per qualche momento poi è passato.
Ma penso che non avrebbe dovuto esserci bisogno di avere il coraggio e la forza di chiedere, penso che era doveroso informarmi.
Mi hanno fatto firmare il consenso informato quando ero già entrata in sala di elettrofisiologia, ho chiesto cosa c'era scritto perchè era parecchia roba, mi è stato risposto con una battuta "c'è scritto che ci vediamo poi di là". Questo dieci secondi prima di sdraiarmi sul lettino, quindi qualcuno può immaginare come mi sentissi?
Se mi fosse stato detto quali erano i rischi, incluso quello che poi è capitato a me, ovvero un danneggiamento del "circuito" che manda al cuore l'impulso per battere, e il rischio di dover impiantare un peace-maker, non avrei MAI fatto l'intervento.
Ho anche trovato in internet una pubblicazione medica dove parla dell'ablazione e dei vari studi sui rischi e complicanze, e dice testualmente
"Le complicanze legate alla procedura...sono in gran parte dovute alla curva di apprendimento degli operatori".
Cosa significa? che le complicanze aumentano in modo inversamente proporzionale al grado di esperienza dell'operatore. Io traduco cosi, se mi sbaglio correggetemi voi.
Gli altri qua su questo forum sono tutti molto preoccupati per le extrasistole, che non sono pericolose, e sono io che dico a loro state tranquilli, io di motivi per stare tranquilla non ne ho affatto.
Capisco che quando una "complicanza" capita a uno sconosciuto, è facile reagire così, ma se questo è un thread specifico su questo argomento, in un forum specifico di cardiologia, vorrei capire come mai siete tutti qua solo a darvi pacche sulle spalle x le vostre extrasistole e nessuno abbia tentato il benchè minimo approfondimento sul mio problema, nessuno cenno di perplessità per la "complicanza" verificata sulla mia pelle, nè per la procedura di non-informazione, secondo me scorretta - e che ho segnalato in ospedale - che è stata utilizzata con me.

A chiunque legga anche in futuro, consiglio quello che non ho letto in questo forum: chiedete più pareri, fatevi spiegare ogni cosa, percentuali di successo, "complicanze", procedura esatta dell'intervento, e soprattutto i rischi. Sono tanti, sono anche molto gravi, e valutare se ne vale la pena di correrli spetta a voi, non ai medici.

non condivido definire "complicanza" un problema sorto da "inesperienza dell'operatore".
L'inesperienza genera ERRORI, non COMPLICANZE.

Questi miei post che ho citato sono anche una risposta a quanto scritto da centauro75, che riporto:
Citazione:
Originariamente Inviato da centauro75 Visualizza Messaggio
nessun cardiologo partirebbe subito dicendoti "ti faccio l'ablazione" senza avere prima in mano una tua storia clinica attestante una patologia non curabile o contenibile farmacologicamente.
Mi sembrerebbe un comportamento da irresponsabile e incompetente ablarti così, di punto in bianco..

inoltre vorrei commentare quanto scritto da centauro75:
Citazione:
Originariamente Inviato da centauro75 Visualizza Messaggio
Tutte le operazioni hanno un margine di pericolosità o di eventuali danni post operatori. Per questo prima di qualsiasi intervento invasivo al paziente viene fatto firmare un consenso informato e deve anche essere premura dello stesso paziente chiedere tutte le informazioni possibili e immaginabili al dottore che propone un certo tipo di trattamento invasivo.
Se hai letto i miei post, a me il consenso informato l'hanno fatto firmare in sala di elettrofisiologia prima di sdraiarmi sul lettino. Loro quando me ne sono lamentata hanno insistito a dire che non è vero e che ho firmato in camera davanti a due medici ben prima dell'intervento, ma io ho riferito bene come si è svolta la cosa ed è evidente che non mi sbaglio. Quindi non dare x scontato che avvenga sempre tutto secondo le regole. Nel mio caso sarà stata una dimenticanza, un caso "unico"...ma è successo e quindi penso sia importante non dare niente x scontato e che chi legge qua faccia tesoro anche della mia esperienza x tenere sempre bene gli occhi aperti e il cervello attento, anche quando si è preoccupati e ci si affida a medici competenti.

Citazione:
Originariamente Inviato da centauro75 Visualizza Messaggio
L'ablazione, come tutte le operazioni invasive, ha un margine di pericolosità e di rischio e questo margine è molto soggettivo.
Se praticata in centri idonei e da medici competenti i rischi sono contenuti e in ogni caso se sono medici competenti devono essere in grado di fronteggiare ogni eventualità.
Se vieni ricoverato in ospedale dal pronto soccorso, e ti propongono un intervento per il tuo problema dicendoti che lo ritengono opportuno, tu da cosa valuti se sono "medici competenti" e che ti trovi in un "centro idoneo"?
Per la sanità pubblica non esiste che un ospedale "non idoneo" ti proponga un intervento specifico, o che in reparto ci siano "medici competenti" e "medici non competenti".
In un reparto asl di cardiologia ci sono tutti cardiologi, e chi si trova ricoverato è affidato a medici che hanno l'obbligo di essere "competenti".
Non dovrebbe andare a fortuna, a tua ricerca personale, o ad altro.
Io l'ablazione non la rifarei. Se fossi stata adeguatamente informata su tutti i rischi e "complicanze" (quelle che sono "dovute alla curva di apprendimento degli operatori" ahahaha) non l'avrei mai fatta.

Ciao

Ultima modifica di giulia123; 06-11-2009 alle 14:05 PM
Rispondi Con Citazione
Rispondi

Strumenti Discussione Cerca in questa Discussione
Cerca in questa Discussione:

Ricerca Avanzata

Regole di Scrittura
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi inviare risposte
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Trackbacks are Disattivato
Pingbacks are Disattivato
Refbacks are Disattivato



Adesso sono le 23:58 PM.


UPVALUE SRL - MILANO
Forum di discussione su argomenti di Salute, Medicina e Benessere

Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2014, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2