ForumSalute - Forum
  #1 (permalink)  
Vecchio 22-07-2008, 11:50 AM
L'avatar di Barbara75
Forum Salute - Senior
 
Località: Emilia Romagna
Barbara75
 
Nel forum da: Apr 2005
Messaggi: 222

SCIATICA + CISTI DI TARLOV


Buongiorno, a seguito di continui dolori al gluteo sin. ho eseguito una radiografia del rachide lombo sacrale che ha evidenziato una riduzionde dello spazio tra L5-S1.Sono andata dall'ortopedico-fisiatra che mi ha prescritto accertamenti (TAC L3-S1)e fisiokinesi terapia, trazioni lombari e TENS.
La terapia non ha ridotto la sintomatologia e nel frattempo, essendomi arrivato l'esito della TAC ho consultato il neurochirurgo, in quanto il referto riporta quello già evidenziato dalla radiografia, ovvero lieve protusione discale L5-S1 e presenza di cisti di Tarlov in sede sacrale desumibili dall'aumento delle tasche radicolari e scalloping dell'osso adiacente.
Spaventata dalla presenza di queste cisti, di cui il mio medico curante non aveva mai sentito parlare, sono andata appunto dal neurochirurgo, il quale ritiene le cisti essere asintomatiche e quindi ha concentrato la sua attenzione alla protusione discale: mi ha prescritto di sospendere ogni attività, ciclo di cortisone e solo dopo la terapia farmacologia di fare un'ora al giorno di panca ad inversione per scaricare la zona lombare.
Ho fatto tutto quanto prescritto ma ad oggi la sintomatologia è invariata, con solo un lieve miglioramento nel momento di somministrazione del cortisone.
Ora neurochirurgo e ortopedico sono in ferie fino a dopo ferragosto ed io non so proprio che fare (?)
Ho letto diversi siti che riguardano le cisti di Tarlov e si parla di dolori che possono diventare invalidanti e della classificazione dei tarloviani quali sofferenti di malattia "rara", ma il che significa che le cisti posso essere sintomatiche e come.
Io ad oggi ho dolore al gluteo sin che mi parte dalla cerniera lombosacrale senza irradiarsi alla gamba, dolore in zona sacrale-coggigea che aumenta anche solo con la digito pressione e con dolore alla zona perianale.Inoltre faccio l'impiegata e stare seduta tutto il giorno mi aggrava il dolore: ho provato la ciambella ma mi fa aumentare il dolore al gluteo.
Il neurochirurgo mi aveva detto che nel caso non mi fosse passato mi avrebbe prescritto una RMN per valurare lo stato di edema della zona, non visibile tramite TAC.
Volevo mettermi avanti e prenotarla ora: il dottore mi può consigliare che risonanza fare, con contrasto o senza, e è possibile indagare il segmento L5 sino alla fine del coccige?cosa è meglio indicare in prescrizione?
Se qualcuno, soprattuto il dottore, può aiutarmi ve ne sarei grata.
Grazie
Barbara
Rispondi Con Citazione
Ti può interessare anche...

  #2 (permalink)  
Vecchio 29-07-2008, 10:50 AM
L'avatar di Musorrofiti
Fisioterapista
 
Musorrofiti
 
Nel forum da: Feb 2008
Messaggi: 773
Predefinito

Io come prima cosa le consiglio di continuare a fare la panca ad inversione pure ad agosto per continuare a mantenere la decompressione vertebrale. Se riesce associ pure dello stretching del rachide in maniera graduale.
Per quanto riguarda il problema di stare molte ore seduta le consiglio di provare ad indossare un bustino gonfiabile che le dovrebbe attenuare i dolori.
Infine le dico di aspettare quello che dice il neurochirurgo, solo lui sa bene che tipo di esame le serve in questo momento, quindi abbia pazienza.
In bocca al lupo e mi tenga aggiornato.

Per informazione sulle cisti di tarlov :
In breve tali cisti - in diversi casi multiple - sono formazioni/escrescenze dell’aracnoide, piene di liquido cerebro-spinale, localizzate soprattutto sulle radici posteriori dei nervi – in particolare a livello del sacro – e talvolta su quelle anteriori. Alcune cisti crescono intorno alle radici nervose incorporandole, altre non contengono radici.

Il dolore può essere causato dalla pressione che esercitano sul nervo adiacente o anche dalla forza idrostatica del liquido cerebro-spinale. Le pulsazioni del liquor esercitano una pressione sui nervi contenuti nella cisti, o sulla parete aracnoidea, provocando l’aumento di volume della cisti e/o danneggiando il nervo e le sue derivazioni.

La severità dei sintomi, che variano da caso a caso, in genere è progressiva e può andare dal dolore più o meno localizzato (alla radice del nervo, ai glutei, agli arti inferiori talvolta con estensione antero-laterale, all’addome), al malfunzionamento degli organi e delle funzioni di cui il nervo coinvolto è responsabile. Uno dei casi di patologia correlata, per esempio, è la neuropatia del pudendo con tutto ciò che ne consegue.

Rispondi Con Citazione
Rispondi

Strumenti Discussione Cerca in questa Discussione
Cerca in questa Discussione:

Ricerca Avanzata

Regole di Scrittura
Tu non puoi inviare nuove discussioni
Tu non puoi inviare risposte
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

Il codice BB è Attivato
Le faccine sono Attivato
Il codice [IMG] è Attivato
Il codice HTML è Disattivato
Trackbacks are Disattivato
Pingbacks are Disattivato
Refbacks are Disattivato



Adesso sono le 02:24 AM.


UPVALUE SRL - MILANO
Forum di discussione su argomenti di Salute, Medicina e Benessere

Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2014, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2