ForumSalute

Diabete: informazione, prevenzione e gestione della malattia

Diabete: informazione, prevenzione e gestione della malattia

12-11-2014 - scritto da Patrizia F.

Differenze tra diabete di tipo 1 e diabete di tipo 2, cause e conseguenze della patologia

L'importanza di conoscere i fattori di rischio per il diabete e porvi rimedio

Diabete: informazione, prevenzione e gestione della malattia Con il nome di diabete mellito si indica un insieme di patologie e condizioni che, se non trattate, conducono a una eccessiva presenza di zuccheri nel sangue, detta iperglicemia.

In Italia, secondo recenti stime sono 4 milioni i soggetti affetti da diabete. Solo 3 milioni, però, sanno di avere questa patologia e ancora meno sono coloro i quali si sono attivati per tenerla sotto controllo. In percentuale, questo significa che l’1,6% della popolazione è affetto da diabete, ma non gli è ancora stato diagnosticato. Il 4,3% della popolazione italiana, circa 2,6 milioni di persone, ha invece difficoltà a mantenere sotto controllo la glicemia, una condizione, questa, che nella maggior parte dei casi conduce allo sviluppo del diabete. Nel 2030, infatti, secondo le stime di Diabete Italia, saranno 5 milioni nel nostro Paese le persone affette da diabete.

Le cause del diabete
Questa tendenza all’aumento costante della diffusione del diabete è provocata dai cambiamenti nello stile di vita associate allo sviluppo economico. Tra le cause principali, alcune modifiche (negative) alla qualità e quantità degli alimenti consumati (cioè si tende a mangiare sempre di più e sempre peggio) e tipologie di lavoro e di spostamento che richiedono un minor dispendio energetico, consentendo o costringendo a stare molte ore seduti e fermi. Queste modifiche dello stile di vita conducono spesso a problematiche come sovrappeso e obesità, che facilmente conducono al diabete. Inoltre, molto probabilmente, queste condizioni innescano una tendenza geneticamente ereditata allo sviluppo del diabete.

I diversi tipi di diabete
Il diabete è una patologia che si manifesta in diverse forme. La forma di gran lunga più comune è il diabete di tipo 2, comunemente noto anche con i nomi di diabete dell’anziano o diabete alimentare o con le abbreviazioni DM2 o T2DM. Si manifesta generalmente dopo i 40 anni e soprattutto nei soggetti in sovrappeso o obesi, ha una evoluzione lenta e spesso priva di sintomi e provoca una graduale perdita della capacità di controllare l’equilibrio della glicemia (le quantità di zuccheri nel sangue).

Il diabete di tipo 1 è invece provocato da una reazione autoimmunitaria che colpisce le beta cellule del pancreas produttrici di insulina, che è la sostanza necessaria a fare entrare il glucosio nelle cellule. I soggetti affetti da diabete di tipo 1 devono quindi assumere insulina da fonti esterne e mantenere sempre la quantità giusta nel sangue. Questa forma della patologia insorge prevalentemente in età pediatrica e colpisce ad oggi circa 100 mila bambini e ragazzi in Italia.

Tra le altre forme di diabete figurano il diabete gestazionale (anche detto diabete gravidico o GDM), una forma temporanea della patologia che interessa le donne in gravidanza a partire dal secondo trimestre; ancora, il Lada, una forma della malattia che si colloca a metà tra il diabete di tipo 1 e quello di tipo 2 (insorge dopo i 40 anni, come il tipo 2, ma conduce ad una completa insulinodipendenza, come il tipo 1); c'è poi il Mody, un insieme di condizioni che generalmente caratterizzano determinati ceppi familiari. Esiste infine il diabete secondario, cioè provocato da un’altra patologia, da una terapia o da un incidente.

Conseguenze del diabete
Se non trattato correttamente, il diabete può portare a conseguenza anche gravi, come malattie coronariche (l’infarto o l’angina sono da due a quattro volte più frequenti nei soggetti diabetici), retinopatie, glaucoma, cataratta e cecità, disfunzioni circolatorie e neuropatie che possono condurre anche alla necessità di amputazioni, nefropatie (cioè malattie del rene) che, se non trattate, possono rendere necessario il ricorso alla dialisi.

Sintomi del diabete
I sintomi che indicano l’insorgenza del diabete sono diversi a seconda del tipo della malattia. Nel caso del diabete di tipo 1, per esempio, solitamente i sintomi sono inaugurati da un episodio di febbre alta e poi includono sete (polidipsia), aumento della quantità delle urine (poliuria), perdita di peso, stanchezza frequente e facilità di comparsa di infezioni. Nel caso del diabete di tipo 2 invece, i sintomi sono più sfumati e per questo non sempre si arriva ad una diagnosi rapida. Per questo è importante sottoporsi a controlli regolari della glicemia in modo da individuare tempestivamente livelli elevati.

Prevenzione
Una alimentazione sana e una regolare attività fisica sono le principali armi a nostra disposizione contro l’insorgenza del diabete, che come detto è provocato in gran parte da cattive abitudini alimentari, vita sedentaria, sovrappeso e obesità. L’alimentazione costituisce inoltre uno dei pilastri della cura del diabete non solo di tipo 2 ma anche di tipo 1: la terapia con insulina infatti richiede di mantenere il giusto equilibrio tra la quantità di carboidrati che si assumano con i pasti e la quantità di insulina da somministrare. È inoltre bene ricordare che il diabete di tipo 1 non è un limite allo svolgimento di qualsiasi tipo di attività fisica.

La Giornata Mondiale del Diabete
La Giornata Mondiale del Diabete è stata istituita nel 1991 dall’OMS (l’Organizzazione Mondiale della Sanità) e dall’International Diabetes Federation con lo scopo di sensibilizzare e informare sulla prevenzione e la gestione del diabete. In oltre 400 città in Italia ci saranno eventi dedicati a questo tema e, presso gazebo e banchetti presidiati dai volontari, sarà possibile valutare i propri fattori di rischio per lo sviluppo della malattia e ricevere materiale informativo sulla prevenzione. Tutte le informazioni sugli eventi in programma sono disponibili sul sito della Giornata Mondiale del Diabete.

Foto: Giornatadeldiabete.it


A cura di Patrizia F.
ForumSalute / Allergia e Salute / Rinite allergica: fai il test
ForumSalute: Facebook / Twitter / Google+
Allergia e Salute: Facebook / Twitter / Google+



Articoli che potrebbero interessarti

Mal di stomaco: 20 cause possibili

Mal di stomaco: 20 cause possibili

Il mal di stomaco è uno dei disturbi più comuni che possono colpirci. C’è chi lo sperimenta spesso, magari perché soffre di acidità gastrica o di reflusso esofageo, e chi si accorge di avere un...

17/10/2017 - scritto da Paola P.

Il megacolon tossico: cos'è e come si cura

Il megacolon tossico: cos'è e come si cura

  Il megacolon tossico è una condizione per fortuna molto rara che può sfociare nel blocco intestinale. Si verifica quando il tratto finale dell’intestino, il colon, diventa ipertrofico dilatandosi e...

26/09/2017 - scritto da Paola P.

Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Credits

CHIUDI
POTREBBERO INTERESSARTI
CISTITE: LE REGOLE PER UN SESSO SICURO

Bruciore intimo, irritazione e stimolo frequente a fare pipì possono mettere in pericolo l'intimità e la sessualità di coppia. Ritrova il piacere e la passione... così!
Ecco i rimedi.
DIMAGRIRE CON I PROBIOTICI

Lo dice la scienza: una flora batterica intestinale sana sarebbe alla base dell'equilibrio del peso corporeo. Se vuoi tornare in forma, punta sulla dieta probiotica!
Leggi tutto.

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X