ForumSalute

Dieta FodMAP: quali evidenze scientifiche?

Dieta FodMAP: quali evidenze scientifiche?

16-11-2016 - scritto da Angela Nanni

Cos'è la dieta FodMAP e quali studi scientifici ne sostengono l'efficacia in termini di riduzione del gonfiore, della fermentazione intestinale e di accumulo di aria nella pancia.

Una dieta FodMAP può dare sollievo a chi soffre di gonfiore da alimenti e problemi intestinali.

Quando si parla di dieta FodMAP (Fermentable Oligosaccharides, Disaccharides, Monosaccharides and Polyols) ci si riferisce a un regime alimentare, ideato da un gruppo di ricercatori australiani, che prevede l’esclusione dall’alimentazione dei carboidrati a catena corta. Di cosa si tratta? Di alimenti che vengono normalmente assorbiti in maniera incompleta nel tratto gastrointestinale e che possono quindi indurre fermentazione intestinale con irritazione, formazione di gas, gonfiore, diarrea o costipazione.

 

  • Gli oligosaccaridi comprendono: i fruttani e i galattani
  • I disaccaridi: il lattosio
  • I monosaccaridi: il fruttosio e i polioli
  • I polialcoli comprendono molecole come: il sorbitolo, il mannitolo, lo xilitolo e il maltilolo

 

Una dieta FodMAP prevede l’esclusione di cibi come il grano, le cipolle, i legumi, il latte, il miele, le mele e i dolcificanti artificiali quali sorbitolo e mannitolo.

 

Seguire tali norme di restrizione dietetica dovrebbe portare sollievo a chi soffre di patologie intestinali come:

 

L’eliminazione di questi alimenti dovrebbe consentire una minore contaminazione batterica a livello del colon e in particolare un miglioramento della flora batterica residente, con minore produzione di gas. Di qui una sensibile riduzione del gonfiore intestinale, della costipazione o al contrario della diarrea.

 

L’eliminazione di tali alimenti consente di sopperire, inoltre, anche alla mancanza di enzimi digestivi che scindono questi zuccheri e quindi anche in questo caso è una strategia che serve per prevenire il corteo sintomatologico caratteristico delle sindromi intestinali.

 

Gli studi scientifici a supporto della dieta FodMAP non sono numerosi e sono tutti stati effettuati su piccoli gruppi di pazienti e per periodi di tempo brevi; un recente studio di revisione, di più ampio respiro, ha concluso che tale regime alimentare si può consigliare solo a pazienti estremamente determinati a risolvere il corteo sintomatologico gastrointestinale che li affligge e comunque solo sotto supervisione di un dietista esperto, soprattutto perché non vi sono studi di sostegno che spieghino per quanto tempo andrebbe seguita questa dieta e quando si possano evidenziare chiaramente i primi miglioramenti, ammesso che ve ne siano.




A cura di Angela Nanni, farmacista regolarmente iscritta all'albo dal 2005

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

Profilo del medico - Angela Nanni

Nome:
Angela Nanni
Occupazione:
Farmacista, Specialista in comunicazione medico scientifica
Specializzazione:
Farmacia
Contatti/Profili social:
email


Articoli che potrebbero interessarti

Video: curiosità pazzesche sul meteorismo

Video: curiosità pazzesche sul meteorismo

Il meteorismo ha molte cause. Tra le principali senz'altro la cattiva alimentazione e alcune pessime abitudini come quella di mangiare di fretta e voracemente, magari fumando tra una portata e l'altra, masticando poco i...

26/04/2017 - scritto da Francesca F. Salute

Sintomi, diagnosi e cure della sindrome di Dunbar

Sintomi, diagnosi e cure della sindrome di Dunbar

olpisce soprattutto donne giovani e di esile costituzione con sintomi spesso confusi con altre più comuni patologie gastroenteriche tra cui la sindrome dell’intestino irritabile. E invece la sindrome di Dunbar, anche detta...

13/02/2017 - scritto da Paola P.

Dolore all'addome, tutte le cause

Dolore all'addome, tutte le cause

  Dolore all'addome, mal di pancia, mal di stomaco, alla milza, ecc.: tanti modi diversi per indicare un sintomo molto frequente a tutte le età. Stabilire quali sono le cause dei dolori addominali non è...

21/12/2016 - scritto da Cinzia I.

Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Credits

CHIUDI
POTREBBERO INTERESSARTI
Spotting: devi preoccuparti?

"Strane" perdite di sangue tra una mestruazione e l'altra? Lo spotting è un fenomeno comune, non sempre un problema. Ma non minimizzarlo!

Ecco le cause.
Pausa pranzo velocissima?

Al lavoro hai una pausa pranzo di pochi minuti? Mangi davanti al pc o in piedi al volo in negozio? Ecco i cibi su cui devi puntare per restare in forma.

Prenditi un break!

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X