ForumSalute

Flebologia e safenectomia

Flebologia e safenectomia

06-07-2011 - scritto da ugo attanasio

Qualche consiglio per chi soffre di varici

Flebologia e safenectomia

La flebologia, lo sapete si occupa di vene, e quando si parla di vene, si pensa subito alle varici degli arti inferiori.

Le varici sono più frequenti nelle donne che negli uomini, pensate che in Italia, e nei paesi industrializzati in genere, circa il 10% della popolazione soffre di varici degli arti inferiori.

Le vene degli arti inferiori, sono provviste di valvole, che permettono il passaggio del sangue solo verso il cuore (verso l'alto) e impediscono il reflusso, cioè che il sangue torni indietro. Quando per varie cause, le valvole non funzionano più bene, avremo un reflusso e una dilatazione delle vene.

Il ristagno di sangue provoca vari disturbi, quali gonfiore e senso di pesantezza, specie la sera o dopo essere stati a lungo in piedi, e col passare del tempo e l'aggravarsi della malattia, potremo avere varie complicanze, tromboflebiti, ulcere varicose, ecc.

L'esame più accurato per diagnosticare tale patologia è l'ultrasonografia doppler, che riesce ad evidenziare il reflusso nelle vene malate. L'unica cura efficace per questa patologia è quella chirurgica, che consiste nella asportazione delle stesse. E dato che i pazienti in genere sono donne, e spesso anche giovani, è importante che la chirurgia delle vene sia quanto più possibile attenta all'estetica.

Il contributo maggiore in tal senso lo ha dato Muller, ideatore della "varicectomia per microincisioni". Grazie a degli uncini particolari (ma io pensate che uso quelli da uncinetto numero 7), è possibile asportare alcune varici tramite delle incisioni di appena 1 millimetro di larghezza ed in anestesia locale, con un risultato estetico straordinario.

Qualche consiglio a chi soffre di varici:
- Evitate di stare troppo tempo fermi in piedi,
- Evitate di esporre le gambe al sole
- Cercate di dormire con un cuscino sotto le caviglie
- Se dovete rimanere seduti a lungo stendete le gambe
- E se proprio non volete ricorrere alla terapia chirurgica, fatevi prescrivere calze elastiche adeguate dal vostro flebologo di fiducia.

LA SAFENECTOMIA

Per safenectomia intendiamo la asportazione della safena. La safena come saprete origina al malleolo interno e percorre tutta la gamba e la coscia mediamente fino ad arrivare alla piega inguinale e a congiungersi con la vena femorale. L'intervento consiste nell'effettuare una incisione di circa 2-3 cm nella piega inguinale ed 1 incisione di 5 millimetri al malleolo interno o appena sotto il ginocchio, la safena viene quindi isolata, incannulata con una sonda di plastica e poi tirata via (stripping).

La anestesia che io preferisco è il blocco Femorale con 15/20 cc di naropina al 7.5%. Si tratta di fare una puntura nell'inguine sul nervo femorale assolutamente indolore. Nel nostro piccolo ma confortevole e moderno ospedale a Sessa Aurunca in provincia di Caserta normalmente effettuamo questo intervento in day surgery, il paziente si ricovera la mattina dell'intervento e la sera torna a casa.Subito dopo l'intervento facciamo indossare al paziente una calza elastica che andrà portata per circa 20 giorni Non e' necessario neanche tornare per togliere i punti perchè in genere eseguo una sutura intradermica con biosyn 4/0 che si riassorbe spontaneamente.

Profilo del medico - ugo attanasio

Nome:
Ugo Attanasio
Comune:
sessa aurunca
Telefono:
0823934111
Professione:
Medico Ospedaliero
Occupazione:
chirugo ospedaliero
Specializzazione:
Chirurgia d'urgenza, Diagnostica vascolare e Flebologia
Contatti/Profili social:
sito web


Articoli che potrebbero interessarti

Mal di stomaco: 20 cause possibili

Mal di stomaco: 20 cause possibili

Il mal di stomaco è uno dei disturbi più comuni che possono colpirci. C’è chi lo sperimenta spesso, magari perché soffre di acidità gastrica o di reflusso esofageo, e chi si accorge di avere un...

17/10/2017 - scritto da Paola P.

Il megacolon tossico: cos'è e come si cura

Il megacolon tossico: cos'è e come si cura

  Il megacolon tossico è una condizione per fortuna molto rara che può sfociare nel blocco intestinale. Si verifica quando il tratto finale dell’intestino, il colon, diventa ipertrofico dilatandosi e...

26/09/2017 - scritto da Paola P.

Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Credits

CHIUDI
POTREBBERO INTERESSARTI
CISTITE: LE REGOLE PER UN SESSO SICURO

Bruciore intimo, irritazione e stimolo frequente a fare pipì possono mettere in pericolo l'intimità e la sessualità di coppia. Ritrova il piacere e la passione... così!
Ecco i rimedi.
DIMAGRIRE CON I PROBIOTICI

Lo dice la scienza: una flora batterica intestinale sana sarebbe alla base dell'equilibrio del peso corporeo. Se vuoi tornare in forma, punta sulla dieta probiotica!
Leggi tutto.

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X