ForumSalute

Obesità: e se fosse colpa di un’intolleranza alimentare?

Obesità: e se fosse colpa di un’intolleranza alimentare?

14-12-2016 - scritto da Francesca F. Salute

L'intolleranza alimentare causa uno stato di infiammazione che porta, nel tempo, a resistenza all'insulina e depositi di grasso.

L'infiammazione costante impedisce la perdita di peso.

 

 

Per dimagrire le hai provate tutte. Ti sei sottoposto a una dieta rigorosa e hai seguito un programma intenso di attività fisica, eppure quei chili di troppo non se ne sono andati. L’aumento di peso e la difficoltà a perderlo potrebbero dipendere dalla presenza di un’intolleranza alimentare.

 

INTOLLERANZA PORTA A INFIAMMAZIONE

L’intolleranza alimentare è una reazione avversa nei confronti di un alimento, o una sostanza in esso contenuto, che l’organismo non riesce a digerire perché è scarso o assente l’enzima responsabile del suo metabolismo.

L’alimento, quindi, si accumula nell’intestino e provoca una risposta infiammatoria costante e di grado lieve che va a stimolare anche l’attività del sistema immunitario.

Questa catena di eventi è responsabile della comparsa di sintomi gastrointestinali e cutanei che si manifestano nel tempo, a differenza dei disturbi legati alle allergie alimentari che invece compaiono immediatamente dopo aver ingerito l’allergene.

 

 

INFIAMMAZIONE PORTA RESISTENZA ALL'INSULINA

La risposta infiammatoria causata dall’intolleranza alimentare attiva il sistema immunitario e interferisce con l’azione dell’insulina nel controllo degli zuccheri nel sangue. Si arriva, così, ad una condizione di resistenza all’insulina in cui le cellule dell’organismo sono meno sensibili alla sua azione e non richiamano gli zuccheri dal sangue, causando un aumento della glicemia.

A questo punto, gli zuccheri vengono accumulati sotto forma di depositi di grasso, in previsione di momenti in cui l’organismo avrà bisogno di calorie ed energia da spendere. Ecco qui che il tessuto grasso si espande e il peso corporeo aumenta

 

OBESITA' PORTA A INFIAMMAZIONE, E IL CERCHIO SI CHIUDE

Il tessuto grasso è un tessuto vivo, in grado di intervenire nelle risposte immunitaria e infiammatoria. Durante la resistenza all’insulina, gli zuccheri del sangue in eccesso vengono stipati nelle cellule di grasso, che raggiungono dimensioni eccessive, fino a scoppiare e scatenare a loro volta una reazione infiammatoria. Più la condizione di sovrappeso e obesità è grave, maggiore sarà l’infiammazione.

 

PERCHE' SI DIVENTA INTOLLERANTI?

Anche una dieta sbagliata, monotona e poco bilanciata nel tempo può portare a intolleranza alimentare. Ad esempio, se alla colazione composta di biscotti o merendine segue un pranzo veloce con un panino e la sera ceni con una pizza o un piatto di pasta, a fine giornata avrai assunto una quantità elevata di carboidrati, con il risultato di una richiesta di sforzo digestivo che il tuo organismo potrebbe non sostenere e la conseguenza di non riuscire a digerire parte di quei carboidrati.

Se sospetti un’intolleranza alimentare è meglio rivolgerti ad uno specialista, l’allergologo, che attraverso test diagnostici specifici può inquadrare il problema e proporre l’intervento più corretto al caso: questo potrebbe essere la temporanea riduzione dell’alimento o degli alimenti che “ti danno fastidio”, per poi valutare gli effetti dell’esclusione, ma anche l’assunzione di enzimi digestivi che mancano al tuo organismo e che, se integrati, possono darti una mano a digerire completamente quei cibi.


 

Articolo consigliato da Endofit Gas Control, l’associazione di enzimi naturali che ti consente un’alimentazione più libera e completa. Disponibile in farmacia.

 

Intolleranza ai carboidrati complessi? Prova Endofit Gas Control.

Il tuo problema è una difficoltà a digerire cibi come pasta, pane, legumi, frutta e verdura? Assumi gli enzimi per digerirli al meglio e accresci il tuo benessere!

Endofit Gas Control è un’associazione di enzimi naturali che può essere di aiuto nelle “diete da esclusione”, perché favorisce la digestione e agisce all’origine sulla formazione del gonfiore addominale. Per un’alimentazione più sana e un maggior benessere intestinale

 

Ordina Endofit Gas Control in farmacia.

 


 

Scoprire un’intolleranza alimentare significa soprattutto poter iniziare a impostare una dieta corretta, a vantaggio di una diminuzione dell’infiammazione e la risoluzione di sintomi che vanno dalla pancia gonfia al meteorismo, dalla diarrea alla stitichezza, dal malessere generale fino all'aumento di peso.

Se l’intolleranza alimentare è la causa della tua difficoltà a dimagrire, riducendo l’alimento non tollerato o assumendo dall’esterno gli enzimi di cui hai bisogno per digerirlo completamente, potresti veder scendere il gonfiore e anche l’ago della bilancia.

 

Leggi anche:

I test per l’intolleranza alimentare

I sintomi delle intolleranze alimentari

La differenza tra allergia e intolleranza alimentare

Leggi tutti gli articoli della rubrica dedicata ad enzimi & digestione




A cura di Francesca F. Salute
ForumSalute
Forumsalute su Facebook
Forumsalute su Twitter
ForumSalute su Google+
Francesca F. Salute su Google+



Articoli che potrebbero interessarti

Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Credits

CHIUDI
POTREBBERO INTERESSARTI
PANCIA GONFIA ADDIO IN 90 GIORNI

Hai la pancia sempre gonfia, dopo i pasti e per tutto il giorno? Il programma Ciao Pancia Gonfia può aiutarti a liberartene insegnandoti a rivedere alimentazione e stile di vita.
Scopri di più.
W L'ESTATE SENZA CISTITE

Finalmente al mare, ma tra sabbia e costume bagnato le infezioni alle vie urinarie sono in agguato. Vuoi evitare che la cistite ti rovini le vacanze?
Segui i consigli!

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X