ForumSalute

Rischi connessi ad un uso improprio del testosterone

Rischi connessi ad un uso improprio del testosterone

05-03-2014 - scritto da Angela Nanni

Rischi connessi ad un uso improprio del testosterone


Acquistarlo su internet può essere fin troppo facile, ma un uso improprio può addirittura raddoppiare il rischio infarto



Già a metà del 2013 un articolo pubblicato sulla rivista JAMA Internal Medicine aveva sottolineato come negli ultimi 10 anni sono triplicate le prescrizioni di testosterone, forse per la sempre maggiore disponibilità di formulazioni in gel e integratori alimentari a base di questo ormone, tutti prodotti che promettono di aumentare l’impulso sessuale e la forza muscolare. Molto spesso chi utilizza queste preparazioni, però, ignora gli effetti collaterali connessi con l’uso del testosterone come infertilità, calvizie, ginecomastia e aumento della probabilità di sviluppare cancro alla prostata.

Un altro studio recentemente condotto presso il  Consolidated Research, lo US National Cancer Institute e la University of California a Los Angeles (UCLA) ha sottolineato come l’utilizzo di testosterone possa addirittura raddoppiare il rischio di avere un infarto e come tale impennata di rischio si possa registrare già soli novanta giorni dopo l’inizio dell’utilizzo di formulazioni a base di testosterone che si prendano per via orale, iniettiva, come gel o come patch sia negli over 65 che negli uomini più giovani. Lo studio pubblicato su JAMA a metà del 2013 aveva coinvolto circa 10 milioni di uomini americani con più di 40 anni: il 2,3% dei 40.enni intervistati hanno ammesso di assumere testosterone in qualche forma, mentre a farne uso sono il 3,75% negli uomini con più di 65 anni; molti degli intervistati hanno ammesso di aver acquistato le formulazioni a base di testosterone direttamente sul web e senza bisogno di prescrizione medica.

Nello studio del Consolidate Research sono stati analizzati i dati di 56000 cartelle cliniche di uomini in terapia con testosterone: 48000 di loro erano uomini con meno di 65 anni. Il rischio infarto per i pazienti in terapia è raddoppiato sia per i pazienti con più di 65 anni, ma anche per quelli con meno di 65 anni, ma con alle spalle già problemi cardiovascolari e tale impennata di rischio è stata rilevata già dopo 90 giorni dall’inizio della terapia. Questo studio deve essere sicuramente ulteriormente approfondito, anche perché con questi dati a disposizione, non è possibile affermare se l’utilizzo di integratori alimentari a base di testosterone in persone sane, senza problemi cardiovascolari, con meno di 65 anni siano effettivamente sicuri e vista l’estrema diffusione di questi integratori, è un dato che va sicuramente acquisito con certezza.

Molto probabilmente l’utilizzo del testosterone promuove la coagulazione sanguigna e quindi, i problemi cardiovascolari preesistenti anche in uomini giovani o l’età superiore ai 65 anni, due fattori che creano di per sé un restringimento del letto vascolare, determinano un aumento del rischio infarto. Il fatto che desta maggiore preoccupazione, comunque, resta l’estrema facilità con cui è possibile accedere a formulazioni a base di testosterone che spesso vengono propagandate non solo per aumentare l’impulso sessuale, ma anche per aumentare l’energia fisica: succede che gli uomini facciano ricorso al testosterone in maniera del tutto impropria, quando invece, la loro mancanza di energia può dipendere da qualche forma di depressione che non vogliono ammettere o da problemi tiroidei.

Jacques Baillargeon, PhD; Randall J. Urban, MD; Kenneth J. Ottenbacher, PhD, OTR; Karen S. Pierson, MA; James S. Goodwin, MD . Trends in Androgen Prescribing in the United States, 2001 to 2011. JAMA Intern Med. 2013;():1-2. doi:10.1001/jamainternmed.2013.6895
Finkle WD, Greenland S, Ridgeway GK, Adams JL, Frasco MA, Cook MB, Fraumeni JF Jr, Hoover RN. Increased risk of non-fatal myocardial infarction following testosterone therapy prescription in men. PLoS One. 2014 Jan 29;9(1):e85805. doi: 10.1371/journal.pone.0085805. eCollection 2014.





A cura di Angela Nanni, farmacista regolarmente iscritta all'albo dal 2005

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+



Articoli che potrebbero interessarti

Il megacolon tossico: cos'è e come si cura

Il megacolon tossico: cos'è e come si cura

  Il megacolon tossico è una condizione per fortuna molto rara che può sfociare nel blocco intestinale. Si verifica quando il tratto finale dell’intestino, il colon, diventa ipertrofico dilatandosi e...

26/09/2017 - scritto da Paola P.

Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Credits

CHIUDI
POTREBBERO INTERESSARTI
CISTITE: LE REGOLE PER UN SESSO SICURO

Bruciore intimo, irritazione e stimolo frequente a fare pipì possono mettere in pericolo l'intimità e la sessualità di coppia. Ritrova il piacere e la passione... così!
Ecco i rimedi.
DIMAGRIRE CON I PROBIOTICI

Lo dice la scienza: una flora batterica intestinale sana sarebbe alla base dell'equilibrio del peso corporeo. Se vuoi tornare in forma, punta sulla dieta probiotica!
Leggi tutto.

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X