ForumSalute

“Uria”, che tormento: piccolo glossario dei problemi di diuresi

“Uria”, che tormento: piccolo glossario dei problemi di diuresi

15-06-2017 - scritto da Francesca F. Salute

Pensa a una parola che finisce per “uria”: anguria? No, quella semplicemente ti fa fare tanta pipì. Qui invece ti spieghiamo le vere PROBLEMATICHE legate alla pipì.

Nicturia, pollachiuria, disuria, nicturia ecc.: tecnicamente si chiamano alterazioni della diuresi e hanno nomi che finiscono quasi tutti per “uria”.

 

Hai presente il classico tormentone? Quella canzone che ti perseguita per tutta l’estate o quel personaggio protagonista di barzellette e sketch umoristici, di cui non ne puoi più e che invece ritorna, ritorna e ritorna. Ecco, anche l’”uria” puoi immaginarla come un tormentone. Ti è mai capitato di avere qualche problemino di diuresi? Sì? Allora sai di cosa stiamo parlando: di un fastidio o una serie di fastidi correlati all’urina abbondante, scarsa, assente, notturna, dolorosa e così via. Quando questi problemi si presentano sono proprio un tormento ma, conoscendoli, li puoi affrontare, controllare e curare.

 

I disturbi urinari non fanno distinzione di età e, dunque, possono riguardare anche te. Il messaggio che vogliamo lanciarti è: stai in campana se avverti qualche cosa di strano quando fai la pipì, cioè qualcosa di diverso dalla normale produzione di urina che in condizioni di buona salute dovrebbe essere di circa 1.000/2.500 ml espulsi in 4-8 minzioni al giorno (la media è di 5 minzioni). Se così non è, potresti avere uno dei seguenti problemi.   

 


 

Articolo promosso da Cose da Uomo, il programma GRATUITO che ti insegna a prenderti cura della tua prostata e delle tue vie urinarie in 60 giorni.

 

La tua prostata perde i colpi? E' ora di prenderti cura di lei!

Segui i consigli del programma Cose da Uomo pensato per la tua prostata e le tue vie urinarie. Registrarsi è semplice e GRATUITO.

Grazie al programma Cose da Uomo ricevi informazioni preziose per la tua salute intima. Fatti accompagnare in un percorso di cambiamento dei tuoi comportamenti, con consigli utili che, abbinati all'utilizzo di un preparato naturale come INFURIN CONTROL, ti permetteranno di raggiungere una migliore qualità di vita!

Con i suoi principi attivi naturali, INFURIN CONTROL è il prodotto sicuro ed efficace per il benessere delle tue vie urinarie.


INFURIN CONTROL e Cose da Uomo: insieme, per il benessere maschile.

 


 

POLIURIA: capita quando la produzione di pipì aumenta così tanto da superare i 2 litri nelle 24 ore e di conseguenza anche le minzioni possono oltrepassare la soglia di 8. Non giustificare il problema dicendoti che nella giornata hai bevuto eccessivamente, perché se il fatto si ripresenta regolarmente e non stai prendendo famaci che hanno come possibile effetto collaterale un aumento della diuresi, la questione è altra e dipendente da altri fattori stimolanti. Tra questi il diabete mellito, alcune infezioni urinarie o renali, problemi endocrinologici o cardiovascolari; il tuo medico di riferimento o lo specialista ti potranno aiutare a capirlo con una visita mirata.

 

POLLACHIURIA: in questo caso il tuo bisogno di urinare è piuttosto frequente tanto che hai fatto del bagno quasi la tua seconda casa. Tuttavia alla fine la quantità di pipì non è poi così aumentata, né superiore all’abituale o, comunque, alla norma. Allora, come si spiega questo continuo correre in bagno, la cui vicinanza diventa strettamente necessaria? Potrebbe dipendere da un problema vescicale o renale, dalla presenza di qualche calcoletto ad esempio, o da una infezione urinaria come la cistite, da una prostatite ma anche da ipertrofia prostatica benigna e solo nei casi più gravi da un possibile tumore della prostata o della vescica.

 

 

OLIGURIA: fai poca pipì, meno di 1 litro nelle 24 ore. Forse hai bevuto pochi liquidi o affatto – è possibile – ma non è la sola spiegazione, perché se la cosa va avanti da tempo potrebbe esserci anche qualche disturbo renale, un problema cardiaco importante, un ingrossamento della prostata o un tumore sempre della prostata già avanzato. Il consiglio è di rivolgerti senza aspettare troppo al tuo medico, specie se al problema urinario si associano anche diarrea, vomito, febbre, vertigini o polso accelerato.

 

ANURIA: è l’apice dell’oliguria che porta a non fare assolutamente pipì in 24 ore o comunque in quantità inferiori a 100 ml. E’ una questione seria poiché, negli stati peggiori, potrebbe causare anche uno shock traumatico o il collasso. Non aspettare domani ad andare dal medico!

 

DISURIA: andare in bagno è un vero e proprio problema, perché la minzione è difficile e soprattutto dolorosa. Ok, non hai preso un pugno nelle parti basse, quindi non cercare di ripercorrere gli eventi corpo a corpo degli ultimi giorni od ore, ma fattene una ragione e vai dal medico per capire se la causa può essere una cistite (che non è solo una questione da donne!) o magari la prostata si è ingrossata.

 

NICTURIA: è il disturbo delle tue notti che ti costringe ad alzati con lo stimolo di fare pipì, anche nel bel mezzo del sogno più bello della tua vita che così non saprai mai come andrà a finire. Né è colpa della tisana che hai bevuto ieri sera per placare l’ansia della giornata e invitare Morfeo ad abbracciarti e neppure dell’età che avanza (sebbene possa essere un fattore di rischio). A monte potrebbe esserci una infezione urinaria, il diabete, un problemino alla prostata come ad esempio un'ipertrofia prostatica o, nei casi più gravi, un tumore alla prostata. Ci vuole il consiglio dell’urologo per venirne a capo. Quindi ti consigliamo di andarci.

 

 

INCONTINENZA URINARIA: qui il problema è riuscire a tenere la pipì che invece scappa al minimo stimolo, anche con una risata o un colpo di tosse, senza che tu lo voglia o no. Se ne va spontaneamente, punto e basta. Le cause possono essere diverse: l’età (ma non sempre è così e non giustifica ogni cosa), ma anche infezioni urinarie, problemi allo sfintere vescicale, un disturbo di tipo neurologico pregresso, un ictus, un intervento chirurgico, ad esempio per un tumore delle basse vie urogenitali o della prostata.

 

STRANGURIA: vorresti non dovere mai andare in bagno a fare pipì perché ogni volta l’emissione è lenta, intermittente, quasi con il contagocce, e in più è pure dolorosa. Perfino dopo che hai fatto il tutto con estrema difficoltà, continui ad avvertire quel fastidio.  Spesso il problema si associa a infiammazioni delle basse vie urinarie – cistiti e/o uretriti – di origine per lo più batterica. Solo di rado la stranguria è dovuta a un tumore delle basse vie urinarie, dunque stai tranquillo ma sappi che questo come tutti gli altri problemi di diuresi va affrontato e che, soprattutto, puoi risolverlo. 

 


 

Avevi già tutte queste informazioni per il tuo benessere intimo? No? Allora iscriviti subito a Cose da Uomo, il programma personalizzato che ti insegna a prenderti cura della tua prostata e delle tue vie urinarie in 60 giorni. Pratico, coinvolgente e GRATUITO: provalo subito e segui i consigli degli esperti!

 

Leggi tutti gli articoli della rubrica dedicata alla salute della prostata.




A cura di Francesca F. Salute
ForumSalute
Forumsalute su Facebook
Forumsalute su Twitter
ForumSalute su Google+
Francesca F. Salute su Google+



Articoli che potrebbero interessarti

Cistite: non è solo roba da donne

Cistite: non è solo roba da donne

  Tua moglie periodicamente è alle prese con dolore e bruciore nel fare la pipì. Si lamenta, sente la pancia gonfia e dura, magari le viene qualche linea di febbre e corre in bagno ogni due per tre perché...

20/07/2017 - scritto da Francesca F. Salute

Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Credits

CHIUDI
POTREBBERO INTERESSARTI
PANCIA GONFIA ADDIO IN 90 GIORNI

Hai la pancia sempre gonfia, dopo i pasti e per tutto il giorno? Il programma Ciao Pancia Gonfia può aiutarti a liberartene insegnandoti a rivedere alimentazione e stile di vita.
Scopri di più.
W L'ESTATE SENZA CISTITE

Finalmente al mare, ma tra sabbia e costume bagnato le infezioni alle vie urinarie sono in agguato. Vuoi evitare che la cistite ti rovini le vacanze?
Segui i consigli!

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X