7 cose da sapere per evitare la salmonella

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

7 cose da sapere per evitare la salmonella

04-05-2015 - scritto da Cinzia Iannaccio

La prevenzione della salmonellosi passa dalla conoscenza delle caratteristiche e dei rischi di questa frequente intossicazione alimentare.

Igiene e cottura dei cibi: la salmonellosi si combatte così.

7 cose da sapere per evitare la salmonella

La salmonella è un batterio piuttosto comune, non a caso rappresenta la causa più frequente di intossicazione alimentare. Per combattere e prevenire la salmonellosi, ovvero l’intossicazione alimentare provocata dal batterio della salmonella è importante conoscerne gli aspetti peculiari ed i rischi, tanto per non farsi sorprendere!

Ecco i principali:

1. A differenza di quanto si possa pensare, la salmonella si trasmette attraverso tanti cibi diversi e non solo con l’uovo o attraverso la carne cruda del pollame. Anche se questi sono i vettori più frequenti, la contaminazione può avvenire anche attraverso altri alimenti come la carne di maiale, il macinato, frutta e verdura o addirittura prodotti trasformati come torte, creme, burro, ecc.

 

2. Si calcola che la salmonella venga identificata in laboratorio 1 volta su 30: ciò significa che la maggioranza delle persone non si reca dal medico in presenza di malessere e dei sintomi di salmonellosi, che comunque nell’arco di una settimana si risolve quasi sempre da sola, senza neppure l’ausilio di un antibiotico. Questo è un bene sotto molti aspetti, ma è un male perché non si identifica l’agente e il mezzo contaminante che quindi possono continuare ad infettare altre persone

 

3. Nonostante ciò che abbiamo appena detto, la salmonella è molto più pericolosa di altri germi alimentari: può avere gravi complicanze, e addirittura essere letale se non curata prontamente ed adeguatamente!

 

4. Anche se chiunque può incappare in un’infezione da salmonella, gli anziani, i bambini e le persone con sistema immunitario compromesso hanno un rischio maggiore di contrarre forme gravi e più pericolose

 

5. La salmonellosi è più frequente in estate: le temperature calde e umide tendono a favorire la proliferazione batterica. Nella stagione estiva quindi è consigliato tenere separati e nei rispettivi spazi i cibi caldi da quelli freddi, e non lasciare ciò che andrebbe al frigo fuori per più di un paio di ore; se si fa la spesa preferire per il trasporto delle borse termiche o portare tutto in casa entro 60 minuti

 

6. Osservando il guscio dell’uovo, non è possibile capire se questo è infetto: in passato si riteneva che le feci della gallina presenti sull’uovo potessero essere l’unico mezzo di contaminazione, per cui in produzione si è cominciato a pulirle a fondo. Con il susseguirsi di nuove epidemie si è compreso che il batterio può trovarsi anche dentro. La prevenzione migliore quindi è quella di evitare il consumo di uova crude o poco cotte

 

7. E' possibile prevenire la salmonellosi ed altre tossinfezioni con i seguenti piccoli altri accorgimenti:

  • Lavarsi sempre le mani prima di toccare gli alimenti e dopo averlo fatto e lavare adeguatamente anche i coltelli, i taglieri e gli altri utensili venuti a contatto con i cibi
  • Mantenere la carne cruda, il pollame ed frutti di mare separati dagli altri cibi pronti per il consumo
  • Cuocere gli alimenti
  • Mantenere il cibo in frigo
  • Non preparare da mangiare per altre persone se si hanno sintomi come vomito e diarrea
  • Prestare particolari accortezze nel cucinare per persone anziane, bambini, donne in stato interessante ed altri individui con sistema immunitario indebolito

 

Fonte: CDC.gov

Foto: Flickr



A cura di Cinzia Iannaccio, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2007, blogger, specializzata nel settore della salute e del benessere.
Profilo Linkedin di Cinzia Iannaccio
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X