Abbasso la pigrizia

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Abbasso la pigrizia

17-02-2010 - scritto da Viviana Vischi

E’ la Settimana della stipsi. Visite gratuite in tutta Italia e un consiglio dagli esperti: tanta acqua e fibre, meno lassativi

Regole e consigli per vincere la stipsi

13/11/2006 - Spesso non si parla di intestino pigro perché ci si vergogna, eppure la stipsi è un disturbo molto comune ed è una delle cause più frequenti per cui un paziente si reca dal medico. Nel mondo occidentale ne soffre circa il 20% della popolazione, percentuale che supera il 40% tra gli ultrasettantenni. Gli italiani che tutti i giorni devono convivere questo problema sono 13 milioni: 9 milioni di donne e 4 di uomini. Se si considera che in tutto il mondo i lassativi sono tra i medicamenti più venduti e in Italia la spesa per il loro acquisto supera i 20 milioni di euro, si capisce quanto sia grande l’impatto socio-economico dell’argomento stipsi.
Prima di continuare permettete una precisazione: “non andare di corpo” ogni giorno non significa necessariamente essere stitici: una persona può defecare due o tre volte al giorno, un’altra solo una volta ogni due o tre giorni senza alcun disagio. Il problema c’è quando non si avverte lo stimolo spontaneo della defecazione o si è costretti a fare grandi sforzi per evacuare feci piccole e dure, il tutto accompagnato da tensione e dolori addominali.
Dal 13 al 17 novembre, in un centinaio di centri tra ospedali, cliniche e studi medici, sarà possibile sottoporsi a visite specialistiche. E’ la Settimana Nazionale per la Diagnosi e la Cura della Stipsi, promossa dalla Società Italiana Unitaria di ColonProctologia (SIUCP). Un’iniziativa di medicina preventiva, che si ripete dopo il grande successo ottenuto l’anno scorso con circa 3 mila pazienti visitati e diagnosticati. Per informazioni e prenotazioni si può telefonare al numero verde 800.126.731 o cliccare su
www.siucp.org.
La visita sarà in grado di individuare e correggere abitudini di vita e comportamenti alimentari sbagliati. Già, perché per combattere l’intestino pigro non bisogna “imbottirsi” di lassativi, un’abitudine tanto diffusa quanto dannosa, ma è fondamentale seguire uno stile di vita sano.
L’alimentazione, ordinata e senza fretta, gioca un ruolo di primo piano nella prevenzione della stitichezza: innanzitutto è importante introdurre una quantità adeguata di cibo, perché questo possa stimolare la muscolatura intestinale. Largo a frutta, verdura e alimenti ricchi di fibre, anche sotto forma di integratori dietetici. Guai a saltare i pasti e ricordarsi sempre di masticare bene e lentamente. E poi l’acqua, un vero toccasana: bisognerebbe berne almeno un litro e mezzo al giorno per mantenere le feci morbide e rendere l’evacuazione meno dolorosa. Un piccolo trucco che usano gli americani è bere 2 bicchieri di acqua tiepida appena svegliati.
Altri consigli da seguire sono quelli di andare al gabinetto appena si sente lo stimolo, e se possibile, andare ogni giorno alla stessa ora, anche se non se ne sente la necessità. Infine muoversi, camminare, fare ginnastica: tutti esercizi che contribuiscono a mantenere un buon tono della muscolatura intestinale.


A cura di Viviana Vischi, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2002, Direttore Responsabile di diverse testate giornalistiche digitali in campo medico-scientifico.
Profilo Linkedin di Viviana Vischi
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X