Alginati: la barriera contro il reflusso

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Alginati: la barriera contro il reflusso

05-12-2011 - scritto da Viviana Vischi

Perchè convivere con bruciore e acidità di stomaco dopo aver mangiato o essere andati a letto? Contro il reflusso si può sfruttare l’azione preziosa degli alginati

I benefici effetti degli alginati contro il reflusso e i problemi digestivi

Alginati: la barriera contro il reflusso

Certo, con i ritmi di vita che siamo costretti a tenere oggi, non è sempre possibile avere orari normali o un’alimentazione equilibrata, per non parlare della tranquillità, che sembra ormai appartenere a un altro pianeta. Tuttavia, per il bene del nostro stomaco, bisogna provarci: sembra una banalità ma, in realtà, la dieta e lo stile di vita fanno davvero tanto. 

Sono queste alcune delle seomplicissime regole fondamentali che dovrebbe seguire chi soffre di reflusso gastrico, acidità, bruciore e, in generale, di problemi allo stomaco.

8 REGOLE PER DIGERIRE BENE

  • Seguire un’alimentazione rigorosa,
  • fare pasti piccoli e frequenti,
  • non sdraiarsi prima di due ore dopo i pasti,
  • dormire su due cuscini per sfruttare la gravità,
  • perdere peso,
  • smettere di fumare,
  • non fare sforzi eccessivi con il busto,
  • tenere a bada lo stress


Uno strappo alla regola non ha mai ucciso nessuno...

Per quanto riguarda la dieta, se da un lato è importante essere consapevoli di quali sono i cibi da ridurre il più possibile, dall’altro è chiaro che, ogni tanto, un piccolo strappo alla regola si può fare: mangiare una pietanza succulenta, un dolce, un cioccolatino, bere un caffè o un bicchiere di vino può appesantire ma, tranquilli, non ha mai mandato nessuno all’ospedale!

Il reflusso gastroesofageo: MALATTIA O FENOMENO FISIOLOGICO?

Il reflusso gastroesofageo può essere una vera e propria malattia, più o meno associata ad esofagite, lesioni della mucosa ed ernia iatale, che può assumere rilevanza clinica quando i sintomi diventano frequenti e importanti (pirosi, rigurgito, dolore toracico, mal di schiena, pesantezza allo sterno, raucedine, tosse ricorrente). Ma può anche trattarsi di un fenomeno di breve durata che si verifica fisiologicamente nei soggetti normali, ad esempio dopo un pasto abbondante o fastidioso.

COME COMBATTERE IL REFLUSSO?

Se l’alimentazione, insieme alla tranquillità, è la chiave di tutto, a volte può essere necessario assumere dei dispositivi medici per garantire allo stomaco un po’ di “quiete”. Concentriamoci su ciò che può essere acquistato senza ricetta medica; ad esempio gli alginati.

Il meccanismo d'azione degli ALGINATI

I dispositivi medici che hanno come principi attivi il sodio alginato e bicarbonato impediscono il reflusso attraverso un meccanismo fisico; non vengono cioè assimilati dall’organismo. In pratica, assorbono acqua e si “gonfiano” dentro lo stomaco, formando una massa gelatinosa che galleggia sopra il contenuto gastrico ed evita che l’acido risalga all’esofago provocando irritazione e dolore. In più, favoriscono l’aumento del pH gastrico e di conseguenza la diminuzione dell’azione erosiva del suo contenuto.

ALGINATI: quali dispositivi medici scegliere?

In commercio esistono diversi tipi di alginato, alcuni dai marchi molto noti, altri meno famosi ma che, rispetto ai primi, hanno la comodità del formato monodose, si assumono una sola volta prima di andare a letto, hanno un dosaggio più elevato e un protettivo “salva mucosa” grazie alla spiccata proprietà mucoadesiva.

Alginati: controindicazioni

La presenza di sodio richiede ovviamente particolare attenzione nella somministrazione degli alginati in coloro che soffrono di ipertensione, insufficienza cardiaca o renale.



A cura di Viviana Vischi, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2002, Direttore Responsabile di diverse testate giornalistiche digitali in campo medico-scientifico.
Profilo Linkedin di Viviana Vischi
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Ecocuore: a cosa serve, quando si deve fare

Ecocuore: a cosa serve, quando si deve fare

28/09/2021. Il cuore rappresenta l’organo centrale del nostro apparato circolatorio. È posizionato all’interno della gabbia toracica, a sinistra, e assolve alla fondamentale funzione di inviare e ricevere il sangue tramite i vasi...

Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Chi Siamo

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X