Alito cattivo e intestino sottosopra: c’è un filo diretto

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Alito cattivo e intestino sottosopra: c’è un filo diretto

15-03-2010 - scritto da Viviana Vischi

Regolarizzare digestione ed evacuazione sono le parole d’ordine per avere un alito fresco e in salute. Oltre, naturalmente, a un’accurata igiene orale

Se l'intestino non è regolare l'alito diventa cattivo

Alito cattivo e intestino sottosopra: c’è un filo diretto

Ci laviamo i denti dopo ogni pasto, utilizziamo il filo interdentale, non siamo fumatori e di norma non mangiamo pesci o carni dal sapore forte, aglio e cipolla, asparagi e formaggi tipo gorgonzola. Stiamo addirittura attenti alla pulizia della lingua, con un normale spazzolino oppure particolari raschietti che permettono di asportare la placca. E nonostante tutto, spesso ci accorgiamo di avere l’alito cattivo. Come è possibile?

Semplice: non sempre la causa dell’alitosi risiede nel cavo orale, ma può derivare dalle difficoltà digestive o dall’irregolarità intestinale (stipsi, transito rallentato ecc.). La putrefazione del cibo all’interno dello stomaco o dell’intestino può infatti produrre gas o composti volatili che, se l’organismo non riesce velocemente a inattivare, entrano in circolo e vengono eliminati attraverso i polmoni con la respirazione.

COSA FARE CONTRO L'ALITO CATTIVO:

Contro l’alito cattivo è importante dunque stimolare la motilità gastrica e intestinale, spesso messa a dura prova da stress, ansia o cattiva alimentazione. Come? Con l’olio essenziale di finocchio, ad esempio, o con integratori specifici di fibre che, oltre a regolarizzare l’evacuazione e velocizzare il transito, riducono i gonfiori di stomaco e pancia e i conseguenti dolori al basso ventre.

Altre regole importanti sono quella di

  • bere tanta acqua, per idratare e ammorbidire le feci
  • assumere molte fibre attraverso l’alimentazione, perché normalizzano e migliorano il funzionamento della flora intestinale.

Infine, per effettuare un ripulisti generale dell’organismo, si possono utilizzare piante come il carciofo, il tarassaco, la genziana, il cardo mariano, l’aloe vera e il cardamomo, che aiutano ad eliminare le tossine, a far lavorare bene i reni e il fegato e a migliorare la digestione, evitando così il ristagno del cibo.

30 GRAMMI

Quanto alle fibre “anti-stipsi” (alimenti integrali, frutta con la buccia e verdura cruda), in molti si chiedono quante se ne dovrebbero assumere nel corso della giornata per avere benefici. Complessivamente, possiamo dire che ce ne vogliono circa 30 grammi al giorno.

Come raggiungere questo quantitativo? Basta prendere a colazione qualche biscotto integrale, consumare a pranzo o a cena almeno una porzione abbondante di verdura e riservare la frutta fresca o cotta a merenda. Attenzione però al rovescio della medaglia: all’inizio, quando si aumentano le fibre, è inevitabile avere un po’ di meteorismo (aria nella pancia), perché fermentano nell’intestino producendo sostanze gassose. Ma, tranquilli: con il tempo il fenomeno si riduce.



A cura di Viviana Vischi, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2002, Direttore Responsabile di diverse testate giornalistiche digitali in campo medico-scientifico.
Profilo Linkedin di Viviana Vischi
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X