Alla scoperta del “jet-lag sociale”

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Alla scoperta del “jet-lag sociale”

15-03-2010 - scritto da Viviana Vischi

Il “jet-lag sociale” si verifica quando l’orologio interno non è in sincronia con i ritmi quotidiani e spesso causa il desiderio di fumare

Soffre di “jet-lag sociale” una persona su due

13/04/2006 - Oltre una persona su due è sfasata, ovvero soffre di “jet-lag” e per sua sfortuna la colpa non sta nell'aver preso un volo per mete esotiche, ma nella routine quotidiana e nei ritmi di lavoro e sociali che impongono di andare contro quelli naturali del proprio corpo.
Si chiama “jet-lag sociale”, e ne parla Till Roenneberg dell'Università di Monaco sul magazine New Scientist.
Ciascuno di noi è dotato di un orologio interno al proprio corpo che ne scandisce i ritmi, per esempio i ritmi sonno-veglia, che influenza la qualità di molte nostre prestazioni durante le diverse ore del giorno e anche l'efficacia di certi farmaci a seconda del momento in cui sono assunti.
Per motivi per lo più di natura genetica, spiega Roenneberg, tra gli individui si distinguono due “cronotipi” principali: le “allodole”, che si svegliano di buon mattino e sono reattive nella prima parte del giorno ma hanno poi bisogno di andare a letto presto, e i “gufi”, cui invece piace tirar tardi e fare le ore piccole ma poi la mattina sono in lotta con la sveglia.
L'equipe di Roenneberg ha studiato oltre 500 volontari, stimando che il cronotipo più comune è quello che preferisce dormire da mezzanotte e mezza alle otto e trenta del mattino, anche se esistono individui con ritmi così estremi da essere ancora svegli quando altri sono in procinto di iniziare un nuovo giorno.
Dallo studio è emerso che oltre la metà degli individui è costretta a una routine quotidiana che non rispetta il proprio cronotipo, il cui orologio interno non è mai in sincronia con i ritmi lavorativi e sociali. Ecco il “jet-lag sociale”, che viene calcolato misurando la differenza di orario tra il punto centrale del periodo di sonno nei giorni feriali e festivi.
Coloro che ne soffrono sono molto più probabilmente dei fumatori. Sette su dieci persone che hanno un “jet-lag sociale” di sette ore sono fumatori. Mentre tra gli individui la cui routine quotidiana rispetta i ritmi del proprio corpo fuma solo il 10%.
Adesso, ha anticipato Roenneberg, l'intento è di eseguire un nuovo studio per esplorare l'esordio del “jet-lag sociale” nell'adolescenza e vedere se e in che modo è associato alla prima sigaretta fumata dai più giovani.


A cura di Viviana Vischi, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2002, Direttore Responsabile di diverse testate giornalistiche digitali in campo medico-scientifico.
Profilo Linkedin di Viviana Vischi
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Tallonite? Ecco le scarpe giuste per piedi in salute

Tallonite? Ecco le scarpe giuste per piedi in salute

01/10/2021.   A tutti è capitato, almeno una volta nella vita, di accorgersi di avvertire un dolore al calcagno sordo o trafittivo. Nulla di cui allarmarsi generalmente, perché questo tipo di mal di piedi è molto...

Ecocuore: a cosa serve, quando si deve fare

Ecocuore: a cosa serve, quando si deve fare

28/09/2021. Il cuore rappresenta l’organo centrale del nostro apparato circolatorio. È posizionato all’interno della gabbia toracica, a sinistra, e assolve alla fondamentale funzione di inviare e ricevere il sangue tramite i vasi...

Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Chi Siamo

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X