Allergeni alimentari in tracce: le soglie di pericolosità

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Allergeni alimentari in tracce: le soglie di pericolosità

29-06-2015 - scritto da Patrizia Frattini

Uno studio britannico rivela qual è la dose minima di allergene necessaria a scatenare una reazione allergica alimentare.

Le soglie di pericolosità dei principali allergeni alimentari.

Allergeni alimentari in tracce: le soglie di pericolosità

Può contenere tracce di...” è una espressione che chi è allergico a qualche alimento si ritrova spesso a leggere. Di solito, per sicurezza, se l’alimento contenuto in tracce è proprio quello a cui si è allergici si preferisce eliminare quel prodotto dalla propria lista della spesa, per evitare ripercussioni sulla propria salute o reazioni allergiche indesiderate.

Recentemente però uno studio inglese ha tracciato una via percorribile verso la definizione delle soglie di pericolosità degli alimenti, con l’obiettivo a lungo termine di stabilire nuove linee guida europee per il settore alimentare e di garantire sulla base di evidenze scientifiche maggiore sicurezza a tutti i consumatori.

Sino ad oggi, infatti, i livelli di pericolosità degli alimenti non erano ancora stati determinati, anche a causa del fatto che la pericolosità di un alimento è molto soggettiva e può variare a seconda del soggetto e della gravità dell’allergia.

Proprio per questo le leggi e le normative attualmente in vigore (come il Decreto Legislativo 8 febbraio 2006, n.114 successivamente modificato dalla Direttiva 2007/68/CE della Commissione Europea del 27 novembre 2007) non fissano soglie di pericolosità per le regole di etichettatura (fatta eccezione per i solfiti e l’anidride solforosa, che devono essere segnalati se presenti in una concentrazione superiore a 10 mg/kg o 10mg/l).

Il nuovo studio, pubblicato nel 2015 sulla rivista scientifica "Journal of Allergy, Asthma and Clinical Immunology" con il titolo “How much is too much?: Threshold dose distributions for 5 food allergens” (cioè “Quanto è troppo? Soglie di distribuzione per 5 allergeni alimentari”) ha individuato le quantità minime necessarie per scatenare una reazione allergica nei cinque principali allergeni:

  • nocciole
  • pesci

 

I ricercatori, coordinati dalla dottoressa Clare Mills, hanno monitorato le allergie alimentari di oltre 400 soggetti che avevano accettato di partecipare al progetto Euro Prevall.

Secondo i dati raccolti, durante la somministrazione degli allergeni in piccole quantità, la quantità minima per scatenare reazioni allergiche in una piccola percentuale di soggetti (10%) varia da:

  • un minimo di 1,6 milligrammi fino a un massimo di 10,1 milligrammi di nocciole
  • per il pesce, questa soglia è stata raggiunta a 27,3 milligrammi
  • per i gamberetti a 2 grammi e mezzo

Lo studio, come detto, ha l’obiettivo a lungo termine di aiutare a stabilire le soglie di pericolosità rendendo più precise le indicazioni sui prodotti e garantendo maggiore sicurezza ai consumatori.

 

Foto: Wikimedia Commons

Categorie correlate:

Allergia e salute




A cura di Patrizia Frattini aka Rockcopy, copywriter e Giornalista pubblicista iscritta all'Albo dal 2012, da anni attiva (anche, ma non solo) nel settore dell’informazione scientifica e divulgativa.
Profilo Linkedin di Patrizia Frattini
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Lotta agli acari: le strategie che funzionano

Lotta agli acari: le strategie che funzionano

04/03/2019.   Quando si parla di acari della polvere la nostra lotta per sconfiggerli ed eliminarli da casa nostra sembra quasi impossibile. Questi minuscoli artropodi ad 8 zampe si annidano soprattutto negli imbottiti di casa come i materassi...

Allergia e salute

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X