Allergia a noci e arachidi: mangiarne in gravidanza riduce i rischi per il bambino

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Allergia a noci e arachidi: mangiarne in gravidanza riduce i rischi per il bambino

15-01-2014 - scritto da Patrizia Frattini

Un nuovo studio sostiene che mangiare frutta a guscio in gravidanza protegge il nascituro dal rischio di allergia

L'esposizione precoce consente diaumentare la tolleranza e di ridurre il rischio di comparsa di allergie a questi alimenti

Allergia a noci e arachidi: mangiarne in gravidanza riduce i rischi per il bambino Mangiare noci, mandorle, nocciole e pistacchi durante la gravidanza è utile per diminuire le probabilità che il nascituro sviluppi allergie a questi alimenti. E' quanto sostiene un nuovo studio condotto da una equipe di ricercatori del Dana-Farber Children’s Cancer Center di Boston e pubblicata sulla rivista scientifica Jama Pediatrics.

Per arrivare a queste conclusioni sono stati analizzati i dati di uno studio precedente (Nurse’s Health Stud II) che aveva coinvolto 8205 bambini, di cui 308 con allergie alimentari. Tra questi ultimi, 140 bambini erano affetti da allergie alimentari alla frutta a guscio. I risultati hanno evidenziato che i bambini le cui madri (che non soffrivano della stessa allergia) hanno consumato noci o nocciole almeno cinque volte a settimana durante la gravidanza hanno un rischio più basso di sviluppare l'allergia.

"Lo studio" ha spiegato Michael Young, specialista in pediatria che ha condotto lo studio "avvalora l'ipotesi che l'esposizione precoce ha l'effetto di aumentare la tolleranza e di ridurre i rischi di allergie alimentari nel corso dell'infanzia".

La ricerca, tuttavia, non dimostra uno stretto rapporto di causa-effetto. Basti considerare, infatti, che le donne che avevano consumato le maggiori quantità di frutta a guscio erano anche quelle che consumavano abitualmente le maggiori quantità di frutta e verdura ad alto contenuto di antiossidanti. Un fattore, questo, che avrebbe potuto influire sui risultati.

E' dunque necessaria una maggiore comprensione dei meccanismi scatenanti delle allergie alimentari, per mettere a punto adeguate strategie preventive e di cura. Gli esperti consigliano comunque alle donne in gravidanza che ne hanno la possibilità di consumare frutta a guscio, anche in virtù del fatto che si tratta di una buona fonte di proteine e acido folico.

Foto: Flickr.com

A cura di Patrizia Frattini aka Rockcopy, copywriter e Giornalista pubblicista iscritta all'Albo dal 2012, da anni attiva (anche, ma non solo) nel settore dell’informazione scientifica e divulgativa.
Profilo Linkedin di Patrizia Frattini
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Lotta agli acari: le strategie che funzionano

Lotta agli acari: le strategie che funzionano

04/03/2019.   Quando si parla di acari della polvere la nostra lotta per sconfiggerli ed eliminarli da casa nostra sembra quasi impossibile. Questi minuscoli artropodi ad 8 zampe si annidano soprattutto negli imbottiti di casa come i materassi...

Allergia e salute

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X