Allergia al veleno di insetti: lo shock anafilattico provoca 10 vittime ogni anno

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Allergia al veleno di insetti: lo shock anafilattico provoca 10 vittime ogni anno

12-09-2013 - scritto da Patrizia Frattini

Ogni anno sono in media 10 gli italiani che perdono la vita a causa di uno shock anafilattico dopo una puntura di insetto

Per evitare conseguenze tragiche è fondamentale agire tempestivamente e avere a portata di mano le terapie salvavita

Allergia al veleno di insetti: lo shock anafilattico provoca 10 vittime ogni anno Secondo dati recenti, diffusi dal professor Domenico Schiavino, responsabile del Servizio di allergologia del Policlinico Gemelli di Roma, ogni anno in Italia cinque milioni di italiani vengono punti da insetti come api, vespe o calabroni. Di questi cinque milioni, circa l’1% è affetto da allergia al veleno degli insetti.

Nei soggetti non allergici, l’80% della popolazione, la puntura di un insetto causa solo qualche fastidio come dolore e arrossamento localizzato, per il rimanente 20% della popolazione invece le conseguenza potrebbero essere più gravi, è soltanto una piccolissima percentuale di soggetti gravemente allergici al veleno degli imenotteri a correre rischi davvero seri. Questo tipo di allergia può provocare infatti sintomi anche molto gravi, fino allo shock anafilattico, una reazione allergica potenzialmente mortale che, nel nostro Paese, provoca circa 10 morti ogni anno.

In una intervista ad Adnkronos Salute il professor Schiavino ha commentato questi dati, sottolineando l’importanza di agire tempestivamente nel caso in cui un soggetto allergico venga punto: è fondamentale infatti rivolgersi immediatamente al pronto soccorso più vicino ed essere in grado di intervenire con le terapie salvavita che, a seguito della diagnosi di allergia, il medico avrà prescritto.

L’adrenalina auto iniettabile, per esempio, è una terapia salvavita che può essere prescritta dal medico in casi gravi di allergia e che il Servizio Sanitario Nazionale fornisce gratuitamente.

Per i soggetti che presentano sintomi gravi e che quindi sono maggiormente esposti al rischio di shock anafilattico viene generalmente presa in considerazione la possibilità di sottoporsi ad una terapia desensibilizzante, nell’ottica di migliorare la qualità della vita del paziente e di ridurre i rischi gravi.


Foto: Wikimedia Commons
Categorie correlate:

Allergia e salute




A cura di Patrizia Frattini aka Rockcopy, copywriter e Giornalista pubblicista iscritta all'Albo dal 2012, da anni attiva (anche, ma non solo) nel settore dell’informazione scientifica e divulgativa.
Profilo Linkedin di Patrizia Frattini
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Lotta agli acari: le strategie che funzionano

Lotta agli acari: le strategie che funzionano

04/03/2019.   Quando si parla di acari della polvere la nostra lotta per sconfiggerli ed eliminarli da casa nostra sembra quasi impossibile. Questi minuscoli artropodi ad 8 zampe si annidano soprattutto negli imbottiti di casa come i materassi...

Allergia e salute

Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Chi Siamo

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X