Allergia alla Alternaria: i consigli utili per limitare i sintomi

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Allergia alla Alternaria: i consigli utili per limitare i sintomi

07-06-2014 - scritto da Patrizia Frattini

Ecco cos'è, dove cresce e come evitare l'Alternaria, tra le principali cause di asma e riniti

Sgradita vicina di casa o coinquilina, l'Alternaria è un genere di fungo o muffa che prolifera in ambienti umidi.

Allergia alla Alternaria: i consigli utili per limitare i sintomi È una delle più frequenti cause di reazioni allergiche come riniti, congiuntiviti, dermatiti e asma: è la Alternaria, un fungo che, proliferando, genera una muffa frequente su frutti e legno in decomposizione, su molte piante e sul terreno umido, ma la possiamo trovare anche, per esempio, nell'acqua di condensa che si accumula sulle finestre. Il suo ambiente ideale è umido, con temperatura tra i 18 e i 32 gradi e tassi di umidità superiori al 65%.

Come riconoscere l'Alternaria

Le colonie di Alternaria hanno l'aspetto di una muffa di colore grigio verde o marrone

Periodo di allerta

Le spore di Alternaria in ambienti temperati sono presenti per un periodo prolungato che va da maggio a novembre, con una maggiore concentrazione nell'aria verso la fine dell'estate e l'inizio dell'autunno. La ridottissima dimensione delle spore rede più semplice la loro inalazione e dunque la comparsa di allergia nei soggetti sensibilizzati.

Sintomi della allergia all'Alternaria

Una allergia alla alternaria può manifestarsi con disturbi respiratori e rinite, con congiuntivite allergica, ma anche con problemi cutanei e dermatiti o con tosse insistente.

Come tenere lontano l'Alternaria


Come detto, l'alternaria si sviluppa in ambienti umidi, caldi e in presenza di materiale in decomposizione. Per evitare la sua comparsa in casa sono quindi sufficienti pochi semplici accorgimenti:


  • Eseguire una corretta conservazione degli alimenti per evitare la formazione di muffe
  • Evitare l'accatastamento di legno in luoghi umidi
  • Arieggiare frequentemente gli ambienti e mantenere un basso tasso di umidità, eventualmente con l'aiuto di un deumidificatore
  • Effettuare con costanza la manutenzione degli impisnti di condizionamento, nei cui filtri troppo vecchi sipotrebbe annidare la muffa. Simile discorso è valido anche per il condizionatore dell'auto.
  • Evitare diriporre nell'armadio indumenti o scarpe umide, perché umidità e buio favoriscono l'insorgenza di muffe.
  • Limitare la presenza di piante in casa o cumunque mantenere le loro condizioni di salute sotto controllo, poiché l'Alternaria può attaccare le loro foglie.

Foto: Wikimedia Commons
Categorie correlate:

Allergia e salute




A cura di Patrizia Frattini aka Rockcopy, copywriter e Giornalista pubblicista iscritta all'Albo dal 2012, da anni attiva (anche, ma non solo) nel settore dell’informazione scientifica e divulgativa.
Profilo Linkedin di Patrizia Frattini
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Lotta agli acari: le strategie che funzionano

Lotta agli acari: le strategie che funzionano

04/03/2019.   Quando si parla di acari della polvere la nostra lotta per sconfiggerli ed eliminarli da casa nostra sembra quasi impossibile. Questi minuscoli artropodi ad 8 zampe si annidano soprattutto negli imbottiti di casa come i materassi...

Allergia e salute

Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Chi Siamo

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X