Anoressia e bulimia: no grazie

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Anoressia e bulimia: no grazie

17-02-2010 - scritto da Viviana Vischi

Un’iniziativa contro i disturbi alimentari degli adolescenti e un’agghiacciante scoperta: l’anoressia corre sul web. E’ il mondo clandestino del “pro Ana”

Lotta ai disordini alimentari come anoressia e bulimia

20/11/2006 - In Italia, secondo l’ultimo rapporto Eurispes, circa due milioni di giovani tra i 12 e i 25 anni soffrono di disturbi del comportamento alimentare: i più comuni sono l’anoressia e la bulimia, e possono essere talmente gravi da dominare in maniera ossessiva tutte le azioni quotidiane.
Per sensibilizzare i ragazzi e i loro genitori sui disturbi del comportamento alimentare e sulle loro conseguenze, il Moige (Movimento Italiano Genitori), con il contributo del Ministero della Solidarietà Sociale, promuove la campagna informativa e di prevenzione “Alimentare l’autostima: disordini alimentari togliete il disturbo”. Una mostra itinerante, ospitata all’interno di un bus, visiterà le scuole medie di 12 province italiane: Milano, Como, Bologna, Pescara, Isernia, Bari, Taranto, Salerno, Avellino, Caserta, Napoli, per concludersi il 7 dicembre a Roma. L’iniziativa mira a promuovere una cultura della corretta alimentazione e di una sana immagine corporea, che è certamente diversa da quella presentata dai media. Già, i media. Sono loro, con il loro carico di veline e letterine, la principale “fonte” di modelli sbagliati perchè enfatizzano la magrezza, la corsa al fitness e la dieta all’ultima moda come valori socialmente importanti. E gli adolescenti, che già vivono una fase critica, in cui devono fare i conti con cambiamenti del corpo spesso difficili da accettare, ci cascano.
Nella nostra società i disturbi alimentari sono ancora molto sottovalutati dall’opinione pubblica. Anche all’interno delle famiglie può esserci un’“incuranza”, più o meno volontaria, o per mancanza di informazioni o per paura di essere colpevolizzati dell’insorgenza della malattia della figlia o del figlio. Bulimia e anoressia sono spesso accomunate da una condizione di segretezza: come in una sorta di dipendenza, sia il rifiuto del cibo sia l’ingordigia diventano dei potenti alleati, tanto da essere custoditi come tesori e, a poco a poco, chi ne soffre comincia a pensare che senza di loro non sarebbe più niente.
Non è raro che qualche ragazza venga “iniziata” all’anoressia o alla bulimia per imitazione, magari di un’amica che si mette a dieta e dispensa consigli sulle tecniche per non sentire i morsi della fame o su come vomitare subito dopo aver mangiato e riempirsi di lassativi in modo che le persone intorno non se ne accorgano. Ma il “sistema di contagio” più nuovo e preoccupante, perché difficilmente controllabile, è la rete. L’anoressia e la bulimia viaggiano sul web, e viaggiano più veloce di quanto si possa pensare.
Su internet prolifera un mondo sotterraneo e clandestino, fatto di ragazze bisognose di aiuto, la cui realtà è distorta da falsi miti e da una cultura dell’estetica spinta all’eccesso. Il loro obiettivo è identico e agghiacciante: diventare magre “oltre le ossa”. Basta digitare qualche parola chiave per entrare nel loro universo. Si chiamano pro Ana e pro Mia, dove Ana sta per anoressia e Mia per bulimia: sono siti, blog, chat, community o forum (quasi sempre privati) dove si dispensano consigli deliranti su come diventare anoressiche e bulimiche doc. Naturalmente si tratta di spazi illegali, ma per ognuno che viene oscurato, un altro nasce in poco tempo.
Per queste ragazze, Ana (o Mia) non è una malattia ma una vera filosofia, una dea a cui sacrificare la propria vita. Le sue adepte predicano il dimagrimento oltre ogni limite e si offrono di iniziare le principianti. Se qualcuna dà segni di cedimento, le altre la incoraggiano ad andare avanti perché mangiare è la sconfitta suprema, il cibo è sporcizia, solo Ana è purezza.
Il movimento pro Ana è nato negli Stati Uniti ed è stato importato in Italia a partire dal 2003. Si tratta di una vera e propria comunità, quasi una setta segreta, che cerca di perpetrare la definizione di un concetto di identità anoressica. Identità che ha addirittura un Credo e un segno distintivo: un braccialetto da comprare su internet, rosso per le anoressiche, blu per le bulimiche, da portare sul braccio sinistro.


A cura di Viviana Vischi, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2002, Direttore Responsabile di diverse testate giornalistiche digitali in campo medico-scientifico.
Profilo Linkedin di Viviana Vischi
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X