Apis Mellifica

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Apis Mellifica

22-06-2010 - scritto da mariapiera74

Apis Mellifica è un rimedio omeopatico di natura animale. L´ape è un insetto dell´ordine degli imenotteri.

Ha un corpo bruno e peloso, con addome fornito di pungiglione. La quantità di veleno inoculato dalla puntura d´ape è di circa 50 microgrammi.

A cura della
dott.ssa Mariapiera Miele
Medico Chirurgo
Omeopata
Iscritta al Registro Nazionale Medici Omeopati
Socio Ordinario Fiamo

Omeopatia Miele - Napoli, Roma, Benevento, Bambini, Sterilità, Vaccinazione, Allergia, Ansia, Omeopata
info@omeopatiamiele.it
Riceve nelle città di Napoli, Roma, Viareggio e Benevento

ORIGINE E PREPARAZIONE

L´ape è un insetto dell´ordine degli imenotteri.L´ape domestica viene allevata per la produzione di cera e miele.
Apis fu sottoposto a sperimentazione da F. Humphries nel 1852.
Il rimedio viene ricavato dalle api originarie dell'Europa, oggigiorno presenti anche in Canada, negli Stati Uniti ed in molti altri paesi. Viene preparato a partire dal corpo intero dell'ape femmina o solo dal pungiglione, schiacciato, disciolto in alcol, diluito e dinamizzato.
I prodotti ricavati dalle api, come il miele e la cera, sono stati a lungo utilizzati in molte medicine tradizionali, comprese quella greca, occidentale e cinese.

PRINCIPALI INDICAZIONI

E´ indicato,soprattutto nelle malattie acute e subacute, nelle donne, nei bambini, negli anziani, nelle affezioni a brusca insorgenza e violenta evoluzione, caratterizzate da edemi localizzati o generalizzati, dolori intensi di tipo puntorio e bruciante alleviati dalle applicazioni fredde, intolleranza al caldo, irritabilità, eccitabilità e a volte alterazioni dello stato coscienza.
Quello che maggiormente è emerso dalla sperimentazione del rimedio è la presenza di edemi e di infiammazioni con dolore di tipo puntorio.

QUADRO CLINICO

La sintomatologia insorge in caso di punture d´insetti, reazioni allergiche e malattie infettive.
E´ caratterizzata da eritema cutaneo, edemi, reazioni orticarioidi od infiammatorie, dolori brucianti e pungenti, simili ad aghi arroventati, alleviati dalle applicazioni fredde ed aggravati con il calore ed il minimo contatto, edema del viso diffuso o localizzato alle labbra e alle palpebre, edema e spasmi della glottide, infiammazione faringea con interessamento elettivo dell´ugola e delle tonsille, diarrea con feci acquose ed involontarie, versamento pleurico, peritoneale e pericardico a rapida insorgenza, dispnea o respirazione stertorosa, infiammazioni articolari con edema, ipersensibilità al tatto e alla pressione e dolori intensi alleviati dalle applicazioni fredde, gravi sintomi a carico dell'apparato urinario, anche con ematuria, edemi, aumento di volume delle ovaie per congestione, processi infiammatori ed irregolarità mestruali, irritazione meningea o meningite a rapida insorgenza con cefalea, rigidità nucale, volto congesto, occhi semichiusi, pupille midriatiche, febbre elevata, urla, attacchi convulsivi, stupore o perdita di coscienza.
Dal punto di vista mentale si può sottolineare l´irritabilità, l´eccitabilità, l´irrequietezza, le crisi di pianto anche senza motivo, la loquacità, la gelosia ed i disturbi della coscienza.
Questi ultimi sono caratterizzati da confusione mentale, obnubilamento, stupore, coma, delirio e sono osservabili in caso di processi febbrili, meningite, scarlattina o idrocefalo.
E' interessato con maggiore frequenza il lato destro del corpo, o alternativamente, i sintomi iniziano a destra e quindi passano a sinistra e vanno dall´alto verso basso.

PRINCIPALI MODALITA' DI AGGRAVAMENTO

I sintomi possono aggravarsi:
con il calore, con le applicazioni calde, con i bagni caldi, negli ambienti caldi, con il clima caldo o freddo umido, in primavera e durante l´estate, con il contatto, con la pressione (ad eccezione della cefalea), dopo aver dormito, in posizione sdraiata, camminando velocemente, con le luci artificiali.

PRINCIPALI MODALITA' DI MIGLIORAMENTO

I sintomi possono migliorare:
con il freddo, all´aria aperta, con le applicazioni fredde locali (bagni ed impacchi freddi), lavandosi, scoprendosi, dopo un´abbondante diuresi.


Questa è una descrizione generale del rimedio. Prima di assumere qualsiasi rimedio omeopatico è bene rivolgersi al prorpio omeopata di fiducia.
Categorie correlate:

Medicina alternativa, naturopatia


Profilo del medico - mariapiera74

Nome:
MARIAPIERA MIELE
Comune:
Napoli
Telefono:
3318002774
Professione:
Medico specialista attività privata
Occupazione:
Medico Omeopata
Specializzazione:
Medicina alternativa
Contatti/Profili social:
sito web


Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X