Arnica: e il collo ringrazia...

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Arnica: e il collo ringrazia...

24-02-2011 - scritto da Viviana Vischi

Torcicollo, cervicale, problemi articolari e muscolari, reumatismi e artrosi. Il rimedio non e’ necessariamente chimico, ma ugualmente portentoso: è l'arnica

L'efficacia dell'arnica contro cervicale e torcicollo

Arnica: e il collo ringrazia... Cervicale e torcicollo, che male insopportabile! Mai provato una pomata a base di arnica? Funziona, è naturale e, soprattutto, è priva di effetti collaterali. Se poi, dopo averla spalmata e fatta assorbire bene, ci copriamo con una bella sciarpa e aggiungiamo una borsa dell’acqua calda, il sollievo sarà immediato. E il collo ringrazierà.
L’arnica è una pianta che fiorisce in montagna, sui prati umidi. Dai suoi fiori si ricavano estratti che vengono usati da sempre tra le popolazioni montane a scopo antidolorifico e antinfiammatorio. Naturalmente questi estratti si possono impiegare come rimedio per la cervicale, per il torcicollo, ma anche per i traumi articolari e muscolari, le tendiniti, le distorsioni, i lividi e le contusioni in genere, dalle dita dei piedi in su. L’arnica è ottima anche per sgonfiare e far riassorbire gli ematomi, infatti fin dai tempi antichi è stata definita “la panacea dei caduti”.
Perché utilizzare una pianta e non un comune antinfiammatorio o antidolorifico? Perché la maggior parte dei problemi articolari e muscolari spesso non richiede l’intervento del medico e può essere trattata topicamente con prodotti naturali, evitando così di ricorrere a prodotti chimici potenzialmente “tossici” per il nostro organismo.
L’arnica si può utilizzare sotto forma di infuso o tisana o di tintura o, ancora, di pomata o gel. Quest’ultima è particolarmente utile in caso di slogature, contusioni e distorsioni: incidenti che possono capitare di frequente soprattutto a chi pratica qualche disciplina sportiva ma anche semplicemente in casa, facendo le pulizie, camminando o sul posto di lavoro. Inoltre, sappiamo bene che scheletro, muscoli e articolazioni sono tra le strutture più sensibili all’invecchiamento. Con il passare del tempo vanno incontro a un processo di “logoramento” che può essere accelerato da vari fattori: l’età, la predisposizione genetica, lo stress, il sovrappeso, la sedentarietà o alcune posture errate. Di qui dolori e disagi.
Ecco perché sarebbe utile tenere una pomata di questo tipo sempre a portata di mano: perché è in grado di sedare con efficacia l’infiammazione, il dolore e la tumefazione, assicurando alle fasce muscolari sollievo e una rapida remissione dei sintomi. In caso di bisogno, è indicata anche per i più piccini. Un’unica raccomandazione: non deve essere applicata su ferite aperte ma solo dove la superficie della pelle è intatta.
Oltre all’arnica, tra le piante officinali a più alta capacità antidolorifica, antiinfiammatoria, antiecchimotica e decontratturante c’è il cosiddetto artiglio del diavolo, che viene da sempre utilizzato in caso di reumatismi, artrite, artrosi e sciatica. Incredibile, ma vero: ha un’efficacia antinfiammatoria paragonabile a quella del cortisone, ma senza i suoi effetti secondari.


A cura di Viviana Vischi, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2002, Direttore Responsabile di diverse testate giornalistiche digitali in campo medico-scientifico.
Profilo Linkedin di Viviana Vischi
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X