Artrite reumatoide, terapia e farmaci biologici

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Artrite reumatoide, terapia e farmaci biologici

09-03-2013 - scritto da Cinzia Iannaccio

L'artrite reumatoide e i farmaci che possono tenerla sotto controllo

Tenere sotto controllo l'artrite reumatoide, con quali farmaci?

Artrite reumatoide, terapia e farmaci biologici Non esiste purtroppo una cura definitiva per l’artrite reumatoide: non si può guarire, ma alcuni farmaci possono invece tenerla adeguatamente sotto controllo nel tempo, limitando l’infiammazione e quindi il sintomo principale (dolore) e contribuendo a prevenire gli eventuali danni alle articolazioni. Oltre ai medicinali di vecchia generazione ce ne sono anche di più recenti, noti come farmaci biologici.

Purtroppo però l’artrite reumatoide è una malattia cronica ed i medicinali in uso possono avere effetti collaterali, soprattutto sul lungo termine d’utilizzo. E’ per questo motivo che una volta fatta la diagnosi i medici tendono a suggerire una terapia iniziale con medicinali a basso impatto. Ma tutto dipende dalla situazione in corso: in taluni casi è necessario intervenire da subito con terapie forti e/o combinate da più medicinali.

Per combattere i sintomi si usano inizialmente i Fans (Farmaci anti-infiammatori non steroidei) anche da banco come l’ibuprofene ed il naproxene, o altri su prescrizione: riducono dolore ed infiammazione. Tra gli effetti collaterali si possono sviluppare: acufene, disturbi di stomaco, problemi al cuore, al fegato e ai reni. C’è poi il cortisone (farmaco steroide), contro infiammazione e dolore anch’esso, ma con diversi effetti: problemi alle ossa, cataratta, diabete ed aumento di peso.

In taluni casi si utilizzano immunosoppressori (nell’artrite reumatoide il sistema immunitario è fuori controllo), ma possono rendere il paziente suscettibile ad infezioni virali e batteriche.

Esiste poi una vasta classe di medicinali antireumatici, noti come farmaci di fondo (DMARDs). Tra questi troviamo: metotrexato (Trexall), leflunomide (Arava), idrossiclorochina (Plaquenil), sulfasalazina (Azulfidine) e minociclina (Dynacin, Minocin, altri). Efficaci, sono diversi tra loro. Anche questi possono avere degli effetti collaterali più o meno gravi.

Nel caso queste terapie non funzionassero si può procedere con i cosiddetti farmaci biologici: l’infliximab (Remicade®), l’etanercept (Enbrel®), adalimumab (Humira®) anakinra (Kineret®). Funzionano laddove non arrivano gli altri ritrovati, ma anche con queste innovative terapie bisogna stare attenti: possono rendere l’organismo particolarmente suscettibile a gravi infezioni, insufficienza cardiaca congestizia e cancro. E' importante riportare al medico curante ogni nuovo disturbo che si verifica nell'assunzione di questi prodotti medicinali.

La lista dei farmaci che possono essere utili è ancora piuttosto lunga in caso di artrite reumatoide e solo il medico specialista potrà optare per la giusta terapia del momento, sempre più personalizzata in base al paziente e ai suoi sintomi, valutando rischi e benefici. In genere consiglierà anche esercizi fisici e fisioterapia per mantenere le articolazioni flessibili, oltre che l’ausilio di alcuni strumenti per semplificare i gesti quotidiani in caso di dolore forte alle mani (ad esempio dei particolari strumenti per aprire i barattoli), acquistabili nei negozi di oggetti medicali. Con il giusto approccio si potrà convivere con l'artrite reumatoide mantenendo un'adeguata qualità della vita.

Foto: Cogdog per Flickr


Articoli che potrebbero interessarti

Cistite ricorrente: un problema femminile

Cistite ricorrente: un problema femminile

10/06/2019.   La cistite è la più comune tra le cosiddette IVU (infezioni alle vie urinarie), e sembra che abbia una particolare predilezione per il sesso femminile. Sono le donne, infatti, sia giovani che...

Salute donna

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X