Bimbi a scuola, genitori in ansia

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Bimbi a scuola, genitori in ansia

15-03-2010 - scritto da Viviana Vischi

I consigli del Bambin Gesù di Roma per un anno scolastico all’insegna della serenità, anche per mamma e papà

Manuale di sopravvivenza per il nuovo anno scolastico

26/09/2006 - Un nuovo anno scolastico è cominciato. Accompagnati da timori e curiosità quasi 600 mila studenti siedono per la prima volta sui banchi delle elementari e un esercito di mamme e papà è già in preda al panico: ce la farà il bambino? Gli insegnanti saranno adatti? Lo zainetto sarà troppo pesante? A tranquillizzare i genitori ansiosi ci pensano i medici dell’Ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma, che invitano a “non drammatizzare” e a partecipare il più possibile a questa fase così stimolante della vita dei più piccoli.
Cominciamo dallo zainetto: spesso raggiunge pesi massimi ma – assicurano i pediatri - non causa deformità o deviazioni della colonna vertebrale se viene portato, anche su una sola spalla, per brevi periodi (10-20 minuti al giorno). A proposito di schiena, quante volte da piccoli ci siamo sentiti dire, per poi farlo a nostra volta da genitori: “stai su dritto!”. Inutile sperare che il bambino segua la ramanzina: tanto meglio non assumere una determinata posizione e mantenerla per ore, ma modificarla spesso. L’attività fisica può iniziare già dal mattino, ad esempio raggiungendo la scuola a piedi, per proseguire durante il giorno giocando all’aria aperta. Quando questo non è possibile, è bene che i ragazzi si dedichino allo sport: meglio il nuoto, almeno nei primi anni di scuola.
Passando alle dritte che riguardano la parte più “intima” dell’apprendimento, i pediatri raccomandano di favorire, con parole e comportamenti, la naturale curiosità dei bambini, che imparano imitando i genitori: bisogna che questi si pongano come esempio, manifestando interesse e curiosità, visitando musei, acquari e mostre e scoprendo insieme le cose nuove su libri, internet e dvd. A proposito, recenti ricerche hanno dimostrato che chi ha una piccola biblioteca in casa rende almeno il 15% in più dei compagni di classe…
Nei pomeriggi a casa, il bambino dovrebbe abituarsi a momenti di silenzio, in cui organizzare giochi e attività autonome, e a momenti di attività tranquille che richiedono attenzione e concentrazione. Meglio che lo studio sia preceduto da un po’ di riposo e seguito da giochi e impegni più intensi; il tutto, preferibilmente, sempre agli stessi orari. Per capire e affrontare le prime difficoltà, sarebbe meglio che la condivisione delle nuove esperienze avvenisse quando tutta la famiglia è riunita: non sottovalutando i risultati negativi ma allo stesso tempo non facendo nascere sensi di colpa o di inadeguatezza. I genitori dovrebbero cercare di informarsi sulle attività svolte dagli insegnanti (e non svalutarne mai il lavoro agli occhi del bambino) e apportare eventuali contributi personali e professionali: solo così il piccolo potrà capire che la scuola è parte della società a cui tutti apparteniamo e che, forse, non è neanche così male…


A cura di Viviana Vischi, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2002, Direttore Responsabile di diverse testate giornalistiche digitali in campo medico-scientifico.
Profilo Linkedin di Viviana Vischi
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X