Bruciore di stomaco? Ecco i cibi da evitare

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

Bruciore di stomaco? Ecco i cibi da evitare

02-03-2015 - scritto da Cinzia Iannaccio

Bruciore o acidità di stomaco, un problema comune che si può prevenire con qualche semplice accorgimento.

Consigli pratici per chi soffre di acidità di stomaco.

Bruciore di stomaco? Ecco i cibi da evitare

Convivere con il bruciore di stomaco non è una bella esperienza, ma grazie a comuni farmaci da banco e a piccole modifiche nello stile di vita e nella dieta spesso si può prevenire o al limite evitare che peggiori. A volte alcuni individui soffrono particolarmente questa “acidità di stomaco” (o pirosi) anche solo in relazione ad alcuni cibi.

Effettivamente qualche alimento può dare una maggiore sensazione di bruciore, oppure semplicemente può aggravare i sintomi di una condizione preesistente. E’ importante conoscere quali cibi possono provocare tale situazione, onde cercare di evitarli. I gastroenterologi suggeriscono anche di tenere un diario alimentare proprio per scoprire cosa scatena il malessere, ma più in generale, è facile che suggeriscano una lista di alimenti tendenzialmente liberi, ovvero da mangiare in sicurezza, alcuni con moderazione ed altri proprio da evitare. Quali di questi ultimi?

 

I cibi da evitare

  • gli agrumi e i succhi correlati (arancia, limone, pompelmo)
  • mirtilli e succo di mirtillo
  • pomodori, cipolla, patate
  • alimenti fritti, carne rossa, latte e latticini derivati (compresi i gelati, la ricotta o il frappè)
  • alcolici, vino, caffè o tè anche decaffeinati o deteinati
  • aceto, maionese, cioccolato e derivati
  • dolci con molto burro

 

Anche se con l’alimentazione non c’entra, anche evitare il fumo di sigaretta – magari dopo il pasto - può essere utile!

Da tenere presente che anche la gravidanza o l’utilizzo di alcuni medicinali possono comportare bruciore di stomaco, a volte notturno. Se il disturbo è ricorrente e soprattutto si manifesta più di due o tre volte a settimana, è il caso di chiedere consiglio ad uno specialista gastroenterologo perché potrebbe trattarsi di una patologia nota come reflusso gastroesofageo, che va trattata prima che arrechi danni alle pareti gastriche e all’esofago. I rimedi contro lo stomaco in fiamme esistono!



A cura di Cinzia Iannaccio, Giornalista professionista iscritta all'Albo dal 2007, blogger, specializzata nel settore della salute e del benessere.
Profilo Linkedin di Cinzia Iannaccio
 

ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+

 

ATTENZIONE: le informazioni che ti propongo nei miei articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X