ForumSalute

Capelli che cadono dopo l’estate: come rinforzarli

Capelli che cadono dopo l’estate: come rinforzarli

21-09-2015 - scritto da Paola P.

Vitamine e minerali sono le armi per prevenire la caduta dei capelli stagionale.

A fine estate-inizio autunno i capelli cadono di più: gli integratori e la dieta per evitare il diradamento.

Capelli che cadono dopo l’estate: come rinforzarli

Per quanto bella, l’estate mette a dura prova i nostri capelli. L’esposizione prolungata al sole cocente, la salsedine del mare o il cloro delle piscine, i lavaggi continui (sovente con detergenti aggressivi), le piastre e le messe in piega ravvicinate, sono altrettanti fattori in grado di impoverire le nostre chiome rendendole più aride e fragili. Così, al rientro dalle vacanze, ci si ritrova con tante doppie punte, capelli sbiaditi e aridi, che si spezzano, si increspano  e si elettrizzano facilmente.

Ma se a questi problemi si può ovviare facilmente con un bel taglio ad hoc che elimini le punte bruciate, e con una cura ristrutturante a base di maschere nutrienti, potrebbe non essere altrettanto semplice intervenire su un altro tipico fenomeno che interessa le capigliature di uomini e donne in quel periodo che intercorre tra la fine dell’estate e le prime settimane dell’autunno: la caduta stagionale.

Sebbene si tratti, in parte, di un fenomeno del tutto fisiologico (la chioma si rinnova nella fase cosiddetta del telogen, la caduta che precede la ricrescita di nuovi e più forti capelli), se si perdono più di 300 capelli al giorno (considerando che la caduta normale giornaliera è di circa 100) per lunghi periodi, allora può manifestarsi un diradamento evidente.

Per arginare il telogen prima che diventi imponente e determini un danno estetico, e soprattutto al fine di rinforzare la capigliatura in modo che il bulbo pilifero, ben nutrito e irrorato di sangue, non si indebolisca, è necessario curare molto i capelli ma soprattutto agire dall’interno. Prevenire la caduta stagionale, o per lo meno ridurne la portata, si può, attraverso l’alimentazione.

In commercio si trovano anche ottimi supplementi naturali che contengono le sostanze nutritive indispensabili al capello per rimanere in salute, ma la strategia migliore è quella che si basa principalmente sulla dieta e solo quando necessario sugli integratori.

Gli amici della nostra chioma sono soprattutto minerali e vitamine, ma dal momento che un’alimentazione sbilanciata può compromettere non solo la bellezza dalla chioma, ma soprattutto la salute in generale, anche grassi, carboidrati e proteine non devono mai mancare, nelle giuste proporzioni.

 

Cominciamo dai minerali:

  • Un elemento da implementare nella dieta a fine estate è sicuramente il ferro, la cui carenza (molto comune nelle giovani donne), è tra le più comuni cause di perdita dei capelli. Troviamo questo minerale in molti alimenti di origine animale, tra cui frutti di mare (in particolare cozze e ostriche), uova, pesce e carne sia rossa che bianca, ma soprattutto nel fegato e nelle frattaglie. Buone quote di ferro sono presenti anche nei legumi e nei vegetali a foglia verde, ma perché venga assorbito correttamente dall’organismo il ferro vegetale deve essere associato alla vitamina C, contenuta in frutta fresca come agrumi e fragole, e in ortaggi (da mangiare crudi), come il cavolo cappuccio.
  • Altro minerale cruciale per la vitalità del capello è il rame, che troviamo in molluschi e frutti di mare, nei crostacei, nella crusca dei cereali, nell’olio di mais, nella frutta secca a guscio (soprattutto mandorle e noci).
  • Lo zinco, poi, stimola la rigenerazione delle cellule del bulbo pilifero, lo troviamo nei cereali, nel cioccolato, nei frutti di mare, nel lievito, nella carne di bovino e nei frutti a guscio.

 

  • Veniamo alle vitamine, anch’esse preziose per la salute delle nostre chiome.
  • Effetti stimolanti sulla crescita e purificanti sul cuoio capelluto sono esercitati dalle vitamine del gruppo B e dall‘acido folico, che troviamo in cereali integrali, legumi (tra cui i piselli), salmone e pesce azzurro, yogurt e lievito di birra.
  • Non  facciamoci mancare le vitamine A ed E, che troviamo rispettivamente nei frutti e negli ortaggi di colore arancione (carote, peperoni, meloni, pesche, albicocche e zucca), e nei cereali integrali, negli oli vegetali tra cui l’extravergine di oliva, nell’avocado e nella frutta secca a guscio.
  • La vitamina C, infine, è indispensabile per combattere lo stress ossidativo che provoca non solo la caduta, ma anche l’incanutimento della chioma, e la troviamo in agrumi, fragole, frutti rossi in genere, cavoli e broccoli, kiwi e peperoni.

 

Per quanto riguarda gli integratori alimentari, i migliori in commercio sono quelli che comprendono un buon mix di tutte queste sostanze, ma ricordiamo che il nostro organismo assimila meglio tali principi nutritivi da cibi. Se, però, soffriamo di qualche malattia che provoca malassorbimento intestinale (ad esempio morbo di Crohn), di intolleranze alimentari, di anemia e carenza di ferro, e la caduta dei capelli è aggravata da queste condizioni, allora l’uso dei supplementi può davvero contribuire in modo determinante a “salvare” le nostre belle chiome.

 

Foto | via Pinterest




A cura di Paola P.
ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+



Articoli che potrebbero interessarti

Forfora: cosa può nascondersi dietro?

Forfora: cosa può nascondersi dietro?

“What’s forfora”? Chiedeva un giovane inglese al supermercato dopo aver indiscretamente ascoltato la conversazione tra due ragazze che si lamentavano, appunto, del loro cuoio capelluto e della sua eccessiva...

12/05/2016 - scritto da Paola P.

Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Credits

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X