ForumSalute

Cirrosi epatica nel gatto

Cirrosi epatica nel gatto

28-11-2013 - scritto da Cinzia I.

Anche i gatti possono soffrire di cirrosi epatica

Sintomi, cause e sopravvivenza in caso di cirrosi nel gatto

Cirrosi epatica nel gatto Anche nel gatto, come nell’essere umano, quando si parla di cirrosi, si fa riferimento allo stadio terminale della malattia epatica cronica in cui tutto il fegato è ormai ricoperto di tessuto cicatriziale che non ne permette il corretto funzionamento. In un gatto la sopravvivenza è garantita solo se la funzionalità epatica rimane sopra al 20%. Sotto questo valore la malattia diventa terminale e la sopravvivenza è compromessa.

Allo stato di cirrosi si arriva più o meno gradualmente in seguito a danni al fegato provocati da alcune malattie (tumore, virus, infezioni batteriche o fungine che dallo luogo ad epatite), assunzione di determinati farmaci (uso prolungato di antinfiammatori o cortisonici) o sostanze tossiche. Non sempre ci si rende conto della patologia epatica per tempo: i sintomi a cui prestare attenzione infatti, laddove si fanno evidenti, sono confondibili con altre patologie e dipendono dalla causa scatenante della cirrosi epatica del gatto, così come nel cane. Tra questi troviamo:


  • Inappetenza e conseguente perdita di peso
  • Vomito
  • Diarrea o stitichezza
  • Aumento della sete e della conseguente aumento della minzione (urine arancioni)
  • Ittero
  • Liquido nell’addome e dolore alla palpazione
  • Perdite ematiche
  • Mancanza di energia fisica
  • Mancanza di coordinamento motorio
  • Anomalie del comportamento
Un veterinario che segue il gatto da sempre, anche solo con alcuni di questi sintomi, conoscendo l’anamnesi del pet e dunque l’eventuale presenza di patologie correlate a danno epatico, facilmente tenderà a cercare di confermare o scongiurare la diagnosi di cirrosi epatica attraverso l’utilizzo di alcuni test: analisi del sangue e delle urine che valutino la funzionalità dei reni, del fegato, del pancreas, tiroide o eventuale presenza di diabete, l’esposizione a malattie infettive specifiche, emocromo completo, raggi X o ecografia e nella peggiore delle ipotesi una biopsia epatica.

La cura dipende ovviamente dalla causa, ma in generale si può affermare che guarire o trattare il problema che provoca la cirrosi nel gatto, aiuta a rallentare, se non anche a bloccare la progressione del danno fin sotto il 20% di funzionalità epatica e quindi sostanzialmente ad allungare la vita del nostro micio. La prognosi è strettamente legata alla diagnosi precoce (e quindi al grado di avanzamento della cirrosi) e alle possibilità di avviare un trattamento nei confronti della causa scatenante. Proprio per la progressione con cui la cirrosi epatica si sviluppa, è più frequente nei gatti adulti sopra i 7 anni di età, ma può colpire indistintamente ogni razza e gatto, anche giovanissimo.

Foto: Flickr


A cura di Cinzia I.
ForumSalute
ForumSalute su Facebook
ForumSalute su Twitter
ForumSalute su Google+



Articoli che potrebbero interessarti

Cimurro nel cane

Cimurro nel cane

Il cimurro canino, come è noto, è una malattia virale (cioè provocata da un virus) molto contagiosa e pericolosa. Può essere fatale. Il cimurro però non è prerogativa unica di Fido, ma può colpire anche i furetti, tra gli animali...

24/02/2014 - scritto da Cinzia I.

Come insegnare al cane a non scavare buche in giardino

Come insegnare al cane a non scavare buche in giardino

Il vostro cane scava buche in giardino e vi fa disperare? Proviamo a riassumere alcuni dei consigli principali che danno gli esperti del comportamento del cane in queste occasioni. Prima di tutto è importante capire il perché delle...

22/01/2014 - scritto da Cinzia I.

Forumsalute.it © UpValue srl Tutti i diritti riservati.
C.F., P. IVA e Iscr. Reg. Imprese Milano n. 04587830961   |  Privacy   |  Credits

CHIUDI
POTREBBERO INTERESSARTI
CISTITE: LE REGOLE PER UN SESSO SICURO

Bruciore intimo, irritazione e stimolo frequente a fare pipì possono mettere in pericolo l'intimità e la sessualità di coppia. Ritrova il piacere e la passione... così!
Ecco i rimedi.
DIMAGRIRE CON I PROBIOTICI

Lo dice la scienza: una flora batterica intestinale sana sarebbe alla base dell'equilibrio del peso corporeo. Se vuoi tornare in forma, punta sulla dieta probiotica!
Leggi tutto.

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X