COLORE DEGLI OCCHI

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube

COLORE DEGLI OCCHI

18-01-2012 - scritto da siravoduilio

Il colore degli occhi è un tratto determinato principalmente dalla quantità di melanina e dal tipo di pigmento dell'iride.

Il laser che cambia il colore degli occhi

Da cosa dipende il colore degli occhi?

Il colore base degli occhi dovrebbe essere l'azzurro poiché i raggi luminosi, quando colpiscono l'occhio, vengono diffusi in maniera inversamente proporzionale alla loro lunghezza d'onda. Dato che le radiazioni nella gamma dei blu, in virtù della loro bassa lunghezza d'onda, possiedono un'elevata diffusibilità, l'occhio ha come colore base tutte le gradazioni dell'azzurro.
A livello dell'iride possono essere presenti quantità variabili di melanina, lo stesso pigmento responsabile del colore della pelle. In base alla quantità di melanina prodotta, l'occhio assume uno spettro di gradazioni piuttosto ampio, che va dall'azzurro al nero. Se la quantità di melanina è scarsa o nulla gli occhi sono blu, mentre nel caso opposto l'iride assume una colorazione marrone. Quando si ha una quantità di melanina diversa all'interno dell'iride dei due occhi si può verificare il caso di eterocromia.

Perché tutti i neonati hanno gli occhi azzurri?

Nei primi mesi di vita a livello dell'iride la produzione di melanina è inibita. Il processo di pigmentazione richiede infatti alcuni mesi per attivarsi completamente (diventa apprezzabile intorno al sesto-settimo mese di vita). La misura in cui i melanociti oculari inizieranno a produrre melanina è dipendente dal patrimonio genetico del bambino e ne determina la colorazione degli occhi. Nei bambini di carnagione scura (razza nera e latina), per esempio, questo fenomeno non sussiste ed il colore degli occhi, già scuro al momento della nascita, non varia con l'accrescimento.

 

 



Il colore azzurro degli occhi è un carattere recessivo, mentre il marrone è dominante. Ciò significa che il bambino avrà gli occhi azzurri da adulto solamente quando il gene per questa caratteristica è presente su entrambi i cromosomi omologhi. In altre parole, due genitori con gli occhi marroni hanno ben poche possibilità di mettere al mondo un figlio con gli occhi di color azzurro (vedi figura), nonostante nei primi mesi di vita tale evenienza sia piuttosto comune.
Nella figura il concetto è semplificato a fini didattici, in realtà il colore degli occhi è determinato da diversi geni, che rendono ragione delle diverse tonalità presenti in natura (azzurrini, grigio-verdi, verdi, marrone chiaro, neri ecc.).

Il laser che cambia colore agli occhi

Il laser che cambia colore agli occhi
Il laser che cambia colore agli occhi



Con un’operazione di 20 secondi sarà possibile trasformare il colore degli occhi da marrone ad azzurro.
Bastano venti secondi per dire addio agli occhi marroni e sostituirli con un paio di occhi azzurri: è questa la promessa del dottor Gregg Homer della Stroma Medical, in California (USA).
In 10 anni di lavoro ha sviluppato una tecnica, chiamata Lumineyes, che utilizza un laser per rimuovere la melanina dallo strato più superficiale dell’iride.
In questo modo gli occhi perdono il colore marrone e acquistano quello più chiaro: chi ha gli occhi azzurri per nascita, infatti, non possiede un pigmento di quel colore ma semplicemente ha una ridotta quantità di melanina.
Perché Lumineyes sia disponibile al grande pubblico occorrerà attendere ancora un po’: è previsto che servano almeno altri tre anni prima che gli USA approvino la tecnica, mentre al di fuori degli Stati Uniti forse saranno sufficienti 18 mesi.
Pur essendo molto breve, l’operazione non sarà economica: avrà infatti un costo medio pari a circa 3.600 euro. Ma il vero problema è che potrebbero esserci dei rischi.
Il problema principale, infatti, non è l’irreversibilità dell’operazione, quanto la possibilità – concreta, secondo alcuni esperti come il professor Elmer Tu, dell’Università dell’Illinois – che Lumineyes aumenti le probabilità di sviluppare un glaucoma.
La melanina eliminata dal laser, infatti, non viene “disintegrata” ma «deve confluire da qualche parte»: e dato che il glaucoma pigmentario pare causato dalla melanina infiltratasi nell’umor acqueo (il liquido all’interno dell’occhio), ecco che spuntano le perplessità.
Intanto la Stroma sta cercando denaro (da 50.000 a 750.000 dollari) per poter completare la sperimentazione clinica umana.



Un caro saluto
Prof.Duilio Siravo
siravo@supereva.it
http://drsiravoduilio.beepworld.it
Cell.:3385710585
PROF.DOTT. DUILIO SIRAVO
http://drsiravoduilio.beepworld.it



Articoli che potrebbero interessarti

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X