Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Ortopedia e traumatologia > Protesi ortopediche > tecnica AMIS intervento protesi anca
Segna Forum Come Letti

   

tecnica AMIS intervento protesi anca

ELISA59
 

Salve a tutti,

mi sono appena iscritta al forum, che per altro seguo da alcuni mesi; lo trovo davvero molto utile per scambiare le proprie esperienze e dare e ricevere informazioni e sostegno, di cui si ha tanto bisogno nella sofferenza.

Ho 51 anni, un'anca displasica e sono prossima all'intervento, che farò subito dopo l'estate. vivo in provincia di Bari ma ho deciso di operarmi presso il policlinico di Monza; mi opererà il professor Pipino, che mi segue da moltissimi anni e di cui ho massima fiducia.
Il professore dice che utilizzerebbe la tecnica AMIS, circa la quale desidererei
sapere qualcosa in più, soprattutto da chi è stato operato con la stessa tecnica. E' vero che presenta vantaggi, e di che tipo?



Ringrazio anticipatamente tutti quelli che vorranno rispondere
a presto ELISA59

MIGLIOR COMMENTO
Dr. Alessandro Calistri
vorrei aggiungere solo che l'accesso anteriore è in assoluto la via di accesso più anatomica per accedere all'anca ma come tutti gli accessi con dei compromessi.
Infatti la visualizzazione dell'acetabolo non è così chiara come con il postero-laterale ed in quei casi di grossa degenerazione dell'acetabolo o deformità in seguito a patologie pediatriche il posizionamento della coppa diventa indaginoso.
Rispetto alle perdite di sangue noi pratichiamo un protocollo grazie al quale da 8 anni non utilizziamo più predepositi di sangue ne' trasfusioni postoperatorie per interventi primari, di rivestimento e di revisione.
CHIRURGIA: NUOVO PROTOCOLLO PROTESI ANCA, MENO RISCHI E FISIOTERAPIA RIDOTTA
tuttavia rimane affascinante questa via di accesso che nel nostro centro utilizziamo ma riserviamo a casi selezionati.
Saluti
__________________
Dr. Alessandro Calistri
ANCA Clinic, Roma
www.ancaclinic.it
Leggi altri commenti
Amaryllis
 

Citazione:
Originariamente Inviato da ELISA59 Visualizza Messaggio
Salve a tutti,

mi sono appena iscritta al forum, che per altro seguo da alcuni mesi; lo trovo davvero molto utile per scambiare le proprie esperienze e dare e ricevere informazioni e sostegno, di cui si ha tanto bisogno nella sofferenza.

Ho 51 anni, un'anca displasica e sono prossima all'intervento, che farò subito dopo l'estate. vivo in provincia di Bari ma ho deciso di operarmi presso il policlinico di Monza; mi opererà il professor Pipino, che mi segue da moltissimi anni e di cui ho massima fiducia.
Il professore dice che utilizzerebbe la tecnica AMIS, circa la quale desidererei
sapere qualcosa in più, soprattutto da chi è stato operato con la stessa tecnica. E' vero che presenta vantaggi, e di che tipo?



Ringrazio anticipatamente tutti quelli che vorranno rispondere
a presto ELISA59
Ciao Elisa,

sarai tu a comunicare come sarà questa tecnica, se lo vorrai, finora non ho letto su "forumsalute" testimonianze di utenti cui si siano sottoposti al suddetto impianto; tuttavia potrebbero essermi sfuggiti alcuni o molti messaggi.

Hai cercato su altri forum o "googlando" qua e là?

Amaryllis

nicolettaerre
 

Citazione:
Originariamente Inviato da ELISA59 Visualizza Messaggio
Salve a tutti,

mi sono appena iscritta al forum, che per altro seguo da alcuni mesi; lo trovo davvero molto utile per scambiare le proprie esperienze e dare e ricevere informazioni e sostegno, di cui si ha tanto bisogno nella sofferenza.

Ho 51 anni, un'anca displasica e sono prossima all'intervento, che farò subito dopo l'estate. vivo in provincia di Bari ma ho deciso di operarmi presso il policlinico di Monza; mi opererà il professor Pipino, che mi segue da moltissimi anni e di cui ho massima fiducia.
Il professore dice che utilizzerebbe la tecnica AMIS, circa la quale desidererei
sapere qualcosa in più, soprattutto da chi è stato operato con la stessa tecnica. E' vero che presenta vantaggi, e di che tipo?



Ringrazio anticipatamente tutti quelli che vorranno rispondere
a presto ELISA59
Ciao Elisa,
il Pipino che ti opererà è lo stesso Pipino che è stato direttore di Ortopedia 1 al Policlinico di Bari, moltissimi anni fa?
Siccome anch'io sono in attesa di intervento, e mi sto informando a tappeto, so che la tecnica AMIS (tecnica chirirgica anteriore mini invasiva) evita la sezione di muscoli e nervi, poichè li "sposta" semplicemente. Ciò comporterebbe una perdita di sangue irrisoria, e una ripresa velocissima. Questa tecnica è ormai di routine nel nord-est d'Italia, anche se altrove qualcuno la applica.
Io frequento un altro forum (protesi all'anca: non sono più terrorizzata), e da quelle parti è passata una certa APM, che è stata operata con la tecnica AMIS. Però si è vista poco, quindi non ho potuto tartassarla di domande, come faccio con tutti.
Se ti "affacci" di là, troverai comunque persone simpatiche, munite di grande pazienza: Amarillys è una di loro.
A presto.

nicolettaerre
 

Citazione:
Originariamente Inviato da ELISA59 Visualizza Messaggio
Salve a tutti,

mi sono appena iscritta al forum, che per altro seguo da alcuni mesi; lo trovo davvero molto utile per scambiare le proprie esperienze e dare e ricevere informazioni e sostegno, di cui si ha tanto bisogno nella sofferenza.

Ho 51 anni, un'anca displasica e sono prossima all'intervento, che farò subito dopo l'estate. vivo in provincia di Bari ma ho deciso di operarmi presso il policlinico di Monza; mi opererà il professor Pipino, che mi segue da moltissimi anni e di cui ho massima fiducia.
Il professore dice che utilizzerebbe la tecnica AMIS, circa la quale desidererei
sapere qualcosa in più, soprattutto da chi è stato operato con la stessa tecnica. E' vero che presenta vantaggi, e di che tipo?



Ringrazio anticipatamente tutti quelli che vorranno rispondere
a presto ELISA59


Anca | www.medacta.com/patients-area

ELISA59
 

Citazione:
Originariamente Inviato da Amaryllis Visualizza Messaggio
Ciao Elisa,

sarai tu a comunicare come sarà questa tecnica, se lo vorrai, finora non ho letto su "forumsalute" testimonianze di utenti cui si siano sottoposti al suddetto impianto; tuttavia potrebbero essermi sfuggiti alcuni o molti messaggi.

Hai cercato su altri forum o "googlando" qua e là?

Amaryllis
Ciao Amarillys,
pensavo di essere automaticamente entrata nel forum cui fai riferimento, non sono molto pratica, devo capire meglio come si fa; certamente tutto ciò che riuscirò a scoprire lo metterò a disposizione di tutti, compresa la mia esperienza. Verrò a cercarti sul forum, grazie per l'attenzione.
ELISA59

ELISA59
 

Citazione:
Originariamente Inviato da nicolettaerre Visualizza Messaggio
Ciao Elisa,
il Pipino che ti opererà è lo stesso Pipino che è stato direttore di Ortopedia 1 al Policlinico di Bari, moltissimi anni fa?
Siccome anch'io sono in attesa di intervento, e mi sto informando a tappeto, so che la tecnica AMIS (tecnica chirirgica anteriore mini invasiva) evita la sezione di muscoli e nervi, poichè li "sposta" semplicemente. Ciò comporterebbe una perdita di sangue irrisoria, e una ripresa velocissima. Questa tecnica è ormai di routine nel nord-est d'Italia, anche se altrove qualcuno la applica.
Io frequento un altro forum (protesi all'anca: non sono più terrorizzata), e da quelle parti è passata una certa APM, che è stata operata con la tecnica AMIS. Però si è vista poco, quindi non ho potuto tartassarla di domande, come faccio con tutti.
Se ti "affacci" di là, troverai comunque persone simpatiche, munite di grande pazienza: Amarillys è una di loro.
A presto.
Si, si tratta della stessa persona, che ha già operato mia madre nell'' 88 qui a Bari. Attualmente visita presso la Clinica Montallegro di Genova ed anche presso il Policlinico di Monza (SSN). Ha una veneranda età, ma anche una solidissima esperienza e tanta umanità. Opererà, mi diceva, fino alla fine dell'anno.Conto di ricontattarlo prima di settembre , intanto cerco di indagare da sola, benchè niente valga più dell'esperienza di qualcun altro. Restiamo in contatto, sono a disposizione .
Grazie per l'attenzione
ELISA59

Amaryllis
 

Citazione:
Originariamente Inviato da ELISA59 Visualizza Messaggio
Ciao Amarillys,
pensavo di essere automaticamente entrata nel forum cui fai riferimento, non sono molto pratica, devo capire meglio come si fa; certamente tutto ciò che riuscirò a scoprire lo metterò a disposizione di tutti, compresa la mia esperienza. Verrò a cercarti sul forum, grazie per l'attenzione.
ELISA59

Ciao Elisa,

sei nella giusta sessione del forum, ovvero “protesi ortopediche”.
Ci stiamo equivocando, forse.
Siccome non mi è mai capitato di leggere alcunché riguardo al risultato ottenuto per aver scelto l’<amis> (dai pazienti, s’intende), mi chiedevo se tu non avessi già cercato in altri canali sul web.

Il tuo bisogno di essere rassicurata è legittimo, benché il confronto sia sempre un’arma a doppio taglio.
E questo secondo me.

Permettimi una domanda.
Hai consultato altri ortopedici?

Amaryllis

Amaryllis
 

Citazione:
Originariamente Inviato da nicolettaerre Visualizza Messaggio
Se ti "affacci" di là, troverai comunque persone simpatiche, munite di grande pazienza: Amarillys è una di loro.
A presto.
Off topic:

debbo deluderti, Nicoletta, non sono simpatica, nemmeno "una di loro", non hai investigato bene.
Quanto a paziente, sono d'accordo: l'abnegazione per due anche diversamente normali mi ha imposto di esserlo.

See you,

Amaryllis

ELISA59
 

Citazione:
Originariamente Inviato da Amaryllis Visualizza Messaggio
Ciao Elisa,

sei nella giusta sessione del forum, ovvero “protesi ortopediche”.
Ci stiamo equivocando, forse.
Siccome non mi è mai capitato di leggere alcunché riguardo al risultato ottenuto per aver scelto l’<amis> (dai pazienti, s’intende), mi chiedevo se tu non avessi già cercato in altri canali sul web.

Il tuo bisogno di essere rassicurata è legittimo, benché il confronto sia sempre un’arma a doppio taglio.
E questo secondo me.

Permettimi una domanda.
Hai consultato altri ortopedici?

Amaryllis
Ciao Amarillys,
si ho consultato altri ortopedici, ma considera che la scuola di Bari l'ha messa su lui, per dire che è il maestro;non ho consultato altri del centro nord e non intendo ormai più farlo.

Nessuno mi ha parlato mai di AMIS, anche perchè, da quello che ho capito, sono in pochi a praticarla.

Io stessa sono in dubbio talvolta sull'opportunità di capirne di più, e non sia meglio provare ad affidarmi completamente a questa persona, che di esperienza ne ha.

Probabilmente è il bisogno di parlare e di condividere che mi spinge, io poi confido molto nella sensibilità degli interlocutori che, senza mentire, dovrebbero informare e incoraggiare piuttosto che terrorizzare.

Qual è la tua storia, se è lecito?
A presto, buona giornata
Elisa

dany2010
 

Citazione:
Originariamente Inviato da ELISA59 Visualizza Messaggio
Ciao Amarillys,
si ho consultato altri ortopedici, ma considera che la scuola di Bari l'ha messa su lui, per dire che è il maestro;non ho consultato altri del centro nord e non intendo ormai più farlo.

Nessuno mi ha parlato mai di AMIS, anche perchè, da quello che ho capito, sono in pochi a praticarla.

Io stessa sono in dubbio talvolta sull'opportunità di capirne di più, e non sia meglio provare ad affidarmi completamente a questa persona, che di esperienza ne ha.

Probabilmente è il bisogno di parlare e di condividere che mi spinge, io poi confido molto nella sensibilità degli interlocutori che, senza mentire, dovrebbero informare e incoraggiare piuttosto che terrorizzare.

Qual è la tua storia, se è lecito?
A presto, buona giornata
Elisa
ciao elisa ti ho trovata....sono Daniela....anke io stò cercando persono ke hanno fatto amis ma nn si trovano!!!!!!!!!!!!!!!! SPARGIAMO LA VOCEEEEE......kissà forse ci risponde qualcuno! Ciao a presto

Amaryllis
 

Citazione:
Originariamente Inviato da ELISA59 Visualizza Messaggio
Ciao Amarillys,
si ho consultato altri ortopedici, ma considera che la scuola di Bari l'ha messa su lui, per dire che è il maestro;non ho consultato altri del centro nord e non intendo ormai più farlo.

Nessuno mi ha parlato mai di AMIS, anche perchè, da quello che ho capito, sono in pochi a praticarla.

Io stessa sono in dubbio talvolta sull'opportunità di capirne di più, e non sia meglio provare ad affidarmi completamente a questa persona, che di esperienza ne ha.

Probabilmente è il bisogno di parlare e di condividere che mi spinge, io poi confido molto nella sensibilità degli interlocutori che, senza mentire, dovrebbero informare e incoraggiare piuttosto che terrorizzare.

Qual è la tua storia, se è lecito?
A presto, buona giornata
Elisa
Ciao Elisa,

la mia domanda era fine a te stessa, comprendere se altri ortopedici ti avessero suggerito la stessa tecnica chirurgica.

Tuttavia penso che se lo specialista che ti segue abbia deciso di adottare l’<amis>, avrà valutato che tu sei una paziente con adeguati requisiti, l’analisi dovrebbe essere tutto fuorché aleatoria.

Ciononostante, affidati a chi ti dà fiducia, vuoi per l’esperienza e la grande capacità professionale, vuoi perché lo senti tu.
Ho sempre pensato che debba esistere un sesto senso nel paziente, una sorta di complicità mentale col proprio medico, un sentimento di sicurezza che lo privilegi e lo riponga su un piedistallo d’oro, e non perché i molti si sono indirizzati a lui.

E’ palese il tuo desiderio di ottenere informazioni, e a questo proposito ti auguro di trovare qualche persona già operata con l’<amis>, ma prendi sempre con le pinze ciò che ti dicono, ogni caso è a sé.
E non è un discorso di menzogna o verità, bensì di differente apparato fisiologico; ognuno di noi è diverso.

Sicuramente, altre persone si saranno già sottoposte alla suddetta tecnica, ma tutto il mondo non si affaccia sul web.

La mia storia è triste e infinita, dagli esordi ad oggi.
Sono affetta da displasia congenita bilaterale, la cui miglior traduzione non potrebbe che essere: due maledette anche lussate alla nascita.
I miei genitori volevano vedermi camminare bene, dritta soprattutto, il risultato è stato un interminabile calvario nelle sale operatorie, fra divaricatore, trazioni normali e su carne aperta, inserimento e rimozione di placche, osteotomia, tettoplastica…
Sono stati spesi fior di quattrini per la miglior assistenza privata, ma il responso è stato: “la medicina non è una scienza esatta”.
Tredici anni fa, imminenti fra qualche mese, mi è stata impiantata una protesi tradizionale all’arto sinistro, l’esito è stato più che soddisfacente, l’equipe detiene un posto di ragguardevole eccellenza.
Spero che l’anca destra resista, occasionalmente avverto qualche capriccio: incrocio le dita.

Buona domenica,

Amaryllis

ELISA59
 

Amarillys cara,
condivido pienamente quello che hai scritto.
Fondamentalmente sono vere due cose: la prima che ogni caso è a sè, e che nessun altro, fuorchè il chirurgo, può valutare la bontà di una tecnica piuttosto di un'altra; la seconda sta nel buon senso di affidarsi a questa persona, dopo aver "fiutato" che è quella giusta per noi.
Ma noi siamo umani e abbiamo bisogno di condividere.

Non sono riuscita a fidarmi di altri, per lo meno di quelli contattati, benchè sia sicura che ci sono altri professori di qualità. Io ho incontrato lui, che è già intervenuto su mia madre nell'88: ancora un'anca displasica, una protesi che tiene bene dopo più di vent'anni.
La mamma ha dovuto inserirne un'altra a destra, si trattava di un intervento più semplice, e a lei che non si sentiva di andare sino a Genova (aveva allora 73 anni ) ha consigliato di affidarsi ad un suo allievo, qui a Bari. Ancora tutto ok., accontentandosi di qualche limite funzionale, che non le impedisce di fare autonomamente quasi tutto, soprattutto camminare senza dolori. QUESTO E' MOLTO INCORAGGIANTE!

E' stato un angelo nelle nostre vite, e te lo dice una che crede più negli uomini che negli dei.

C'è una terza cosa vera, sempre sulla base di quel " fiuto": che tu sei una persona speciale, che io dovevo evidentemente incontrare: ti ammiro per il tuo coraggio e perchè la tua sofferenza hai saputo tradurla in sensibilità e solidarietà, unici veri tratti distintivi degli umani.
Sono contenta di averti incontrata, mi fa bene al cuore, mi fa predisporre meglio a quello che mi aspetta.
Ti ringrazio e ti auguro buona fortuna, cara.

ELISA59
 

Ciao Dany,
ho risposto privatamente, fammi sapere se hai ricevuto il messaggio
ELISA

Amaryllis
 

Citazione:
Originariamente Inviato da ELISA59 Visualizza Messaggio
Amarillys cara,
condivido pienamente quello che hai scritto.
Fondamentalmente sono vere due cose: la prima che ogni caso è a sè, e che nessun altro, fuorchè il chirurgo, può valutare la bontà di una tecnica piuttosto di un'altra; la seconda sta nel buon senso di affidarsi a questa persona, dopo aver "fiutato" che è quella giusta per noi.
Ma noi siamo umani e abbiamo bisogno di condividere.

Non sono riuscita a fidarmi di altri, per lo meno di quelli contattati, benchè sia sicura che ci sono altri professori di qualità. Io ho incontrato lui, che è già intervenuto su mia madre nell'88: ancora un'anca displasica, una protesi che tiene bene dopo più di vent'anni.
La mamma ha dovuto inserirne un'altra a destra, si trattava di un intervento più semplice, e a lei che non si sentiva di andare sino a Genova (aveva allora 73 anni ) ha consigliato di affidarsi ad un suo allievo, qui a Bari. Ancora tutto ok., accontentandosi di qualche limite funzionale, che non le impedisce di fare autonomamente quasi tutto, soprattutto camminare senza dolori. QUESTO E' MOLTO INCORAGGIANTE!

E' stato un angelo nelle nostre vite, e te lo dice una che crede più negli uomini che negli dei.

C'è una terza cosa vera, sempre sulla base di quel " fiuto": che tu sei una persona speciale, che io dovevo evidentemente incontrare: ti ammiro per il tuo coraggio e perchè la tua sofferenza hai saputo tradurla in sensibilità e solidarietà, unici veri tratti distintivi degli umani.
Sono contenta di averti incontrata, mi fa bene al cuore, mi fa predisporre meglio a quello che mi aspetta.
Ti ringrazio e ti auguro buona fortuna, cara.
Grazie, Elisa, anche tu mi hai dato una grande notizia.
Sapere che tua mamma è artroprotesizzata da vent’anni non può che far piacere, è consolante per chi occupa il nostro posto, fa bene alla psiche.
Accidenti, parliamo di ventitrè anni, è fantastico!

Udite, udite, redigiamo, meglio, riaggiorniamo le statistiche?
Le ultime info del forum mi hanno lasciata attonita, giuro, ma suppongo di aver compreso da sola i perché.

Pertanto, hai parecchi motivi per fidarti del tuo ortopedico: mitico!

Grazie altresì per le tue ultime parole, è giusto che tu sappia che non ho tutto quel coraggio che supponi, sono fobica per tante cose purtroppo, forse ho ottenuto il guiness dei traumi nei tanti anni trascorsi fra i camici bianchi.
Tuttavia non mi astengo ad aiutare moralmente le persone autentiche, l’intuito mi ha sussurrato che tu appartieni a questa categoria.

Il mio più grande augurio per un futuro singolare: il tuo!

Amaryllis

Leggi altri commenti
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 14:50 PM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2019, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X