Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Ortopedia e traumatologia > Protesi ortopediche > Via anteriore/Tecnica AMIS
Segna Forum Come Letti

   

Via anteriore/Tecnica AMIS

Dott. Franco Baldo
 

Facendo zapping attraverso il forum scopro pz operati con tecnica tradizionale contenti di abbandonare le stampelle a 2 mesi dall'intervento e tutto ciò mi stupisce.
Con la via anteriore diretta o con tecnica AMIS(sostanzialmente simili)i risultati immediati sono sorprendenti. Ho visto pazienti camminare in 3a giornata senza stampelle. Guidare l'auto, salire scale senza stampelle e dormire sul fianco operato a 3 settimane dall'intervento. Recentemente una protesi bilaterale, salire scale una dopo l'altra, senza satampelle e senza attacarsi al corrimano a 1 mese.
Questa tecnica permette di non tagliare muscoli o tendini, semplicemente li sposta. Non vi sono quindi danni muscolo-tendinei si haquindi un recupero più rapido e senza dolore.
Nel posto operatorio non viene indicata alcuna limitazione. Il rischio di lussazione è ridotto a zero. Non vi sono calcificazioni. Si usano protesi piccole che permettono il risparmio di osso per eventuali revisioni, il tutto attraverso una incisione di 8-10 cm.
Pratico questa tecnica da quasi 2 anni. Le soddisfazioni mie, e dei miei pazienti sono immense. Ho più di 200 interventi eseguiti con questa tecnica nella mia casistica. Non sono molti, lo so, ma sono sicuramente uno dei maggiori esperti. Non tornerò mai, a fare la tecnica tradizionale, se non per revisioni o anche displasiche. I vantaggi sono molti, e sono tutti a favore del paziente. Gli svantaggi pochi sono tutti a carico del chirurgo. Ma le soddisfazioni date dai pazienti mi ripagano enormemente dello sforzo compiuto. Stiamo parlando dell'unica vera novità in campo protesico.
Al momento siamo in pochi che applicano tale tecnica, ma nei corsi che teniamo noto l'interesse di molti colleghi.
Cordiali saluti
Dott. Baldo

MIGLIOR COMMENTO
Dott. Franco Baldo
Per carlocux
LE protesi di rivestimento non possono essere impiantate mediante questa tecnica. LA via di accesso e molto piccola. E' possibile lussare la testa femorale ma il suo ingombro non permette la preparazione dell'acetabolo. Le protesi di rivestimento hanno complicanze importanti ed il loro utilizzo e notevolmente ridotto. La via anteriore permette di posizionare le componenti rispettando i tessuti adiacenti, ma rimane comunque una protesi d'anca. Più si utilizza, maggiore sarà l'usura, più presto sarà la revisione. Non vi sono controindicazioni all'esercizio di attività fisica da deve essere di modesta entità e con moderazione. La durata è identica per tutte le tecniche. Dipende dal loro posizionamento, dal loro utilizzo etc etc....
I dati statistici dicono che protesi messe 20 anni or sono sono buone per l'80%. Si spera che tecniche innovative, progresso sui materiali possano far durare le protesi attuali più di quelle di 20 anni fa.
Per informazioni più dettagliate è meglio un contatto privato
Cordiali saluti.
Per Shamu sul sito medacta international può trovare le informazioni che cerca sotto il capitolo anca.
Cordiali saluti.
Leggi altri commenti
carlocux
 

Citazione:
Originariamente Inviato da Dott. Baldo Visualizza Messaggio
Facendo zapping attraverso il forum scopro pz operati con tecnica tradizionale contenti di abbandonare le stampelle a 2 mesi dall'intervento e tutto ciò mi stupisce.
Con la via anteriore diretta o con tecnica AMIS(sostanzialmente simili)i risultati immediati sono sorprendenti. Ho visto pazienti camminare in 3a giornata senza stampelle. Guidare l'auto, salire scale senza stampelle e dormire sul fianco operato a 3 settimane dall'intervento. Recentemente una protesi bilaterale, salire scale una dopo l'altra, senza satampelle e senza attacarsi al corrimano a 1 mese.
Questa tecnica permette di non tagliare muscoli o tendini, semplicemente li sposta. Non vi sono quindi danni muscolo-tendinei si haquindi un recupero più rapido e senza dolore.
Nel posto operatorio non viene indicata alcuna limitazione. Il rischio di lussazione è ridotto a zero. Non vi sono calcificazioni. Si usano protesi piccole che permettono il risparmio di osso per eventuali revisioni, il tutto attraverso una incisione di 8-10 cm.
Pratico questa tecnica da quasi 2 anni. Le soddisfazioni mie, e dei miei pazienti sono immense. Ho più di 200 interventi eseguiti con questa tecnica nella mia casistica. Non sono molti, lo so, ma sono sicuramente uno dei maggiori esperti. Non tornerò mai, a fare la tecnica tradizionale, se non per revisioni o anche displasiche. I vantaggi sono molti, e sono tutti a favore del paziente. Gli svantaggi pochi sono tutti a carico del chirurgo. Ma le soddisfazioni date dai pazienti mi ripagano enormemente dello sforzo compiuto. Stiamo parlando dell'unica vera novità in campo protesico.
Al momento siamo in pochi che applicano tale tecnica, ma nei corsi che teniamo noto l'interesse di molti colleghi.
Cordiali saluti
Dott. Baldo
Buongiorno dott. Baldo, qualche domanda : ma fate anche protesi di rivestimento con questa tecnica ? Se la risposta fosse negativa quale controindicazioni vede in un paziente "giovane" e sportivo (rispetto al rivestimento si intende)? E qual'è la durata stimata (fino alla prima revisione) sulla base della vostra esperienza ? Presso quale struttura opera? Quanto è lunga la lista di attesa ?
La ringrazio anticipatamente, saluti.
Carlo

Shamu
 

Buonasera Dott.Baldo,
sono proprio alla ricerca d'informazioni in merito al tipo di tecnica utilizzata da lei.
Saprebbe dirmi se nella zona di Como/Varese c'e' qualche medico che la utilizza?

Grazie
Samuela

totofraro
 

Buonasera a tutti cercate di ascoltare il dott. Baldo dato che sono stato operato proprio da lui e solo da 4 giorni e posso confessare che già dal 3 giorno ero a camminare con la fisioterapista con molta disinvoltura. Se lo sapevo lo scorso anno avrei fatto anche l'altra gamba con lui per non passare tutto il fastidio sentito con la vecchia metodologia del taglio laterale. Grazie dott. Baldo

Innerten
 

Citazione:
Originariamente Inviato da totofraro Visualizza Messaggio
Buonasera a tutti cercate di ascoltare il dott. Baldo dato che sono stato operato proprio da lui e solo da 4 giorni e posso confessare che già dal 3 giorno ero a camminare con la fisioterapista con molta disinvoltura. Se lo sapevo lo scorso anno avrei fatto anche l'altra gamba con lui per non passare tutto il fastidio sentito con la vecchia metodologia del taglio laterale. Grazie dott. Baldo
Gli operati di protesi d'anca in seconda giornata post intervento camminano tutti dove sta' il miracolo ??
Ciao
Valerio

sandro55
 

Citazione:
Originariamente Inviato da totofraro Visualizza Messaggio
Buonasera a tutti cercate di ascoltare il dott. Baldo dato che sono stato operato proprio da lui e solo da 4 giorni e posso confessare che già dal 3 giorno ero a camminare con la fisioterapista con molta disinvoltura. Se lo sapevo lo scorso anno avrei fatto anche l'altra gamba con lui per non passare tutto il fastidio sentito con la vecchia metodologia del taglio laterale. Grazie dott. Baldo
Operato sette anni fa con tecnica tradizionale all'Icot di Latina ed ho camminato dopo tre giorni.

Non griderei al miracolo nemmeno io...

Leggi altri commenti
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 22:23 PM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2020, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X