Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Allergologia e Immunologia > Immunologia clinica e di laboratorio > Febbre di origine sconosciuta
Segna Forum Come Letti

   

Febbre di origine sconosciuta

queenie
 

Per chiunque potesse darmi un consiglio...
il mio fidanzato ha la febbre che gli va e gli viene da un mese e mezzo ormai. è stato sfebbrato solo una settimana consecutiva, se no ha sempre la febbre e gli arriva anche a 40!!!! scende con tachipirina ma poi risale. ora è in ospedale dove gli danno levoxacina, ma il tutto non cambia. gli hanno fatto tutti gli esami possibili a sentire lui (purtroppo ora siamo lontani) x artrite reumatoide, x infezioni, marker tumorali... x tutto. non ha niente. ma allora perchè ha sempre sti febbroni? anche ora ha 39.
chi potesse darmi un aiuto/consiglio/suggerimento avrà la mia gratitudine eterna

grazie a tutti

MIGLIOR COMMENTO
Dr. Filippo Fassio
salve,

nel caso del suo fidanzato si tratta appunto di una "febbre di origine sconosciuta" o FUO (fever of unknown origin). Si tratta di una dei problemi medici più difficili da affrontare, in quanto la febbre è un sintomo assolutamente non specifico e quindi può originare da qualsiasi condizione patologica.
Questo non vuol dire che si tratti necessariamente di una problema grave; fortunatamente non sono rari i casi in cui la febbre se ne va, senza che si riesca a capire cosa l'aveva scatenata, oppure nei quali si individua una causa facilmente risolvibile.
Per poter valutare la situazione è necessario comunque aspettare i risultati di tutti gli esami impostati, degli eventuali approfondimenti, e valutare l'evoluzione clinica.

saluti
__________________
Dr. Filippo Fassio
Specialista in Allergologia ed Immunologia Clinica
Dottore di Ricerca in Medicina Clinica e Sperimentale
Visita in: Firenze - Pistoia - Bologna

Visita il mio sito blog:www.allergologo.net!

Le informazioni contenute sul forum hanno unicamente scopo divulgativo e non intendono in nessun modo sostituire la visita medica.
Leggi altri commenti
palladineve
 

ti posso dare un abbraccio!
in bocca al lupo

queenie
 

... grazie di cuore....
crepi! il lupo...

Miss Marple
 

Citazione:
Originariamente Inviato da queenie Visualizza Messaggio
... grazie di cuore....
crepi! il lupo...
Spero che qualkuno possa darti una mano...hai postato anche in altre sezioni x caso??

queenie
 

si, in malattie respiratorie. ma non è che capisco molto di questo sito...
grazie comunque

Leggi altri commenti

Profilo del medico - Dr. Filippo Fassio

Dr. Filippo Fassio
Nome:
Filippo Fassio
Comune:
Firenze, Pistoia e Lucca
Professione:
Medico Chirurgo, Specialista in Allergologia ed Immunologia Clinica
Specializzazione:
Allergologia ed Immunologia Clinica, Dottore di Ricerca in Medicina Clinica e Sperimentale
Contatti/Profili social:
sito web facebook twitter linkedin
Domanda al medico
Dr. Fassio, come riconoscere intolleranze alimentari nei bambini? E negli adulti?
I sintomi generalmente sono di tipo gastrointestinale: gonfiore, mal di pancia, diarrea, a volte nausea e vomito. Oppure si possono avere – oltre a questi – dei sintomi “sistemici”, come episodi di mal di testa o senso di spossatezza. Le manifestazioni cliniche non sono molto differenti nel bambino o nell’adulto. Per poter riconoscere un’intolleranza è importante riuscire a ricondurre i sintomi all’assunzione di specifici alimenti, cosa non sempre facile perché possono passare anche molte ore dal pasto alla comparsa dei sintomi. Leggi tutto
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 16:58 PM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2020, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X