Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Psicologia e psicoterapie > Psicologia dello sviluppo infantile > Bimba di 3 anni che vuole solo la mamma
Segna Forum Come Letti

   

Bimba di 3 anni che vuole solo la mamma

Unatratanti
 

Buongiorno,
vorrei un consiglio su un comportamento della mia bimba di 3 anni e mezzo.
Ha frequentato il nido a tempo pieno da quando aveva un anno e mezzo senza problemi, e attualmente frequenta con piacere la scuola materna; le maestre mi dicono che è una bambina tranquillissima, perfettamente inserita, partecipe ed entusiasta delle attività scolastiche.
Io e mio marito lavoriamo entrambi e trascorriamo la giornata interamente fuori casa, rientrando tra le 19.00 e le 20.00; la bambina trascorre la giornata a scuola, viene ripresa da mia madre che abita vicina e rimane a casa sua due-tre ore, finché io generalmente la vado a riprendere. Anche mia madre mi riferisce che è tranquilla e serena durante la permanenza da lei.
Da sempre ha mostrato un attaccamento fortissimo a me, e la cosa mi fa piacere anche perché anche io sono "innamoratissima" di lei, adoro ogni cosa di ciò che dice e che fa, come penso sia normale per ogni mamma. Tuttavia lei non si limita a manifestare affetto nei miei confronti, ma, soprattutto quando sono presente, tende ad essere ostile verso gli altri componenti della famiglia. Si rifiuta di abbracciare le nonne, la zia, il papà; dice che non vuole bene a nessuno, solo alla mamma; vuole essere presa in braccio e baciata solo da me; vuole stare seduta vicino a me, altrimenti sono pianti e strilli; vuole essere accudita solo da me, vuole che sia io ad aiutarla a vestirla, a lavarsi; vuole che sia io ad accompagnarla a scuola; se esco, vuole venire sempre con me, e quel poco tempo che passo in casa mi segue, rifiutandosi di fare qualunque cosa senza di me. Peraltro è identica al padre, una fotocopia, e quando qualcuno glielo dice ci rimane malissimo e si oppone, lei vuole essere uguale alla sua mamma, e guai a chi dice il contrario. Io e mio marito andiamo molto d'accordo, siamo una coppia tranquilla, ma se lei avverte qualche contrasto interviene in mia difesa, a volte del tutto a sproposito...ad esempio se lui mi fa un buffetto, lei lo prende come un gesto negativo e si mette tra me e lui a braccia spalancate per difendermi.
Inutile dire che il padre, e la zia e le nonne rimangono molto male nel sentirsi rifiutati, e non sappiamo bene cosa fare.
Io ho suggerito a mio marito di provare a fare qualcosa di bello con lei da solo, senza di me, ad esempio portarla alle giostre, al parco, ecc.
Lui è un po' pigro, ma ha provato; lei ci va, si diverte, ma il suo atteggiamento non cambia. Quando mi vede è come se le fosse mancata l'aria in mia assenza, e di nuovo rifiuta lui e chiunque altro.
Da un lato penso sia normale che un bimbo piccolo senta il bisogno della mamma, e mi rendo conto di trascorrere veramente poco tempo con lei. Dall'altro mi aspettavo che piano piano crescendo si sarebbe aperta anche agli altri, invece mi sembra peggiorare perché, diventando più razionale, aggiunge delle spiegazioni al rifiuto e afferma di non voler baciare nessuno, solo la mamma, perché lei è "tutta di mamma" e vuole solo me.
E' normale il comportamento di mia figlia? Cosa possiamo fare perché capisca che anche gli altri familiari le vogliono bene?

MIGLIOR COMMENTO
Cindyil
Citazione:
Originariamente Inviato da Unatratanti Visualizza Messaggio
Buongiorno,
vorrei un consiglio su un comportamento della mia bimba di 3 anni e mezzo.
Ha frequentato il nido a tempo pieno da quando aveva un anno e mezzo senza problemi, e attualmente frequenta con piacere la scuola materna; le maestre mi dicono che è una bambina tranquillissima, perfettamente inserita, partecipe ed entusiasta delle attività scolastiche.
Io e mio marito lavoriamo entrambi e trascorriamo la giornata interamente fuori casa, rientrando tra le 19.00 e le 20.00; la bambina trascorre la giornata a scuola, viene ripresa da mia madre che abita vicina e rimane a casa sua due-tre ore, finché io generalmente la vado a riprendere. Anche mia madre mi riferisce che è tranquilla e serena durante la permanenza da lei.
Da sempre ha mostrato un attaccamento fortissimo a me, e la cosa mi fa piacere anche perché anche io sono "innamoratissima" di lei, adoro ogni cosa di ciò che dice e che fa, come penso sia normale per ogni mamma. Tuttavia lei non si limita a manifestare affetto nei miei confronti, ma, soprattutto quando sono presente, tende ad essere ostile verso gli altri componenti della famiglia. Si rifiuta di abbracciare le nonne, la zia, il papà; dice che non vuole bene a nessuno, solo alla mamma; vuole essere presa in braccio e baciata solo da me; vuole stare seduta vicino a me, altrimenti sono pianti e strilli; vuole essere accudita solo da me, vuole che sia io ad aiutarla a vestirla, a lavarsi; vuole che sia io ad accompagnarla a scuola; se esco, vuole venire sempre con me, e quel poco tempo che passo in casa mi segue, rifiutandosi di fare qualunque cosa senza di me. Peraltro è identica al padre, una fotocopia, e quando qualcuno glielo dice ci rimane malissimo e si oppone, lei vuole essere uguale alla sua mamma, e guai a chi dice il contrario. Io e mio marito andiamo molto d'accordo, siamo una coppia tranquilla, ma se lei avverte qualche contrasto interviene in mia difesa, a volte del tutto a sproposito...ad esempio se lui mi fa un buffetto, lei lo prende come un gesto negativo e si mette tra me e lui a braccia spalancate per difendermi.
Inutile dire che il padre, e la zia e le nonne rimangono molto male nel sentirsi rifiutati, e non sappiamo bene cosa fare.
Io ho suggerito a mio marito di provare a fare qualcosa di bello con lei da solo, senza di me, ad esempio portarla alle giostre, al parco, ecc.
Lui è un po' pigro, ma ha provato; lei ci va, si diverte, ma il suo atteggiamento non cambia. Quando mi vede è come se le fosse mancata l'aria in mia assenza, e di nuovo rifiuta lui e chiunque altro.
Da un lato penso sia normale che un bimbo piccolo senta il bisogno della mamma, e mi rendo conto di trascorrere veramente poco tempo con lei. Dall'altro mi aspettavo che piano piano crescendo si sarebbe aperta anche agli altri, invece mi sembra peggiorare perché, diventando più razionale, aggiunge delle spiegazioni al rifiuto e afferma di non voler baciare nessuno, solo la mamma, perché lei è "tutta di mamma" e vuole solo me.
E' normale il comportamento di mia figlia? Cosa possiamo fare perché capisca che anche gli altri familiari le vogliono bene?

Secondo me tua figlia ha un comportamento normalissimo, se tutti ti dicono che in tua assenza è tranquilla, quando sei presente è logico che vuole solo mamma.. goditela è l'età più bella e non pensare a come ci restano gli altri, crescono talmente alla svelta.... ogni bambino ha un suo carattere.

Io da piccola avevo entrambi i genitori che lavoravano tutto il giorno, però sinceramente non ho mai avuto un grande attaccamento a mia mamma, neanche da piccolina...lei non era molto affettuosa nei miei confronti, anzi mi sgridava sempre, ma io avevo mia zia pisana che abitava sotto a noi che mi coccolava, anche se era una donna con un carattere forte, era sarta, mi cuciva tanti vestitini, la sua casa era frequentata da tante signore e a me piaceva stare in casa sua e sinceramente forse ho voluto più bene a lei che a mia mamma..da piccola aveva vissuto con una zia che era cantante lirica..le piaceva raccontarmi di quando era piccola...era una donna molto ambiziosa.
__________________

Quelli belli come noi fan l'amore in un sorriso lontano ed indeciso che non capiresti mai.

Leggi altri commenti
Leggi altri commenti
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 06:43 AM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2019, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X