Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Psicologia e psicoterapie > Psicologia dello sviluppo infantile > test anti-droga-sul rapporto genitori-figli
Segna Forum Come Letti

   

test anti-droga-sul rapporto genitori-figli

Haydee
 

ne avete sentito parlare??? cosa ne pensate???credete sia un valido strumento in mano ai genitori...oppure può pregiudicare ancora di più i già flebili rapporti tra genitori e figli???
qual è il vero scopo????
non rischia di creare allarmismi inutili tra genitori che poco conoscono il fenomeno droghe???
e ancora, come può un genitore aiutare un figlio se non ne consoce i reali disagi?

MIGLIOR COMMENTO
hutck
se mi avessero fatto il test antidroga a 15 anni
mia mamma mi avrebbe mandata in comunità
poi non serve a nulla il test
basta guardarla in faccia una persona per capire se fa uso di droghe
__________________
Leggi altri commenti
Haydee
 

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da hutck

se mi avessero fatto il test antidroga a 15 anni
mia mamma mi avrebbe mandata in comunità
poi non serve a nulla il test
basta guardarla in faccia una persona per capire se fa uso di droghe
sull'ultima frase non ne sarei sicurissima...

sahel
 



se avro' bisogno di fare il test a mio figlio, saro' ben messa male...spero di aver confidenza abbastanza per far sì che se na parli apertamente, se no il problema non e' l'eventuale canna o altro ma quante altre cose puo' nascondere per cui non c' e' test...

hutck
 

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da Haydee

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da hutck

se mi avessero fatto il test antidroga a 15 anni
mia mamma mi avrebbe mandata in comunità
poi non serve a nulla il test
basta guardarla in faccia una persona per capire se fa uso di droghe
sull'ultima frase non ne sarei sicurissima...
non voglio sembrare presunutuosa

ma una persona che fa costante uso di cannabis o coca la riconosco al volo

Haydee
 

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da renatadnl



se avro' bisogno di fare il test a mio figlio, saro' ben messa male...spero di aver confidenza abbastanza per far sì che se na parli apertamente, se no il problema non e' l'eventuale canna o altro ma quante altre cose puo' nascondere per cui non c' e' test...

sinceramente credo che nessun figlio alla domanda del genitore:" ti fai le canne?" risponda candidamente:"Sì, papà, ma solo il sabato sera!"

hutck
 

poi secondo me se un genitore vuole scoprirlo lo puo' fare benissimo
parlo sempre di uso abituale
certe volte trovo che alcuni genitori facciano finta di non vedere o
non so come non possano non rendersi conto di certe cose evidenti

sahel
 

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da Haydee

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da renatadnl



se avro' bisogno di fare il test a mio figlio, saro' ben messa male...spero di aver confidenza abbastanza per far sì che se na parli apertamente, se no il problema non e' l'eventuale canna o altro ma quante altre cose puo' nascondere per cui non c' e' test...

sinceramente credo che nessun figlio alla domanda del genitore:" ti fai le canne?" risponda candidamente:"Sì, papà, ma solo il sabato sera!"
mio figlio sì
perche' gli ho gia' raccontato che io me le facevo, così come sa che fumavo e ho smesso, semplicemente perche' non ne valeva la pena

ma se lui gia' sa che lo condannerai certo che non te lo dirà

Haydee
 

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da renatadnl

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da Haydee

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da renatadnl



se avro' bisogno di fare il test a mio figlio, saro' ben messa male...spero di aver confidenza abbastanza per far sì che se na parli apertamente, se no il problema non e' l'eventuale canna o altro ma quante altre cose puo' nascondere per cui non c' e' test...

sinceramente credo che nessun figlio alla domanda del genitore:" ti fai le canne?" risponda candidamente:"Sì, papà, ma solo il sabato sera!"
mio figlio sì
perche' gli ho gia' raccontato che io me le facevo, così come sa che fumavo e ho smesso, semplicemente perche' non ne valeva la pena

ma se lui gia' sa che lo condannerai certo che non te lo dirà

mah...io non sono per un dialogo così schietto con un figlio. il genitore non è l'amico del cuore. ma deve mantenere un certo distacco...e non credo sia produttivo raccontare al figlio di quando ci facevamo le canne!

sahel
 

io sono la madre,non un' amica e questo e' fuori dubbio, e dirigo come meglio posso la sua vita anche in base ai miei errori e alle mie esperienze.
Non ambisco a dare di me un'immagine perfetta. Tant'e'vero che ho smesso, e ho smesso -da un giorno all'altro- quando sono rimasta incinta, e lui non fa che dire che ho fatto benissimo e gli farebbe schifo stare in una casa piena di fumo ecc.

cmq non sverrei se mi dicesse che LUI si fa le canne, visto che spero di averlo attrezzato abbastanza fino a quel momento per (eventualmente) provare e uscire, anziche' fare lo struzzo e non fornirgli la mia esperienza, che e' l' unico tesoro che posso passargli

i miei, di genitori, negavano persino che io avessi un ragazzo, anche dietro prove evidenti
a me facevano pena


Tastierino
 

CONTRARIO

E' un'immane cretinata..

Ma mettiamoci all'interno di una famiglia...

Padre madre e figlio...

Padre: Allora Junior oggi facciamo il test anti droga perchè non mi fido di te....
Junior: non parla ma pensa (caspita mio padre mi reputa un tossico...e non solo non si fida della mia parola...)
Madre: caro Junior ma noi lo facciamo per il tuo bene... dai prendi in mano il test...
Junior si decide e inizia a soffiare nel test....

E' positivo... che accade?
Il padre punisce il figlio?
Gli toglie la paghetta?
E lui smetterebbe sapendo del test?

Ma vi rendete conto come cadrebbe l'autostima di questi ragazzi?
Cioè non sarebbero più creduti e sarebbero messi in discussione da chi li ha messi al mondo..

io proporrei questo test gratuito per tutti i parlamentari...
visto il servizio delle iene, rimearremmo piacevolmente sorpresi...

PS: vi parla uno che non ha mai nemmno provato a fumare una sigaretta..





nimeesha
 

Premesso che non sono ancora un genitore e quindi parlo da figlia.

La necessità di ricorrere ad un test per capire il proprio figlio è a mio avviso indice di un rapporto familiare già incrinato.

Immagino che tale rapporto si verrebbe ad incrinare ancora di più in caso di test effettuato di nascosto.

Quindi mi sento di non essere d'accordo.

Piuttosto, si riprenda la sana vecchia abitudine che da quanto so è sparita in molte case... PARLARE CON I PROPRI FIGLI.

Druuna
 

concordo con renata...
credo che in qualsiasi relazione, instaurare un rapporto di controllore-controllato non serva a niente.
Anzi: aumenta il distacco.

Purtroppo ormai nella nostra società tutto sta diventando così.
Divieto di bere alcolici
Tesserino per controllare le assenze in tempo reale a scuola
Cellulare con l'illusione di controllare il figlio
ecc. ecc.

ma il proibizionismo non ha già dimostrato la sua totale inutilità negli anni 20 ?...

bah.... sembra che non si impari mai niente....

la domanda vera è:
ammettiamo che un genitore riesca a fare il test al figlio a sua insaputa e scopra del THC, allora che cosa farà ?

gioia81
 

certo che finchè continueremo a considerare la cannabis alla stregua delle droghe pesanti e ad alimentare l'IGNORANZA a proposito dei rischi legati al consumo delle diverse droghe continueremo senz'altro a pensare che un figlio che si fa le canne è un drogato da curare e "recuperare".
mia madre pianse per due giorni quando LEGGENDO LE MIE COSE PIU' PRIVATE scoprì che fumavo (ironia della sorte lo scoprì quando ormai avevo smesso da tempo). andò da un sacco di medici e da una psicologa per sapere come doveva "trattarmi", cosa doveva dirmi per convincermi ad entrare in comunità (????), come potevo fare per curarmi (???) e riuscire comunque a prendere il diploma (ero all'ultimo anno di scuole superiori). niente e nessuno l'aveva preparata a capire che fumare una canna ogni tanto è una cosa abbastanza comune tra i giovani, poco dannosa (molto peggio girare in motorino con un casco che non sia integrale!!!!!!!), spesso legata ad una fase della crescita in cui si è più curiosi verso queste cose e che magari passa da sola o magari continua, ma senza mai diventare veramente un problema.
alla fine, dopo due giorni di musi e lacrime in cui non mi disse mai cosa aveva scoperto, si chiuse a chiave con me nella mia stanza e cercò di costringermi ad andare in comunità. inutile dire che il rapporto già difficile che avevo con lei si è chiuso del tutto. niente è più toprnato come prima e sono passati parecchi anni.
non potrò mai perdonarle di aver frugato nei miei cassetti e letto le mie cose, non potrò mai perdonarle di avermi considerata così STUPIDA, non potrò mai perdonarle di non avere avuto la benchè minima fiducia nelle mie capacità di discernimento. ero maggiorenne -ma questo conta poco- e soprattutto ero una BRAVA PERSONA, impegnata nel sociale, con ottimi voti a scuola, con tanti amici, con un fidanzato innamoratissimo... l'unica cosa "imperfetta" nella mia vita era il rapporto con mia madre. ed evidentemente quale migliore spiegazione per il mio scarso affetto o la mia scarsa confidenza nei suoi confronti che quella che fossi cerebralmente lesa dalla droga? MI VIENE UNA RABBIA, MA UNA RABBIA, MA UNA RABBIA ANCORA ADESSO CHE NEMMENO VI POTETE IMMAGINARE.

Druuna
 

gioia... ti capisco

Leggi altri commenti
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 04:34 AM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2020, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X