Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Dieta, alimentazione, sport e forma fisica > I luoghi comuni: CELLULITE
Segna Forum Come Letti

   

I luoghi comuni: CELLULITE

LauraR
 

Vedo che spesso i tread si ripetono, e quelli che più spesso si ripetono sono legati ad argomenti soggetti a luoghi comuni:
Cellulite
Bruciagrassi
Peso ideale
Stretching
Tono o trofismo

Mi piacerebbe aprire ogni tanto un tread a tema e capire insieme a chi partecipa quali siano:
i luoghi comuni giusti e quelli sbagliati
i rimedi corretti
le azioni da intraprendere
come psicologicamente ci poniamo difronte al problema

Insomma non una lezione, ma un libero confronto.

Io paertirei con l'argomento principe visto l'avvicinarsi della prova costume: cellulite

MIGLIOR COMMENTO
Miky
Citazione:
Originariamente Inviato da Narayani Visualizza Messaggio
Ottimo topic!
Quale tipo di sport è meglio?
Aerobico o anaerobico?

Grazie e buona giornata a tutti!
Salve,

Per l'eliminazione di tessuto adiposo e cellulite è fondamentale praticare attività aerobica di almeno 30 minuti con una costanza di almeno 3 volte a settimana.Chiaramente il tutto in maniera graduale ed abbinato ad una corretta alimentazione.Le consiglio questi topic:

http://www.forumsalute.it/community/...agrassi_1.html

http://www.forumsalute.it/community/...ta_come_1.html

http://www.forumsalute.it/community/...ompleta_1.html

Cordiali saluti
Leggi altri commenti
Cassiopeya
 

Cellulite

Brutta bestia per quasi tutte le donne, per anni sono stata all'interno di aziende che creava creme per la cura di questa patologia, provate quasi tutte, ma come la maggior parte delle creme in commercio, che promettono corpi da 16enni, sono ottime come creme idratanti, ma più in là non vanno.

Poi ci sono i prodotti venduti in farmacia, e lì si cambia tono

Per esperienza personale però la cellulite si può migliorare con parecchi stratagemmi, tipo evitare di mangiare salato e bere tanta acqua

damback
 

appunto quello che ho sempre fatto notare io,spesso i thread si ripetono o semplicementi i problemi comuni sono sempre gli stessi ovvero

cellulite per le donne

e crescita muscolare per gli uomini


damback
 

bene la cellulite e'un problema che ho gia'affrontato diverse volte in altre sedi e adesso insieme a voi faremo il punto della situazione partendo proprio dalle basi


Che cosa è la cellulite?

Il vocabolario alla voce cellulite recita: "Accumulo patologico di tessuto adiposo e acqua nel tessuto sottocutaneo, e la seguente deformazione esterna".

Questa deformazione patologica è sempre stata comunque una caratteristica del corpo femminile; quello che si è molto modificato, nel corso degli anni, è stato l'atteggiamento mentale verso la cellulite.



Nella nostra epoca, contrassegnata da una forte attenzione per la linea e per la forma fisica, la cellulite è diventata il nemico numero uno delle donne che, per sconfiggerla, si sottopongono a trattamenti d'ogni tipo, da quelli estetici a quelli chirurgici.

Per evitare di arrivare a soluzioni così drastiche come quelle chirurgiche o ad uno stadio di formazione della cellulite quasi irreversibile, bisogna attuare la prevenzione necessaria, che passa attraverso il connubio: alimentazione corretta e attività fisica costante.

Modificare la propria alimentazione in questa funzione e conservarla per quasi tutta la vita non è facile, ma ne vale veramente la pena. Almeno si provi per qualche tempo, per sincerarsi dei risultati. Una cattiva alimentazione, infatti, provoca disturbi come la stipsi (stitichezza), che favorisce la ritenzione idrica o compromettere la circolazione: tutti elementi che accelerano la comparsa della cellulite.


Dove e perché si origina la cellulite ???

La cellulite si origina dall'alterazione della struttura sottocutanea (il pannicolo), cioè di quello strato di tessuto ricco di cellule adipose che si trova sotto la pelle.

La modificazione di questo tessuto adiposo, e la conseguente comparsa di cellulite, è il segnale che qualcosa nell'organismo non funziona in modo corretto. Significa che cause esterne (per esempio stress, sedentarietà, problemi ormonali, intossicazioni, cattiva alimentazione) hanno dato il via a una serie di alterazioni del grasso sottocutaneo. Queste, a loro volta, hanno provocato la cellulite.

La principale di queste alterazioni è una cattiva circolazione venosa e linfatica (la linfa è un liquido che raccoglie i materiali di scarto dell'organismo e scorre in canali paralleli a quelli del sangue). In secondo luogo la comparsa della cellulite indica che c'è una ritenzione di liquidi da parte dei tessuti (favorita dalla cattiva circolazione).

Se a un quadro come quello sopra esposto aggiungiamo un disturbo come la stipsi, cioè difficoltà nell'evacuazione, la situazione si compromette a livello circolatorio ancora di più. Infatti, come vedremo, anche il cattivo funzionamento dell'intestino può impedire lo smaltimento dei liquidi e delle scorie dai tessuti.


anton3
 

laura!!!! direi che l'argomento è perfetto per iniziare!!!!!!!!.....
mannaggia è proprio vero la cellulite è un problema, creme cremine, bere acqua, attività fisica, idromassaggio, sauna, bagno turco....e tutto ciò nella speranza che questa brutta bestia se ne vada dal nostro corpo

damback
 

Le tre fasi dello sviluppo della cellulite e la ritenzione idrica


Il problema della cellulite e della ritenzione idrica (cioè dell'accumulo di liquidi tra i tessuti dell'organismo) sono connessi strettamente tra loro, tanto è vero che la dieta per risolvere questi due disturbi è la stessa.
Occorre ricordare che nel nostro corpo ci sono tre diversi tipi di circolazione: quella arteriosa, quella venosa e quella linfatica.

Alla circolazione arteriosa è deputato il compito di trasportare il sangue purificato dal fegato e dai polmoni attraverso il corpo, per nutrire e ossigenare i tessuti. Il compito della circolazione venosa è quello di raccogliere il sangue già utilizzato dai tessuti del corpo, e quindi ricco di tossine, e di trasportarlo al fegato e ai polmoni perché venga "ripulito".

La circolazione linfatica è costituita invece da una rete di piccolissimi canalini che trasportano i liquidi linfatici. Questi sono ricchi di scorie che devono essere eliminate, passando prima attraverso i vasi venosi del torace, e di lì ai reni e al fegato.

damback
 

adesso vediamo nello specifico come combattere questo inestetismo curando l'alimentazione.....




A completamento delle considerazioni sull'alimentazione più adeguata contro la cellulite, occorre sottolineare che la frutta e la verdura sono importanti anche per un altro motivo: perché sono alimenti ricchi di fibre e di potassio.
Le fibre hanno la funzione di aiutare l'evacuazione dell'intestino e di eliminare, insieme alle feci, le scorie presenti nell'organismo.

L'importanza del potassio è fondamentale in quanto lavora in tandem con il sodio. Un eccesso di sodio, com'è risaputo, favorisce la ritenzione idrica, il gonfiore e tutti quei fattori che portano all'instaurarsi della cellulite. Il potassio al contrario tende ad espellere l'acqua trattenuta dai tessuti.

Ma non solo: il potassio favorisce la circolazione linfatica, rendendola più fluida e meno viscosa, quindi più in grado di purificare l'organismo dai residui e dalle impurità. In una sana alimentazione antiritenzione il potassio dovrebbe essere il doppio del sodio, ma raramente questo avviene. In genere il contenuto di sodio è sempre maggiore di quello del potassio.


damback
 

Prevenire la cellulite a tavola: 4 regole d'oro dell'alimentazione.

1) Evitare il sovrappeso
Pare un'ovvietà, ma è meglio ricordarlo: minore sarà la quantità di tessuto adiposo, disponibile alla colonizzazione, e meno probabilità ci sono che questa avvenga.
Non è questo il momento per affrontare un problema così complesso. In ogni caso, se intendete recuperare il peso forma, aiutatevi con: una dieta ipocalorica, prescritta da un dietologo, un programma di attività aerobica e qualche buon integratore, che contrasti i grassi in eccesso (come l'acido lipoico e il piruvato).

2) Favorire la diuresi
Per favorire l'eliminazione di tutte le sostanze tossiche e di rifiuto, è importante bere molta acqua. Un litro e mezzo al giorno è la quantità minima da assumere, magari lontano dai pasti per non diluire i succhi digestivi.
E' importante però che il liquido, una volta assunto, non ristagni nei tessuti gonfiandoli e quindi occorrerà limitare l'assunzione di sodio. Il sodio, infatti, trattiene acqua all'interno dei tessuti, impedendo il corretto scambio di liquidi tra la cellula e l'esterno. Evitate quindi tutti gli alimenti che contengono troppo sale come crackers, grissini, dadi da brodo e formaggi stagionati. Se vi pare che i cibi abbaino poco gusto, sostituitelo con gli usuali aromi da cucina quali timo, lauro, basilico, cipolla, prezzemolo e aglio.
Vanno inoltre banditi gli eccessi di caffè (oltre 2-3 tazzine al giorno), di cioccolato e di bevande alcoliche (come vino, birra e liquori), poiché affaticano il fegato impedendogli di espellere le sostanze di rifiuto.

3) Regolarizzare l'intestino
Per questo scopo preferite gli alimenti ad alto contenuto di fibre, vitamine C-E, potassio.

Aumentate il consumo di frutta e verdura, soprattutto: finocchi, sedano, carciofi, asparagi, carote, arance, kiwi, pompelmo, prugne fresche e albicocche.

Frutta e verdura infatti, per il loro alto apporto di fibra, favoriranno l'attività intestinale. Questo faciliterà l'evacuazione delle scorie alimentari, riducendo l'assorbimento degli zuccheri e dei grassi, senza disturbare l'utilizzazione delle proteine e degli oligoelementi (ferro, rame, selenio, zinco, magnesio e calcio).

4) Favorire la microcircolazione
Occorre cercare gli alimenti ricchi di bioflavonoidi, le sostanze che favoriscono la microcircolazione. Vi potranno aiutare molto, in questo caso, i frutti di bosco e di sottobosco (per una volta i golosi delle fragole sono favoriti!) e soprattutto i mirtilli, che contengono un grande quantitativo di sostanze vasotrofiche, dette rutosidi, protettrici delle pareti dei vasi.

damback
 

Si moltiplicano le cure e le strategie. Ma prima di sottoporsi a massaggi e cure o mettersi a dieta in previsione dell’estate imminente, siete davvero sicure che il vostro problema sia dovuto alla cellulite?

In base a dove si accumula il grasso, a come si presentano pelle ed ossatura ed allo stato della circolazione venosa e linfatica degli arti inferiori, è possibile identificare con esattezza il tipo di problema.

Una visita medica specialistica leva ogni dubbio perché si basa su indagini strumentali che identificano con precisione la patologia, ma con l'aiuto degli esperti abbiamo elencato le morfologie femminili più comuni, complete di segnali d'allarme e sintomi tipici che accompagnano la cellulite, per riconoscere con esattezza il tipo e la gravità dell'inestetismo e cominciare fin da ora a seguire i trattamenti correttivi più efficaci.

E se intanto vuoi farti un’idea, puoi provare ad eseguire questo test guidato e elaborato con l’aiuto di esperti italiani riconosciuti. Come Carlo Alberto Bartoletti, presidente della società italiana di medicina estetica, Pier Antonio Bacci, docente di chirurgia estetica all’università di Siena, Marco Gasparotti, docente di chirurgia estetica all’università di Roma Tor Vergata.

Osservandoti allo specchio puoi eseguire l’AUTO-TEST e identificarti in uno dei sette "morfotipi", elencati di seguito, e seguire le cure che riportiamo al termine di ogni tipologia.

E' chiaro che è necessario comunque modificare anche alcune abitudini che, alla lunga, facilitano la formazione o il peggioramento della cellulite, come la sedentarietà e l'alimentazione scorretta.



ECCO L’AUTO TEST:

1 - Mettetevi in piedi, a piedi uniti, davanti allo specchio in una stanza bene illuminata.

2 - Osservate la corporatura generale del vostro corpo, in particolare modo: le spalle, il seno, il torace, la vita, i fianchi, le cosce, le gambe, le ginocchia fino alle caviglie.

3 - Ora disegnate mentalmente il profilo del vostro corpo appena osservato: in particolare considerate la larghezza e le proporzioni delle spalle, della vita e dell’addome, delle cosce, delle ginocchia e delle caviglie.

4 - Sulla base delle osservazioni appena fatte scegliete la figura che assomiglia di più alla vostra, anche in base alle spiegazioni riportate per ogni figura.



FIGURA 1 (NORMOPESO): di peso e costituzione nella norma, senza chili di troppo, ma ti sembra di aver perso parte della tonicità muscolare e della pelle, o noti la cellulite sulle gambe.


http://www.freeporndumpster.com/0820...1778462301.gif


FIGURA 2 (ANDROIDE): belle le gambe, che si mantengono magre. Più magre soprattutto rispetto all’addome, al torace ed alla schiena che risultano più cicciottelli.


http://www.freeporndumpster.com/0820...1778462651.gif


FIGURA 3 (GINOIDE) hai il bacino più largo delle spalle, magari con accumulo di grasso dalla vita in giù e torace, braccia e spalle anche molto magre.


http://www.freeporndumpster.com/0820...1778463011.gif


FIGURA 4 (GAMBE GROSSE O A COLONNA) oltre alla cellulite il vero problema è la forma delle gambe: a colonna, quindi grosse anche alle ginocchia ed alle caviglie. Spesso e soprattutto alla sera si ha la sensazione di grande stanchezza agli arti inferiori.

http://www.freeporndumpster.com/0820...1778463381.gif




FIGURA 5 (FALSA CELLULITE) la corporatura è normale, ma l’interno coscia ed i glutei vi sembrano svuotati ed il bacino privo di tonicità. All'osservazione i glutei vi appaiono più bassi e la pelle tende a fare delle pieghette.



http://www.freeporndumpster.com/0820...1778463711.gif



FIGURA 6 (ADIPOSITA’ LOCALIZZATA) l’accumulo di ciccia è così evidente alle cosce ed ai fianchi da formare dei rilievi all’infuori e deformare il profilo della intera silhouette che, per il resto, non si è particolarmente modificato.

http://www.freeporndumpster.com/0820...1778464071.gif





FIGURA 7 (SOVRAPPESO) i chili in più sono distribuiti su tutto il corpo. La figura allo specchio ti sembra globalmente più paffuta. Il problema non è la cellulite, ma il sovrappeso.

http://www.freeporndumpster.com/0820...1778464411.gif

Damia
 

Urca...io sono una via di mezzo tra almeno tre

Sicuramente sono in sovrappeso (l'obesità l'ho già sconfitta), secondo vari pareri (il mio medico e l'estetista esperta in massaggi) non sembra io abbia cellulite, ma proprio grasso affezionato al mio fondoschiena (caratteristica che avevo pure da piccola piccola...)

Lo so che non sarà il sistema migliore...ma attualmente il MIO metodo è mangiare di tutto, di meno e soprattutto muovermi di +. Visto che detesto andare in palestra (Laura perdono ) quest'anno abbiamo cominciato ad andare a camminare...almeno due/tre ore la settimana, non conto le camminate di shopping ma quelle fatte su sentieri in montagna . (non stiamo facendo grossi dislivelli perchè non sono allenata...ma stiamo aumentando pian piano).
Dopo di chè, la bilancia è una parte.
La seconda sono gli abiti.
La terza, essendo magra di viso...è che nel momento in cui mi sembrerò troppo incavata sul viso, mi fermerò (l'altra dieta, arrivata a -4 chili da cui sono ora....sembravo quasi sottopeso e non mi piace!)

damback
 

no ma il male bisogna conoscerlo all'origine quindi questo thread servira'anche un po'chiarire le idee onde evitare che si aprano sempre gli stessi argomenti,proponete e ne parliamo insieme approfondendo,la cellulite e'uno dei problemi principali delle donne

damback
 

Citazione:
Citazione: Lo so che non sarà il sistema migliore...ma attualmente il MIO metodo è mangiare di tutto
appunto non e'affatto la soluzione migliore,sarebbe imparare a conoscere gli alimenti e saper fare una certa selezione,qualcuno non abolito del tutto ma senza dubbio riducendo il consumo

Damia
 

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da damback

Citazione:
Citazione: Lo so che non sarà il sistema migliore...ma attualmente il MIO metodo è mangiare di tutto
appunto non e'affatto la soluzione migliore,sarebbe imparare a conoscere gli alimenti e saper fare una certa selezione,qualcuno non abolito del tutto ma senza dubbio riducendo il consumo
Dove ho scritto che mangio tutto uguale?
Spiacente, ma negli anni di esperienza accumulati dai dietologi (e fidati che ho fatto 10 anni da loro, anche se, devo dire, con risultati disastrosi, in pvt posso raccontarti episodi che vanno dall'esilarante al passibile di denuncia)
almeno ho imparato che di per sè nessun alimento va tolto.
Al limite moderato.
Ma tolto, se non ci sono problemi particolari, no.
Fammi un esempio di alimento che va tolto per esempio.

Damia
 

Laurè ci aggiungo una cosa...
Una volta fatta la dieta (e ottenuto il risultato) non serve + fare dieta.
Purtroppo l'ho sentita dire tantissime volte...

LauraR
 

ragazzi, se c'è una cosa che non sopporto sono i toni aggressivi .... damia sta estprimendo la sua esperienza personale Damback le sue conoscenze scientifiche ...........

il tutto si può fare con calma. Se questo fa litigare ..... lo chiudo e basta

Leggi altri commenti
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 16:23 PM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2019, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X