Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Neurochirurgia > Ernia del disco
Segna Forum Come Letti

   

Ernia del disco

Redazione
 

Questa è la discussione di ForumSalute dedicata all'ernia del disco, chiamata anche ernia o prolasso discale, una problematica che affligge moltissimi pazienti e che può causare forti dolori.
Il trattamento dell'ernia del disco può essere sia di carattere non chirurgico, sia chirurgico quando le cure di diverso tipo non si rivelino efficaci.
La patologia può essere dunque di pertinenza di diversi specialisti, in particolare l'ortopedico e il neurochirurgo.
Pertanto la discussione viene messa in condivisione sia con la sezione di ortopedia sia con quella di neurochirurgia.
Postate qui le vostre domande!

__________________
La Redazione di Forumsalute

ForumSalute
Forumsalute su Facebook
Forumsalute su Twitter


ATTENZIONE: le informazioni che ti proponiamo nei nostri articoli, seppur visionate dal team di medici e giornalisti di ForumSalute, sono generali e come tali vanno considerate, non possono essere utilizzate a fini diagnostici o terapeutici. Il medico deve rimanere sempre la tua figura di riferimento.
MIGLIOR COMMENTO
Dr. Giorgio Poladas
Il referto della RM mette in evdenza una ernia del disco L4.L5, coe' la fuoriuscita del nucleo polposo dall'anello fibroso degenerato e quindi disidratato e ridotto in altezza con possibile compressione del sacco durale con la possibilita' di una sindrome irritativa o compressiva delle radici spinali. Ritengo opportuna, se c'e' una lombosciatalgia acuta in atto, una terapia con antinfiammatori: per i primi 5 gg anche Bentelan da 4 mg 1 fl al di', Lansox 30 mg 1 c al di, poi si puo' passare al Voltaren in fiale o compresse secondo l'evoluzione della sintomatologia. Consiglio anche una fascia elastica lombare da indossare durante il giorno. Dopo 10 -15 gg una visita ortopedica di controllo per valutare lo stato clinico e il proseguimento del trattamento
__________________
Dr. Giorgio Poladas
Leggi altri commenti
p.piccini59
 

Mi è stata riscontrata un'ernia del disco con frammento espulso in basso tra L5/S1.Dopo un trattamento con antinfiammatori e cortisonici,la perdita di sensibilità e forza nel piede dx non si è attenuata.Vorrei avere un consiglio se intervenire chirurgicamente,togliendo la compressione del nervo,oppure continuando con i farmaci.Ringraziandovi per l'interessamento,colgo l'occasione per porgervi i miei più cordiali saluti.

arki
 

Peccato che nessuno risponda, io sono più o meno nella tua stessa condizione.
Ho una voluminosa ernia estrusa paramediana in L5.
E' ormai un mese e mezzo che o dolori,prima impossibilitata proprio a muovermi ora sto in piedi ma non riesco a fare nulla.
Ho sentito talmente tanti pareri discordanti che non ci capisco più niente. Alcuni consigliano di operare altri dicono di no e provare le terapie. Fatto sta che i dolori restano e non si può sempre andare avanti a antinfiammatori, cortisonici e quant'altro.
L'unica cosa che mi consola è che per ora non ho perdita di sensibilità..ma non so fino a quando dura.
In bocca al lupo...a te, spero presto tu riesca a star meglio.

arki
 

Gentile dottor De Luca, visto che nelle altre sezioni non ho risposte avrei piacere di avere un suo parere visto che noto risponde sempre con molta gentilezza.
Dopo una risonanza mi è stata riscontrata una ernia voluminosa in L5 parameridiana, anche il disco superiore non è in buonissime condizioni in quanto parzialmente disidratato, non presenta cmq ernie.
Inizialmente non avevo dolore al nervo sciatico mentre ora si può dire che il dolore è prevalentemente quello.
La fisiatra ora mi ha dato una cura a base di un medicinale (ne ometto il nome) che dovrebbe aiutare a disinfiammare il nervo, inoltre ho ricominciato il cortisone proprio oggi dopo una settimana di sospensione ma il dolore non mi permette di stare in piedi.
Insomma a me pare che non riesco proprio ad uscirne senza medicinali, mi è stato consigliato di andare da un neurochirurgo per un consulto ed intendo farlo al più presto. Però nell'attesa lei potrebbe darmi la sua opinione sulle operazioni di questo tipo e sulle varie tecniche? Sono un pò confusa, non riesco a capire perchè molte persone mi dicono di non operare, si ho letto della possibilità di recidive ma sarei interessata a sapere se sono così comuni.
La ringrazio per una sua eventuale risposta.

ClaudioDeLuca
 

L'ernia discale non trattata, può peggiorare nel tempo e produrre complicanze di una certa importanza, fra le quali la peggiore é un grado di deficit sensitivo-motorio ad un arto inferiore, talora anche molto grave.
In realtà, non é possibile prevedere l'andamento della patologia in ogni singolo soggetto, essendo comuni le lunghe fasi di benessere (mesi o anni), interrotte da periodi di acuzie e recrudescenza della sintomatologia.
E' necessario pertanto sottoporsi a periodici controlli per monitorare l'evoluzione naturale della malattia e scegliere il momento più propizio per un eventuale intervento chirurgico.
Indispensabile é l'elettromiografia, che consente la valutazione accurata della sofferenza bioelettrica del nervo.
Necessaria é la terapia fisica e riabilitativa, utile il nuoto.
Nelle sole fasi di acuzie, necessaria la terapia medica con antiinfiammatori.
L'intervento chirurgico, da riservare nei soli casi in cui i sintomi e/o la sofferenza del nervo ischiatico siano di una certa importanza, é relativamente semplice, con buona aspettaiva di veder migliorate sensibilmente le proprie condizioni cliniche.
Talora (non spesso) é possibile una recidiva dell'ernia o (più frequentemente) la comparsa di una seconda ernia.
Ciò, in virtù del fatto che la colonna vertebrale é comunque predisposta - per una serie di cause soggettive costituzionalmente determinate - ad "ammalare", per così dire.
La invito a consultare un ortopedico o un neurochirurgo, al fine di fare "il punto" della Sua posizione.

Cordiali saluti.

CD

Daniela
 

anche io ho lo stesso problema, spero che qualcuno risponda.

saluto a tutti

giuspani
 

io credo che se la tua qualità della vita è compromessa dopo un tentativo di terapia antalgica deva decidere per l'intervento.IO l'ho fatto 5 giorni fa e sto meglio anche se i dolori non sono passati ancora del tutto,però il chirurgo mi ha detto che è normale e che andro a star meglio nell arco di un mese.L'operazione in se non e niente di catastrofico e dopo 24 ore dall'intervento sei già in piedi.TI auguro tanti auguri e ti ricordo che non puoi prendere antiinfiammatori a vita anche perchè prima o poi non ti faranno più effetto.CIAO BEPPE

giulia64
 

Anch'io mi trovo nella stessa vostra condizione da ormai un anno abbondante.Mi hanno diagnosticato 2 ernie,una di queste preme sul nervo sciatico,un dolore terribile.Ho sentito vari pareri,mi hanno presctitto iniezioni,pastiglie,terapie,e infine comunque,proposto l'intervento chirurgico.Dopo aver fatto tutto questo(escluso l'intervento chirurgico),sono al punto di partenza.Su questa patologia,tutti hanno da dire,piu' giri e piu' cose ti propongono,quindi...mi sento sola in mezzo ad un marasma di consigli.Certo e' che cosi' non posso andare avanti ma ho paura per l'intervento,mi hanno detto che comunque ci sono dei rischi e non indifferenti.Che fare?

arki
 

Ciao a tutti.
Sono ancora qui con il mio dolore, certo è diminuito ma sono due quasi tre mesi che vivo in casa e solo a letto o seduta, non si può di certo andare avanti così. Difatti sono in lista per l'intervento e spero mi chiamino al più presto.
Per questo volevo chiederti Beppe mi daresti qualche informazione sull'intervento in se stesso, per quanto riguarda appunto dolore post operatorio, la durata della degenza e qualsiasi informazione potrai darmi..Grazie.
A coloro in questa situazione come giulia posso solo dire che anche io ho tentato di tutto, sono in cura da una fisiatra che è sempre piuttosto restia a consigliare interventi ma anche lei ha dovuto accettare il fatto che a volte non se ne può fare a meno.

Musico71
 

Salve a tutti,

vorrei portare una riflessione riguardo l'origine di varie patologie che affliggono la colonna vertebrale: uno scompenso posturale prolungato nel tempo costringe la nostra colonna vertebrale a lavorare in posizioni a lei non congeniali causando infiammazioni e, nei casi più gravi, la fuoriuscita del disco intervertebrale dando origine all'ernia. E' ormai ampiamente dimostrata l'influenza che ha sull'intera postura un non corretto posizionamento della mandibola dovuto ad un problema di malocclusione per cui consiglio vivamente a coloro che soffrono di problemi alla schiena o articolari in genere, di non sottovalutare questo aspetto...

Sailormoon1980
 

ecco che ne è arrivato un'altro...

MartaRom
 

Ciao a tutti. Ho anch'io un problema simile al vostro. ernia protrusa L4-L5. Dopo aver girato un pò di ortopedici, mi sono rivolta ad un Osteopata che sicuramente non mi ha fatto scomparire l'ernia, ma ha cambiato decisamente la qualità della mia vita. Molti meno dolori, cose che prima non potevo fare che adesso faccio tranquillamente e ho pure ripreso a giocare a tennis.

Ho fatto 4 mesi di trattamenti, all'inizio uno alla settimana e poi uno ogni 15 giorni. Ora faccio una seduta di richiamo ogni 45 gg.
Ne vale veramente la pena.

Io sono di Milano e so che c'è in giro tanta gente che se ne approfitta dei nostri mali. Se qualcuno mi vuole contattare via mail o qui sul Forum per avere notizie ulteriori su questo tipo di trattamento, non esitate.

Ciao a tutti.

Un bacione!!!!!

chicco
 

Salve non so se questo è il posto giusto per parlare del mio problema ......Io ho due ernie al disco L4L5 L5 S1 che mi stanno creando un sacco di guai ...sono stato operato l anno scorso il 5 novembre, sono stato bene per qualche mese dopodiche il problema a causa di uno sforzo è tornato...ho rifatto la risonanza constatando che L5 S1 è ancora presente e spinge sullo sciatico....adesso in questo momento mi trovo con un bel dolore e sono impossibilitato a lavorare...sto facendo dei laser a pagamento abbinati a delle punture rilassanti tipo muscoril e del cortisone (deflan)..il dolore rispetto ai primi giorni un pò è passato..ma cammino ancora storto....Qualcuno per favore mi potrebbe dare qualche consiglio su questi laser ...perche non è che mi fido tanto...e magari spiegarmi che rischio ci puo essere se dovessi andare ad affrontare una nuova operazione....Premetto che ho molta paura perche ho sentito di gente che è rimasta molto male dopo quache operazione di ernia al disco.....

chicco
 

Salve se vi posso dare un consiglio prima di operare provatele tutte ...io sono stato operao l anno scorso e L5 S1 e riuscita fuori e comprime sullo sciatico...qualcuno mi sa dire qualcosa sui laser

Attanasio
 

mi dispiace di non poterla aiutare
lei necessita di un ortopedico o meglio di un neurochirurgo
provi nel forum di ortopedia
cordiali saluti

Leggi altri commenti
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 15:38 PM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2019, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X