Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Andrologia > URETRITE??
Segna Forum Come Letti

   

URETRITE??

caiman
 

Buongiorno ,
una settimana fa mi sono reso conto di avere fastidio nell'atto della minzione . dopo 2 giorni ho avuto delle secrezioni maleodoranti (trasparenti e biancastre con residuo che diventava giallo da asciutto) , gonfiore del tratto finale del glande , rossore , fastidio e prurito interno della parte centrale dell'uretra .
Spaventato mi reco da un medico di base (4 giorni fa) che mi diagnostica a vista una Uretrite probabilmente gonococcica .
Mi prescrive quindi due antibiotici ,
UNO ad assunzione singola (2 CP da 500 che se non ricordo male interveniva su una potenziale clamidia) e
UNO è invece CEFIXIMA da 400 ( 1CP al dì per 5GG).
al 2° GIORNO di antibiotico si interrompono secrezioni e i fastidi vari migliorano generalmente , ma ora che sono al
4° GIORNO continuo a sentire fastidio (minimo ma persistente) durante la minzione e una sorta di prurito interno ed esterno al tatto . quindi mi chiedo :

E' NORMALE CHE AL PENULTIMO GIORNO ANCORA I SINTOMI NON SIANO PASSATI?

NEL CASO IN CUI SIA STATA URETRITE GONOCOCCICA , DOPO QUANTO NON SONO PIU' INFETTIVO?

E' POSSIBILE CHE LA DIAGNOSI SIA STATA SUPERFICIALE?

AVERE RAPPORTI SESSUALI (PROTETTI) POTREBBE CAUSARMI DEI DANNI AL MOMENTO?


(so che dovrei fare tamponi , esami per MST , prelievo del sangue , esame delle urine ecc.. ma nel frattempo vorrei se possibile avere un punto di vista diverso da quello del medico di base )

poi se possibile vorrei un consiglio per un buon urologo nella zona di BOLOGNA

grazie in anticipo per le attenzioni e i commenti .

caiman

MIGLIOR COMMENTO
Dr. Andrea Militello
Salve la diagnosi di uretrite è giusta e giustificata. Non è stato fatto però tampone uretrale per la diagnosi corretta. Sotto gli aspetti la sua descrizione potrebbe far pensare anche un'infezione da Ureaplasma o Chlamydia. Se il problema non si risolve completamente a 10 giorni dall'ultima compressa eseguire tampone uretrale
__________________
Dott. Andrea Militello
Urologo Andrologo
www.urologia-andrologia.net
www.andrologiamilitello.it

www.urologiamilitello.it
Leggi altri commenti
Leggi altri commenti

Profilo del medico - Dr. Andrea Militello

Dr. Andrea Militello
Nome:
Andrea Militello
Comune:
Roma, Milano, Cosenza, Viterbo e L'Aquila
Professione:
Medico Chirurgo, Specialista in Urologia e Andrologia
Specializzazione:
Urologia, Andrologia
Contatti/Profili social:
sito web facebook
Domanda al medico
Dr. Militello, ci sono trattamenti specifici per la patologia del pene curvo? Quali sono?
Oggi, esistono iniezioni di collagenasi che possono ridurre la consistenza della placca. Si possono proporre terapie fisiche come la iontoforesi, la laserterapia, la tecar terapia che hanno scopo antalgico e di riduzione della fibrosi. Le linee guida consigliano l’uso dello Xyapex, una collagenasi che è in grado, in alcuni casi, di ridurre la calcificazione e quindi la curvatura. Negli ultimi tempi si sta proponendo l’uso dell’acido ialuronico nelle zone di fibrosi. In alcuni casi bisogna ricorrere al trattamento chirurgico. Leggi tutto
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 16:33 PM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2020, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X