Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Oculistica > Informazioni e news in oculistica > Dieta con meno zuccheri,retina più protetta
Segna Forum Come Letti

   

Dieta con meno zuccheri,retina più protetta

Minerva75
 


LE CAVIE SONO MENO SUSCETTIBILI ALLA DEGENERAZIONE MACULARE LEGATA ALL’ETÀ SE ALIMENTATE CON CIBI INTEGRALI


http://www.otticapassuello.it/wp-con...mentazione.png

Assumere alimenti meno zuccherini e puntare a cibi integrali*aiuta a prevenire o a rallentare la degenerazione maculare legata all’età (AMD), in particolare la forma secca o atrofica, quella più diffusa. Un gruppo di 25 ricercatori universitari americani e israeliani ha studiato l’impatto della dieta su questa malattia oculare cronica, arrivando alla conclusione che un’alimentazione con un indice glicemico più basso può ridurre le probabilità di danno retinico oppure ritardarlo*.

Nei Paesi più sviluppati l’AMD è la prima causa di cecità: è una patologia caratterizzata da una perdita della visione centrale causata dalla distruzione di fotorecettori (coni) e da una disfunzione dell’epitelio pigmentato retinico. La sua causa non è ancora oggi chiara*

Lo studio è stato effettuato su cavie di laboratorio (topi), divise in tre gruppi: un primo gruppo è stato alimentato con cibi non integrali (ricchi di zuccheri e carboidrati), il secondo ha seguito una dieta ipoglicemica a base di alimenti integrali, mentre un terzo gruppo è passato da una dieta “zuccherina” (iperglicemica) a una dieta che non lo era (ipoglicemica). Con grande sorpresa dei ricercatori anche un cambiamento tardivo dello stile alimentare – che prevedeva una riduzione dell’apporto dei carboidrati (soprattutto di quelli raffinati) – ha avuto un impatto positivo sulla malattia oculare, limitando decisamente ulteriori danni retinici precedentemente correlati a una glicemia elevata.

In conclusione i ricercatori danno, nella loro pubblicazione scientifica (Pnas), un consiglio pratico:

La semplice sostituzione di cibi ad alto indice glicemico (come il pane bianco) con alimenti a basso indice (come il pane integrale) può ridurre significativamente i picchi glicemici, senza richiedere un cambiamento complessivo dello stile alimentare.*

Le persone più a rischio, ovvero quelle che hanno altri parenti affetti da AMD e fumatori, si ricordino di queste parole, anche se i risultati dovranno essere confermati sugli esseri umani. Anche chi già ne fosse affetto potrebbe trarre giovamento da una migliore dieta ma, innanzitutto, dovrà smettere di fumare.

Fonte principale:Pnas, Iapb.

Leggi altri commenti
Leggi altri commenti

Profilo del medico - Prof. Massimo Nicolò

Prof. Massimo Nicolò
Nome:
Massimo Nicolò
Comune:
Genova
Provincia:
GE
Azienda:
Clinica Oculistica Università di Genova, Ospedale Policlinico San Martino Genova
Professione:
Oculista
Specializzazione:
Oftalmologia
Contatti/Profili social:
sito web facebook
Domanda al medico
Prof. Nicolò, parliamo di retinopatia diabetica: come evolve da non proliferante a proliferante? Quali sono i rischi per la vista e le possibili terapie?
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 04:43 AM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2020, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X