Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Oculistica > Informazioni e news in oculistica > Cellule staminali derivanti dalla pelle per curare gli effetti del glaucoma?
Segna Forum Come Letti

   

Cellule staminali derivanti dalla pelle per curare gli effetti del glaucoma?

Minerva75
 

Cellule staminali derivanti dalla pelle per curare gli effetti del glaucoma?

https://www.microchirurgiaoculare.co.../glaucoma-.jpg

Attraverso l’utilizzo di cellule staminali provenienti dalla pelle umana, alcuni ricercatori della School of Science presso l’Indiana University guidati da Jason Meyer hanno recentemente dimostrato con successo la capacità di trasformare le stesse in cellule gangliari retiniche (RGCs), uno fra i 5 tipi di cellule presenti nella retina, coinvolte nel processo di trasferimento dell’informazione visiva dall’occhio al cervello. L’obiettivo è stato quello di contribuire allo sviluppo di terapie atte a prevenire o curare il glaucoma.
Tale indagine clinica, infatti, potrebbe suggerire soluzioni potenziali ai fini del trattamento di lesioni del nervo ottico riscontrate nei soldati durante i combattimenti o negli atleti coinvolti in traumi sportivi.
Nel concreto i ricercatori hanno utilizzato cellule della pelle biopsiate provenienti da volontari affetti da una forma ereditaria di glaucoma e da un secondo gruppo di soggetti senza la malattia, e le hanno riprogrammate geneticamente per trasformarle in cellule staminali pluripotenti (le quali hanno l’abilità di differenziarsi in qualsiasi tipo di cellula dell’organismo). I ricercatori hanno poi indirizzato le cellule staminali stesse a diventare RGCs, arrivando a constatare che queste ultime mostravano caratteristiche differenti a seconda che originassero dalle cellule degli individui affetti da glaucoma oppure dai soggetti sani.
Il glaucoma è la malattia più comune che colpisce le cellule gangliari retiniche: il National Institutes of Health’s Eye stima che il glaucoma colpisca più di 2,7 milioni di persone negli Stati Uniti e più di 60 milioni in tutto il mondo.
“Le cellule della pelle degli individui affetti da glaucoma non sono differenti rispetto alle medesime cellule di coloro che non hanno la malattia – ha spiegato Meyer. Tuttavia, quando abbiamo provato ad utilizzare le cellule della pelle dei pazienti affetti da glaucoma come cellule staminali e poi come RGCs, le cellule sono risultate malate innescando il processo di morte cellulare ad un ritmo molto più veloce rispetto a quelle degli individui sani”.
“Ora che abbiamo prodotto le cellule che sviluppano caratteristiche proprie del glaucoma in capsule di Petri, vogliamo verificare se aggiungendo composti a queste RGCs sarà possibile ottenere un rallentamento del processo di degenerazione, prevenendo la morte delle stesse. Abbiamo già trovato i candidati che sembrano promettenti in questo senso e ne stiamo approfondendo lo studio. In un futuro più lontano, potremmo essere in grado di utilizzare le cellule dei pazienti sani come cellule sostitutive di quelle perse per la malattia nei soggetti colpiti da glaucoma” – ha concluso Meyer.

Fonte:Eyedoctor

Leggi altri commenti
Leggi altri commenti

Profilo del medico - Prof. Massimo Nicolò

Prof. Massimo Nicolò
Nome:
Massimo Nicolò
Comune:
Genova
Provincia:
GE
Azienda:
Clinica Oculistica Università di Genova, Ospedale Policlinico San Martino Genova
Professione:
Oculista
Specializzazione:
Oftalmologia
Contatti/Profili social:
sito web facebook
Domanda al medico
Prof. Nicolò, parliamo di retinopatia diabetica: come evolve da non proliferante a proliferante? Quali sono i rischi per la vista e le possibili terapie?
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 10:37 AM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2020, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X