Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Storie di vita, coppia e attualità > Amore e relazioni di coppia > Come guarire dall'ansia da prestazione..io ci sono riuscito
Segna Forum Come Letti

   

Come guarire dall'ansia da prestazione..io ci sono riuscito

ecco
 

Combattere l'ansia da prestazione: testimonianza di chi ha risolto il problema da solo.

Come guarire dall'ansia da prestazione senza aiuti esterni.

Scrivo solo per coloro che soffrono di ansia da prestazione e sono nel panico totale..voglio confortarli: guarire dall'ansia da prestazione, si può!

Pochi anni fa mi sono trovato nel panico totale...all'inizio perchè non riuscivo ad avere un rapporto completo ma riuscivo solo a fare qualcosa con stimolazione diretta. Potete già immaginare come mi sentivo, poi aggiungiamo le autoanalisi che inizi a farti, le erezioni mattutine che non ci sono da anni, ti rendi conto che non hai erezione spontanee durante il giorni, non ti si alza subito quanto vedi qualcosa di erotico ecc...inizia a farti mille problemi e a pensare che hai qualcosa di fisico e che sei impotente.
Il picco arriva quando provo a fare l'ecocolordoppler, per ben tre volte ho provato e ho avuto un'erezione scarsa e breve,,insomma non l'hanno potuto fare bene ma la terza volta l'hanno fatto a pene un pò su ma non rigido, manco a metà ( non hanno trovato nulla ma non si fa così un ecococolordoppler). Quello si che è stato un momento difficile perchè ho pensato che se nemmeno un farmaco iniettato direttamente li riusciva a darmi un'erezione allora la mia vita era finita.
Aggiungiamo che col cialis non avevo una buona erezione, insomma era la proprio la fine.

L'unico sollievo, appiglio, che avevo era il pensare a quelle erezioni rigide che avevo ogni tanto quando mi trovavo con la mia ragazza in situazioni di totale relax, oppure quelle della notte quando mi svegliavo. Partivo dal fatto che se avevo un problema allora nemmeno quelle rare erezioni ci dovevano essere.

Un piccolo periodo di pausa in cui non ho avuto rapporti e durante al quale non ho sentito l'ansia di dover fare sesso mi ha aiutato a non pensarci, diciamo...a resettare

Ho ricominciato piano piano dai preliminari e cercare di godermi i momenti e prendendo in mano la situazione, più attivo di prima, della serie, "adesso ti faccio vedere io", e non come prima " ora non riesco a fare nulla perchè non mi si alza"

che dire...da un'erezione che anni fa se ne andava sono arrivato ad avere rapporti normali

succo del discorso... ecocolordoppler una cazzata se sei ansioso

erezioni mattutine e spontanee..tutto soggettivo..chi le ha e chi non le ha
se ci sono benone ma se non ci sono ti può funzionare tutto bene lo stesso

Per me lo psicologo non è servito perchè non riuscivo proprio ad immaginare come potesse aiutarmi, ed ho preso in mano io la situazione

Un grazie enorme ad una donna del forum che mi ha spiegato come ha risolto il problema dell'ansia da prestazione del suo partner, mi ha aiutato tantissimo, diciamo al 60%


AVEVO TUTTI I SINTOMI PER DEDURRE CHE AVEVO PROBLEMI ORGANICI MA ERA TUTTO PSICOLOGICO!!!! QUINDI OCCHIO

per chiudere:

1- Dovete avere una partner che non da importanza alla cosa

2- Non dovete fare continui test con la masturbazione o organizzando serate di sesso per vedere se funziona....non si risolve così

3- Prendetevi una piccola pausa per allontanare il problema e l'ansia da prestazione

4- Ricominciate piano piano senza passare al sodo dal primo approccio,ma procedete per passi

5- Non fate autoanalisi perchè non potete farle...aggrappatevi al pensiero che anche se rare le erezioni rigide ce le avete..quindi qualcosa funziona

ho scritto veloce quindi trascurate eventuali errori

Altre discussioni che potrebbero interessarti:
L'angolo dello psicologo contro la DE
Problemi di erezione: e se fosse prostatite?
Come comportarsi con un uomo con DE
Problemi erettili: l'efficacia del Levitra
Cialis One Day: conferme sulla sua efficacia

Visualizza l'intero forum dedicato all'apparato urinario e genitale maschile

MIGLIOR COMMENTO
alecs84
Ciao,
mi ha colpito molto quello che hai scritto perchè, purtroppo, lo sto vivendo in questi giorni...
Ho 26 anni e ho sempre avuto una normalissima vita sessuale, anzi sono sempre stato molto focoso e non ho mai avuto problemi di erezione.
Qualche giorno fà ho fatto nettamente cilecca, per la prima volta, e mi sono detto che forse ero stanco e che, comunque, sono cose che capitano quindi non mi sono preoccupato più di tanto... Il problema è sorto il giorno dopo, quando durante l'approccio con la mia ragazza ho letteralmente sentito l'ansia che potesse succedere ancora e... infatti è successo. Ho iniziato a preoccuparmi e a cercare un po' su internet e la cosa è peggiorata perchè adesso mi sono fissato tantissimo e ci penso continuamente, tant'è che non ho più avuto nemmeno un'erezione spontanea, neppure notturna o mattutina...
Proverò a seguire i tuoi consigli e spero di raggiungere i tuoi risultati, anche se intanto mi sento davvero frustrato.
__________________
Leggi altri commenti
ludwigvonstrand
 

Io sono in una situazione simile.... mai avuto un problema, poi qualche anno fa non stavo bene, ma una storia mi è finita e... all'inizio ho fatto come al solito i miei numeri, ma poi ho idealizzato la persona e... sempr emeno, sempr emeno... poi ho avuto un'atro problema, ed ho iniziato a non pensare proprio a nulla quasi mi andasse bene che non funzionasse più... alla fine mi sistemo dal problema che avevo che non aveva nulla a che vedere, ma era una stenosi intestinale dovuta ad una flogosi trascurat ho quasi rimesso la pelle per colpa del medico di base che ha ignorato i sintomi... sono stato operato , tutto bene, bene anche verifica proistata e tutto apposto con l'intervento chirurgico... il tutto ha continuato a non funzionare... sinceramente sono angosciato perchè ho sempre paura di non farcela, certe volte funziona anche deu tre volte in successione, figuratevi che prima di stare male ne ho fatte 5 in fila... ma altre volte... non va proprio... quanto a erezioni mattutine.. spesso le ho ma spesso non mi eccita più una donna, come se mancasse il click in testa che fa scattare la molla ed inizio a pensare "dio che ce la faccia o no???" sono preoccupato, penso anche che sia una carenza di testosterone, io prima lo avevo sempre pronto da un pò... non lo è più.. e non è una questione di età... se avete qualche dritta... credo come voi lo psicologo non serva a nulla.... ciao Paolo

Bleuet
 

Ciao, potesti dirmi per favore se c'è un post dove questa donna spiega come ha affrontato il problema?
Complimenti comunque se hai risolto. Leggi se vuoi il mio thread su come comportarsi con un uomo con DE

Ciao
Bleuet

alfa1
 

alfa - 7 ottobre 2011/12:24

Ciao a tutti, volevo condividere con voi la mia esperienza perchè penso che sarà utile a tutti.
Alcuni anni fa ho vissuto brutti momenti con una mia ex, e ovviamente tra le tante cose c’è stata questa allegra ansia da prestazione. Le cose sono andate male anche perchè l’atteggiamento di lei era a dir poco inaccettabile (sbuffava e dopo in mezzo alla notte mandava sms alla sua migliore amica).
Ci siamo ovviamente lasciati,ed il problema per me è rimasto insoluto (ho anche pensato di andare da uno psicologo ma dentro di me sentivo che non era la cosa giusta da fare).

Dopo due anni ho incontrato una ragazza fantastica,con cui però avevo paura addirittura ad impegnarmi perchè, appunto,la situazione era come l’avevo lasciata anni prima..
Tra una cosa e l’altra ci siamo messi insieme, ma la cosa più bella è stata che quando siamo stati insieme, la primissima cosa che mi ha detto è stata “voglio che tu sappia che non mi importa cosa succederà stasera, mi basta che stiamo insieme”.

Ovviamente, quella sera non è successo assolutamente niente, perchè io ero tutto incriccato! Addirittura avevo problemi anche col petting.. Però quella frase per me è stata fondamentale. Davvero.
Nel giro di una settimana le cose sono migliorate,soprattutto perchè, non solo a parole, ma SENTIVO che lei DAVVERO non si aspettava niente: lei per il momento era soddisfatta in altri modi,solo era dispiaciuta per me che non mi godevo il momento.

Dopo una settimana non avevo erezioni complete ma sono riuscito ad avere un orgasmo.
Verso la terza settimana il problema dell’erezione era sparito, e verso la quarta sono riuscito per la prima volta ad avere un’erezione sufficiente per l’introduzione..ma una volta provata la cosa, non ho fatto nulla, bensì ci siamo fermati a quel piccolo successo: avevo bisogno di un’ “esperienza totalmente positiva” , diciamo, qualcosa che, ricordandola,non avesse NESSUN segno di fallimento.
La settimana dopo, infine, siamo riusciti ad avere il primo rapporto sessuale.

La cosa si è risolta così: ci vuole calma e pazienza, allegria,dolcezza e divertimento.

Adesso vivo benissimo e siamo entrambi felici

Riassumendo, quindi:

A- fondamentale. Un partner che sia comprensivo,vi stia vicino e non gli importi delle prime volte.
B- Calma, relax, e piccoli passi, tutti positivi. Così, quando ci ripensate, non avete stimoli all’ansia!
C- Quando succede, se l’ansia ogni tanto vi prende, fregatevene: la ragazza in questione mi ha detto “e bè? dai, abbracciami, e stiamo un pò così, che mi piace!”; dopodichè, potete ricominciare con un pò di petting, dopo una decina di minuti.

Spero di esser stato utile a qualcuno! ci son stati momenti in cui quasi non sapevo dove sbatter la testa, e invece col solo aiuto del partner si posson fare miracoli!

maramotti
 

Citazione:
Originariamente Inviato da ecco Visualizza Messaggio
Scrivo solo per coloro che soffrono di ansia da prestazione e sono nel panico totale..voglio confortarli

1- Dovete avere una partner che non da importanza alla cosa

2- Non dovete fare continui test con la masturbazione o organizzando serate di sesso per vedere se funziona....non si risolve così

3- Prendetevi una piccola pausa per allontanare il problema e l'ansia

4- Ricominciate piano piano senza passare al sodo dal primo approccio,ma procedete per passi

5- Non fate autoanalisi perchè non potete farle...aggrappatevi al pensiero che anche se rare le erezioni rigide ce le avete..quindi qualcosa funziona

ho scritto veloce quindi trascurate eventuali errori
come direbbero a roma ecchine n'antro...

premetto che sarò molto critico nei tuoi riguardi, vorrai pertanto tollerare il mio sfogo. a leggerti pare di vedere una di quelle stupide proposte di televendita del tizio che grazie al prodotto x ha risolto i suoi problemi...

ma chi vuoi confortare? o chi vuoi prendere in giro? l'ansia (e chi ti parla la conosce bene), non è una cosa che risolvi col tuo schemino delle 5 regolette.

1- Dovete avere una partner che non da importanza alla cosa: ma va? allora io conosco una e poi le dico scusa cara sei una che da importanza alla cosa? sennò non se ne fa niente....

2- Non dovete fare continui test con la masturbazione o organizzando serate di sesso per vedere se funziona....non si risolve così. magari la media quì ha superato i 30, non si masturba come un liceale e non organizza serate di sesso perchè alla sera magari torna stanco

3- Prendetevi una piccola pausa per allontanare il problema e l'ansia. io ci combattio da 15 anni....piccola pausa direi certo

4- Ricominciate piano piano senza passare al sodo dal primo approccio,ma procedete per passi. già tutto sbagliato fino ad ora, ma adesso a piccoli passi verremo mandati a cagher più lentamente...a poco alla volta...

5- Non fate autoanalisi perchè non potete farle...aggrappatevi al pensiero che anche se rare le erezioni rigide ce le avete..quindi qualcosa funziona. allora tutto ok, fine della lezione...finalmente, non ne potevo più.

Emilyyyy
 

Citazione:
Originariamente Inviato da alfa1 Visualizza Messaggio
alfa - 7 ottobre 2011/12:24

Ciao a tutti, volevo condividere con voi la mia esperienza perchè penso che sarà utile a tutti.
Alcuni anni fa ho vissuto brutti momenti con una mia ex, e ovviamente tra le tante cose c’è stata questa allegra ansia da prestazione. Le cose sono andate male anche perchè l’atteggiamento di lei era a dir poco inaccettabile (sbuffava e dopo in mezzo alla notte mandava sms alla sua migliore amica).
Ci siamo ovviamente lasciati,ed il problema per me è rimasto insoluto (ho anche pensato di andare da uno psicologo ma dentro di me sentivo che non era la cosa giusta da fare).

Dopo due anni ho incontrato una ragazza fantastica,con cui però avevo paura addirittura ad impegnarmi perchè, appunto,la situazione era come l’avevo lasciata anni prima..
Tra una cosa e l’altra ci siamo messi insieme, ma la cosa più bella è stata che quando siamo stati insieme, la primissima cosa che mi ha detto è stata “voglio che tu sappia che non mi importa cosa succederà stasera, mi basta che stiamo insieme”.

Ovviamente, quella sera non è successo assolutamente niente, perchè io ero tutto incriccato! Addirittura avevo problemi anche col petting.. Però quella frase per me è stata fondamentale. Davvero.
Nel giro di una settimana le cose sono migliorate,soprattutto perchè, non solo a parole, ma SENTIVO che lei DAVVERO non si aspettava niente: lei per il momento era soddisfatta in altri modi,solo era dispiaciuta per me che non mi godevo il momento.

Dopo una settimana non avevo erezioni complete ma sono riuscito ad avere un orgasmo.
Verso la terza settimana il problema dell’erezione era sparito, e verso la quarta sono riuscito per la prima volta ad avere un’erezione sufficiente per l’introduzione..ma una volta provata la cosa, non ho fatto nulla, bensì ci siamo fermati a quel piccolo successo: avevo bisogno di un’ “esperienza totalmente positiva” , diciamo, qualcosa che, ricordandola,non avesse NESSUN segno di fallimento.
La settimana dopo, infine, siamo riusciti ad avere il primo rapporto sessuale.

La cosa si è risolta così: ci vuole calma e pazienza, allegria,dolcezza e divertimento.

Adesso vivo benissimo e siamo entrambi felici

Riassumendo, quindi:

A- fondamentale. Un partner che sia comprensivo,vi stia vicino e non gli importi delle prime volte.
B- Calma, relax, e piccoli passi, tutti positivi. Così, quando ci ripensate, non avete stimoli all’ansia!
C- Quando succede, se l’ansia ogni tanto vi prende, fregatevene: la ragazza in questione mi ha detto “e bè? dai, abbracciami, e stiamo un pò così, che mi piace!”; dopodichè, potete ricominciare con un pò di petting, dopo una decina di minuti.

Spero di esser stato utile a qualcuno! ci son stati momenti in cui quasi non sapevo dove sbatter la testa, e invece col solo aiuto del partner si posson fare miracoli!
Intelligente la tua ragazza, davvero intelligente.

pippo1363
 

Citazione:
Originariamente Inviato da maramotti Visualizza Messaggio
come direbbero a roma ecchine n'antro...

premetto che sarò molto critico nei tuoi riguardi, vorrai pertanto tollerare il mio sfogo. a leggerti pare di vedere una di quelle stupide proposte di televendita del tizio che grazie al prodotto x ha risolto i suoi problemi...

ma chi vuoi confortare? o chi vuoi prendere in giro? l'ansia (e chi ti parla la conosce bene), non è una cosa che risolvi col tuo schemino delle 5 regolette.

1- Dovete avere una partner che non da importanza alla cosa: ma va? allora io conosco una e poi le dico scusa cara sei una che da importanza alla cosa? sennò non se ne fa niente....

2- Non dovete fare continui test con la masturbazione o organizzando serate di sesso per vedere se funziona....non si risolve così. magari la media quì ha superato i 30, non si masturba come un liceale e non organizza serate di sesso perchè alla sera magari torna stanco

3- Prendetevi una piccola pausa per allontanare il problema e l'ansia. io ci combattio da 15 anni....piccola pausa direi certo

4- Ricominciate piano piano senza passare al sodo dal primo approccio,ma procedete per passi. già tutto sbagliato fino ad ora, ma adesso a piccoli passi verremo mandati a cagher più lentamente...a poco alla volta...

5- Non fate autoanalisi perchè non potete farle...aggrappatevi al pensiero che anche se rare le erezioni rigide ce le avete..quindi qualcosa funziona. allora tutto ok, fine della lezione...finalmente, non ne potevo più.

Ciao Maramotti
ho letto la tua amara risposta, e seppure data in modo un po' rude, mi sono ritrovato nelle tue parole.
Quindi mi sono incuriosito e ho letto un po' della tua storia, scusa la curiosità!!!!

Devo dire che io ho sofferto di ansia, attacchi di panico, depressione e nel contempo di erezione.
Detta così uno pensa: "e che cazzo, che vita di merda!!!!!"

In effetti non è proprio così.
Per quel che mi riguarda le cose erano talmente correlate che non ho mai capito se ho cominciato ad avere problemi di erzione perchè avevo l'ansia (non solo da prestazione intendo) oppure mi è venuta l'ansia perchè la mia vita sessuale non era proprio come io la volevo!!

Ma tant'è così è andata!!!

Quello che volevo dire è che se l'amico cui tu hai risposto è riuscito a guarire da solo, sono contento per lui, ma per me invece le cose sono state molto più complicate.

Certo anche io in certi periodi riuscivo da solo a darmi una parvenza di normalità e vivevo periodi positivi, ma durava poco, l'ansia è una brutta bestia, spesso torna quando meno te lo aspetti.

Ho fatto tutto un percorso di cura, prima con un neurologo e poi con uno psicologo comportamentale.
La cura col neurologo è stata lunga (no ricordo se 5/6 anni o giù di li) e circa un anno di terapia con lo psicologo comportamentale.

Tutto questo reso più difficile anche dalla mia paura di prendere medicine.
Curarsi non è stato uno scherzo quindi, ma devo dire che oggi finalmente sto bene.

Tutto questo per dire che si può riuscire a guarire e a stare bene, non sono convinto che ci si possa riuscire da soli, ma con gli opportuni aiuti, ce la si può fare.

A me a dire la verità ciò che ha fatto meglio è stata la terapia psicologico comportamentale. Certo uscivo da un lungo periodo di cure farmacologiche che in effetti il loro aiuto lo hanno dato (soprattutto per quanto riguarda gli attacchi di panico), ma in effetti lo psicologo mi ha aiutato a capire il loro insorgere e a bloccare e gestire le situazioni.

Ma per ciò che riguarda il sesso, quella è un'altra cosa.
Forse tocca troppo nel profondo, ma l'ansia da prestazione per me è la cosa più difficile.

Ora sto bene, con l'aiuto di un bravo andrologo sto davvero bene.
Per inciso ho scoperto di avere un deficit ormonale ed ho letto un po' a giro sulla rete che i deficit ormonali possono provocare anche problemi di depressione....... sarà stata quella la causa scatenante? boh!!!!

In fondo ciò che ho capito è che non c'è bisogno di dare una risposta proprio a tutto.

Mi sono lambiccato il cervello per anni alla ricerca della causa dei miei problemi, e qualche risposta me la sono pure data, poi ho capito che in fondo quello che è veramente importante è risolverli e se non riesci a trovare la causa precisa, pazienza!!!!

Non si può tenere tutto sotto controllo, penso che forse più che passare il tempo ad analizzare la vita, sia meglio viverla!!!!

Sembra anche questo uno stereotipo, e forse è anche una cosa un po' banale da dire, ma a pensarci bene in effetti è pure vero.

Ciao.

Emilyyyy
 

Citazione:
Originariamente Inviato da pippo1363 Visualizza Messaggio
Ciao Maramotti
ho letto la tua amara risposta, e seppure data in modo un po' rude, mi sono ritrovato nelle tue parole.
Quindi mi sono incuriosito e ho letto un po' della tua storia, scusa la curiosità!!!!

Devo dire che io ho sofferto di ansia, attacchi di panico, depressione e nel contempo di erezione.
Detta così uno pensa: "e che cazzo, che vita di merda!!!!!"

In effetti non è proprio così.
Per quel che mi riguarda le cose erano talmente correlate che non ho mai capito se ho cominciato ad avere problemi di erzione perchè avevo l'ansia (non solo da prestazione intendo) oppure mi è venuta l'ansia perchè la mia vita sessuale non era proprio come io la volevo!!

Ma tant'è così è andata!!!

Quello che volevo dire è che se l'amico cui tu hai risposto è riuscito a guarire da solo, sono contento per lui, ma per me invece le cose sono state molto più complicate.

Certo anche io in certi periodi riuscivo da solo a darmi una parvenza di normalità e vivevo periodi positivi, ma durava poco, l'ansia è una brutta bestia, spesso torna quando meno te lo aspetti.

Ho fatto tutto un percorso di cura, prima con un neurologo e poi con uno psicologo comportamentale.
La cura col neurologo è stata lunga (no ricordo se 5/6 anni o giù di li) e circa un anno di terapia con lo psicologo comportamentale.

Tutto questo reso più difficile anche dalla mia paura di prendere medicine.
Curarsi non è stato uno scherzo quindi, ma devo dire che oggi finalmente sto bene.

Tutto questo per dire che si può riuscire a guarire e a stare bene, non sono convinto che ci si possa riuscire da soli, ma con gli opportuni aiuti, ce la si può fare.

A me a dire la verità ciò che ha fatto meglio è stata la terapia psicologico comportamentale. Certo uscivo da un lungo periodo di cure farmacologiche che in effetti il loro aiuto lo hanno dato (soprattutto per quanto riguarda gli attacchi di panico), ma in effetti lo psicologo mi ha aiutato a capire il loro insorgere e a bloccare e gestire le situazioni.

Ma per ciò che riguarda il sesso, quella è un'altra cosa.
Forse tocca troppo nel profondo, ma l'ansia da prestazione per me è la cosa più difficile.

Ora sto bene, con l'aiuto di un bravo andrologo sto davvero bene.
Per inciso ho scoperto di avere un deficit ormonale ed ho letto un po' a giro sulla rete che i deficit ormonali possono provocare anche problemi di depressione....... sarà stata quella la causa scatenante? boh!!!!

In fondo ciò che ho capito è che non c'è bisogno di dare una risposta proprio a tutto.

Mi sono lambiccato il cervello per anni alla ricerca della causa dei miei problemi, e qualche risposta me la sono pure data, poi ho capito che in fondo quello che è veramente importante è risolverli e se non riesci a trovare la causa precisa, pazienza!!!!

Non si può tenere tutto sotto controllo, penso che forse più che passare il tempo ad analizzare la vita, sia meglio viverla!!!!

Sembra anche questo uno stereotipo, e forse è anche una cosa un po' banale da dire, ma a pensarci bene in effetti è pure vero.

Ciao.
Ok, Pippus, hai capito bene. E' proprio meglio viverla in pienezza cercando di essere e di fare del proprio meglio..

maramotti
 

pippo,
l'ansia è una brutta bestia e fa parte un po del carattere. io nn credo a chi risolve definitivamente. mia madre è ansiosa da una vita e lo è tuttora. ha fatto analisi, cure etc.

l'unico consiglio che a mio parere si può dare è:
non dare troppo peso all'ansia perchè è una paura infondata, una paura irrazionale di solito che però dopo fa leva anche su preoccupazioni reali. esempio: ad uno gli va male al lavoro e lo trasferisce nel sesso come ansia o in altri settori della vita come panico (vedi restar bloccati nel traffico per fare un esempio) poi ognuno sfoga l'ansia nelle sue debolezze.

l'ansia è furba e si insinua nei ns punti deboli logorandoci.

per questo è importante nel sesso farlo con una donna che ti conosce, per la quale non hai segreti e che sia una donna sensibile. se vai con una di una sera è facile che sia una spavalda che ti mette insicurezza e li crolli.

se poi il sesso dev'esser solo uno sfogo allora uno va da una professionista e chissenefrega.

non so se mi sono spiegato.

pippo1363
 

Citazione:
Originariamente Inviato da maramotti Visualizza Messaggio
pippo,
l'ansia è una brutta bestia e fa parte un po del carattere. io nn credo a chi risolve definitivamente. mia madre è ansiosa da una vita e lo è tuttora. ha fatto analisi, cure etc.

l'unico consiglio che a mio parere si può dare è:
non dare troppo peso all'ansia perchè è una paura infondata, una paura irrazionale di solito che però dopo fa leva anche su preoccupazioni reali. esempio: ad uno gli va male al lavoro e lo trasferisce nel sesso come ansia o in altri settori della vita come panico (vedi restar bloccati nel traffico per fare un esempio) poi ognuno sfoga l'ansia nelle sue debolezze.

l'ansia è furba e si insinua nei ns punti deboli logorandoci.

per questo è importante nel sesso farlo con una donna che ti conosce, per la quale non hai segreti e che sia una donna sensibile. se vai con una di una sera è facile che sia una spavalda che ti mette insicurezza e li crolli.

se poi il sesso dev'esser solo uno sfogo allora uno va da una professionista e chissenefrega.

non so se mi sono spiegato.

Ciao Maramotti,
credo che in effetti tu abbia ragione.

Io quando dicevo di essere guarito intendevo dire che ho imparto a conrtollare la mia ansia
soprattutto per ciò che riguarda certi aspetti della mia vita (entare in ascensore, andare in luoghi affollati ecc.),

Non credo che si guarisca proprio del tutto, ma si può imparare a controllare certe cose.

Quando dici che l'ansia è furba hai perfettamente ragione, il mio punto debole è il sesso e lei lì colpisce.

Infatti io ad esempio prendo il levitra da 5 mg.
Il medico mi ha detto che potrei anche spezzare la pasticca e che in effetti non avrei neppure più bisogno di usarla, ma io ho paura e per ora continuo a utilizzare la pasticca intera.
So di essere un po' vigliacco, ma così mi sento sicuro.

A proposito ho letto l'altra tua discussione, non capisco perchè tu acquisti il levitra da 20 e poi lo spezzi anche in 4, non faresti prima a prendere quello da 5 che costa anche parecchio meno (13,60 Euro la confezione)?

Se poi tu hai il coraggio di spezzare la pasticca (anche quella da 5 intendo) poi potresti provare anche a un dosaggio inferiore credo che ti funzionerebbe così come dovrebbe funzionare su di me.

quando dici che è preferibile farlo con una donna con cui hai un certo rapporto di fiducia hai perfettamente ragione, io sono sposato e mia moglie mi ha effettivamente aiutato moltissimo, devo dire che ha avuto una gran pazienza (portata quasi al limite ..... ma ha tenuto), Le devo molto.

Ciao un saluto.

maramotti
 

ciao, compro quello da 20mg perchè alla fine mi dura lo stesso molto tempo. sono 16 dosi da 5 mg a 47 euro. come prezzo siam li alla fine poi quello da 5 nn sempre si trova.

posso dirti che io spesso ho erezioni ottime al risveglio il che dovrebbe dovere dire che va tutto benone. ma sai come me che quei farmaci danno una maggior sicurezza. quindi...

profitto per domandarti se hai provato anche cialis e viagra. io solo cialis ma lo trovo meno rapido nell'azione.

ciao

pippo1363
 

Citazione:
Originariamente Inviato da maramotti Visualizza Messaggio
ciao, compro quello da 20mg perchè alla fine mi dura lo stesso molto tempo. sono 16 dosi da 5 mg a 47 euro. come prezzo siam li alla fine poi quello da 5 nn sempre si trova.

posso dirti che io spesso ho erezioni ottime al risveglio il che dovrebbe dovere dire che va tutto benone. ma sai come me che quei farmaci danno una maggior sicurezza. quindi...

profitto per domandarti se hai provato anche cialis e viagra. io solo cialis ma lo trovo meno rapido nell'azione.

ciao
Ciao Maramotti,
Mai provato Viagra, ho provato il Cialis molto tempo fa e per poco, mi pare fosse da 20 mg.
A me funzionò bene, come tempo dall'assunzione attendevo circa un'ora, quindi non so se funzionasse anche prima.

Devo dire che era forte, e l'effetto mi durava circa 36 ore.

Devo dire che il Levitra mi è piaciuto di più.

Smisi il Cialis perchè all'epoca in effetti i problemi con mia moglie si fecero sentire quindi magari prendevo la pasticca e poi a lei non andava.
Superato il periodo critico non avevo proprio un gran bisogno del farmaco.

Quando i problemi si sono ripresentati l'andrologo cui mi sono rivolto mi ha segnato il levitra da 10, poi ridotto a 5 e secondo lui ora dovrei ridurre ancora, ma a dire la verità non è che mi senta ancora pronto.

Anche perchè finalmente nella mia vita mi sento più propenso a fare sesso senza l'angoscia di pensare a quello che potrebbe accadere se le cose non funzionassero.

Prima di usare il Levitra ad esempio se facevo l'amore con mia moglie avevo bisogno di essere stimolato fisicamente con la masturbazione, e l'erezione non sempre era così forte, per la paura che sparisse mi affrettavo anche a concludere il rapporto e quindi duravo pure poco.
Ora, vuoi che mi sento più tranquillo, e che la mia autostima finalmente è a livelli accettabili, appena cominciamo mi viene duro da solo subito, tanto che mia moglie si lamenta che "non le do tempo", e questa per me è una bella sensazione, e pure i tempi si sono allungati di parecchio, vuoi per l'azione del farmaco che per me tende a farti durare di più, vuoi anche perchè mi sento più tranquillo che se l'erezione dovesse calare (e devo dire che fino ad ora a quasi un anno dalla prima assunzione ancora non mi è capitato), la posso recuperare alla grande.

Ho anche notato che la maggiore tranquillità mi ha portato anche a provare anche a cambiare posizioni più spesso, cosa che prima non facevo per paura di perdere tempo e che l'erezione magari svanisse.

Un'altra cosa, il Levitra da 10 per me era anche troppo forte, non so se a te o a altri è capitato, ma sentivo il pene veramente troppo duro.
Con il dosaggio inferiore in effetti l'erezione, pur essendo davvero forte, non mi fa sentire il pene come un pezzo di marmo.

Devo decidermi a provare a spezzare la pasticca anche io.
Il fatto che tu lo faccia mi incoraggerebbe pure, ma non vorrei cambiare una virgola del periodo positivo che finalmente sto vivendo.

(accidenti all'ansia!!!!!!)
Ciao.

Plutarco
 

Ciao a tutti, anche io faccio parte della schiera di quelli ansiosi che non hanno più una vita sessuale regolare. Fino all'età di 37 anni avevo prestazioni normali e mai una defaiances ma, dopo una cilecca clamorosa circa 10 anni fa ho iniziato ad avere grossi problemi di ansia da prestazione. In precedenza avevo già crisi di panico, però non incidevano sulla sfera sessuale, da quel momento in poi hanno anch'esse avuto la loro importanza tanto che ho deciso di farmi visitare da un neurologo. Fisicamente tutto ok, mi prescive una cura a base di serotonina che nel giro di qualche mese mi rimette in sesto per quanto riguarda le crisi di panico. Per inciso la serotonina aiuta l'erezione, tanto che durante la cura ho ottenuto delle prestazioni incredibili, dopodichè la situazione è di nuovo tornata più o meno come prima (periodi buoni e periodi molto negativi).

catartico75
 

Citazione:
Originariamente Inviato da ecco Visualizza Messaggio
Scrivo solo per coloro che soffrono di ansia da prestazione e sono nel panico totale..voglio confortarli

....
per chiudere:

1- Dovete avere una partner che non da importanza alla cosa

2- Non dovete fare continui test con la masturbazione o organizzando serate di sesso per vedere se funziona....non si risolve così

3- Prendetevi una piccola pausa per allontanare il problema e l'ansia

4- Ricominciate piano piano senza passare al sodo dal primo approccio,ma procedete per passi

5- Non fate autoanalisi perchè non potete farle...aggrappatevi al pensiero che anche se rare le erezioni rigide ce le avete..quindi qualcosa funziona

ho scritto veloce quindi trascurate eventuali errori
mi ha fatto piacere leggere la tua analisi, ed anche quella successiva e simile di alfa, che condivido, anche se per certi utente è un pò troppo semplice però dipende dal problema che si ha.
Io non soffro di ansia particolare o di crisi di panico , ma piuttosto di una forma di ansia da prestazione comune a molti e dovuta alle prime esperienze sessuali non particolarmente esaltanti causa della giovane età e dell'ignoranza in campo sessuale (erezioni, profilatico, lubrificazione, penetrazioni ecc ecc..).
Pur piacendo alle ragazze per molto tempo mi sono allontanato dal sesso per paura di affrontarlo e ricadere nel problema. Con le ragazze mi limitavo ai baci, qualche carezza e qualche rapporto orale, stop.
Col tempo credevo che avrei risolto il problema con la maturità però ciò non accadeva; quando cominciai a perdere qualche ragazza a cui ci tenevo mi decisi di andare a fare una visita urologica prima e andrologica poi.
A quanto pare nessun problema fisiologico: questo già lo immaginavo in quanto con la masturbazione e rapporti orali era tutto ok come con le erezioni spontanee al mattino. Il problema si verificava all'atto della penetrazione: calo completo di erezione e desiderio, solo il pensiero di penetrare mi destabilizzava e mandava in crisi.
Quindi su prescrizione dell'andrologo provai con estrema soddisfazione il levitra, prima 10mg poi 5mg: all'inizio ebbi risultati negativi anche con i farmaci, la testa è più forte poi piano hanno cominciato a funzionare con l'aumentare della fiducia in me stesso.
A volte capitava che alle prime volte con una ragazza nuova non funzionava a dovere però alla seconda si e poi sempre sempre meglio con l'aumentare della fiducia.
Per completezza, anche se la cosa a molti non farà piacere, ogni tanto frequentavo delle ragazze a pagamento e con loro riuscivo ad avere rapporti soddisfacenti anche senza l'assunzione dei farmaci.
Il passo successivo era quello di trovare una partner fissa con cui riuscire ad avere un rapporto duraturo, di fiducia e con cui cercare di guarire definitivamente.
Ora sono nelle condizioni di avere una ragazza stabile: sto usando il levitra cercando di ridurre le quantità e per ora il mio problema non si è mai presentato, lei non è al corrente anzi per lei sono un grande amatore (vuoi anche perchè la natura mi ha donato di un bel strumento).
Anche quando mi tocca al di fuori dell'uso del levitra ho erezioni molto buone, quando però non sono previsti rapporti, quindi sto procedento per piccoli passi.
Il cammino è lungo lo so però mi sento nelle condizioni di sconfiggere il mio problema, ci sto provando con calma, molto calma e come diceva anche l'utente alfa con piccoli e positivi passi.
Quindi alle regole dell'utente ecco ed anche a quelle dell'utente alfa (altro post molto interessante che condivido pienamente) mi sento di aggiungerne altre 2:
- non scappare dal problema ma affrontarlo ed avere fiducia in se stessi.
- l'assunzione dei farmaci anti de secondo me serve tantissimo per ritrovare serenità e fiducia (ricordo proprio il malumore e pessimismo croncico che alleggiava in me con una mia ex a cui ci tenevo molto e con cui non ero mai riuscito a concludere un rapporto soddisfacente, una negatività che mi ha portato ad allonatarmi da lei...all'epoca non conoscevo i farmaci).
Concludo ringraziando tutti gli utenti del forum che con le loro esperienze condivise danno un grande aiuto a tutti.
Buon anno!

Leggi altri commenti
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 20:29 PM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2020, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X