Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Pianeta famiglia > Vita in famiglia: genitori, figli e non solo > Gravidanza > Sono in panico.
Segna Forum Come Letti

   

Sono in panico.

Fefe1
 

Ciao ragazze,
Sono nuova in questo forum volevo raccontarvi la mia esperienza e le mie paure.
Ho scoperto di essere incinta all in circa 7 settimane fa...quando al lavoro ho iniziato ad avere abbassamento di pressione e svenimenti improvvisi e le mancate rosse...
Siccome faccio un lavoro poco tranquillo ho dovuto avvisare subito la capa che ovviamente l ha presa malissimo ....ecco da quel giorno è un incubo... Hanno iniziato a farmi fare i lavori più pesanti nello stare inpiedi a confezionare a farmi spostare scatole a prodotto finito con parecchio peso a correre come una matta per star dietro a tutto....premetto che ho sempre amato il mio lavoro infatti da poco ero anche salita di ruolo....però non ce la faccio più .... Mi stanno facendo passare un incubo il mio ragazzo è venuto più di una volta a recupermi al lavoro per svenimenti cali di pressione e per la fatica mi sale anche la febbre a 39( a volte non mi permettono neanche di andare a casa ) e per finire.... Non posso andare in bagno al di fuori della pausa non posso bere al di fuori della pausa (la pausa l abbiamo alle 12 e una di 5 minuti alle 10 inizio alle 6 di lavorare fino le 17.30) e seduta ci sto a turno come tutte le altre perché io come dicono NON SONO PRIVILEGIATA....ecco da una settimana e mezza la dottoressa mi ha messo in malattia perché preoccupata dello stato in cui ero mi ha detto di chiedere subito un anticipata alla mia ginecologa...ma io ho paura perché so benissimo che farebbero di tutto pur di attestare che il mio lavoro non è a rischio (lavorativamente parlando) simo 150 donne e tutte li dentro per andare in anticipata si sono dovute far rilasciare il foglio di maternità a rischio ....sono a pezzi non so più cosa fare sono in paranoia totale e giuro che il pensiero di rientrare li dentro mi sta facendo star male.

MIGLIOR COMMENTO
Cindyil
Citazione:
Originariamente Inviato da Fefe1 Visualizza Messaggio
Ciao ragazze,
Sono nuova in questo forum volevo raccontarvi la mia esperienza e le mie paure.
Ho scoperto di essere incinta all in circa 7 settimane fa...quando al lavoro ho iniziato ad avere abbassamento di pressione e svenimenti improvvisi e le mancate rosse...
Siccome faccio un lavoro poco tranquillo ho dovuto avvisare subito la capa che ovviamente l ha presa malissimo ....ecco da quel giorno è un incubo... Hanno iniziato a farmi fare i lavori più pesanti nello stare inpiedi a confezionare a farmi spostare scatole a prodotto finito con parecchio peso a correre come una matta per star dietro a tutto....premetto che ho sempre amato il mio lavoro infatti da poco ero anche salita di ruolo....però non ce la faccio più .... Mi stanno facendo passare un incubo il mio ragazzo è venuto più di una volta a recupermi al lavoro per svenimenti cali di pressione e per la fatica mi sale anche la febbre a 39( a volte non mi permettono neanche di andare a casa ) e per finire.... Non posso andare in bagno al di fuori della pausa non posso bere al di fuori della pausa (la pausa l abbiamo alle 12 e una di 5 minuti alle 10 inizio alle 6 di lavorare fino le 17.30) e seduta ci sto a turno come tutte le altre perché io come dicono NON SONO PRIVILEGIATA....ecco da una settimana e mezza la dottoressa mi ha messo in malattia perché preoccupata dello stato in cui ero mi ha detto di chiedere subito un anticipata alla mia ginecologa...ma io ho paura perché so benissimo che farebbero di tutto pur di attestare che il mio lavoro non è a rischio (lavorativamente parlando) simo 150 donne e tutte li dentro per andare in anticipata si sono dovute far rilasciare il foglio di maternità a rischio ....sono a pezzi non so più cosa fare sono in paranoia totale e giuro che il pensiero di rientrare li dentro mi sta facendo star male.

prima esistevano i sindacati...ma ormai.....come sono cambiati i tempi...tu pensa che io, non ero in stato di gravidanza, per un periodo ho lavorato in un ente pubblico...Ogni anno per la festa della donna organizzavano degli eventi, festeggiamenti ....io con altre colleghe eravamo a.festeggiare...fui chiamata dal capo, aveva da inviare un documento con urgenza, io mi alzai e andai su...la mia collega venne pure lei, mi disse così ti aiuto e facciamo prima....mentre eravamo nell'ufficio del capo entra una sindacalista...e al capo gli disse....lei come si permette di chiamare proprio oggi... ci fu un attimo di silenzio e scoppiò un putiferio..però noi tornammo a festeggiare, lui uscì incavolato...poi fece un rapporto di richiamo alla sindacalista....però che soddisfazione fu...
Oggi purtroppo il sindacato si occupa solo delle grandi industrie...nelle piccole imprese proprio non esiste, anzi nel privato non è mai esistito...i lavoratori son ricattati dai datori di lavoro, in vari modi...immagino quello che stai provando....e tu se ti senti male vai dal medico, magari pure a pagamento e fatti fare dei certificati ...in bocca al lupo
__________________

Quelli belli come noi fan l'amore in un sorriso lontano ed indeciso che non capiresti mai.

Leggi altri commenti
Leggi altri commenti

Profilo del medico - Dr. Mario Fadin

Dr. Mario Fadin
Nome:
Mario Fadin
Azienda:
Centro Medico Sempione, Milano
Professione:
Ginecologo, Direttore Sanitario del Centro Medico Sempione di Milano
Specializzazione:
Ostetricia e Ginecologia
Contatti/Profili social:
email sito web facebook
Domanda al medico
Dr. Fadin, posso mangiare al ristorante cinese, giapponese o indiano in gravidanza?
Naturalmente sì: miliardi di donne nel mondo si nutrono in gravidanza di cibi della cucina cinese, giapponese o indiana! L’importante è che si tratti di ristoranti curati dal punto di vista igienico, una regola che ovviamente vale anche per i ristoranti di cucina italiana.

Il pesce crudo può contenere un parassita, l’Anisakis simplex, che può provocare, se ingerito, parassitosi acute o croniche con gravi conseguenze per la salute, indipendentemente dalla gravidanza. La cottura a 60 gradi o il congelamento per un minimo di 96 ore uccidono il parassita e in Italia per legge i ristoranti che servono pesce crudo devono congelarlo preventivamente per scongiurare il rischio di contaminazione. Se si acquista il pesce privatamente con l’intenzione di consumarlo crudo a casa, è necessario tenerlo in congelatore almeno per quattro giorni. La marinatura non è sufficiente per uccidere il parassita.

In generale, la scarsa igiene nella preparazione e nella conservazione degli alimenti espone al rischio di gastroenteriti, salmonellosi ed epatite A, che non comportano rischi specifici durante l’attesa, ma nuocciono alla salute generale della futura mamma e di riflesso a quella del feto.

I cibi piccanti o molto speziati caratteristici di alcune cucine non sono controindicati in gravidanza, ma possono accentuare disturbi già presenti come i bruciori di stomaco e le emorroidi.

   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 11:41 AM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2019, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X