Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Allergologia e Immunologia > solo uno sfogo....per nn impazzire
Segna Forum Come Letti

   

solo uno sfogo....per nn impazzire

Isabelle
 

Non ce la faccio più!!!!
So che non dovrei stare qui a lamentarmi, ma dovrei piuttosto rimboccarmi le maniche e lavorare su me stessa, smetterla di abbuffarmi e poi piangere, smetterla di vomitare, di digiunare...tutte queste belle cose le so, ma non ce la faccio! è un anno che vado avanti, al confronto di altre ragazze lo so che è poco, ma io sono già stanca, stanca di dire a me stessa "questa è l'ultima volta" e poi non è mai l'ultima....
Anche oggi è stata una giornata disastrosa, ho passato metà della giornata a mangiare e l'altra metà a piangere e a odiarmi!!!!
Sono disperata!!!
Voglio solo liberarmi di questa angoscia, di questo peso... mi vergogno di me stessa, del mio corpo...
Grazie a chiunque legga il mio sfogo!

MIGLIOR COMMENTO
Isabelle come ti capisco................................
Anche io purtroppo ho vissuto e sto vivendo tutt'ora questa situazione......
Quanto pesi adesso e quanto sei alta? Hai avuto molte oscillazioni di peso in quest'anno....?
Leggi altri commenti
Isabelle
 

sono alta 165 e peso quasi 70 kili, non mi peso da qualche giorno...
ad aprile dell'anno scorso ho cominciato una dieta, sono partita da 67 kili e sono arrivata a 58 kili, poi sono cominciate le abbuffate, nel giro di 5 mesi sono ingrassata di 13 kili e ora vado su e giù come uno yo-yo...

givemeasmile
 

Ciao ISA,

Citazione:
Citazione: e ora vado su e giù come uno yo-yo...
carina davvero questa!

ehiii ma abbiamo una ragazza allo sbocciare della sua maturità!
Già fatta la festa o ci manderai gli inviti?

Di cosa ti occupi?
Che passioni hai?
Sentiamo un pò se sei di quei yoyo simpatici... con le lucine... le batterie sempre cariche e tanti colori![^]

GIVEMEyoyoSMILE

 

Io non posso fare altro che capire quello che provi....perchè sono le stesse cose che provavo e che provo tutt'ora io.....
Ho iniziato con l'anoressia a 18 anni....ora ne ho 23 e il problema rimane...altrno periodi di anoressia a periodi di bulimia.....
Da 82 chili di 5 anni fa sono arrivata a pesare 42.....dopo i continui day hospital all'Ospedale San Luca di Milano ho iniziato a mangiare qualcosa...e da lì mi sono venute le crisi compusive di cibo.....non vomitavo ma usavo lassativi,facevo attività sportiva astenuante.....e da lì ho iniziato a passare da momenti di digiuno a momenti di abbuffate....
Adesso non posso dire che sto bene...perchè non sto bene per niente....ma cerco di farmi forza e coraggio....
Sono andata da psicologi, psicanalisti ecc......non mi sono serviti a niente.....
Adesso sto aspettando...............ma cosa??????????????????
Non lo so nemmeno io......
Io sono alta 1.68 e adesso peso 55 chili.....ma che oscillano sempre.....posso arrivare a 50 come posso arrivare a 57,58....
Dipende dai miei momenti.........
Devi essere forte e metterti in testa che solamente tu ce la puoi fare.......

Mel79
 

Isabelle: andare da un dietologo?

Ti fai prescrivere una dieta in base al tuo tenore di vita, agli esami del sangue, al tuo problema di fame nervosa e in pochi mesi (e con attività fisica) perdi quei chili di troppo, no?

E' troppo difficile?

Fla2
 

Oh Isabelle...sono entrata disperata nel forum pensando d'inserire un messaggio, una domanda su cosa bisogna fare quando ci si trova nel buio più totale, quando non si riesce a vedere da nessuna parte una via d'uscita...e poi ho trovato il tuo messaggio..
Non sai quanto ti capisco...sto provando quello che provi tu...io questi problemi col cibo ce li ho da + anni.....anch'io ho sbalzi di 10-12 kg in su e giù ogni tot mesi...
Non so come comportarmi non so cosa fare non riesco a capire perché non riesco a trarre insegnamento dal passato...a volte capita di sentirsi bene e dirsi "ce l'ho fatta, ho capito come si fa"...e poi senza rendermi conto ricadere di nuovo...e non sapere come rialzarsi, perché ogni volta bisogna trovare da capo la soluzione...
..sono davvero disperata oggi..

creamyna
 

ragazze.. come vi capisco.. io ne ho sofferto per quasi 5 anni.. vi rendete conto? ed era esattamente cosi.. la giornata impostata inbase al cibo.. e alle vomitate.. ora ne son uscita.. ma qnd ci ripenso il ricordo e' ankora fresco.. troppo forse..

il dietologo nn c'entra nietne.. lei nn ha prorblemi di peso... ha problemi con se stessa.. con la sua stima.. con il mondo intero.. cosa c0'entra il dietologo?????!?!?!??!?

se vuoi scrivermi in pvt fallo pure e ti diro qualcosa di piu'.. a me mi ha salvato mia figlia.. arrivando all'imporvviso.. e da qnd ho saputo di essere incinta e' passato tutto.. come per miracolo.. ma sicuramente esisteranno altri modi per farcela.. un abbraccio

Isabelle
 

Scusate se ripsondo tanto in ritardo, ma in questi giorni la scuola ha occupato gran parte del mio tempo...
Ringrazio chi mi ha scritto e rispondo a Mel79 che il dietologo l'ho consultato molti mesi fa, ma ho retto alla dieta che mi ha prescritto poco più di una settimana, l'ho ricominciata una decina di volte ma ci ricadevo sempre...non è colpa del dottore, la dieta era ottima, mangiavo molto e anche bene, ma l'idea di non poter mangiare determinate cose e soprattutto non mangiare quando volevo, mi mandava in palla e mi spingeva a sgarrare...non è servita a nulla, ma so bene che è solo ed unicamente colpa mia.
Ora sono tre giorni che cerco di mangiar bene, per ora, malgrado la fatica resisto, quando ho tanta voglia di mangiare mi ingozzo di crusca e gallette di riso... non so quanto resisterò... chissà...

Mel79
 

Ciao Isabelle. Non per insistere, ma forse il dietologo nel prescriverti la dieta non ha considerato i tuoi impulsi di fame nervosa.

Te lo dico perchè ci sono passata. Spesso un ottimo regime alimentare associato ad un'ottima attività sportiva "può mandare in palla" (come dici tu) o stressare (come dico io) chi ha questo tipo di disturbo.

Crusca e gallette? bleah

Resisti più che puoi e facci sapere.

Un abbraccio

jkl
 

Invece delle gallette di riso (che hanno una puzza tra l'altro) :P
prova a mangiare della verdura!!! Di quella puoi mangiarne quanta ne vuoi...non ha praticamente calorie! (senza considerare patate e legumi, però...).
E poi, cosa intendi con "la dieta era ottima, mangiavo molto e anche bene, ma l'idea di non poter mangiare determinate cose e soprattutto non mangiare quando volevo, mi mandava in palla e mi spingeva a sgarrare..."
Quali sono queste cose??

BEROLINA
 

ragazze..leggo in voi il mio passato, vi vorrei aiutare tanto. Io adesso sto bene anche se ho qualche chilo in piú, ho sofferto di anoressia, ma nn importa mi faccio coraggio e nn mi metto in testa di fare delle diete perché hanno l'effetto contrario. faccio invece dello sport, che é la mia terapia contro nervosismo, attacchi di fame.
A mio parere si deve capire il problema di fondo, nn costruire delle diete, per poi sentirsi ancora + male.
L'accettarsi é avere rispetto della propria persona.
Vi consiglio di cercare di uscire dagli schemi e continuare a guardare il mondo a testa alta, anche con qualche chilo in piú.
"Io mangio per vivere non vivo per mangiare"
baci

annetta
 

Vi capisco anch'io : circa 10 anni fra anoressia e bulimia, un incubo. Ora stò bene già da diversi anni per cui voglio dire alle ragazze che uscirne è possibile !
Un abbraccio

Anlisa
 

Avevo scritto questo mio mess in un altro topic ma credo che questo sia il suo posto. Solo x dire a tutte voi che vi capisco, e che a volte mi sembrate così lontane mentre (molte)altre
mi smebrate così vicine.

"bhè che dire, io sono nuova e quindi innanzi tutto piacere.
Se dovessi dirvi con precisione il mio problema, mi troverei in grande difficoltà...di sicuro c'è il fatto che il mio rapporto con l'alimentazione è del tutto conflittuale. Ho 24 anni e quando ne avevo 12 ho scoperto di soffrire di ipotiroidismo, quindi avevo tendenza ad ingrassare e sappiamo bene quanto sia difficile essere un po' più pienotte a 12 anni (soprattutto se si mangia regolarmente). Fortunatamente scoperto il mio problema ho iniziato la cura con l'eutirox che subito ha ristabilito il mio peso a livelli normali. Peccato xò che nei momenti in cui mi sentivo più gonfia assumevo il triplo delle compresse giornaliere. Poi è iniziato il periodo dell'università, bellissimo. Tutto andava alla perfezione i problemi sembravano svaniti e avevo un rapporto con me stessa e con il mio corpo idilliaco...finchè il 22 ottobre 2000 (come dimenticare la mia iniziazione) decisi di iniziare, senza troppa convinzione, un regime alimentare ipocalorico. Sembrerebbe una cosa perfetta, peccato però che dopo solo una settimana il mio unico mezzo di sostentamento era diventata l'insalata rigorosamente scondita. Grazie a Dio, quella stessa sessione all'università dovevo dare 4 esami nel giro di una settimana...e siccome ho sempre tenuto molto al mio operato universitario mi resi conto che in quelle condizioni psico/fisiche potevo ben poco fare ma soprattutto potevo ben poco sperare...così a mano a mano ripresi a mangiare normalmente. Ce l'avevo fatta e da sola! Una gran soddisfazione certo, ma dall'altra parte aleggiava anche il pensiero che se volevo potevo dimagrire ogni volta che volevo! Ho sempre vissuto in questo limbo...finchè il pensiero di poter dimagrire e di uscirne quando volevo non è diventato un'inferno nel marzo 2003. Un inferno aiutato da delle pillole a base di iodio che da ipotiroidea mi hanno fatto divetare ipertiroidea, un inferno aiutato da un ex-ragazzo che anzichè aiutarmi a smettere mi consigliava di nascondere le pillole da mia mamma, altrimenti poi lui doveva sorbirsi la ramanzina da lei, un inferno aiutato dallo stress della tesi...Un inferno che in meno di un mese mi aveva fatto arrivare a pesare 46/47kili con una perdita di peso pari a 8 kili. Di nuovo nn toccavo più cibo...finchè un giorno non sono svenuta all'improvviso. Il giorno dopo mi sono resa conto che non ero invincibile, tanto più stavo creando solo degli ulteriori danni alla mia salute. Il 18 giugno 2003 mi sono laureata e in quello stesso giorno mi sono detta: "**** 22 anni mezzo: una laurea in International Business con una specializzazione in Fashion Managemnt. 2 coglioni sotto da far paura...e non ho la forza di riuscire a stare bene? o meglio mi sono illusa di potermi controllare e di riuscire a sentirmi forte solo se non mangio?" Da quel giorno è iniziata la mia battaglia contro l'anoressia e sono felice di dire che ne sono uscita (almeno da quella forma così grave) da sola. Oggi, con alle spalle quell'idiota del mio ex (che nn sapete quante altre ancora me ne ha combinata da allora) e una nuova persona da amare e che mi ama combatto contro la fame impulsiva, non vomito grazie a Dio, ma di certo non ho del tutto ristabilito un rapporto regolare con il cibo. Alle volte sono attenta a ciò che mangio e non vi nascondo (anche se mi vergogno) che spesso sono portata a digiunare, ma altre volte mangio da farmi schifo! Purtroppo e devo ammetterlo prima a me stessa (poco prima ho scritto il contrario) che agli altri...in fondo non me ne son mai uscita...ho solo alternato i periodi...così come nella mia testa si alternano i periodi del "che mi importa l'importante è stare bene con me stessa" ai periodi del "posso cotrollarmi e dimagrire come e quando voglio"...


scusate se vi ho raccontato la mia vita. ma alle volte ho paura che se ci ricado potrei non essere così fortunata...e mentre vi sto scrivendo mi rendo conto che sto di nuovo assumendo le pillole di cui vi parlavo...e nn riesco nemmeno a dirmi che sto sbagliando"

tulipano20
 

anch'io avevo scritto in un altro post, ma forse sta meglio qui...

sicuramente la mia è una delle tante storie già sentite, ma magari qualcuno può aiutarmi.
qual'è il problema? peso 135 kg e non riesco in nessun modo a dimagrire...
oltretutto vorrei avere un bambino e ho anche smesso di prendere la pillola, ma con questo peso mi fa un pò paura anche se non ho intenzione di rinunciare.
tutti dicono che basta volerlo per dimagrire, ma non è assolutamente vero, io non ce la faccio e più mi avvilisco e più mangio, mi faccio schifo a guardarmi ma non riesco a dimagrire, non so spiegarlo esattamente, io lo vorrei con tutta l'anima ma non ce la faccio...
ho solo 23 anni e sono qua a guardarmi e iorridire...
non so come fare...

Leggi altri commenti

Profilo del medico - Dr. Filippo Fassio

Dr. Filippo Fassio
Nome:
Filippo Fassio
Comune:
Firenze, Pistoia e Lucca
Professione:
Medico Chirurgo, Specialista in Allergologia ed Immunologia Clinica
Specializzazione:
Allergologia ed Immunologia Clinica, Dottore di Ricerca in Medicina Clinica e Sperimentale
Contatti/Profili social:
sito web facebook twitter linkedin
Domanda al medico
Dr. Fassio, come riconoscere intolleranze alimentari nei bambini? E negli adulti?
I sintomi generalmente sono di tipo gastrointestinale: gonfiore, mal di pancia, diarrea, a volte nausea e vomito. Oppure si possono avere – oltre a questi – dei sintomi “sistemici”, come episodi di mal di testa o senso di spossatezza. Le manifestazioni cliniche non sono molto differenti nel bambino o nell’adulto. Per poter riconoscere un’intolleranza è importante riuscire a ricondurre i sintomi all’assunzione di specifici alimenti, cosa non sempre facile perché possono passare anche molte ore dal pasto alla comparsa dei sintomi. Leggi tutto
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 22:33 PM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2020, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X