Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Allergologia e Immunologia > cytotest
Segna Forum Come Letti

   

cytotest

fransy
 

Avrei bisogno di sapere i centri che eseguono il cytotest per le intolleranze alimentari in liguria e cosa ne pensate. Grazie Franca

MIGLIOR COMMENTO
Dr. Filippo Fassio
Questa discussione offre moltissimi spunti davvero interessanti, e la ragione sta un po' dappertutto.

Innegabile che molti siano stati meglio dopo aver eseguito test "alternativi", tra i quali il cytotest, ed essersi sottoposti a diete di esclusione.
Molti altri non hanno avuto benefici - alcuni addirittura hanno provato per curiosità, sono sempre stati bene, e non capiscono perchè dovrebbero eliminare alcuni alimenti.

Il punto è che gli alimenti che danno fastidio, attraverso il meccanismo delle intolleranze, sono sempre più o meno gli stessi. Allora chi ha esperienza nel settore può consigliare diete di esclusione efficaci, ma il cytotest non c'entra un bel niente.
E se questa persona non ha esperienza? Allora non sarà certo il test a potergli fornire una base scientifica sulla quale basarsi.
Qualcuna di voi ha mai provato ad eseguirlo due volte, magari in due "laboratori" differenti? Io spero di no, comunque se lo avete fatto ed i risultati sono stati discordi allora è evidente che il test non ha valore.
Il problema di questi test è che sono del tutto arbitrari, nel senso che quello che viene "documentato" non è riconducibile, sulla base delle conoscenze scientifiche attuali, a meccanismi che promuovono infiammazione o qualsiasi altro processo fisiopatologico a carico di qualsiasi organo o distretto dell'organismo.
Volete un'ultima provocazione: diversi anni fa è stato pubblicato un articolo su una importante rivista medica che riportava i risultati di un cytotest eseguito in due "laboratori" differenti: nel primo il risultato è stato (tra gli altri) di intolleranza alla carne di manzo, nel secondo caso di intolleranza al merluzzo. Peccato che il sangue fosse stato prelevato da una capra. Ora, visto che è un concetto fondamentale dell'immunologia che il sistema immunitario può attivarsi in seguito al riconoscimento specifico di una sostanza "esterna" (anche detta antigene), qualcuno ha saputo spiegare come la capra abbia fatto ad introdurre del manzo o del merluzzo? Purtroppo no.

Altro esempio: in molti casi viene suggerito di evitare il pomodoro. Questo alimento è molto ricco di a) acido acetilsalicilico (principio attivo dell'aspirina); b) nichel.

Quante di voi sapevano già da sole che le intolleranze all'acido acetilsalicico ed al nichel sono molto comuni? Bene, potete abbassare le mani.
__________________
Dr. Filippo Fassio
Specialista in Allergologia ed Immunologia Clinica
Dottore di Ricerca in Medicina Clinica e Sperimentale
Visita in: Firenze - Pistoia - Bologna

Visita il mio sito blog:www.allergologo.net!

Le informazioni contenute sul forum hanno unicamente scopo divulgativo e non intendono in nessun modo sostituire la visita medica.
Leggi altri commenti
n-a
 

io le ho fatte, me le consigliò la dietologa, nn servono a niente se nn a farti spendere circa 200 euro. Tra l'altro sentii ad elisir che le intolleranze nn hanno alcun fondamento scientifico e sono solo un bussiness.

Aika
 

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da Shannan

io le ho fatte, me le consigliò la dietologa, nn servono a niente se nn a farti spendere circa 200 euro. Tra l'altro sentii ad elisir che le intolleranze nn hanno alcun fondamento scientifico e sono solo un bussiness.
ma perchè leggo continuamente che il test per le intolleranze non serve a nulla???

volevo farlo, ma se dicono tutti così...
ci sarà un fondamento di verità?

Sheila74
 

Io ho fatto il cytotest... la mia nutrizionista mi ha fatto la dieta adatta ed ora sto benissimo... prima avevo una marea di problemi fisici [V]
Se non ci volete credere fate come volete... io l'ho sperimentato sulla mia pelle

Aika
 

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da Sheila74

Io ho fatto il cytotest... la mia nutrizionista mi ha fatto la dieta adatta ed ora sto benissimo... prima avevo una marea di problemi fisici [V]
Se non ci volete credere fate come volete... io l'ho sperimentato sulla mia pelle
quanto costa il cytotest?

in che consiste?

Sheila74
 

Io l'ho pagato 100 euro, ma so che il prezzo è variabile... consiste in un'analisi fatta con un prelievo di sangue
Il problema però è che non bisogna solo eliminare lo specifico alimento a cui siamo risultati positivi, ma l'intero gruppo a cui quell'alimento appartiene e tutti i cibi che lo contengono in "tracce"... per fare la dieta serve il consiglio di uno specialista del campo

albertoxxx
 

Lascia perdere. Io l'ho fatto qualche anno fa, speso all' epoca sui 250 mila lire, per sentirmi dire che dovevo eliminare il latte per 4 mesi.
Ho seguito alla lettera la dieta, eliminando tutti i latticini e gli alimenti che contenevano latte, nessun miglioramento evidente.
Naturalmente chi propone questo test, dice quasi sempre di eliminare il latte, o i cereali, o le uova, perchè sono tra gli alimenti piu' consumati dalle persone, sia direttamente, che indirettamente, e magari qualche volta indovinano...ma non certo per la validità del test.

shopgirl
 

Ciao Franca.
Allora, guarda, io ti dico la mia esperienza, poi - come ha già detto anche Sheila, che peraltro sottoscrivo in pieno - si è liberi di crederci oppure no.
Io ho sempre avuto dei disturbi più o meno forti, più o meno localizzati ma il peggiore di tutti è il forte mal di testa di cui soffro da quanto ero piccola.
Due estati fa, all'apice della disperazione (il mal di testa a volte mi prende fortissimo e, quando è anche collegato allo stomaco, non posso neanche uscire di casa...) mi sono rivolta ad un medico privato di Genova (se ti interessa, in privato posso darti il suo nominativo).
Ho speso 200 € per il test più 50 € per la visita da questo Dottore e ti dirò che, dopo che hai speso - nel corso dei tuoi 33 anni - fior di quattrini in analgesici e antinausea di ogni tipo e genere, spendi "volentieri" 250,00 € se questo ti dà la possibilità di arrivare a capo del problema.
Il cytotest ha evidenziato che io ero (e sono) intollerante al latte, alle patate, al pomodoro, alle carote e, udite udite, al prezzemolo!!!
Ebbene, ho seguito la cura che il medico mi ha dato per ben 8 mesi e, che tu ci creda o no, in quegli 8 mesi non ho avuto mai una volta mal di testa!!!
Certo, non è stato facile eliminare dalla mia dieta abituale tante cose che mi piacevano (la pizza, poi, non ne parliamo...[V]) ma quando ho visto, dopo le prime 3 settimane di disintossicazione, che cominciavo a stare meglio ho fatto ben volentieri certi "sacrifici".
Poi il test evidenzia anche il grado di intolleranza a quel determinato cibo e, nel mio caso, per esempio, io ho un'intolleranza molto alta alle patate e al pomodoro più che a tutto il resto.
Ultimamente, complice anche il fatto che arrivo a casa la sera tardi dal lavoro, spesso non ho nè il tempo nè la voglia di mangiare "bene" e quindi ultimamente ho ripreso un pò il vecchio stile di vita ... niente di più sbagliato! Tempo un paio di settimane e sono ricominciati i mal di testa collegati allo stomaco.
Il punto è che quando sei intollerante a determinati alimenti, non solo non li digerisci, ma questi vanno anche ad infiammare i villi intestinali ed è un processo che, alla lunga, non fa bene all'intestino...
Se vuoi un consiglio, fai il test e prova - se risulti intollerante -a seguire una dieta priva degli alimenti "incriminati". Io sono sicura che noterai la differenza.
Facci sapere!

n-a
 

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da albertoxxx

Lascia perdere. Io l'ho fatto qualche anno fa, speso all' epoca sui 250 mila lire, per sentirmi dire che dovevo eliminare il latte per 4 mesi.
Ho seguito alla lettera la dieta, eliminando tutti i latticini e gli alimenti che contenevano latte, nessun miglioramento evidente.
Naturalmente chi propone questo test, dice quasi sempre di eliminare il latte, o i cereali, o le uova, perchè sono tra gli alimenti piu' consumati dalle persone, sia direttamente, che indirettamente, e magari qualche volta indovinano...ma non certo per la validità del test.
concordo!!!!nn spendere soldi inutilmente!!!

Aika
 

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da shopgirl

Ciao Franca.
Allora, guarda, io ti dico la mia esperienza, poi - come ha già detto anche Sheila, che peraltro sottoscrivo in pieno - si è liberi di crederci oppure no.
Io ho sempre avuto dei disturbi più o meno forti, più o meno localizzati ma il peggiore di tutti è il forte mal di testa di cui soffro da quanto ero piccola.
Due estati fa, all'apice della disperazione (il mal di testa a volte mi prende fortissimo e, quando è anche collegato allo stomaco, non posso neanche uscire di casa...) mi sono rivolta ad un medico privato di Genova (se ti interessa, in privato posso darti il suo nominativo).
Ho speso 200 € per il test più 50 € per la visita da questo Dottore e ti dirò che, dopo che hai speso - nel corso dei tuoi 33 anni - fior di quattrini in analgesici e antinausea di ogni tipo e genere, spendi "volentieri" 250,00 € se questo ti dà la possibilità di arrivare a capo del problema.
Il cytotest ha evidenziato che io ero (e sono) intollerante al latte, alle patate, al pomodoro, alle carote e, udite udite, al prezzemolo!!!
Ebbene, ho seguito la cura che il medico mi ha dato per ben 8 mesi e, che tu ci creda o no, in quegli 8 mesi non ho avuto mai una volta mal di testa!!!
Certo, non è stato facile eliminare dalla mia dieta abituale tante cose che mi piacevano (la pizza, poi, non ne parliamo...[V]) ma quando ho visto, dopo le prime 3 settimane di disintossicazione, che cominciavo a stare meglio ho fatto ben volentieri certi "sacrifici".
Poi il test evidenzia anche il grado di intolleranza a quel determinato cibo e, nel mio caso, per esempio, io ho un'intolleranza molto alta alle patate e al pomodoro più che a tutto il resto.
Ultimamente, complice anche il fatto che arrivo a casa la sera tardi dal lavoro, spesso non ho nè il tempo nè la voglia di mangiare "bene" e quindi ultimamente ho ripreso un pò il vecchio stile di vita ... niente di più sbagliato! Tempo un paio di settimane e sono ricominciati i mal di testa collegati allo stomaco.
Il punto è che quando sei intollerante a determinati alimenti, non solo non li digerisci, ma questi vanno anche ad infiammare i villi intestinali ed è un processo che, alla lunga, non fa bene all'intestino...
Se vuoi un consiglio, fai il test e prova - se risulti intollerante -a seguire una dieta priva degli alimenti "incriminati". Io sono sicura che noterai la differenza.
Facci sapere!
shopgirl,
quali bvenefìci hai avuto?
che intendi per "stare meglio"?
sei anche scesa di peso?
io sono sempre più convinta di farlo questo test..

silvia60
 

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da Aika

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da shopgirl

Ciao Franca.
Allora, guarda, io ti dico la mia esperienza, poi - come ha già detto anche Sheila, che peraltro sottoscrivo in pieno - si è liberi di crederci oppure no.
Io ho sempre avuto dei disturbi più o meno forti, più o meno localizzati ma il peggiore di tutti è il forte mal di testa di cui soffro da quanto ero piccola.
Due estati fa, all'apice della disperazione (il mal di testa a volte mi prende fortissimo e, quando è anche collegato allo stomaco, non posso neanche uscire di casa...) mi sono rivolta ad un medico privato di Genova (se ti interessa, in privato posso darti il suo nominativo).
Ho speso 200 € per il test più 50 € per la visita da questo Dottore e ti dirò che, dopo che hai speso - nel corso dei tuoi 33 anni - fior di quattrini in analgesici e antinausea di ogni tipo e genere, spendi "volentieri" 250,00 € se questo ti dà la possibilità di arrivare a capo del problema.
Il cytotest ha evidenziato che io ero (e sono) intollerante al latte, alle patate, al pomodoro, alle carote e, udite udite, al prezzemolo!!!
Ebbene, ho seguito la cura che il medico mi ha dato per ben 8 mesi e, che tu ci creda o no, in quegli 8 mesi non ho avuto mai una volta mal di testa!!!
Certo, non è stato facile eliminare dalla mia dieta abituale tante cose che mi piacevano (la pizza, poi, non ne parliamo...[V]) ma quando ho visto, dopo le prime 3 settimane di disintossicazione, che cominciavo a stare meglio ho fatto ben volentieri certi "sacrifici".
Poi il test evidenzia anche il grado di intolleranza a quel determinato cibo e, nel mio caso, per esempio, io ho un'intolleranza molto alta alle patate e al pomodoro più che a tutto il resto.
Ultimamente, complice anche il fatto che arrivo a casa la sera tardi dal lavoro, spesso non ho nè il tempo nè la voglia di mangiare "bene" e quindi ultimamente ho ripreso un pò il vecchio stile di vita ... niente di più sbagliato! Tempo un paio di settimane e sono ricominciati i mal di testa collegati allo stomaco.
Il punto è che quando sei intollerante a determinati alimenti, non solo non li digerisci, ma questi vanno anche ad infiammare i villi intestinali ed è un processo che, alla lunga, non fa bene all'intestino...
Se vuoi un consiglio, fai il test e prova - se risulti intollerante -a seguire una dieta priva degli alimenti "incriminati". Io sono sicura che noterai la differenza.
Facci sapere!
shopgirl,
quali bvenefìci hai avuto?
che intendi per "stare meglio"?
sei anche scesa di peso?
io sono sempre più convinta di farlo questo test..
mi unisco....ma è uguale allo Slimtest..quello che fanno nella farmacie????...una mia amica in un mese ha perso 3 kg

albertoxxx
 

Mi sento di dire che se fosse un test veramente "scientifico", lo farebbero anche negli ospedali, con ricetta medica.
E' evidente che c'è uno scopo di lucro con tutto quello che costa, pero' capisco che quando una persona sta male è disposta a spendere anche dei soldi.
Vedete voi come comportarvi, provate anche a leggere qualche libro sulle allergie/intolleranze, informatevi, che è sempre meglio prima di fare qualsiasi esame.

shopgirl
 

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da Aika
shopgirl,
quali bvenefìci hai avuto?
che intendi per "stare meglio"?
sei anche scesa di peso?
io sono sempre più convinta di farlo questo test..
Aika, riporto il tuo messaggio, ma rispondo sia a te che a Silvia.
I benefici più evidenti e a breve termine, come ho già detto, li ho avuti con la scomparsa di quei fortissimi mal di testa che mi rendevano, certe volte, impossibile anche andare al lavoro! E la consapevolezza che erano (e sono) proprio gli alimenti cui sono intollerante a provocarli l'ho raggiunta, confermata e consolidata proprio in quest'ultimo periodo nel quale, per problemi e stress vari che non vi sto a raccontare, ho inevitabilmente ricominciato a mangiare molti di quegli alimenti e ... Tac! Ecco lì che i mal di testa sono ricominciati e già un giorno, il mese scorso, ho dovuto stare a casa da tanto era forte il dolore!
Per il discorso dimagrimento, quello secondo me è un pò un mito da sfatare ... è ovvio che se a una persona vengono trovate tante intolleranze e quindi per un determinato periodo deve assolutamente evitare di mangiare quei determinati alimenti, si riducono i tipi di cibo da assumere ogni giorno e, di conseguenza, dovrebbe esserci un calo di peso. Però, se uno ha fame, va da sè che se non può mangiare un bel piatto di patatine fritte, magari si butta su qualcos'altro che può mangiare, ed ecco che non cala di peso.
Perlomeno, a me è successo così.
Diverso è il discorso gonfiore, perchè quello si che diminuisce eliminando le cause che infiammano l'intestino!
In ogni caso, essere intolleranti a determinati alimenti, non significa che bisognerà escluderli a vita, guai!
Io, per esempio, non è che da quasi 3 anni a questa parte non bevo più latte, altrimenti avrei già l'osteoporosi!
Si fanno dei periodi di disintossicazione del corpo, ai quali si alternano dei periodi nei quali si mangiano i cibi cui si è intolleranti, magari però senza strafare.
Comunque, oggi in farmacia vendono un test per le intolleranze e un altro per la celiachia; provate a chiere nella vostra farmacia di fiducia, perchè questi test costano 40 o 60€.
P.S.: Silvia, non so cosa sia lo Slimtest, ma non credo che siano la stessa cosa.

silvia60
 

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da shopgirl

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da Aika
shopgirl,
quali bvenefìci hai avuto?
che intendi per "stare meglio"?
sei anche scesa di peso?
io sono sempre più convinta di farlo questo test..
Aika, riporto il tuo messaggio, ma rispondo sia a te che a Silvia.
I benefici più evidenti e a breve termine, come ho già detto, li ho avuti con la scomparsa di quei fortissimi mal di testa che mi rendevano, certe volte, impossibile anche andare al lavoro! E la consapevolezza che erano (e sono) proprio gli alimenti cui sono intollerante a provocarli l'ho raggiunta, confermata e consolidata proprio in quest'ultimo periodo nel quale, per problemi e stress vari che non vi sto a raccontare, ho inevitabilmente ricominciato a mangiare molti di quegli alimenti e ... Tac! Ecco lì che i mal di testa sono ricominciati e già un giorno, il mese scorso, ho dovuto stare a casa da tanto era forte il dolore!
Per il discorso dimagrimento, quello secondo me è un pò un mito da sfatare ... è ovvio che se a una persona vengono trovate tante intolleranze e quindi per un determinato periodo deve assolutamente evitare di mangiare quei determinati alimenti, si riducono i tipi di cibo da assumere ogni giorno e, di conseguenza, dovrebbe esserci un calo di peso. Però, se uno ha fame, va da sè che se non può mangiare un bel piatto di patatine fritte, magari si butta su qualcos'altro che può mangiare, ed ecco che non cala di peso.
Perlomeno, a me è successo così.
Diverso è il discorso gonfiore, perchè quello si che diminuisce eliminando le cause che infiammano l'intestino!
In ogni caso, essere intolleranti a determinati alimenti, non significa che bisognerà escluderli a vita, guai!
Io, per esempio, non è che da quasi 3 anni a questa parte non bevo più latte, altrimenti avrei già l'osteoporosi!
Si fanno dei periodi di disintossicazione del corpo, ai quali si alternano dei periodi nei quali si mangiano i cibi cui si è intolleranti, magari però senza strafare.
Comunque, oggi in farmacia vendono un test per le intolleranze e un altro per la celiachia; provate a chiere nella vostra farmacia di fiducia, perchè questi test costano 40 o 60€.
P.S.: Silvia, non so cosa sia lo Slimtest, ma non credo che siano la stessa cosa.
grazie delle informazioni...infatti lo Slimtest lo eseguono in farmacia il costo varia dalle 70 alle 80€

shopgirl
 

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da silvia60
grazie delle informazioni...infatti lo Slimtest lo eseguono in farmacia il costo varia dalle 70 alle 80€
Figurati, di nulla!

Leggi altri commenti

Profilo del medico - Dr. Filippo Fassio

Dr. Filippo Fassio
Nome:
Filippo Fassio
Comune:
Firenze, Pistoia e Lucca
Professione:
Medico Chirurgo, Specialista in Allergologia ed Immunologia Clinica
Specializzazione:
Allergologia ed Immunologia Clinica, Dottore di Ricerca in Medicina Clinica e Sperimentale
Contatti/Profili social:
sito web facebook twitter linkedin
Domanda al medico
Dott. Fassio, ci dice chiaramente cosa sono le intolleranze alimentari? E cosa le causa?
Le intolleranze alimentari sono delle reazioni avverse correlate all’assunzione di uno o più specifici alimenti. Possono essere di diversi tipi e avere quindi cause differenti. Le più comuni sono le forme enzimatiche, causate dalla mancanza o dalla carenza di specifici enzimi nell’intestino che sono deputati alla digestione di specifiche sostanze; un esempio tipico è l’intolleranza al lattosio causata dalla carenza di enzima lattasi. Oppure possono essere di tipo farmacologico, quando delle sostanze biologicamente attive presenti nell’alimento causano sintomi al soggetto che le assume; in questo caso un esempio è la rinite o l’attacco d’asma nei soggetti intolleranti ai solfiti (che si trovano per esempio nel vino bianco o nello spumante). In altri casi ancora la causa dell’intolleranza non è nota.Leggi tutto
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 08:06 AM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2020, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X