Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Allergologia e Immunologia > vivere con dei chili in più
Segna Forum Come Letti

   

vivere con dei chili in più

caramella.di.luce
 

L'idea di questo post mi è venuta durante un'altra discussione a proposito di dimagrire-accettarsi-piacere.
Parlo per esperienza personale, diretta e indiretta, e trovo che ci sia un impiego eccessivo di energie finalizzato a dimagrire, piallare, gonfiare, scolpire, smussare parti del nostro corpo che non ci piacciono. Quello che più mi sconcerta è la sofferenza legata a questi tentativi di trasformazione.
Quando ero adolescente avevo un problema legato al sovrappeso (anche ora) e non essendo in grado di condurre una dieta, mi sono rivolta ad uno psicologo chiedendogli di risolvere il mio problema di comportamento alimentare. Lui non lo ha fatto e oggi capisco perchè. Il mio problema era di non accettare il mio fisico e quindi volerlo trasformare. Lui non ha lavorato su questo...ma mi ha portato capire (con il cuore, non con la testa) che io mi dovevo volere solo più bene, per quello che realmente ero e non per quanto fossi brava a portare avanti una dieta.
Io credo che ognuno di noi ha qualcosa di speciale, qualcosa che lo rende unico rispetto a tutti gli altri e sono queste le cose che davvero contano.

MIGLIOR COMMENTO
luna6
Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da candylight

Io credo che ognuno di noi ha qualcosa di speciale, qualcosa che lo rende unico rispetto a tutti gli altri e sono queste le cose che davvero contano.
questo è vero e credo che nessuno lo posso mettere in dubbio..

i discorsi prima pero'.. beh credo che siano giusti per chi non ha moltissimi kili di troppo..e non per chi davvero ha problemi di peso..
__________________
"Sempre ed inevitabilmente ognuno di noi sottovaluta il numero di individui stupidi in circolazione."
Leggi altri commenti
caramella.di.luce
 

Certo Luna!
Io parlo dell'aspetto emotivo della cosa, quello medico è fuori discussione!!!!
Credo che sia un dovere di sopravvivenza restare nell'ambito di un peso di sicurezza (=sovrappeso che non esponga a problemi organici, presenti e/o futuri).
Nel caso della paziente di cui parlavo, il dietologo a cui si era rivolta le aveva detto che avrebbe dovuto perdere almeno 50 Kg (arrivare quindi a 90 che non è certo un peso basso) per raggiungere una sicurezza (evitare così colpicazioni cardio-polmonari che sono le più rischiose quando si è obesi).

Avamposta
 

Beh,solo dal punto di vista emotivo io allora non mi sarei mai messa a dieta: nonostante i miei MOLTI kg in più (ripeto, fino a qualche mese fa ero 50kg sovrappeso ... ora SOLO 25kg ma sono già contenta) ho sempre avuto filarini, ragazzi e anche storie importanti. Nessuno mi ha mai preso in giro x il sovrappeso, probabilmente xchè sono sempre stata io a scherzarci x prima facendo della sana autoironia. Ho sempre avuto amici e non ho mai fatto fatica a farmi nuove amicizie. Mio marito poi mi ha sempre fatto sentire bella, desiderata e sexy , sia x le coccole che x il sesso quindi non avevo niente di cui lamentarmi.

Quindi in linea di massima concordo con voi, se non fosse x il fatto che se fossi dimagrita un po' prima mi sarei risparmiata (probabilmente) mesi di sofferenze: dolori alle articolazioni e alla schiena, mica da morirci, ma comunque doloretti fastidiosi e persistenti. Inoltre non ovulavo più e questo penso che non faccia x niente bene alla salute psicofisica di una donna. E poi, affrontare una gravidanza con tutti quei kg in + sarebbe stato abbastanza rischioso.
E poi c'è da dire che perdere 30 kg a 20 anni o perdere 30 kg a 33 anni non dà gli stessi risultati: la pelle, aimè, reagisce meno bene ad "una certa età" (anche se sono stata fin troppo fortunata x ora) e quindi, col senno di poi, io consiglierei a tutte di raggiungere dei livelli di peso, come dice Candy, di sicurezza (come sono adesso io) e cercare di non superarlo

E comunque è scontato che non bisogna dimagrire x gli altri, ma casomai bisogna farlo per noi stessi. Poi le motivazioni possono essere molteplici, la salute, l'amore ... ma secondo me è fondamentale capire che dimagrendo torniamo ad essere noi stesse, perchè io non mi sentivo la Emy ciccionissima che vedevo allo specchio, però lo ero diventata esteriormente. Adesso mi vedo già un po' meno grassa e dico "Ecco, sono quasi io"

 

..beate voi che nonostante siate sovrappreso i vostri maritini vi amano e non vi fanno sentire brutte, io se ho qualche chilo in più mi sento meno attraente, e devo sempre stare sui 50 kili per stare bene e sentirmi in forma e mettermi i blue jeans che amo tanto e per avere gli sguardi addosso. Forse perchè voi avete conosciuto i vostri uomini quando eravate giovani, ma che ne dite se ora vi doveste mettere "sul mercato" pensate davvero di essere valutate per quello che siete? ...Purtroppo la realtà non è così nobile d'animo come tutte noi!

ZENO
 

Io credo che l'aspetto conti molto....non faccio ipocrisia dicendo che conta ciò che c'è dentro.....dico che una bella persona dentro si completa con un buon aspetto esteriore.

Non sono mai stai in sovrappeso. 5 o 6 anni fà persavo 47 kg....ora ne peso 53.....non sono male (o almeno questo dicono gli altri!).....ma posso assicurarvi che non mi sono mai sentita né bella tantomeno attraente. E' vero, in tutti noi c'è qualcosa di speciale.....il problema arriva quando la stessa persona non riesce a capire quale sia la «sua cosa speciale».....e così succede a me.
Sono anni ed anni che mi tormento perché ho poco seno (mia sorella più piccola di me ha la 5° misura!).....perchè ogni cosa che metto mi fa qull'effetto mazza!
Se provo qualcosa di corto o di aderente mi sento tanto mignottona! ....(perdonatemi se sono tanto scurrile!)

MORALE: Non sono i kili in più o in meno a fare la nostra e la altrui felicità......è la stima!

 

..non vedo niente di male nel ricorrere alla chirurgia estetica voi che ne pensate?

rinascita
 

Sono d'accordo con Candy, il problema va risolto a livello soprattutto emotivo...
Anch'io sono in sovrappeso e fino a qualche anno fa ne facevo una malattia, sono andata dal dietologo e mi ha dato una dieta che io facevo a modo mio, così sono calata tantissimo, conclusione: al controllo mi ha detto che rischiavo l'anoressia nervosa che dovevo imparare ad alimentarmi correttamente, non facendo del cibo un rifugio ma imparando a gustarlo, ma per farlo dovevo imparare a gustare la mia vita così come essa è.
Certamente chi ha un sovrappeso che comporta anche problemi di salute ha il dovere di dimagrire seguito da un medico... ma credo che il detto "mente sana in corpo sano" sia utile a farci comprendere quanto il nostro aspetto, le nostre malattie, i nostri problemi coinvolgano in egual misura sia la mente che il corpo...

Dobbiamo prenderci cura di entrambi senza far diventare un assoluto nessuno dei due.

Poi credo che il fattore cibo richiami qualcosa che ha un legame (correggimi Candy se sbaglio) con la sopravvivenza, col nutrimento... si pensi al neonato che si nutre attraverso il corpo della madre, e quindi con una valenza relazionale.
Per quel che mi rigurada le mie diete e le mie abbuffate avevano a che fare con mie incapacità a relazionarmi in modo sano, incapacità di entrae in contatto con il mondo senza sentirmi una nullità... e l'alibi erano i chili, l'aspetto eccc... nonostante mi venissero spesso apprezzamenti dall'esterno.

Avamposta
 

Vebbè Zenina, ma sicuramente è più facile avere stima di sè quando si è in forma piuttosto che quando si ha addosso 50kg di troppo
Però, giustamente, diciamo la stessa cosa, ossia che la "non stima di sè" è un malessere generale: qui si sta parlando del fatto che chi è sovrappeso spesso si crea una serie di problematiche che poi sono sempre le stesse di chi non è in sovrappeso ma ha poche tette o il naso grosso o gli occhi piccoli ...
Tendiamo troppo spesso a sfuggire alla realtà rifugiandoci dietro ai nostri difetti ed usandoli come scusa per non relazionarci con gli altri o dando la colpa a questi difetti se gli altri non si relazionano con noi.
E invece è solo una questione di atteggiamento, perchè, come ho già detto, nonostante i miei molti kg di troppo io sono sempre stata abbastanza bene integrata.

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da laurettamia

..beate voi che nonostante siate sovrappreso i vostri maritini vi amano e non vi fanno sentire brutte, io se ho qualche chilo in più mi sento meno attraente, e devo sempre stare sui 50 kili per stare bene e sentirmi in forma e mettermi i blue jeans che amo tanto e per avere gli sguardi addosso.
Beh, ma da come lo descrivi pare che sia un problema tuo e non degli altri: sei tu che ti senti meno attraente e che non ti senti gli sguardi addosso se pesi un po' di +??

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da laurettamia

Forse perchè voi avete conosciuto i vostri uomini quando eravate giovani, ma che ne dite se ora vi doveste mettere "sul mercato" pensate davvero di essere valutate per quello che siete? ...Purtroppo la realtà non è così nobile d'animo come tutte noi!
Beh, puoi anche avere ragione, ma sinceramente non saperei che farmene di un uomo che sta con me solo se mi presento in un certo modo. Mio marito mi ha conosciuto a 25 anni (lui 30) ed ero oltre 100kg. Ora sono 33enne e sono ben sotto i 100kg. E comunque mi tratta come prima, nè meglio nè peggio.
Il fatto è che, secondo me, gli altri ci trattano nè più nè meno di come NOI ci trattiamo.

rinascita
 

gli altri ci trattano nè più nè meno di come NOI ci trattiamo.

sono d'accordissimo

 

fosse vero!

caramella.di.luce
 

Il fatto è che, secondo me, gli altri ci trattano nè più nè meno di come NOI ci trattiamo

Emy...mi fai venire i brividi!!
Quello che scrivi è verissimo!!!! Io dico che gli uomini badano all'estetica, molto più di quanto ammettano o si ammetta in genere ("l'importante è come sei fatta dentro"), ma alla fine se devono scegliere fra una strafiga oca e una cicciottella simpatica e intelliggente, scelgono la seconda...e credo per due motivi (che poi sono gli stessi per cui una donna sceglie un uomo bruttino invece di un palestrato-lampadato):
1)la strafiga ti dà che è strafiga....tutto il resto te lo sogni...o te lo devi guadagnare col sudore
2)la strafiga ti fa penare a livello relazionale, soprattutto quando è oca, la cicciottella simpatica ti fa stare anche bene in un rapporto, ride e scherza e fa cose per il suo uomo (le strafighe generalmente noion si concedono)
Scherzi a parte (e soprattutto psicologia da supermercato a parte), io credo che gli uomini preferiscano evitare le donne che si lamentano, poco importa se si tratta del naso storto, dei cuscinetti sui fianchi o delle orecchie a sventola!

A parte che ci sono uomini che preferiscono le donne grasse....avete letto bene (ci sno gruppi in cui siparla SOLO di questo)...ma in generale dei chili in più non dispiacciono!
Anch'io ho conosciuto il mio ragazzo quando pesavo 15 kg di più...e non ho dovuto penare per averlo, anzi, se proprio devo dirla tutta, lui mi ha scelta, preferendomi a donne più magre e non perchè lui avesse una particolare propensione per le cicce, ma perchè lui voleva stare con me, per come sono fatta, chili in più compresi...

Certo se uno si vuole mettere in vetrina è normale che vuole mostrare solo l'estetica, ma è anche vero che attira un certo tipo di persone, con un certo tipo di intenzioni...poi il discorso è articolato, dipende da tanti fattori che diventa difficile stabilire delle regole generali.

Quello che dici sul cibo, rinascita, è verissimo...innanzitutto rispetto al rapporto con i genitori (la maggior parte delle anoressiche ha problemi relazionali con la madre, proprio per "annullare" la capacità di soddisfare un bisogno primario del figlio, l'alimentazione appunto) e poi, rispetto agli altri, al mondo...in fondo i chili formano uno strato che ci isola e evita di esporci (vorrei fare questo, vorrei fare quello, se pesassi meno...) creando degli alibi che permettono di preservare tratti molto più difficli da modificare.
E' molto più facile giustificare la mancanza di un ragazzo, attribuendo ne la colpa a dei chili in più che alla nostra capacità di stabilire e gestire una relazione. Le persone che ho conosciutio per la mia professione (intendo quelle che avevano problemi alimentari), avevano grossi problemi relazionali e quello alimentare era il male minore fra tutto il resto.

P.S. Avete letto BRAVA A LETTO ? A dispetto del titolo,fa ridere e fa piangere, ma SOPRATTUTTO parla di tutto questo

rinascita
 

Chi è l'autore?

Condivido tutto di ciò che scrivi Candy, l'ho vissuto sulla mia pelle. Ed arrivarci dà un profondo senso di libertà, di benessere e di voglia di vivere...

Poi vorrei aggiungere che oltre alle strafighe oche ci sono anche le strafighe intelligenti e simpatiche... il punto non è a mio avviso trovare consolazione solo nel fatto che sono oche anche se strafighe ma guardare la realtà e dire che loro oltre che strafighe sono persone esattamente come noi e che ognuno è diverso ed ha pregi e difetti...l'importante è non vivere nella competizione... io ad esempio in passato evitavo tutte quelle che ritenevo più belle di me perchè mi sentivo inferiore e perdente eppure solo ora mi accorgo di aver perso un sacco di occasioni per stringere rapporti con gli altri, per conoscere persone nuove, non reggevo il confronto e mi chiudevo in me stessa evitavo di uscire, di aver cura di me... tanto ero un fenomeno da baraccone. Ma solo nella mia testa ho scoperto!
nel momento in cui ho deciso di far qualcosa per risolvere le mie difficoltà di relazione ed ho osato relazionarmi per come sono mi sono sentita più apprezzata e presa in considerazione, così è aumentata la mia autostima. Cosa che non si è verificata quando facevo la dieta e anch'io potevo dire di essere una strafiga, anche allora, con tutti i chili e le forme al punto giusto, mi sentivo inferiore e vivevo in funzione delle calorie, dell'aspetto esteriore... mah, ringrazio di avere ora le consapevolezze che ho con tutti i miei chili di troppo!

caramella.di.luce
 

L'autrice è Jennifer Weiner e se non sbaglio il romanzo è uscito nel 2002, ora è presente anche in forma economica, ti mando il link (puoi comprarlo anche on line)

http://www.internetbookshop.it/ser/s...=RNO6OXOZG7DCN

Per il resto sono d'accordo con quello che dici, Rinascita, gli altri si relazionano a noi per come noi facciamo con noi stessi! Scusa il gioco diparole, ma credo renda l'idea.
Se ti presenti aglia ltri come cicciona e parli solo della tua dieta e delle apranoie, perchè mai gli altri dovrebbero vedere qualcosa di diverso da questo in te?
I chili in più sonop uno degli aspetti estetici che connotano una persona...
Ti faccio sorridere: ho pensato a lungo che quando qualcuno doveva descrivermi utilizzava senza dubbio i miei chili in più per connotarmi...e invece una volta per caso ho scoperto che non era così!!! Credevo che la cosa che si notava di più di me fosse la ciccia...e invece erano altre cose...magari i capelli biondi (che tra l'altro ora non ho più!)....che ne so...
è che se io ni identifico con "chili in più" per il mondo io sarò, dal mio punto di vista, "Tina-chili-in-più"...
Complimenti, davvero e tanti, per la conosapevolezza a cui sei giunta!

rinascita
 

Grazie... lo voglio comprare!

Leggi altri commenti

Profilo del medico - Dr. Filippo Fassio

Dr. Filippo Fassio
Nome:
Filippo Fassio
Comune:
Firenze, Pistoia e Lucca
Professione:
Medico Chirurgo, Specialista in Allergologia ed Immunologia Clinica
Specializzazione:
Allergologia ed Immunologia Clinica, Dottore di Ricerca in Medicina Clinica e Sperimentale
Contatti/Profili social:
sito web facebook twitter linkedin
Domanda al medico
Dr. Fassio, come capire se si è celiaci?
Il medico potrà consigliare il percorso diagnostico più adeguato; in prima battuta, nel sospetto di celiachia, si possono eseguire degli esami ematici che tuttavia possono risultare alterati se il glutine è già stato escluso dalla dieta. E' importante quindi, anche nel sospetto di una celiachia, non escludere il glutine fino a quando la diagnosi non sia stata confermata. Leggi tutto
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 07:53 AM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2020, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X