Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Allergologia e Immunologia > Sto davvero male
Segna Forum Come Letti

   

Sto davvero male

88stellina88
 

Rieccomi ripiombata con tutte le scarpe nel tunnel..e bene,prendo pienamente coscienza del fatto che la mia volontà è cosa alquanto fallimentare e che da sola,probabilmente,non ce la farò mai.Da un dietologo non posso andarci..sarebbe una perdita di tempo perchè,come dice mia madre,ormai la dieta ce l'ho..è quella basta solo volerla seguire.Ieri è successa una cosa.Mi sono riempita talmente tanto..che ad un tratto mi è uscito tutto..e sapete una cosa?ho pensato..bè menomale..sarebbe bello se fosse così ogni volta..non mi sono mai provocata il vomito..e che davvero,non so che fare.Ho pensato di comprare erbe..nn so qualcosa che mi aiuti..almeno psicologicamente..ma non so nemmeno da dove iniziare.
mi vergogno tanto a scrivere queste cose mi vergogno di me stessa e della mia poca forza di volontà e costanza.Mi vergogno perchè mi sento grossa..ingombrante..piena di imperfezioni..cellulite..smagliature..maledette smagliature,mi creerebbero un grande disagio anche se fossi 20 kg in meno.Sto andando in palestra..ma mi sento sempre più grossa..forse lascerò anche stavolta..per l'ennesima volta..dopo il classico.."no stavolta è diverso,lo voglio davvero..ce la farò a perdere peso"..niente,punto e si ricomincia con la stessa fottutissima storia.Sono talmente stanca che ormai non provo neanche più piacere nel cibo..mangio e basta senza pensare,senza averne lo stimolo,senza apprezzare cio che mangio.E non ditemi..rivolgiti a qualcuno perchè non intendo farlo..sarebbe un ennesimo fallimento per me stessa.Grazie e scusate per lo sfogo

MIGLIOR COMMENTO
Dott. Alessandro Taroni
Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da 88stellina88

Rieccomi ripiombata con tutte le scarpe nel tunnel..e bene,prendo pienamente coscienza del fatto che la mia volontà è cosa alquanto fallimentare e che da sola,probabilmente,non ce la farò mai.Da un dietologo non posso andarci..sarebbe una perdita di tempo perchè,come dice mia madre,ormai la dieta ce l'ho..è quella basta solo volerla seguire.Ieri è successa una cosa.Mi sono riempita talmente tanto..che ad un tratto mi è uscito tutto..e sapete una cosa?ho pensato..bè menomale..sarebbe bello se fosse così ogni volta..non mi sono mai provocata il vomito..e che davvero,non so che fare.Ho pensato di comprare erbe..nn so qualcosa che mi aiuti..almeno psicologicamente..ma non so nemmeno da dove iniziare.
mi vergogno tanto a scrivere queste cose mi vergogno di me stessa e della mia poca forza di volontà e costanza.Mi vergogno perchè mi sento grossa..ingombrante..piena di imperfezioni..cellulite..smagliature..maledette smagliature,mi creerebbero un grande disagio anche se fossi 20 kg in meno.Sto andando in palestra..ma mi sento sempre più grossa..forse lascerò anche stavolta..per l'ennesima volta..dopo il classico.."no stavolta è diverso,lo voglio davvero..ce la farò a perdere peso"..niente,punto e si ricomincia con la stessa fottutissima storia.Sono talmente stanca che ormai non provo neanche più piacere nel cibo..mangio e basta senza pensare,senza averne lo stimolo,senza apprezzare cio che mangio.E non ditemi..rivolgiti a qualcuno perchè non intendo farlo..sarebbe un ennesimo fallimento per me stessa.Grazie e scusate per lo sfogo
Vivi da sola o stai con qualcuno?
__________________
Dott. Alessandro Taroni, Farmacista collaboratore, Ordine di Pordenone n° 499
La Farmacia virtuale - Blog

- Domande/dubbi sui contraccettivi ormonali? Leggi qui prima di chiedere sul Forum!
- Paranoie/complessi sui contraccettivi ormonali? Valuta di cambiare metodo contraccettivo!
Leggi altri commenti
chiara23
 

credi che ti posso capire più che bem
ne..e non son solo parole..se preferisci mandami una mail che ne parliamo..un forte abraccio,Chiara

hatethemirror
 

Beh, sbagli di grosso stellina.
Non mi piace dire ad una persona che sta sbagliando anche perchè sono fermamente convinta che se questa è la tua opinione - ovvero di non rivolgerti a chicchessia - debba essere rispettata.
Però qui sbagli. Sbagli perchè il *fallimento* si annullerebbe dal momento in cui *tu* prendi la posizione di rivolgerti a qualcuno. Guarda, non so se la mia esperienza possa esserti d'aiuto, ma io sono 6 anni che sono in terapia, da una psicologa e da una serie di psichiatri (sono sotto psicofarmaci da 2 anni). Non ne sono mai uscita dall'anoressia, nè dalla maledetta facoltà di vomitare *ogni tanto*. Però sono riuscita a capire la *causa* dei miei vari problemi (dca a parte) e, fidati, questo punto è il *fulcro* essenziale in vista di un'ipotetica "rinascita". Ho imparato a guardarmi dentro, ad avere uno sguardo molto più critico sulle mie azioni (un tempo quando digiunavo e/o vomitavo ero fermamente convinta che tutto ciò era *giusto*, ora invece lo so che sto sbagliando e sto letteralmente mandano a fan*** il mio corpo e che, presto, quest'ultimo mi presenterà il conto); insomma, tutti questi esempi solo per farti capire che l'essere in analisi, per dirla così, non corrispondere per forza di cose ad un effetto stile "bacchetta magica", tu non incominci la psicoterapia per *uscire* dal problema, è una cosa graduale come credo tu ben sappia, (se ne esci ancor meglio), ma serve solo per aprire la tua mente alla realtà, ad avere uno sguardo critico, insomma, ad infinite cose che non ti sto nemmeno ad elencare.

Ti prego, accetta il mio consiglio. Vedrai che ti farà bene. Vedila un po' come una lunga e meravigliosa chiaccherata che ha come oggetto principale, te stessa. Ti sembra poco?
Non ti senti meravigliosamente bene dopo che hai parlato per ore con un'amica di te, di cosa ami, di cosa odi, di cose ti affligge, di cosa no.. In America sono più avanti: chiunque, anche fin dalle piu giovani età, incomincia la psicoterapia, intesa quest'ultima come "semplice" (...) valvola di sfogo.
Fidati, e facci sapere.

Ti abbraccio,
A.

88stellina88
 

Avete ragione,cioè nn so che dirvi perchè io tutte queste cose gia lo so..ma nn c'è la reale voglia di fare qualcosa...cioè..c'è..ma nn sono costante..nn so che mi prende.Non,nn vivo da sola!E poi sono piccolina..ho 17 anni grazie a tutti,davvero
ps grazie chiara
pps anlisa,damia...((((((((((((((((((((( sto 1 sacco giu

Dott. Alessandro Taroni
 

Citazione:
Citazione: Messaggio inserito da 88stellina88

Non,nn vivo da sola!
Allora il mio primo consiglio sfuma miseramente. Speravo di poterti suggerire, molto semplicemente, di NON tenere in casa alimenti che potessero farti da "tentazione" negli istanti "bui" (col diabete era stata un'eccellente risorsa...) ma, considerato che, oltre a te, anche altri in casa devono pur mangiare.. come non detto.

88stellina88
 

se.....tentativo fallito si...poi io mi abbuffo o di dolci o di formaggi..bah..sarà questione triptofano..

chiara23
 

a volte il problema è che sfoghi sul cibo i tuoi problemi..poi ti vedi male..ed è un circolo vizioso senza fine..hai qualcuno,genitori o amiche al corrente del problema?

88stellina88
 

ma si ma per loro non è una cosa così grave...solo il fatto che io sono golosa..cioè..cacchio nn capiscono tutto quello che c'è dietro!

Damia
 

Tesoro...lo sai come la penso....
Non è importante cosa pensano loro...ma cosa provi tu.
Un abbraccio enorme.

chiara23
 

infatti.. ma se qualcuno che ti capisce ti sta vicino puoi avere sempre una spalla a cui appoggiarti..beh..noi qui ci siamo sempre..

xgeomax
 

ciao stellina!

Avendo avuto esperienze di questo tipo per contatti diretti con amici e parenti ho la piena solidarietà!

Secondo me la cosa importante che potresti fare è di pensare appunto come dici te a cosa c'è dietro questo tuo desiderio di piacere... che nel caso tuo è rappresentato dal piacere che provoca al palato il mangiare in generale! Il fatto è che il piacere è sempre, dico sempre collegato alla psiche e molte volte è un buon metodo che il nostro cervello usa come alternativa ad altre forme di piacere o ad altre forse sensitive... e tra queste l'affetto!!!!

E' per questo che forse dovresti analizzare con un terapeuta specializzato in questo campo il problema! Se hai problemi di soldi contatta i consultori o le asl che sono gratuiti: anche lì ci sono persone preparate per analizzare il TUO problema. Dico TUO perchè, per quanto i disturbi alimentari abbiano spesso cause comuni, ognuno ha la sua via preferenziale da seguire e la causa scatenante che può essere, anche se di poco, differente!

Detto questo devo evidenziare un fatto importante: il mondo di facciata in cui viviamo non dà una mano a chi è cicciottello/a! Parlo del mondo dei mass media che ci bombarda di figure che hanno l'unicissimo scopo... STAI ATTENTA... di fare PUBBLICITA' per VENDERE!!!

Per questo vediamo solo fisici scultorei sia al maschile che al femminile... e chi è anche mezzo centimentro fuori dalla norma può sentitirsi emarginato...

Ricorda però che come disse il piccolo principe: "L'ESSENZIALE E' INVISIBILE AGLI OCCHI"...

Capisco che per un'adolescente come te "l'essenziale" possa contare davvero poco!!.. però credici... e se non entrerai nel circuito vizioso dei modelli che i mass media ci propinano, capirai!!

Detto questo... ho letto che hai rigettato tutto dopo esserti ingolfata di mangiare. Una raccomandazione: se puoi cerca di evitare di sollecitare il vomito... perché se incominci trovi una valvola di sfogo che è SOLO TEMPORANEA... e che ti assicuro provoca conseguenze tutt'altro che positive al tuo organismo!!!! Mi raccomando se ti capita anche solo di pensarci... cerca di distrarti in una altro modo! e non vomitare... ESCI, FATTI UNA CAMMINATA, IMPEGNATI IN QUALSIASI COSA TI PIACCIA... BASTA PROVARE: LA BOTANICA, L'ARTE, IL DISEGNO, LE LINGUE... DISTOGLI IL TUO SGUARDO E I TUOI PENSIERI LA' DOVE CONTINUI A FISSARLO... NELLA CICCIA!!!

ciao!

hatethemirror
 

Anche io sono molto scostante.
A volte mi presento davanti la porta della mia psicologa poi faccio dietro front.
E' normale, è la paura di confrontarsi con se stessi. Spesso, se non quasi sempre, nelle sedute escono fuori cose davvero dolorose.. cose legate all'infanzia e tutte quelle cose che da piccoli ci traumatizzano ma nel mentre non abbiamo la facoltà di imagazzinarle nel giusto verso.

Spesso i problemi di disturbi alimentari sono legati a particolari situazioni vissute da piccoli, situazioni infantili.
Sono troppo indiscreta se ti chiedo di parlare un po' della tua infanzia, del rapporto con i tuoi genitori, ecc?
Non per farmi gli affari tuoi, ma focalizzare le radici ed il fulcro del disturbo è essenziale.

Un abbraccio,
A.

Anlisa
 

Piccolina mia! Leggo solo ora, mannaggia!!! Cucciola ora probabilmente sarai a scuola, quindi x quando leggerai: tu cosa ti senti di fare? Nn vuoi essere seguita? Però questo è un problema ke prima di essere risolto deve conoscerlo qualcuno! Perchè questo è, e le cose devono essere chiamate col loro nome, piccola questo è un PROBLEMA e da sola anche se tu avessi tutta la forza di volontà di questo mondo nn riusciresti a risorverlo. Ora nn so se nn vuoi d'impatto e nell'immedato consultare uno specialista, almeno rendine partecipe chi ti sta attorno, loro ti sapranno consigliare...Io credimi vorrei tanto darti il consiglio giusto, la soluzione, ma purtroppo nn so...


aspetto di sentirti poi quando torni da scuola piccola!

Valentina84
 

Goditi potere e bellezza della tua gioventù. Non ci pensare.
Il potere di bellezza e gioventù lo capirai solo una volta appassite.
Ma credimi tra vent'anni guarderai quelle tue vecchie foto.
E in un modo che non puoi immaginare adesso.
Quante possibilità avevi di fronte e che aspetto magnifico avevi!
Non preoccuparti del futuro.
Oppure preoccupati, ma sapendo che questo ti aiuta quanto masticare
un chewing-gum per risolvere un'equazione algebrica.
I veri problemi della vita saranno sicuramente cose che non t'erano mai passate per la mente.
Di quelle che ti pigliano di sorpresa alle quattro di un pigro martedì pomeriggio.
Fa' una cosa, ogni giorno che sei spaventato... canta.
Non esser crudele col cuore degli altri.
Non tollerare la gente che è crudele col tuo.
Lavati i denti. Non perder tempo con l'invidia.
A volte sei in testa. A volte resti indietro.
La corsa è lunga e alla fine è solo con te stesso.
Ricorda i complimenti che ricevi, scordati gli insulti.
Se ci riesci veramente dimmi come si fa.
Conserva tutte le vecchie lettere d'amore, butta i vecchi estratti conto.
Rilassati.
Non sentirti in colpa se non sai cosa vuoi fare della tua vita.
Le persone più interessanti che conosco, a ventidue anni non sapevano che fare
della loro vita. I quarantenni più interessanti che conosco ancora non lo sanno.
Prendi molto calcio.
Sii gentile con le tue ginocchia, quando saranno partite ti mancheranno.
Forse ti sposerai o forse no.
Forse avrai figli o forse no.
Forse divorzierai a quarant'anni.
Forse ballerai con lei al settantacinquesimo anniversario di matrimonio.
Comunque vada, non congratularti troppo con te stesso, ma non rimproverarti neanche.
Le tue scelte sono scommesse. Come quelle di chiunque altro.
Goditi il tuo corpo. Usalo in tutti i modi che puoi.
Senza paura e senza temere quel che pensa la gente.
E' il più grande strumento che potrai mai avere.
Balla. Anche se il solo posto che hai per farlo è il tuo soggiorno.
Leggi le istruzioni, anche se poi non le seguirai.
Non leggere le riviste di bellezza. Ti faranno solo sentire orrendo.
Cerca di conoscere i tuoi genitori. Non puoi sapere quando se ne andranno per sempre.
Tratta bene i tuoi fratelli. Sono il migliore legame con il passato e quelli che più probabilmente avranno cura di te in futuro.
Renditi conto che gli amici vanno e vengono. Ma alcuni, i più preziosi, rimarranno.
Datti da fare per colmare le distanze geografiche e di stili di vita,
perchè più diventi vecchio, più hai bisogno delle persone che conoscevi da giovane.
Vivi a New York per un po', ma lasciala prima che ti indurisca.
Vivi anche in California per un po', ma lasciala prima che ti rammollisca.
Non fare pasticci coi capelli, se no quando avrai quarant'anni sembreranno di un 85nne.
Sii cauto nell'accettare consigli, ma sii paziente con chi li dispensa.
I consigli sono una forma di nostalgia.
Dispensarli è un modo di ripescare il passato dal dimenticatoio, ripulirlo,
passare la vernice sulle parti più brutte e riciclarlo per più di quel che valga.
Ma accetta il consiglio... per questa volta.

Leggi altri commenti

Profilo del medico - Dr. Filippo Fassio

Dr. Filippo Fassio
Nome:
Filippo Fassio
Comune:
Firenze, Pistoia e Lucca
Professione:
Medico Chirurgo, Specialista in Allergologia ed Immunologia Clinica
Specializzazione:
Allergologia ed Immunologia Clinica, Dottore di Ricerca in Medicina Clinica e Sperimentale
Contatti/Profili social:
sito web facebook twitter linkedin
Domanda al medico
Dr. Fassio, quale allergia provoca la tosse?
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 22:46 PM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2020, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X