Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Ginecologia e ostetricia > prima visita ginecologica?
Segna Forum Come Letti

   

prima visita ginecologica?

Tiz_94
 

Salve a tutti, sono una ragazza di 19 anni da poco compiuti, volevo chiedere un parere e un consiglio sulla visita ginecologica, scusate se le domande possono sembrare stupide ma é solo per un chiarimento..volevo sapere come viene svolta una visita ginecologica e sopratutto quando é consentito farla se prima o dopo aver avuto il primo rapporto sessuale? Io non ho ancora fatto una visita ginecologica...mi spaventa un Po perche non so se fa male..e penso che proverei tanta vergogna (il che penso sia normale) se ce qualcuno che mi sa spiegare bene, scusate l ignoranza per le domande, grazie un saluto

MIGLIOR COMMENTO
Bimba88
Allora..innanzitutto il ginecologo o la ginecologa ti faranno alcune domande per conoscere le tue abitudini, compreso se hai avuto rapporti sessuali.
Dopodichè, se ne hai avuti, ti farà stendere sul lettino e procederà alla visita esterna e interna per controllare che tutto sia a posto. Nel caso in cui tu sia vergine però, ovviamente la visita interna non avverrà.
Se la visita ha lo scopo di prescrivere la pillola, ti darà degli esami del sangue da fare. Può darsi anche che ti faccia un pap test (sarebbe un prelievo di un campione di muco per controllare lo stato della flora batterica ecc ecc).
__________________
Solo io e te
Leggi altri commenti
amantea
 

aggiungo che Se il tuo imene lo consente ti fanno anche la visita interna, a me la fecero, infatti esistono anche gli specula per donne vergini. Male non fa tranquilla, a meno che tu non sia irritata ma al momento della visita puoi esporre le tue paure alla gine che sara molto cauta. Se sei in imbarazzo scegli una donna, non preoccuparti, io sono.molto.timida ma poi penso che uscita di Li non si ricorderà più niente e comunque è il suo.lavoro quindi c'è abituata tranquilla

lallertt
 

ho 16 anni e farò la prima visita ginecologica a breve, ho scelto un ginecologo privato e ho rapporti da quasi 1 anno, oggi dovrebbe essere l ultimo giorno di ciclo, ma il medico mi visiterà lo stesso? poi volevo sapere se per prescrivermi la pillola mi deve fare obbligatoriamente le analisi del sangue

shirshasana
 

si, può visitarti comunque.
per quanto riguarda la pillola, se è scrupoloso ti deve fare gli esami del sangue perché la pillola può essere controindicata in alcune situazioni.

Leggi altri commenti

Profilo del medico - Dr.ssa Rosa Alba Portuesi

Dr.ssa Rosa Alba Portuesi
Nome:
Rosa Alba Portuesi
Azienda:
Centro Medico Sempione, Milano
Professione:
Ginecologa
Specializzazione:
Ginecologia e Ostetricia
Contatti/Profili social:
sito web facebook
Domanda al medico
Dr.ssa Portuesi, cosa succede se durante la colposcopia o la biopsia il medico si accorge che una lesione al collo dell’utero è ad alto rischio?
A quel punto è possibile sottoporre la paziente ad una semplice e poco invasiva procedura ambulatoriale, effettuata in anestesia locale, con cui si va a rimuovere quel pezzettino del collo dell'utero in cui ha sede la lesione.

Naturalmente sta al ginecologo valutare l'opportunità o meno dell'intervento, anche in relazione ad alcuni fattori. In generale, si tende ad essere molto più conservativi nelle pazienti sotto ai 30 anni, perché il sistema immunitario potrebbe offrire più chance di una remissione spontanea della lesione, e in quelle che non hanno ancora avuto gravidanze, perché la procedura di rimozione della lesione non è completamente esente da rischi, come ad esempio quello di parto pretermine.

Da questo punto di vista, tuttavia, le più recenti evidenze sono tranquillizzanti: se ad asportare la lesione localizzata nel collo dell'utero è uno specialista con esperienza, in grado di adottare tutti gli accorgimenti del caso, il rischio di parto pretermine è sovrapponibile a quello della popolazione generale. Merito dell’abilità del chirurgo, ma anche della capacità del collo dell'utero di riprendere la sua funzionalità nei sei mesi successivi del 80%.

Infine, nel caso di lesioni gravi, che sono comunque molto rare e più frequenti nelle donne che non hanno mai eseguito esami di controllo, l’iter terapeutico sarà più complesso.

Ma il nostro obiettivo è non arrivare a questo punto, giusto? Ecco perché non dobbiamo sprecare la possibilità che la medicina oggi ci offre, cioè quella di aderire a uno screening davvero capace di renderci la vita più rosa. Leggi tutto
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 02:41 AM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2020, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X