Connect With Us

Facebook Twitter Google Pinterest YouTube
Home > Salute: consigli del medico, esperienze dei pazienti > Ginecologia e ostetricia > Polipo cervicale in gravidanza e progesterone
Segna Forum Come Letti

   

Polipo cervicale in gravidanza e progesterone

Dreamerlilly
 

Ciao a tutti,
Sono all'8 settimana di gravidanza e lunedi, durante la visita dal ginecologo è stato riscontrato un polipo cervicale che mi ha dato qualche perdita di sangue proprio il giorno prima della visita. L'ecografia è risultata perfetta, sia cresciuta dell'embrione che presenza di battito, oltre che assenza di possibili distacchi o ematomi quindi secondo il mio medico le perdite sono proprio riconducibili al polipo ( che consiglia di non rimuovere per la gravidanza in atto ed evitare possibili infezioni). Mi ha quindi sostituito gli ovuli di progeffick che già prendevo con punture di lentogest 2 volte a settimana.
Continuo ad avere piccole perdite, per lo più rosate asciugandomi dopo la pipì e solo stamattina erano color caffellatte è un po' più dense. Stasera comunque richiamo il ginecologo e mi dice che per precauzione è meglio integrare il lentogest nuovamente con gli ovuli di progeffick e che, pur essendoci il polipo e secondo lui le perdite sono riconducibili a quello, è meglio trattare la cosa come minaccia di aborto. Le perdite non sono abbondanti ma presenti comunque con alti e bassi durante la giornata ed è una condizione che mi genera comunque stress. Quello che mi chiedo è: queste perdite cesseranno con l'aumento del progesterone o sono destinata a conviverci?? C'è qualcuna che ha la mia stessa situazione? Cosa mi consigliate? Cerco di stare tranquilla, a riposo e non stressarmi ma trovare qualche traccia di sangue mi mette comunque agitazione. Grazie a chi mi risponderà e scusate se mi sono dilungata

MIGLIOR COMMENTO
Minerva75
Ciao.
Prima di tutto,tanti auguri per la cicogna.
Il polipo potrebbe ingrandirsi e sanguinare per effetto degli ormoni.
Là dove di trovare non dovrebbe causare alcun problema al piccolo,ma,in termini di ansie, a te sì .
Cerca di stare serena.
Potresti essere costretta a conviverci.
L'unico consiglio che mi sento di darti è che,chiaramente,se si verificano episodi di sanguinamento diversi rispetto alla norma,chiama il ginecologo o recati al ps.
__________________
Le mani che aiutano sono più sante delle labbra che pregano (R.G.Ingersoll)

Ricordo a tutti gli utenti e ai nuovi iscritti,prima di aprire una nuova discussione,di utilizzare la funzione "CERCA"
e di attenersi al Regolamento generale del Forum e di Sezione
Leggi altri commenti
Dreamerlilly
 

Ciao Minerva,
Grazie per gli auguri e per la risposta.
La situazione va molto a momenti e cerco quindi di vivermi la giornata così come si presenta, oggi per esempio le perdite sono state scarse o quasi nulle, solo in serata una piccola macchia marroncina poi sembra poco. Una cosa sola mi chiedo, di norma il polipo non credo si formi da un giorno all'altro ma credo abbia un'evoluzione più lunga, io ho scoperto la sua presenza al secondo mese di gravidanza, proprio per Delle piccole perdite. Queste infatti si sono presentate esattamente dopo due mesi dall'ultimo ciclo. Ora visto che da quando ho scoperto di essere incinta non ho avuto perdite di sangue se non quelle classiche da impianto, è possibile che questo sanguinamento sia stato dovuto anche all'entrata del nuovo mese? È giusto una mia curiosità, comunque mi sforzo di essere calma e prendere tutto come viene, oggi sono stata più serena ed è andata meglio... Il fatto di non avere perdite diverse dal solito e dolori mi rassicura ma cerco comunque di non affaticarmi e stressarmi. Grazie e buona serata

Leggi altri commenti

Profilo del medico - Dr.ssa Rosa Alba Portuesi

Dr.ssa Rosa Alba Portuesi
Nome:
Rosa Alba Portuesi
Azienda:
Centro Medico Sempione, Milano
Professione:
Ginecologa
Specializzazione:
Ginecologia e Ostetricia
Contatti/Profili social:
sito web facebook
Domanda al medico
Dr.ssa Portuesi, se il Pap test o l'HPV test sono positivi, significa che c'è un tumore al collo dell'utero in corso?
Fortunatamente no! Ma capisco i timori delle donne che, trovandosi davanti a un referto pieno di sigle e numeri per loro incomprensibili, possono allarmarsi. Sta a noi medici spiegare sempre bene di cosa si tratta e precorrere le possibili domande delle pazienti.

Questi strumenti di screening ci permettono di dire se ci sono delle alterazioni che possono predisporre la persona ad avere un rischio aumentato di tumore al collo dell'utero. Ma, ancor più importante, ci permettono di intervenire per tempo per evitare che questo rischio, nel tempo, si concretizzi in una diagnosi di tumore.

In linea generale il rischio di sviluppare una malattia oncologica a seguito di un'alterazione di basso grado è molto basso, perché il nostro sistema immunitario, da solo, è in grado di riparare le cellule alterate. Avere invece un'alterazione di alto grado significa avere un rischio di ammalarsi di tumore negli anni a seguire del 20-30%.

Oggi possiamo permetterci il lusso di non correre questo rischio con una serie di indagini di approfondimento, come la colposcopia e la biopsia, ed eventualmente con la rimozione chirurgica della zona identificata come sede di una lesione ad alto rischio oncogeno. Leggi tutto
   
Strumenti Discussione



Adesso sono le 15:47 PM.




Powered by vBulletin® Version 3.8.7
Copyright ©2000 - 2020, vBulletin Solutions, Inc.
Content Relevant URLs by vBSEO 3.6.0 PL2

Per offrirti il miglior servizio questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Maggiori informazioni qui.

X